veronica-fusaro-baciata-dal-soul
'Sunkissed' (© Nils Sandmeier)
ULTIME NOTIZIE Culture
Colazioni letterarie
15 min

Al Lac ‘Le battaglie di una vita’ di Pietro Martinelli

Il volume edito da Casagrande presentato sabato 30 ottobre alle 11 nella Hall del Lac con Roberto Antonini
Spettacoli
42 min

Finzi Pasca torna al Lac con ‘Nuda’

Presentata la nuova produzione della compagnia, tratta dal romanzo pubblicato nel 2014
Scienze
51 min

Vaccino Moderna: risultati positivi sui bambini

Le prove cliniche su 4’700 giovani dai 6 agli 11 anni ‘mostrano una risposta immunitaria forte’ con anticorpi ‘robusti’
Spettacoli
2 ore

Tragedia sul set: ‘Baldwin provava pistola contro telecamera’

Lo ha detto alle autorità il regista Joel Souza, rimasto ferito dal colpo sparato dall’attore statunitense, che ha ucciso la direttrice della fotografia
Scienze
2 ore

Stare più di cinque mesi nello spazio causa danni cerebrali

Analizzati i biomarcatori presenti nel sangue, ora serve stabilire la cause: assenza di peso? Cambiamenti nel fluido cerebrale? Stress?
Spettacoli
2 ore

Simpsons: ecco la Dottoressa Wendy Sage, sopravvissuta al tumore

Ipnoterapista, ha superato un cancro al seno e subito una mastectomia unilaterale: la voce del personaggio, dalla stessa sorte, è l’attrice Renee Ridgeley
Cinema
3 ore

‘One Leaf One World’ di Domenico Lucchini al Lux di Massagno

Il documentario creativo sulle artiste Francine Mury e Jiang Zuqing, legate dalla carta di gelso e di bambù, il 26 ottobre nella rinnovata sala
Spettacoli
3 ore

‘La valle dei mulini’ ispira la Passeggiata musicale al Lac

Ideata e prodotta dall’Osi in coproduzione con l’Associazione Oggimusica e Lac, l’edizione 2021 si tiene domenica 14 novembre dalle 14
Spettacoli
10 ore

Adam Ben Ezra, un fenomeno del contrabbasso

Appuntamento al Teatro del Gatto di Ascona con l’artista acclamato da critica e pubblico che mescola con ingegno sonorità dell’Occidente e dell’Oriente
Spettacoli
10 ore

Addio a James Michael Tyler, il Gunther di ‘Friends’

L’attore interprete del ruolo del manager della caffetteria Central Perk nella serie tv è morto a 59 anni per un cancro alla prostata
Culture
22 ore

Cinque giovani svizzeri tra le vene aperte dell’Argentina

Partiti alla volta del Sudamerica, hanno fondato il gruppo Campo Abierto per promuovere la diversità culturale. Parola al ticinese Alessio De Gottardi
Spettacoli
1 gior

Con l’Osi a Parigi, ‘città dell’eterna giovinezza’

Applausi interminabili per un’esecuzione che ha unito il mestiere di orchestrali di lungo corso con lo stupore di studenti di Conservatorio
Società
1 gior

Sono oltre 4,5 miliardi gli utenti dei social media nel mondo

Il totale globale cresce al ritmo di un milione di nuove registrazioni al giorno. Nel 2022 il 60% della popolazione del pianeta avrà un account social
Not(t)e dal vivo
03.10.2019 - 09:590

Veronica Fusaro baciata dal soul

In uscita domani, ‘Sunkissed’ è un Ep, ma dopo cinque tracce se ne vorrebbe il doppio. La 22enne di Thun, che già scrive come una signora, si racconta

«Non è che ci creda più di tanto, però non si sa mai». Parlare con lei di reincarnazione è un discorso tra sordi, ma è solo l’estremo tentativo di capire come in una giovane svizzera – da parte di madre e calabrese da parte di padre – convivano alcune donne che hanno fatto la storia. Cosa diavolo avrà ascoltato per scrivere così bene a ventidue anni? Sorride, Veronica Fusaro, all’alba del nuovo ‘Sunkissed’, Ep che si vorrebbe durasse almeno il doppio, registrato e prodotto a Londra negli studi dei grandi. «Non saprei, ho ascoltato tante cose. Sono cresciuta con la musica italiana, mio papà è un grande fan di Vasco Rossi, uno che mi ha sempre affascinato perché è anni che riempie gli stadi. Poi è arrivata la radio, ho ascoltato Michael Jackson, Rihanna, adoro Amy Winehouse, Ella Fitzgerald, il mondo del soul in generale ha conquistato definitivamente il mio cuore».

A complemento: internet le ha portato in casa Janis Joplin, uno dei suoi parenti le ha regalato un cd di Prince e il buono di tutto questo è che Veronica non canta come nessuno di quelli sopraelencati, ma ha dentro un po’ di cuore di tutti. E c’è pure poco da chiedersi, visto che Fusaro è un cognome che ha già girato il mondo, che ha aperto per Eagle Eye Cherry e Mark Knopfler, che si è preso una nomination agli Swiss Music Award; tutto nel giro di tre anni, ovvero da quando, nel 2016, la vittoria al ‘Demo of the Year’ dell’M4Music Festival – «Scrivevo da un po’, ma era il primo progetto che avevo pubblicato» – le aprì le porte delle radio e dei concerti, centotrentasei solo lo scorso anno, dalla Baloise Session al Reeperbahn Festival, da Glastonbury alle Olimpiadi di Seul, palchi per vecchie volpi e animali da palcoscenico retti con padronanza.

«Mi fa piacere che da fuori sembra succedere senza problemi», commenta divertita. «L’esperienza di fronte a mille persone come a Basilea oppure davanti a due persone in un bar in Nuova Zelanda è sempre utile e apprezzabile». A proposito (n. 1): come sono i coreani? «È un pubblico attento e molto interessato alla musica che arriva da qui. Da loro va molto il K-Pop, sai quei gruppi con tanta gente sul palco che canta e balla, tutti sincronizzati al massimo. Non è proprio il mio genere, ma stanno conquistando il mondo».

A proposito (n. 2): com’è andata con Mark Knopfler? «È uno molto simpatico, un tipo che non ha bisogno di mostrarti nulla perché ha tutto, avendo scritto la storia. Mi ha voluto dire ciao, mi ha raccontato della sua famiglia, ci siamo fatti la foto insieme, insomma, mi ha fatta sentire a casa in un anfiteatro francese che non conoscevo neppure».

Down to London

‘Sunkissed’ esce dalle orecchie di Paul O’Duffy, ingegnere del suono che all’età di Veronica alzava e abbassava cursori nello studio di Marvin Gaye e che ha poi messo le mani sul suono di Kc and The Sunshine Band, Patti LaBelle, Swing Out Sister, Was (Not Was). Fino a Amy Winehouse, nome che per Veronica è come un cerchio che si chiude: «Mi piaceva tantissimo la sua produzione – spiega –, ho ascoltato cose in cui c’era il suo nome e mi sono detta che volevo esplorare il mondo della musica organica. Ho scritto un’e-mail e già avere una sua risposta era qualcosa; poi ha espresso la volontà di lavorare con me perché gli erano piaciute le canzoni. Poi entri nel suo studio, vedi dischi d’oro a destra e sinistra come se fossero libri... È stato bravissimo a capire le mie parole e a trasformarle in suoni. La chimica era quella giusta».

Il Ticino l’ha applaudita durante il Festival di Locarno, lei continua a scriversi tutto da sé. Come in ‘Rollercoaster’, pregevole singolo vintage dalla testa fino al mix che suona britannico sì, ma soprattutto Fusaro. Che c’entri Vasco Rossi oppure no (sito ufficiale: www.veronicafusaro.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved