laRegione
Nuovo abbonamento
Il Reginald volante (Paramount)
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore
La settimana bellinzonese di 'Incontra uno scrittore al parco'
Lunedì 13 luglio Gabriele Alberto Quadri, martedì 14 Christian Paglia, giovedì 16 Matteo Beltrami. Sempre alle 19.15
Società
6 ore
Covid-19, Robert De Niro quasi sul lastrico
La pandemia ha inferto un grave colpo ai business dell'attore americano, la catena di ristoranti Nobu e il Greenwich Hotel
Arte
7 ore
A Michael Klein il 'Paul Boesch 2020'
Il più recente e trai più sostanziosi premi d'arte svizzeri. È accompagnato dall'acquisto di un'opera che sarà inclusa nella collezione del Kunstmuseum di Berna
Culture
7 ore
Task Force Culture: 'Un segnale forte e unanime'. Con risultati
Le associazioni culturali accolgono con soddisfazione l’apertura da parte del Consiglio federale (Cf) della consultazione sulla legge Covid-19
Scienze
9 ore
Lo spazzino dello spazio 'made' in Svizzera
ClearSpace, la sart-up del Politecnico federale di Losanna, vuole lanciare la sua navicella nel 2025
Musica
14 ore
La cantautrice ticinese Julie Meletta torna con 'Middle May'
Pubblicato oggi su tutte le piattaforme di streaming il nuovo singolo, in attesa del primo EP in uscita quest'inverno
Scienze
1 gior
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
1 gior
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
1 gior
Morricone: 'Musicare Jenatsch? No, ma vi ringrazio'
La proposta giunta dai Grigioni mentre componeva Mission. La risposta? 'Una gentilissima lettera autografata dal Maestro, in cui declina l'offerta'
Culture
1 gior
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
1 gior
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
Spettacoli
1 gior
Usa, l'attrice Naya Rivera sparita nelle acque di un lago
Famosa per la serie "Glee", la 33enne era uscita in barca con il figlio di 4 anni. Si teme possa essere annegata
Cinema all'aperto
2 gior
Chiasso, Proiezione Grande Velocità: la scelta di Marco Müller
Lo storico-critico ha scelto 'The Night of the Hunter' (La morte corre sul fiume) di Charles Laughton. Lo presenterà giovedì 9 luglio, in prima persona
Musica
2 gior
'L'Osi per me', perchè il concerto lo fate voi
L'Orchestra della Svizzera italiana invita il pubblico a scegliere i brani da suonarsi alla ripresa dei concerti, programmata per il 28 e 29 agosto a Lugano
Culture
2 gior
Stati Uniti, intellettuali liberal contro il clima d'intolleranza
'Nuove forme di censura' negli ambienti progressisti. Lo scrivono nomi come Margaret Atwood, Noam Chomsky, Salman Rushdie e J.K. Rowling su 'Harper's'
Gallery
Classica
2 gior
Ticino Musica, il Festival c'è ed è quasi un open air
Da sabato 18 luglio (Piazza Manzoni) a giovedì 30 (Boschetto Parco Ciani) e in giro per il cantone, in sicurezza. L'evento presentato oggi a Lugano
Musica
2 gior
Il Vallemaggia Magic Blues diventa 'Summer' in Piazza Grande
Quattro serate tra luglio e agosto all'interno di 'E...state a Locarno', inclusi alcuni degli artisti previsti prima dello stop imposto dal Covid.
Culture
3 gior
Festivaletteratura si reinventa, dal vivo e in streaming
Il festival si terrà come annunciato dal 9 al 13 settembre a Mantova seguedo 4 piste: non solo eventi in presenza e online, ma anche una radio e una pubblicazione
Spettacoli
3 gior
A Chiasso il recital comico antropologico di Roberto Ciufoli
La rassegna Voci e Not(t)e del Cinema teatro prosegue con il comico della Premiata ditta, in scena sabato sera
Scienze
3 gior
Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'
Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'
Scienze
3 gior
L'allarme dell'Onu: proteggere l'ambiente o presto altre pandemie
L'emergenza Covid-19 è solo l'ultimo esempio di zoonosi, un fenomeno in crescita e che può essere fermato solo proteggendo la fauna e l'ambiente
Spettacoli
3 gior
Nastro d'Argento per le 'Favolacce' prodotte da Tiziana Soudani
Damiano e Fabio D'Innocenzo vincono il premio per miglior film in una cerimonia dedicata a Morricone. Riconoscimenti anche per il Pinocchio di Garrone
L'intervista
3 gior
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
4 gior
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Spettacoli
01.06.2019 - 11:150

Così Elton, se vi pare ('Rocketman', la recensione)

La biografia del pianoman è nelle sale svizzere, ma il vero Re del Pop meritava ben altro tributo. Contento lui, che ne è il produttore, contenti tutti (o quasi)

Ebbene sì, abbiamo pianto, ma di rabbia guardando ‘Rocketman’, la storia di Elton John voluta da Elton John e prodotta da Elton John (per la serie “se proprio Hollywood vuole sapere com’è andata, glielo spiego io”). Perché il film nelle sale svizzere da ieri è l’occasione persa per raccontare un gigante della musica; perché chi in gioventù avesse amato il pianista che si consumava le dita sul pianoforte fino a sanguinare, è meglio che si ricordi la star com’era prima di questa pellicola. E non perché ‘Rocketman’ sveli i suoi lati più oscuri, che sono noti e, finalmente, i benvenuti (rispetto al castigato ‘Bohemian Rhapsody’, qui le dipendenze, la promiscuità, gli isterismi e la cocaina scorrono a fiumi); ma perché il film a noi è parso esattamente come parve al sommo Brusaporco a Cannes: ridicolo.

Reginald come Farrokh

Fa male dirlo, ma il più grande compositore di canzoni dopo i Beatles esce ai nostri occhi con le ossa rotte da un film in cui molto è solo abbozzato, ma anche gonfiato, melodrammatico ed eccessivo. Come se non bastasse la realtà, già eccessiva di suo, di una vita della quale tutti vorrebbero essere biografi. In quello che dovrebbe essere un musical, inoltre, sentir cantare Taron Egerton, l’attore che lo impersona, risulta a tratti fastidioso; e per chi conoscesse la discografia del pianista, c’è da perdersi, musicalmente, per tanta (voluta) incoerenza storica.

La storia. Per salvarsi da decenni di eccessi, Elton John (classe 1947) entra vestito da Lucifero nella sede degli alcolisti anonimi (ma non farebbero differenza i cocainomani anonimi, i sessualmente bulimici anonimi, gli anonimi afflitti da sindrome da acquisto compulsivo e dipendenze affini); dalla seduta di gruppo si dipanano flashback di vita vissuta e di musica raccontata (poca), fino a una conclusione (in)degna del Woody Allen di ‘Harry a pezzi’.
Così come Farrokh Bulsara sarà Freddie Mercury, prima di diventare Elton John – “Elton” da Elton Dean, sassofonista dei Bluesology, prima band di Elton, e “John” dal cantante Long John Baldry e non da John Lennon, come millanta il film – Reginald Kenneth Dwight è vittima di un nome ingombrante e di un padre che ascolta Count Basie osteggiando il talento pianistico del pargoletto, che a orecchio riproduce intere partiture; bimbo timido, complessato e tendente al sovrappeso che sogna di diventare il nuovo Jerry Lee Lewis, Reg, da rospo, diventerà principe grazie all’incontro con il paroliere Bernie Taupin; tra il pianista, a disagio con i testi, e il Mogol del Lincolnshire il cui rigetto dello star system è tutto nel testo di 'Goodbye yellow brick road', è l’inizio di un sodalizio giunto sino a noi.

Paradossi spazio-temporali

Tutto quadra, nella storia, tranne le canzoni. In un interno di famiglia di fine anni 50, tutti (anche nonna Ivy) cantano ‘I want love’ scritta da Elton nel 2001; un adolescente Reginald pianobarista canta ‘Saturday night’s (alright for fighting)’ dieci anni prima della sua uscita; nel 1968, negli studi dell’editore Dick James, Elton accenna ‘Candle in the wind’ (che scriverà solo nel 1973), ‘I guess that’s why they call it the blues’ (non prima del 1983) e ‘Sad songs’ (non prima del 1984). Sul filo di altri paradossi spaziotemporali per spiegare i quali servirebbe il dottor Emmett Brown, si arriva (spoiler) alla scena finale, l’Elton John dei primi anni 90 in clinica per disintossicarsi al quale fa visita l’amico Bernie, portando in dono un nuovo testo: la star si siede al primo pianoforte che trova e compone un brano di sette anni prima (‘I’m still standing’).
L’assurdità più evidente è però l’esordio al Troubadour di Los Angeles nell’agosto del 1970, la notte in cui Elton John incantò l’America suonando canzoni dal capolavoro del pop sinfonico che portava il suo nome. Nel film, su quel palco, Elton-Tagerton suona invece, con tre anni d’anticipo, ‘Crocodile rock’, la svolta pop invisa a tutti quelli che di quel 23enne inglese, il giorno dopo il Troubadour, scrissero “è nata una stella” (per poi mollarlo con l’arrivo del coccodrillo). E nel mezzo di quella canzone, che collocata quella sera, sul quel palco, è un inno al totale menefreghismo storico-musicale di questa pellicola, il pianista si libra in volo come David Copperfield...

Taron Egerton vs Rami Malek

La storia vera di Elton John è più appassionante di ‘Rocketman’ così come girato da Dexter Fletcher, regista che sostituì Bryan Singer in coda al film su Freddie Mercury. In attesa dell’autobiografia ‘Me Elton John’, in uscita in autunno, quegli anni di eccessi si possono leggere con più equilibrata forza in ‘Elton John’ di Tom Doyle, libro che raccoglie le interviste integrali rilasciategli dall’artista. Scoprendo, per esempio, che Elton e Bernie non hanno mai litigato, al contrario di quanto stucchevolmente narra il film.
Se ‘Bohemian Rhapsody’ apriva una finestra sulla musica con le genesi delle canzoni, ‘Rocketman’ non è un film per musicisti: il ‘Troubadour’ è un falso storico, la ricostruzione dello storico concerto al Dodger Stadium dura pochi miseri secondi, non vi è un solo cenno alla Elton John Band, agli album storici scritti in poche ore, all’incontro con John Lennon, a quello con Elvis; per gli affamati di storia c’è solo il tempo per veder nascere ‘Your song’, ma – a parità di canzone – lo splendido spot natalizio della John Lewis & Partners che dall’Elton adulto conduce al piccolo Reg seduto al pianoforte di casa, batte la ‘Your song’ del film per intensità.
In quelle stesse ambientazioni londinesi, il paragone tra Elton e Freddie è automatico. Ma laddove Rami Malek è Mercury già dallo sguardo, il monoespressione Egerton non è Elton nemmeno se cerca di riprodurne le smorfie e le estemporanee effemminatezze. Peggio ancora: se la voce di Mercury in ‘Bohemian Rhapsody’ è Malek all’1% (il resto è l’originale), Egerton è solo un buon karaoke di Elton John.

Geniale, assurdo, inarrivabile

Da un film che, musica a parte, riporta fedelmente il tentato suicidio del 1975 e la confessione dell’Elton promiscuo che dice di aver provato ogni tipo di droga e di essersi “sco**** tutto quello che si muoveva”, escono bene Bernie Taupin, benino mamma Sheila, male il padre Stephen e malissimo il manager-amante John Reid, lo stesso dei Queen (e di uno che nel 1974 fece un occhio nero a una giornalista neozelandese e che, per questo, si fece 28 giorni di carcere, non ci si poteva attendere certo una celebrazione).

Alla fine di un’opera che pare uno dei videoepitaffi su ordinazione del Robin Williams di ‘The final cut’ – e trascorse due ore a cercare Elton John in un attore dalla mascella quadrata che con l’ovale dell’originale non ha nulla da spartire, nemmeno il naso a patata, men che meno il culo grosso o le movenze da pinguino – ci alziamo in piedi ai titoli di coda per amore (e sulle immagini) dell’Elton quello vero, geniale, assurdo, inarrivabile, benefattore, orgogliosamente e autoironicamente gay, al quale si continua a voler bene per la stessa ragione degli Oscar alla carriera. Anche per questo, lui che non è il Re del Pop solo perché Michael Jackson è già morto, Elton 'Hercules' John si meritava ben altra celebrazione in vita. Ma, come si dice di chi ci mette i soldi, contento lui, contenti (quasi) tutti.

Guarda tutte le 8 immagini
© Regiopress, All rights reserved