laRegione
Nuovo abbonamento
scatta-lo-start-tour-gli-stadi-adesso-sono-del-liga
Ligabue durante un concerto a Lugano nel 2017 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
19 ore

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
1 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
1 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
1 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
1 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
1 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
10.06.2019 - 23:120

Scatta lo Start Tour, gli stadi adesso sono del Liga

A pochi giorni dalla partenza per la tournée estiva, il rocker reggiano parla della sua 'dipendenza' dai live. “Mi diverto in tanti modi, ma niente è come un concerto”

«Oggi riesco a gestire meglio la differenza tra l’essere su o giù da un palco, ma il live per me resta una sorta di dipendenza. Mi diverto in tanti modi, ma niente è come un concerto». Lo racconta così, Luciano Ligabue, il suo rapporto con il concerto, a pochi minuti dal termine della prova generale dello Start Tour 2019 a Reggio Emilia, servita al rocker di Correggio e alla sua band per testare ogni dettaglio in vista della partenza del tour venerdì 14 a Bari.

In scaletta, un totale di 19 brani, oltre ai bis e compresi due medley di brani più che celebrati. «La scaletta degli stadi, nei quali sono andato a suonare per la prima volta 22 anni fa, è sempre un problema – dice Ligabue – perché tendo a dare per scontato che a sentirmi verrà anche un pubblico occasionale, oltre ai fan, e qualcuno che magari arriva per la prima volta e poi forse non verrà mai più. Ritengo quindi importante far sentire buona parte del materiale nuovo e una sfilata delle canzoni tra le più famose. Questa volta ho trovato l’escamotage dei due medley: uno voce e chitarra e uno in chiave club rock, che mi permettono di far sentire qualcosa in più e di rendere lo spettacolo un po’ diverso dal solito».

Lo spettacolo si apre con ‘Polvere di stelle’ e ‘Ancora noi’, per uno show di oltre due ore. Tra le tante, ci saranno ‘A modo tuo’ («uno dei brani che quando ho cominciato a suonare dal vivo mi sono accorto essere cantato dal pubblico anche più di canzoni più famose» ha detto Ligabue) oppure ‘La cattiva compagnia’. «La cattiva compagnia è quella che ci popola – dice il rocker –, i fantasmi e le paure che ci bloccano e non ci permettono di essere come vorremmo. Credo di parlare a nome di tanti perché in molti hanno dentro di loro una cattiva compagnia, anche se magari non la chiamano così».

Il palco sarà sormontato da sette schermi, compreso uno triangolare a forma di ‘play’ e due iconiche e gigantesche lettere L, le stesse che campeggiano su una delle chitarre utilizzate durante il concerto. Come sulla copertina di ‘Start’, dove campeggia un primissimo piano del Liga, spesso sui maxischermi è proprio la sua faccia ad apparire da vicino e senza filtri. «Il mio desiderio è sempre stato quello di essere un cantautore, ma con il suono di una band – confessa Ligabue – perché ho bisogno di persone con le quali sentirmi complice». Lo Start Tour transiterà da Milano, a San Siro, il 28 giugno.

© Regiopress, All rights reserved