la-corte-suprema-di-facebook-finalmente-operativa
Attendendo la decisione su Trump (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
2 ore

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.
Spettacoli
3 ore

Al Festival di narrazione, raccontare senza stereotipi

Un incontro aperto al pubblico sul tema è in programma sabato 20 agosto, presso la Corte dei Miracoli di Arzo
Locarno 75
4 ore

‘Il pataffio’ o della trappola della commedia (umana)

Il film di F. Lagi, presentato in prima mondiale al Concorso internazionale sabato, racconta le bassezze della contemporaneità travestite da medioevo
Locarno 75
4 ore

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
10 ore

Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione

Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
16 ore

Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico

Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
18 ore

A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps

In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
18 ore

‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’

Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior

Man! I Feel Like Shania Twain

Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior

In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua

Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior

‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita

I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Locarno 75
1 gior

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival
Estate giallo-nera
1 gior

‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca

‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior

Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina

Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
Locarno 75
1 gior

Daisy Edgar-Jones: ‘C’è un po’ di Kya in ognuno di noi’

La 24enne attrice britannica, protagonista di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), si è raccontata prima della proiezione in Piazza Grande
30.01.2021 - 06:00

La ‘corte suprema’ di Facebook finalmente operativa

Primi verdetti dell'organismo indipendente voluto da Zuckerberg. Ribaltate diverse decisioni, tra cui una riguardante la disinformazione medica

Una foto per sensibilizzare sulla prevenzione del tumore al seno in cui si vedevano dei capezzoli scoperti; una citazione, peraltro errata, di Joseph Goebbels riportata in un post per tracciare inquietanti similitudini con le campagne politiche di Trump; un post in cui si attribuiscono problemi psicologici ai musulmani in quanto darebbero più importanza ad alcune vignette pubblicate in Europa rispetto alla persecuzione degli uiguri in Cina. Sono tra i primi casi di contenuti vittime delle regole di moderazione di Facebook e Instagram su cui si è pronunciato l’Oversight Board, la “corte suprema di Facebook”.

Si tratta di un organismo indipendente voluto da Mark Zuckerberg per giudicare le contestazioni sugli interventi di moderazione del social network. Annunciato nel 2018, l’Oversight Board è diventato operativo negli scorsi mesi, anche se il consiglio non è ancora al completo: al momento sono stati nominati solo venti dei quaranta membri previsti. Tra di essi, l’attivista yemenita e premio Nobel per la pace Tawakkol Karman, la ex prima ministra danese Helle Thorning-Schmidt, l’ex giudice della Corte europea dei diritti dell’uomo András Sajó, il giornalista britannico Alan Rusbridger.

L’Oversight Board ha finalmente valutato i primi casi: cinque ricorsi, sugli oltre 150mila casi sottoposti. La priorità, hanno scrispiegatotto i membri del consiglio, va ai casi che potrebbero influenzare più utenti o che hanno una certa importanza per il dibattito pubblico. Come la sospensione dell’ex presidente statunitense Donald Trump, caso che l’Oversight Board sta tuttavia ancora valutando.

In quattro dei cinque casi, la decisione di Facebook è stata ribaltata – i post citati all’inizio dell’articolo, inizialmente rimossi, sono quindi tornati disponibili – e l’unico intervento di moderazione confermato riguarda un post, apparso durante il recente conflitto tra Azerbaigian e Armenia, in cui si usava un termine spregiativo per definire gli azeri. Ma più che i casi concreti contano le motivazioni e ancora di più le raccomandazioni: ad esempio, anche nel caso dell’insulto verso gli azeri pur confermando (a maggioranza) la fondatezza dell’intervento del social network, si critica la scarsa trasparenza nel comunicare i motivi che hanno portato alla moderazione. Certo, mentre la decisione sull’intervento è vincolante – e quindi quattro dei cinque post prima moderati torneranno adesso disponibili – e diventa “giurisprudenza”, cioè Facebook è tenuta ad applicare lo stesso criterio ai casi simili, le raccomandazioni rimangono, appunto, raccomandazioni che il social network deve analizzare ma non necessariamente seguire.

Il caso idrossiclorochina

Uno dei cinque casi giudicati dall’Oversight Board riguarda la disinformazione sulla pandemia. Un utente francese ha pubblicato, nell’ottobre del 2020, un video commentando criticamente la decisione dell’Agence nationale de sécurité du médicament di non autorizzare, come trattamento per il Covid, l’idrossiclorochina combinata con l'azitromicina promuovendo invece il Remdesivir.

Si tratta del trattamento proposto dal discusso medico Didier Raoult: a sostegno dell’efficacia dell’idrossiclorochina vi sarebbe uno studio preliminare condotto su 24 pazienti. Ma la ricerca di Raoult presenta numerose lacune e successivi, e meglio condotti, studi non hanno trovato prove di efficacia, il che spiega le agenzie di controllo dei farmaci. Didier Raoult ha comunque continuato a sostenere la sua terapia, rimediando una denuncia della Société de pathologie infectieuse de langue française.

L’autore del post inizialmente rimosso da Facebook non solo difende un trattamento privo di efficacia, ma lascia anche intendere che vi sia un complotto contro la cura di Raoult. Facebook ha rimosso il video e il testo in quanto contengono informazioni false che potrebbero rappresentare un pericolo imminente per la salute. Affermare che esiste una cura per il Covid, ha spiegato il social network all’Oversight Board, potrebbe infatti indurre le persone a ignorare la direttive sanitarie e ad automedicarsi. Ma, ribattono i membri del consiglio, in Francia l’idrossiclorochina è disponibile solo con prescrizione medica e l’obiettivo dell’utente era criticare le decisioni delle autorità, non incoraggiare le persone ad assumere un certo farmaco o non seguire le raccomandazioni delle autorità sanitarie.  Il social network poteva quindi tranquillamente utilizzare strumenti meno invasivi, come gli avvisi ormai familiari sulla scarsa affidabilità delle informazioni riportate in molti post.

Ai membri dell’Oversight Board sono giunte diverse prese di posizione: gruppi e associazioni allarmati per le conseguenza della libera circolazione di notizie false, ma non sono mancate le voci preoccupate per la libertà di espressione.

Alla fine, il giudizio è netto: l’intervento censorio del social network “non è conforme alle norme internazionali sui diritti umani per quanto riguarda la limitazione della libertà di espressione”. L’Oversight Board ha inoltre evidenziato una certa confusione nelle regole di Facebook. Da qui le raccomandazioni: uniformare il regolamento per quanto riguarda la disinformazione sanitaria; adottare mezzi meno invasivi della rimozione quando non vi è pericolo imminente per la salute; aumentare la trasparenza sugli interventi di moderazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corte suprema facebook oversight board social social network
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved