tutti-al-ghost-festival-che-non-esiste-e-invece-si
Ghost Festival, il 27 e 28 febbraio 2021 (www.ghost-festival.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 min

È morto Meat Loaf

Il rocker americano, autore di successi come ‘I’d do anything for Love’ si è spento a 74 anni
Animali
31 min

Ora è chiaro come le balenottere mangiano senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
4 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri di abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
8 ore

Addio a Elza Soares, cantante brasiliana del millennio

Così la definì la Bbc nel 1999. Per il Rolling Stone, fu tra le cento più grandi voci della storia della musica brasiliana.
Festival di Sanremo
12 ore

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
13 ore

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
14 ore

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
16 ore

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
17 ore

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
21 ore

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
1 gior

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Culture
1 gior

Usi, una storia lunga tre secoli

Intervista a Pietro Montorfani, autore con Mauro Baranzini di un libro sulla storia dell’Università della Svizzera italiana
Teatro Sociale
1 gior

‘Volar cantando’, Rossana Taddei alle radici del suo folklore

Sabato 22 gennaio il nuovo spettacolo, celebrazione dei 15 anni di sodalizio con Gustavo Etchenique e momento di riscoperta di nuovi classici
Spettacoli
1 gior

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”
Spettacoli
1 gior

Sfogliando ‘Se questo è un uomo’ a teatro

Magnifica prova di Valter Malosti, martedì scorso al Lac, nel portare in scena il testo di Primo Levi
Spettacoli
1 gior

L’attore francese Gaspard Ulliel è morto in un incidente di sci

Aveva 37 anni. Noto per aver interpretato Yves Saint Laurent e lo psichiatra cannibale di ‘ Hannibal Lecter - Le origini del male’ e
Società
1 gior

Addio a André Leon Talley, gigante nero della moda

A lungo direttore creativo di ‘Vogue’, Leon Talley aveva 73 anni. Suo il servizio che reinterpretava Via col vento con Naomi Campbell
Conservatorio
1 gior

Scuola di Musica del Csi, Concerto di Gala è in presenza

Nell’Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana venerdì 28 gennaio alle 19, anche in streaming
Culture
1 gior

Eventi letterari, Premio Filippini alla casa editrice Diogenes

Nel suo settantesimo anniversario, l’editore zurighese indipendente riceverà il riconoscimento intitolato a Enrico Filippini
Società
1 gior

Addio a André Leon Talley, ‘gigante nero’ della moda

A lungo direttore creativo di Vogue, aveva avuto un ruolo chiave nell’aprire il mondo della moda a stilisti e modelle di colore
Cinema
1 gior

Festival ticinese del film non commerciale, concorso aperto

In attesa del 27 marzo, data del festival, il termine per l’invio dei filmati è martedì primo febbraio. La partecipazione è gratuita
Solidarietà
 
11.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 06:52

Tutti al Ghost Festival! Che non esiste. E invece sì.

Il 27 e 28 febbraio 2021 ‘il più grande festival musicale svizzero di sempre’. Nessuno suonerà una nota, ma si possono acquistare i biglietti e salvare la musica

Marina Abramovic ne andrebbe fiera. In questo particolare momento storico, il Ghost Festival è – concettualmente – più di un open air, più di un concertone in Piazza Grande, più di una diretta streaming. È una performance artistica, una di quelle cose un po’ strambe (quelle di Yoko Ono sono particolarmente strambe) ma valle solo a pensare. Il Ghost Festival mette in primo piano non lo spettacolo in sé, bensì l’essenza stessa del fare musica, qualcosa che è, in parte – per chi si muove al di fuori del raggio di luce dei riflettori – anche uno dei momenti più belli di questa professione, e cioè il ‘prima’, l’attesa, tutto quel che precede il salire sul palco, e cioè la costruzione della macchina dello spettacolo, dunque non solo l’artista, ma anche l’ideatore, l’impresario, il manager, il tecnico, il grafico, il comunicatore. Perché prima del ‘chi è di scena?’, prima della musica suonata e della standing ovation finale (e anche prima dei fischi, che sono parte della vicenda artistica e che tutti, oggi, sarebbero disposti a prendersi pur di lavorare) c’è – citiamo dalla musica leggera dei migliori Matia Bazar, quelli belli degli esordi – “tutto un mondo intorno”.

Il Ghost Festival è – recita il comunicato stampa – “il più grande festival musicale svizzero di sempre”, un evento che comprende “circa 300 band e musicisti provenienti da tutta la Svizzera come Patent Ochsner, Dodo Hug, Stefan Eicher, Lo & Leduc, Züri West, il quarto classificato all’ultimo Eurosong Luca Hänni, James Gruntz, Veronica Fusaro, Stefanie Heinzmann, Anna Rossinelli, i ticinesi Animor, Make Plain, Peter Kernel e un migliaio e più di altri artisti, suddivisi in due giorni di musica. Letteralmente tradotto, il Ghost Festival è ‘Il Concerto Fantasma’. Ed è esattamente così, nel senso che tutto è pronto nei minimi dettagli ma il prossimo 27 e 28 febbraio, data in cui l’evento svizzero è annunciato, non si ascolterà una sola nota. Però possiamo acquistare un biglietto, vero, fisico, reale, che vale per tutta la musica che ci ha accompagnato nella nostra vita. Il Ghost Festival è organizzato dal Ghost Club come atto di solidarietà nei confronti dei creatori di musica. È un sostegno a breve per l’industria musicale e, insieme, il riconoscimento della musica come valore culturale nella società. Un valore che – citando ancora dalle note di presentazione della manifestazione che non c’è – “merita un risarcimento senza dover dimostrare nulla”. E il risarcimento avviene per le vie tradizionali.

Ticket, merchandising, pubblicità

Il Ghost Club offre – tramite www.ghost-festival.ch – un pass giornaliero di 20 franchi e un pass di 2 giorni a 50 franchi. C’è anche il pacchetto Vip da 100 franchi, per chi se lo può permettere. L’acquirente riceve il braccialetto del Festival, ma può anche acquistare il merchandising ufficiale (bandiera, felpe, t-shirt). Radio e tv possono contribuire diffondendo il verbo o intervistando gli artisti, i muri cittadini possono offrire spazi vacanti per i manifesti, e tutti – su biglietti-sito-locandine-inserzioni-braccialetti-Vip Packages – posso investire denaro apparendo nell'ampio e personalizzato spazio pubblicitario a disposizione, alle condizioni elencate sul sito.

Dietro il Ghost Festival c’è l’Associazione senza scopo di lucro Ghost Club, creata appositamente per l’omonimo Festival, che tramite professionisti del marketing in carne ed ossa si occupa del concerto che non c’è nello stesso modo in cui se ne occuperebbe se il concerto ci fosse. Il flusso di denaro derivante dalla vendita di biglietti, merchandising, pubblicità, donazioni (da bonificarsi utilizzando questo numero Iban: CH21 0900 0000 1562 0323 3) è affidato a una società fiduciaria esterna.

L'intervista

‘Non dimenticatevi di noi'

Agli operatori del settore musicale andrà il 100% degli introiti della manifestazione. Garantisce a laRegione Dominik Gysin, portavoce stampa e membro fondatore del Ghost Festival.

Dominik, è il Festival che non c’è, ma esiste…

Sì, il nostro vuole essere un focus sul presente della scena musicale. Ora come ora, nessuno può fare musica, pianificare o concludere accordi relativi a concerti. Il 2021, in particolare, sarà un anno in cui presumibilmente il booking sarà nullo e noi cerchiamo di fare in modo che tutte le persone che lavorano nel settore non siano dimenticate. È il centro del discorso. Certamente, se vendessimo un milione di biglietti con questa iniziativa ogni singolo musicista avrebbe per sé quel che serve per sopravvivere dignitosamente all’emergenza. Ma non abbiamo questa pretesa. Il nostro è uno sforzo per far sì che si tenga ben presente quel che accade in questo settore e si sappia quanto la situazione sia pesante.

I biglietti esistono, sono veri come quelli che si vendevano sino a marzo 2020…

Confermo, c’è una prevendita di biglietti reali. Tutto il denaro raccolto va a confluire in un fondo della nostra associazione, sotto la supervisione di un legale di Berna che si occuperà di distribuire poi la somma raccolta a un totale di 1'278 figure operanti nel music business. Figure che non sono soltanto musicisti, ma anche tecnici, booker, manager, autisti, chiunque abbia un ruolo nel nostro mondo, che è fatto di molte categorie

Anche il lavoro dal punto di vista della comunicazione è il medesimo...

Siamo partiti a novembre, abbiamo messo insieme tutto molto rapidamente, perché ve n’era l’urgenza. Siamo molto felici di avere trovato tante persone disposte a lavorare molte ore al giorno per rendere tutto questo possibile

Si fosse tenuto davvero, il Ghost Festival, sarebbe slittato almeno di un mese. Come avete accolto l’ulteriore stretta federale sulle manifestazioni culturali?

Da una parte, tutti noi comprendiamo l’attenzione che lo Stato deve porre all’emergenza sanitaria, e tutti vogliamo che ognuno possa sentirsi il più possibile sicuro e in salute. Ma c’è un problema altrettanto grande, e cioè che tutto si è fermato e che i festival estivi, almeno per la maggior parte, non si terranno. Qualcuno sta facendo programmazione per il prossimo inverno, ma si tratta di grosse strutture, non i piccoli club che sono consci di quanta incertezza un impegno di questo tipo porterebbe. Per molti musicisti, poi, lo scenario futuro è forse addirittura peggiore del sentirsi dire che non sono autorizzati a fare musica per un altro mese. Io credo che l'unica certezza che abbiamo attualmente sia che, semplicemente, non sappiamo quando potremo tornare a fare il nostro mestiere.

Il Ghost Festival è l’unica iniziativa del Ghost Club?

Vedremo che succede. Dipenderà da come i cittadini svizzeri reagiranno a questa proposta, quanti biglietti venderemo, quale tipo di copertura media riusciremo a ottenere. Naturalmente, il nostro sogno sarebbe che con l’auspicata ‘resurrezione‘ il Ghost Festival possa diventare qualcosa di reale. Ma allo stato attuale siamo ancora nella dimensione del sogno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved