e-grigionese-una-nuova-specie-di-piccolo-dinosauro-marino
Fonte: Swiss Journal of Palaeontology
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
41 min

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
11 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
13 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
14 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
14 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
14 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
14 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
13.07.2022 - 10:46
Aggiornamento: 14.07.2022 - 11:52
Ats, a cura di Red.Web

È grigionese una nuova specie di piccolo dinosauro marino

I paleontologi hanno rinvenuto i fossili nei pressi di Ducanfurgga. Si tratta di un pachipleurosauro di 50 centimetri vissuto 240 milioni di anni fa

I paleontologi hanno rinvenuto i fossili di un dinosauro marino finora ignoto sulle montagne grigionesi. Di soli 50 centimetri, è vissuto circa 240 milioni di anni fa sulle coste dell’oceano primordiale della Tetide, che all’epoca copriva gran parte della Svizzera.

Per molti anni i paleontologi hanno cercato fossili negli strati calcarei di 241 milioni di anni fa nei pressi di Ducanfurgga, a 2’740 metri di altitudine a sud di Davos. All’interno di questo speciale strato roccioso sono stati portati alla luce sei scheletri completi e ben conservati di "pachipleurosauri". Si tratta di rettili marini simili a lucertole, vissuti principalmente nel Triassico medio e poi estinti, probabilmente a causa di cambiamenti climatici e ambientali.

Come riferiscono i ricercatori guidati da Nicole Klein e Torsten Scheyer del Museo Paleontologico dell’Università di Zurigo nella rivista Swiss Journal of Palaeontology, gli esemplari scoperti nelle montagne dei Grigioni rappresentano un nuovo genere e una nuova specie di pachipleurosauro.

Collo e coda lunghi

"Due caratteristiche del cranio del nuovo pachipleurosauro sono davvero uniche", ha dichiarato il paleontologo Scheyer in un’intervista a Keystone-ATS. "L’osso nella parte superiore del cranio e quello nella punta del muso sono chiaramente diversi da quelli di altri pachipleurosauri".

La nuova specie è stata chiamata "prosantosaurus scheffoldi". Con una lunghezza del corpo di circa cinquanta centimetri, il rettile si distingue per il collo più lungo e la coda a guisa di serpente. L’aspetto ricorda i varani moderni.

Infilzare pesci e crostacei

In quanto carnivoro, il rettile marino si nutriva probabilmente di pesci e crostacei più piccoli, che poteva infilzare con i suoi denti aguzzi e poi ingoiare interi. Se i denti si rompevano, venivano sostituiti da denti di ricambio. Così spiega Scheyer.

I ricercatori sono riusciti a determinarlo grazie a una delle mascelle, ritrovata durante gli scavi, che apparteneva a un animale che stava cambiando i denti. Mentre alcuni denti della fila esterna erano già caduti, nella fila interna stavano già crescendo denti sostitutivi. Per la prima volta è stato possibile descrivere la permuta dei denti in una specie europea di pachipleurosauro, ha dichiarato Scheyer.

La sostituzione dei denti è nota anche in altri dinosauri, ma finora solo in una specie di pachipleurosauro proveniente dalla Cina. "È molto istruttivo studiare il processo del cambio dei denti in dettaglio", ha detto il paleontologo. "Se scopriremo la frequenza e la velocità con cui gli animali cambiavano i denti, potremo definire con maggior precisione i loro stile di vita e le loro tecniche di caccia".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dinosauro marino pachipleurosauro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved