Napoli
4
Lazio
0
fine
(3-0)
MIN Wild
4
TB Lightning
2
fine
(2-1 : 0-1 : 2-0)
quando-trovo-te-lo-zio-renga-torna-al-festival
Francesco Renga (foto: Toni Thorimbert)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
4 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
5 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
6 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
7 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
7 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
8 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
9 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
12 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
12 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
13 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
14 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
14 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
2 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
3 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
3 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
3 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Aspettando Sanremo
17.02.2021 - 22:050
Aggiornamento : 23:56

'Quando trovo te', lo zio Renga torna al Festival

'Nel 1991 avevo più o meno l’età che hanno ora i ragazzi in gara con me all'Ariston'. Brescia, la vita, le piccole cose e una canzone per ricominciare.

La sua ‘Angelo’, durante il primo lockdown, accompagnò le immagini della sua città deserta, in un video reso virale anche dal suo sindaco. Un filo rosso (anzi blu, nel rispetto dei colori del gonfalone) lega quella canzone – Sanremo 2005, prima classificata – a quella città – Brescia – a questo Sanremo, dove Francesco Renga porta un altro capitolo sull’importanza delle piccole cose intitolato ‘Quando trovo te’, l’oblìo salvifico, il ricordo felice che ognuno tiene nascosto, per volere o per difesa, che torna per renderci migliori. «È lo sguardo dei miei figli, il profumo del mangiare che arriva dalla cucina, l’abbraccio di una compagna o di un amico, momenti intimi tenuti stretti per non svilirli nella quotidianità sbagliata, quella di ogni giorno». Nella quotidianità Zoom alla quale il Festival alle porte ci ha abituato e ci abituerà, Francesco Renga parla del suo Sanremo come «simbolo di ripartenza, primo momento dopo mesi e mesi di nulla, per me ma anche per gli altri addetti ai lavori, tecnici, musicisti, backliner». Perché «la macchina di Sanremo fa lavorare centinaia di persone che non avrebbero lavorato nemmeno questa volta».

‘I bresciani li vedranno in ginocchio soltanto per raccogliere i funghi’

Partiamo da Brescia, e da ‘Angelo’. «Quella cosa fu meravigliosa. Cercavo il modo di sollevare gli umori di una città che non era in ginocchio, perché i bresciani li vedranno in ginocchio soltanto per raccogliere i funghi, ma era una città spaventata, che di colpo si è riscoperta comunità molto legata. Ricordo in quel periodo il vicino di casa che veniva a chiederti se volevi del pane, che ti parlava del negoziante disposto a portarti a casa la carne. Si era riscoperto quel senso di comunità che in una città operosa, laboriosa e frenetica come Brescia non è proprio radicato nell’indole di chi la abita. Ma in quel momento, quello spirito è venuto fuori. Il poter sottolineare questa cosa attraverso la canzone è stato motivo di orgoglio, oltre lo scoprire come le parole su quelle immagini, di colpo, avevano assunto un significato molto diverso, profondo e salvifico per la città». Oggi, alla luce degli ultimi dati che danno Brescia nuovamente in sofferenza, il ricordo salvifico è a suo modo anche nel brano in gara, perché ‘Quando trovo te’ può avere anche un destinatario collettivo: «C’è una città precisa che viene raccontata nella canzone, che viene nominata, più che raccontata. Ciò che mi ha salvato e mi salverà, e salverà ognuno di noi, è il ricordo della felicità, il ricordo delle piccole cose, della quotidianità che non dobbiamo più rischiare di obnubilare, perdere, dimenticare. Quando parlo di quotidianità parlo di affetti, di amori, di amicizie, di tutti quei sentimenti che legano ognuno di noi al prossimo».

Siamo stati Giovani

Sanremo 2021 è il nono Festival per Renga, otto da solo e uno dentro i Timoria de ‘L’uomo che ride’, Premio della critica, niente meno che trent’anni fa: «Avevo 22 anni, più o meno l’età che hanno ora i ragazzi che saliranno come me su quel palco. Nella possibilità di giocarmela sul loro terreno, nell’essere rimasto collegato alla realtà musicale nonostante la mia veneranda età, ci vedo un motivo d’orgoglio. Con la differenza che la prima volta io ero nelle Nuove proposte e loro, giovani come lo ero io, oggi sono nei Big, segno del cambio di passo che ha voluto fare Sanremo negli anni».

Nel giudizio «totalmente positivo» di un «cast agguerrito e molto forte», una manifestazione che mette nella massima categoria «tutto il panorama artistico musicale contemporaneo», un roster di artisti «saldamente legato al momento» e del quale lui si sente un po’ «lo zio», dopo avere ammesso di avere chiesto lumi ai suoi figli su chi fosse tizio e chi caio, arriva l’aneddoto dal casting fotografico per la copertina di Sorrisi e Canzoni Tv, must dell’aspettando il Festival: «I miei colleghi più giovani mi hanno chiesto cose tipo “Ma a teatro vedi la gente o hai i fari in faccia?”, cosa che senza pubblico è superata, anche se il pubblico ti dà il feedback immediato di quello che fai. Sempre in un contesto, l’Ariston, che è anomalia a sé, che non è esattamente il concerto». Il consiglio: «Ho detto loro di non perdere la luce, il fuoco molto potente che hanno dentro. Ma soprattutto, di fare quello che ho sempre tentato di fare io e che continuo a fare, e cioè alimentare la scheggia di follia e d’incoscienza che porta ognuno di noi a confrontarsi su quel palcoscenico, da vivere in maniera giocosa, divertita, divertendosi, divertendo, perché il rischio è quello di vivere la settimana avulsa dal tempo reale». A proposito di tempo reale: «Il Festival ti catapulta in una settimana sanremocentrica in cui tra bagni di folla, camminate tra l’hotel e le radio, cene pantagrueliche e feste, si rischia di dimenticare cosa accade nel mondo reale. Tutto questo mancherà quest’anno. Per questo mi sono portato dei libri, credo che leggerò molto…».

Col rischio di essere banale

A testimonianza che nella vita facciamo più o meno tutti (o quasi) le stesse cose, c'è stato un tempo in cui Francesco Renga ha visto Sanremo davanti alla tv: «Anna Oxa che sale sul palcoscenico vestita da uomo e canta una canzone che ancora oggi reputo una delle più grandi canzoni che il pop italiano abbia prodotto, ‘Un’emozione da poco’. È il mio primo ricordo, forse ancora in bianco e nero. E poi mi ricordo ogni Sanremo, il rito di ascoltare le canzoni, il momento in cui la famiglia si riuniva e noi bambini eravamo tenuti in considerazione». Il suo Sanremo, invece. Anzi, i suoi Sanremi: «Il primo, coi Timoria, il più entusiasmante di tutti, l'incoscienza che ci aveva portato lì, la voglia di rivoluzione, di cambiare il mondo, di farci sentire». E poi «il Sanremo 2000 di ‘Raccontami’, il primo da solista, quello difficile di ‘Tracce di te’ in cui portavo le tematiche che hanno segnato la perdita di mia madre. ‘Angelo’ nel 2005, bello per la vittoria ma anche perché fu l'anno del passaggio da figlio a genitore. E poi questo ultimo, che si spera irripetibile». Nel senso di «speranza che sia la prima e ultima volta che faremo un Festival in questo modo». Il Festival della ripartenza, il Festival di ‘Quando trovo te’, «canzone di speranza che dedico a tutti, e anche me. Perché, a costo di essere banale come la Miss e la pace nel mondo, ne abbiamo tutti tanto bisogno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved