veronica-fusaro-baciata-dal-soul
'Sunkissed' (© Nils Sandmeier)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
2 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
21 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
1 gior

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
1 gior

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
1 gior

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
2 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
2 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Not(t)e dal vivo
03.10.2019 - 09:59

Veronica Fusaro baciata dal soul

In uscita domani, ‘Sunkissed’ è un Ep, ma dopo cinque tracce se ne vorrebbe il doppio. La 22enne di Thun, che già scrive come una signora, si racconta

«Non è che ci creda più di tanto, però non si sa mai». Parlare con lei di reincarnazione è un discorso tra sordi, ma è solo l’estremo tentativo di capire come in una giovane svizzera – da parte di madre e calabrese da parte di padre – convivano alcune donne che hanno fatto la storia. Cosa diavolo avrà ascoltato per scrivere così bene a ventidue anni? Sorride, Veronica Fusaro, all’alba del nuovo ‘Sunkissed’, Ep che si vorrebbe durasse almeno il doppio, registrato e prodotto a Londra negli studi dei grandi. «Non saprei, ho ascoltato tante cose. Sono cresciuta con la musica italiana, mio papà è un grande fan di Vasco Rossi, uno che mi ha sempre affascinato perché è anni che riempie gli stadi. Poi è arrivata la radio, ho ascoltato Michael Jackson, Rihanna, adoro Amy Winehouse, Ella Fitzgerald, il mondo del soul in generale ha conquistato definitivamente il mio cuore».

A complemento: internet le ha portato in casa Janis Joplin, uno dei suoi parenti le ha regalato un cd di Prince e il buono di tutto questo è che Veronica non canta come nessuno di quelli sopraelencati, ma ha dentro un po’ di cuore di tutti. E c’è pure poco da chiedersi, visto che Fusaro è un cognome che ha già girato il mondo, che ha aperto per Eagle Eye Cherry e Mark Knopfler, che si è preso una nomination agli Swiss Music Award; tutto nel giro di tre anni, ovvero da quando, nel 2016, la vittoria al ‘Demo of the Year’ dell’M4Music Festival – «Scrivevo da un po’, ma era il primo progetto che avevo pubblicato» – le aprì le porte delle radio e dei concerti, centotrentasei solo lo scorso anno, dalla Baloise Session al Reeperbahn Festival, da Glastonbury alle Olimpiadi di Seul, palchi per vecchie volpi e animali da palcoscenico retti con padronanza.

«Mi fa piacere che da fuori sembra succedere senza problemi», commenta divertita. «L’esperienza di fronte a mille persone come a Basilea oppure davanti a due persone in un bar in Nuova Zelanda è sempre utile e apprezzabile». A proposito (n. 1): come sono i coreani? «È un pubblico attento e molto interessato alla musica che arriva da qui. Da loro va molto il K-Pop, sai quei gruppi con tanta gente sul palco che canta e balla, tutti sincronizzati al massimo. Non è proprio il mio genere, ma stanno conquistando il mondo».

A proposito (n. 2): com’è andata con Mark Knopfler? «È uno molto simpatico, un tipo che non ha bisogno di mostrarti nulla perché ha tutto, avendo scritto la storia. Mi ha voluto dire ciao, mi ha raccontato della sua famiglia, ci siamo fatti la foto insieme, insomma, mi ha fatta sentire a casa in un anfiteatro francese che non conoscevo neppure».

Down to London

‘Sunkissed’ esce dalle orecchie di Paul O’Duffy, ingegnere del suono che all’età di Veronica alzava e abbassava cursori nello studio di Marvin Gaye e che ha poi messo le mani sul suono di Kc and The Sunshine Band, Patti LaBelle, Swing Out Sister, Was (Not Was). Fino a Amy Winehouse, nome che per Veronica è come un cerchio che si chiude: «Mi piaceva tantissimo la sua produzione – spiega –, ho ascoltato cose in cui c’era il suo nome e mi sono detta che volevo esplorare il mondo della musica organica. Ho scritto un’e-mail e già avere una sua risposta era qualcosa; poi ha espresso la volontà di lavorare con me perché gli erano piaciute le canzoni. Poi entri nel suo studio, vedi dischi d’oro a destra e sinistra come se fossero libri... È stato bravissimo a capire le mie parole e a trasformarle in suoni. La chimica era quella giusta».

Il Ticino l’ha applaudita durante il Festival di Locarno, lei continua a scriversi tutto da sé. Come in ‘Rollercoaster’, pregevole singolo vintage dalla testa fino al mix che suona britannico sì, ma soprattutto Fusaro. Che c’entri Vasco Rossi oppure no (sito ufficiale: www.veronicafusaro.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved