BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
premio-mobius-un-algoritmo-per-riparare-le-proteine
Ti-Press
Manolo Bellotto ha ritirato un premio speciale per i venticinque anni di Möbius
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
9 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
10 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
10 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
10 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
11 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
11 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
14 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
17 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
1 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
2 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
2 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Scienze
18.10.2021 - 15:110
Aggiornamento : 15:36

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq

Si è conclusa sabato l’edizione del 25º del Premio Möbius: numerosi gli ospiti di questa due giorni dedicata alla cultura digitale – sul sito www.moebiuslugano.ch è possibile rivedere molti degli interventi –, per discutere di intelligenza artificiale, futuro dell’informazione, internet delle cose e altri aspetti di un futuro in buona parte già presente.
La giornata di sabato ha visto anche la consegna dei premi. Per il Grand Prix Möbius Suisse ha vinto Wyth Sa per la sua piattaforma per eventi ibridi e digitali, mentre il Grand Prix Möbius Editoria Mutante è andato a Ated-Ict Ticino per il progetto di fiera virtuale Swiss Virtual Expo. Infine, il premio giovani per gli studenti del corso di laurea in comunicazione visiva della Supsi, dedicato quest’anno alla valorizzazione dell’epistolario dello scultore Vincenzo Vela: il video ‘Le vittime del lavoro’ di Danijel Cancar è risultato il migliore.
Sabato sono stati anche consegnati due premi speciali per il Venticinquesimo: uno all’Oasi, l’osservatorio ambientale della Svizzera italiana, e l’altro a Gain Therapeutics, azienda nata in Ticino nel 2017 e adesso quotata al Nasdaq, il listino dei principali titoli tecnologici della Borsa statunitense. «Per noi portare l’azienda al Nasdaq è stato un grande progetto che ha richiesto circa sette mesi di lavoro, collaborando con quasi cento realtà esterne tra avvocati, consulenti, banchieri… » ci ha spiegato Manolo Bellotto, presidente dell’azienda, ricordando – «non per ingraziarseli, ma per riconoscerne i meriti» – chi all’inizio ha sostenuto questo progetto: «Siamo nati grazie al fondo TiVentures della Fondazione del Centenario di BancaStato, nella persona di Lorenzo Leone, e altri due cofondatori. Poi abbiamo ricevuto il sostegno di due famiglie presenti in Ticino e legate alla farmaceutica, Zambon e Braglia della Helsinn».
Bellotto è nato in Ticino, studi prima a Basilea e poi a Zurigo. E adesso questo progetto nel campo delle malattie rare e neurodegenerative. «Tutto parte da una tecnologia computazionale sviluppata all’Università di Barcellona, una tecnologia che permette di identificare i composti chimici che vanno a ridare una struttura tridimensionale “normale” a proteine che se rimangono deformate portano a malattie».
La struttura tridimensionale di una proteina è una sorta di complicatissimo origami, essenziale per svolgere le funzioni biologiche ma difficile da prevedere conoscendone semplicemente la sequenza degli aminoacidi che la compongono. «Noi partiamo da proteine delle quali si conosce già la struttura: quello che facciamo è identificare ‘in silico’, cioè virtualmente grazie al nostro algoritmo e a dei supercomputer, quelli che in linguaggio edilizio chiamerei dei “punti di ancoraggio” che se “puntelliamo” con alcune molecole mantengono la struttura tridimensionale corretta». Le proteine “sbagliate” non svolgono infatti la propria funzione, sviluppando malattie e rischiando di provocare la morte delle cellule. Cosa che, spiega Bellotto, può diventare l’obiettivo della terapia, se si prendono ad esempio di mira cellule tumorali, “destabilizzando” le loro proteine.
Abbiamo quindi due possibili applicazioni per questi “puntelli”, a seconda che si vogliano stabilizzare proteine per evitare lo sviluppo di malattie o al contrario destabilizzare le proteine che si trovano in cellule tumorali. E Gain Therapeutics è – «a quanto ci risulta, perché poi ci sono segreti industriali che ovviamente non possiamo conoscere» ha precisato Bellotto – l’unica ad avere una soluzione virtuale per cercare questi puntelli. «Chi sta cercando questi “puntelli biochimici” lo fa per tentativi ed errori, seguendo quella che in inglese si chiama ‘serendipity’, ma il nostro approccio è un centinaio di volte più efficiente. Partiamo con un centinaio di molecole sulle quali lavoriamo ‘in silico’ per qualche mese, l’approccio standard prevede invece anche centomila molecole per mesi o anni».
Un’accelerazione della prima fase di ricerca, ma è anche presto per parlare di terapie: «Tutti i nostri progetti devono essere successivamente validati in vitro e in vivo: da quello che abbiamo visto finora, con i progetti che sono già arrivati a quelle fasi, le molecole che abbiamo identificato hanno buone possibilità di “riparare” quelle proteine non bene formate».
Per proseguire con la sperimentazione è ovviamente necessaria l’alleanza con qualche azienda farmaceutica. «Al momento siamo in accordo con due, una giapponese dedicata alle malattie rare e l’altra è una ditta biotech statunitense nell’ambito dell’oncologia».
Concludiamo chiedendo quanto sia cresciuta, in questi anni, l’azienda. «Siamo partiti da un locale a Manno e poi a Barcellona, perché come detto l’algoritmo è stato sviluppato lì da quello che adesso è il nostro ‘chief scientific officer’. Oggi, se non ho perso il conto, siamo 27 persone su tre sedi: Lugano, dove si gestisce la ricerca globale e la parte amministrativa, poi Barcellona, dove si fa la ricerca di base, mentre il quartier generale ‘corporate’ è a Bethesda nel Maryland, è stato necessario insediarlo lì per accedere a maggiori finanziamenti, cosa che ha permesso di essere listati al Nasdaq». Difficile lavorare così divisi? «La nostra fortuna è che nelle varie sedi ci sono persone che già si conoscono, che hanno rapporti personali e una visione comune. Anche durante la pandemia non abbiamo perso tempo e anzi abbiamo accelerato».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved