tom-odell-non-sparate-piu-sul-pianista
Tom Odell (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
13 ore

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
14 ore

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
15 ore

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
16 ore

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
16 ore

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
16 ore

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
16 ore

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
16 ore

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
17 ore

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
18.03.2019 - 10:58
Aggiornamento: 13:21

Tom Odell, non sparate (più) sul pianista

L'ultimo album 'Jubilee Road' è un gioiello, oltre che la cosa più vicina a Elton John dai tempi di Elton John

Ventotto anni, pianoman, l’avvenenza non gli richiederà travestimenti per sfuggire alla timidezza come successo al giovane Reginald Dwight, brutto anatroccolo divenuto cigno, insieme ai vestiti e agli occhiali, con il nome di Elton John. Britannico, figlio di un pilota di linea e di un’insegnante di scuola elementare, si dice che a Tom Odell abbiano chiuso tutte le porte in faccia, incluse quelle a soffietto, i cancelli e le saracinesche.
Pianobarista licenziato da un night club di Liverpool, il giovane ci aveva riprovato a Londra, fino a trovare un contratto con la Columbia Records. Che è la casa discografica di Billy Joel, per intenderci, sebbene – pianismo per pianismo – Odell è la cosa più vicina a Elton John mai ascoltata dai tempi di Elton John, e questo ‘Jubilee Road’ sembra uscito dalle sessions di ‘Songs from the west coast’ (ma più acustico). Fagocitati da Sanremo, diciamo con colpevole ritardo di questo ultimo lavoro che trasuda gospel a partire da ‘If you wanna love somebody’, singolo di lancio che non è diventato un elegantissimo tormentone planetario soltanto perché a volte – mera contabilità – tra il tormentone conclamato e quello mancato c’è di mezzo un investimento.

 

Visto a Locarno d’apertura per Sting nel 2017 e già ri-transitato dalla Svizzera (prossimo appuntamento a Kestenholz il 3 di luglio per il St. Peter at Sunset Festival), Odell si è lasciato alle spalle i fighettismi sonori di ‘Wrong crowd’ (2016), album snaturante che gli costò la lapidazione da parte di certa stampa britannica. Con ‘Jubilee road’, per il quale il suo autore si è ispirato (anche) a Carly Simon tanto quanto Jack Savoretti si è ispirato (anche) a Patty Pravo per l’ultimo ‘Singing to strangers’, Odell può alzare un doppio dito medio a chi gli aveva dato del “pianista pop offensivamente noioso destinato all’ubiquità dei britannici” e regalato attestati di stima come “mi piacerebbe poter dire che per lui c’è un posto all’inferno. Ma purtroppo non c’è”.
Il nuovo album, inoltre, risarcisce il New Musical Express che per ‘The wrong crowd’ – non a torto – aveva accusato il cantante di essersi circondato di produttori artistici “equivalenti ai trafficanti di sesso ungheresi”. Prodottosi da sé, e liberatosi dalla malavita sonora di cui sopra, in questo ‘Jubilee road’ si può godere di cose belle e senza fronzoli come la title-track‘China dolls’, Queen of diamonds e una moderna visione dello showbiz alla ‘Goodbye yellow brick road’ intitolata ‘Don’t belong in Hollywood’. Qualche titolo, tanto per gradire.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved