yesterday-ovvero-chiedi-chi-erano-i-beatles-beatles-chi
''Jude' è un po' fuori moda. Perché non 'Hey dude'? (Universal Pictures)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
18 min

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
2 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
6 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
18 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
18 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
19 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
19 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
1 gior

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
1 gior

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
25.09.2019 - 20:07
Aggiornamento: 20:46

'Yesterday', ovvero chiedi chi erano i Beatles (Beatles chi?)

Domani nelle sale il film di Danny Boyle, storia di un aspirante songwriter onesto plagiatore dei Favolosi Quattro di Liverpool (e chi non l'avrebbe fatto?)

“Yesterday... bom, bom, bom... la musica la faccio con la bocca”. Diamo a Massimo Troisi quel che è di Massimo Troisi, che nel 1984 in ‘Non ci resta che piangere’ scippava a McCartney la paternità della composizione per sedurre Pia (Amanda Sandrelli), fanciulla del “Mille e quattrocento, quasi Mille e cinque”, grazie all’essere tornato indietro nel tempo attraversando un passaggio a livello. Imprevisto per imprevisto, in ‘Yesterday’ di Danny Boyle (‘Trainspotting’, ‘The Millionaire’), il giovane Jack Malik (Himesh Patel) è investito da un autobus durante i dodici secondi di un black out planetario dopo il quale tutto sarà come prima, eccezion fatta per i Beatles (e poche altre ‘entità’) che nessuno ha mai sentito nominare; Jack lo sventurato li cerca in internet e scopre che non sono mai esistiti nemmeno gli Oasis, ed esclama: “Beh, ha senso” (eccome se ha senso).

È così che l’aspirante cantautore che a 14 anni cantava ‘Wonderwall’ alla festa della scuola e che all’open air più importante della sua carriera suona per quattro bimbi e altrettanti amici, sfonda nel dorato mondo del pop facendo passare per opera sua l’intero repertorio dei quattro di Liverpool, aiutato da uno sbalordito Ed Sheeran himself, rendendo felice Debra (Kate McKinnon), jena della discografia (“Tu scrivi le canzoni, noi le vendiamo, tu fai soldi a palate, noi ci prendiamo il grosso”) e infelice Ellie (Lily James), l’innamorata nell’ombra che gli è stata vicino quando lui non era nessuno e che ora – come accade in ogni storia d’amore del rock che si rispetti – gli impone il consueto ‘O me o il successo’.

La forza del film di Boyle è nei dialoghi (“Non puoi chiamare un disco ‘White Album’, ti darebbero del razzista!”), nei commenti su questi misteriosi Beatles (“Beh, non sono i Coldplay, non è ‘Fix You’”) e nel fatto che nemmeno infilata tra i capolavori della coppia Lennon-McCartney, Jack riesce a sdoganare la sua ‘Summer song’ (e in effetti nemmeno ci riesce il cantautore Patel nella realtà); tutto funziona, in ‘Yesterday’, tranne forse il faccione del protagonista, di cui proprio non ci si riesce ad innamorare; impareggiabili, invece, due figure assai british che si muovono lungo la storia con l’aria di chi, nei film di fantascienza, ha scoperto il segreto e sta per capovolgere le sorti dell’umanità. I cuori degli inguaribili del pop, in ogni caso, batteranno a mille sulla sorpresa finale, che chiude due ore di buon umore con inaspettata Beatle-poesia (alla faccia di Mark Chapman).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved