NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
arisa-il-tempo-e-troppo-poco-per-non-essere-felici
«Quando ho visto per la prima volta Chris Martin dei Coldplay mi sono detta: 'È l’uomo che voglio sposare' (foto: Bogdan Plakov)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
4 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
6 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
7 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
7 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
8 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
9 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
9 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
12 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
13 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
14 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
14 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
15 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
2 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Aspettando Sanremo
16.02.2021 - 17:420

Arisa: 'Il tempo è troppo poco per non essere felici'

In gara al Festival con ‘Potevi fare di più’, brano sugli amori tossici scritto per lei da Gigi D'Alessio: ‘Giusto fare Sanremo, per i lavoratori dello spettacolo'

Dal divano di casa, davanti a un discreto plotone di giornalisti musicali resi quadratini da Zoom, il Festival di Sanremo si è presentato sottoforma di Arisa, protagonista di uno dei riti di Sanremo, la presentazione della canzone in gara. Canzone che, nel caso della due volte vincitrice di Festival – nei Giovani e nei Big, in anni diversi – è ‘Potevi fare di più’. A scrivere è Gigi D’Alessio, che per lei ha confezionato una cosa non troppo soul: «Vengo da Pignola (Potenza, Basilicata - ndr), mica posso mettermi a fare la cantante nera!», scherza Rosalba a chi le chiede i contenuti sonori del pezzo. E a chi le chiede perché D’Alessio, Rosalba risponde: «È un maestro, ha girato il mondo, è persona sensibile e poi mi voglio avvicinare alla mia terra. Visto che non posso cantare in lucano, che cambia accento da una contrada all’altra, canto il sud attraverso uno stampo napoletano, molto vicino alla mia famiglia». La verità è anche che D’Alessio le ha scritto un brano sugli amori tossici che pare cucito su misura: «Gli amori tossici possono accadere anche più volte nella vita. Anzi, può essere che ce li andiamo a cercare tutta la vita», commenta la cantante, che dice di esorcizzare i capitolo della sua esistenza attraverso le canzoni: «Quando sarò una nonnina, racconterò la mia vita ai miei nipoti cantando». Di napoletano in napoletano, Arisa – che durante il lockdown ha scritto canzoni in napoletano – dichiara di avere preso in considerazione ‘’O scarrafone’ di Pino Daniele per la serata del giovedì, quella dei duetti, su grandi classici del canzoniere italico. «Ma poi ne ho scelta una molto più bella». Malgrado l’embargo Rai su cosa accadrà quella sera – quasi svela il nome dell’ospite – tutti hanno capito che Arisa canterà Pino Daniele.

Microfono aperto

La domanda di rito: perché Sanremo? «Perché quando una cosa ti dà tanto, devi restituire. Noi siamo intrattenitori e io vado a fare il mio lavoro». Con altrettanto pragmatismo e onestà intellettuale, a chi le chiede che gran casino sarà il Festival tra i 150 tamponi al giorno, i baci proibiti e le interviste a distanza, l’artista risponde: «Siamo persone privilegiate e non abbiamo le difficoltà di chi si alza tutte le mattine per andare a lavorare. Quello che ci viene chiesto a Sanremo è di avere cautela, e non è la fine del mondo». Sanremo che «si deve fare, non si può fermare tutto. Parliamo tanto dei lavoratori dello spettacolo, del venire loro incontro: questa può essere occasione per rimettersi ‘in bolla’. Tirarsi indietro sarebbe stato un errore».

Arisa ama «la musica in tutte le sue forme», duetterebbe volentieri «con Stevie Wonder»; quando vide per la prima volta Chris Martin dei Coldplay disse «è l’uomo che voglio sposare», è contenta di ‘Amici’ (noi che la stimiamo tanto, molto meno), si sente fortunata («Non avessi fatto questo lavoro, non avrei suonato a Tokio, a New York, e tutte la altre cose meravigliose che ho fatto e quelle che verranno»). Tiene tanto alla tradizione melodica italiana («Noi italiani vogliamo sempre assomigliare all’America, ma abbiamo ancora tanto da dire e da dare») e le manca terribilmente il contatto con il pubblico: «Dopo il concerto alla Casa del jazz di Roma non ho potuto salutare le persone se non dalla finestra. Mi sono sentita il Papa». Senza riferimenti religiosi, «il fatto che la vita ti metta nelle condizioni che la tua voce venga ascoltata è un grandissimo privilegio. Io canterei ovunque, e l’ho sempre fatto, dal primo anno della mia carriera non mi sono mai tirata indietro. La gente è gente ovunque. Non vedo l’ora che si riparta, nel frattempo faccio quello che c’è. Anche perché a fare tutto il resto sono un disastro».

Uomini e donne

Crede nella bontà delle donne, Arisa, «in quanto madri anche se non partoriscono», le donne «che spesso fanno di tutto per complicarsi la vita», ma anche le donne che resistono all’ambiente discografico «che ai suoi vertici ha tanti uomini ed è molto difficile riuscire a uscirne fuori, soprattutto quando gli anni passano e ti fanno notare che prima eri una cosa e adesso sei un’altra» (dopo Warner e Sugar, Arisa è ufficialmente, finalmente, un’indipendente). Rispetta l'immagine – «‘Sincerità’ non avrebbe avuto il riscontro che ha avuto se non mi fossi presentata in occhialoni e calze bianche di filanca, è sempre importante vestire la canzone» – e a questo proposito si sente un po’ Bowie: «In un documentario disse che se si trovava con una persona con un determinato accento, dopo un po’ prendeva quell’accento, e se un tizio aveva i capelli lunghi, lui si faceva i capelli lunghi». Meccanismo che a noi, più che Bowie, ricorda Leonard Zelig.

Dopo un’oretta di vero buon umore e una buona, buonissima dose di saggezza da music business, la domanda che non è di rito, ma che lo diventerà per tutti: cosa ti mancherà di Sanremo? «La calca per la strada e il pubblico, che ti fa capire se stai facendo bene o male. Quando canto, io guardo le persone negli occhi. È dai loro occhi che capisco se le sto rendendo felici o meno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved