i-maschi-puntano-piu-in-alto
ULTIME NOTIZIE Culture
Letteratura
13 ore

È morto Marcio Veloz Maggiolo, scrittore dominicano

Considerato il più importante nella storia letteraria del suo Paese, è morto ieri in un ospedale di Santo Domingo dopo essere risultato positivo al coronavirus
Spettacoli
15 ore

Due grafic designer svizzere 'aprono' i Simpson

Katrin von Niederhäusern e Janine Wiget hanno disegnato la sequenza di apertura della celebre serie tv, nota come 'gag del divano', in onda stasera negli Usa
Scienze
17 ore

Rinviato il volo di Ingenuity, mini-elicottero Nasa su Marte

Atteso per oggi, il primo viaggio di un velivolo motorizzato su di un altro pianeta è sospeso fino al 14 aprile per problemi tecnici
Libri
23 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
1 gior

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
1 gior

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
1 gior

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Società
13.10.2020 - 15:290
Aggiornamento : 16:42

I maschi puntano più in alto

Alla maggiore età, le ambizioni professionali dei ragazzi sarebbero maggiori di quelle delle coetanee

Una volta maggiorenni, i ragazzi hanno ambizioni professionali nettamente più elevate delle coetanee. Secondo uno studio, già dai 15 anni i giovani in generale adattano gli obiettivi alle possibilità che sembrano più realistiche relativamente al percorso formativo.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Social Change in Switzerland, è stata realizzata da Irene Kriesi e Ariane Basler, dell'Istituto universitario federale per la formazione professionale (IUFFP). Per metterla a punto hanno utilizzato i dati dell'inchiesta COCON, che interroga più di mille giovani fra i 15 e i 21 anni in merito alle loro ambizioni nel mondo del lavoro.

Stando allo studio, tali ambizioni sono influenzate da numerosi fattori, tra cui il tipo di formazione postobbligatoria seguita e il livello di istruzione dei genitori. Si perpetuano poi differenze tra i sessi per la strada professionale che si vuole intraprendere.

Ad esempio, al termine della scuola dell'obbligo, le adolescenti vogliono soprattutto diventare impiegate di commercio, medici o educatrici dell'infanzia. I maschi puntano invece a fare gli informatici, gli sportivi professionisti o i meccanici di auto.

Come detto, lo status dei vari lavori sognati è strettamente legato alla formazione postobbligatoria. Le 15enni che frequentano il liceo, oltre al medico e all'insegnante, hanno in testa occupazioni come la veterinaria o l'avvocata. Quelle che iniziano un apprendistato aspirano a professioni più modeste, come l'assistente sanitaria, la fiorista o l'impiegata in un negozio.

Tornando sulle divergenze fra generi, si nota che, a partire dai 18 anni, i maschi si dimostrano ben più ambiziosi. Lo scalino si attenua entro i 21 anni, ma persiste. Secondo le autrici dello studio, ciò può contribuire al fatto che le donne - nonostante migliori risultati scolastici - rimangano indietro sul mercato del lavoro.

L'istruzione di mamma e papà è un altro aspetto chiave. A parità di voti, i giovani con genitori che hanno seguito studi terziari puntano più in alto di quelli senza.

La ricerca fa poi notare come, malgrado la creazione negli anni '90 della maturità professionale e delle scuole universitarie professionali abbia di gran lunga migliorato la situazione, una parte degli apprendisti si trovi di fronte ostacoli considerevoli in materia di ammissione a determinati istituti. Ciò lascia presupporre che queste barriere impediscano di realizzare le proprie aspirazioni a chi le ha riviste verso l'alto durante il suo percorso formativo.

© Regiopress, All rights reserved