la-voce-della-mamma-e-un-potente-antidolorifico
Keystone
Primi, difficili momenti
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
10 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
13 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
15 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
16 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
16 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
17 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
18 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
18 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
21 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
22 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
23 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
23 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Scienze
29.08.2021 - 14:350

La voce della mamma è un potente antidolorifico

Un gruppo di esperti svizzeri e italiani hanno studiato il suo influsso sui bambini prematuri. La conclusione: la vicinanza dei genitori è fondamentale.

a cura de laRegione

Ginevra – La voce della mamma, un "farmaco" potente. Un bambino nato prematuro spesso deve essere separato dai suoi genitori e messo in un'incubatrice in terapia intensiva. Per diverse settimane, viene sottoposto a procedure mediche di routine che possono essere dolorose, senza troppi farmaci antidolorifici che possono essere rischiosi per il suo sviluppo. Un gruppo di esperti Svizzera e Italia si è chiesto come si può agire per migliorare il benessere di questi piccoli.

Gli esperti dell'Università di Ginevra (UNIGE), in collaborazione con l'Ospedale Parini e l'Università della Valle d'Aosta, hanno osservato che quando la madre parla con il suo bambino al momento dell'intervento medico, i segni di espressione del dolore nel piccolo diminuiscono e il suo livello di ossitocina - nota anche come "ormone delle coccole", coinvolto nell'attaccamento ma anche legato allo stress - aumenta in modo significativo, il che potrebbe attestare una migliore gestione del dolore.

Presenza cruciale

Questi risultati, pubblicati su "Scientific Reports", dimostrano l'importanza della presenza dei genitori al fianco dei bambini prematuri, che sono sottoposti a stress intenso fin dalla nascita, una presenza che ha un impatto reale sul loro benessere e sviluppo.

Questi bebè, nati prima della 37esima settimana di gestazione, devono sottoporsi a interventi medici quotidiani (intubazione, prelievo di sangue, sondino di alimentazione), ma che hanno potenziali impatti sul loro sviluppo e sulla gestione del dolore.

Esistono vari modi per alleviare il carico di tutto questo, come avvolgerli, far loro succhiare soluzioni zuccherine con una tettarella. Tuttavia, da diversi anni studi hanno dimostrato che la presenza di una madre o di un padre ha un vero e proprio effetto calmante sul bambino, in particolare attraverso le modulazioni emotive della voce.

L’esperimento

Per questo il team di Didier Grandjean dell'UNIGE si è interessato al primo contatto vocale tra la madre e il bambino prematuro, e all'impatto della voce materna sulla gestione del dolore, e nei meccanismi psicologici e cerebrali che ne sarebbero coinvolti. Gli scienziati hanno seguito 20 neonati prematuri all'ospedale Parini e hanno chiesto alla madre di essere presente durante l'esame del sangue quotidiano, che viene effettuato prelevando alcune gocce di sangue dal tallone.

"Abbiamo focalizzato questo studio sulla voce materna, perché nei primi giorni di vita è più difficile per il padre essere presente, a causa di condizioni di lavoro che non sempre consentono giorni di riposo", afferma Manuela Filippa, primo autore dello studio.

Un primo prelievo è stato fatto in assenza della madre, un secondo con la madre che parlava al bambino e un terzo con la madre che cantava al piccolo. E gli esperti hanno osservato che effettivamente c'erano dei cambiamenti, li hanno misurati con il Preterm Infant Pain Profile (Pipp), che stabilisce una griglia di codifica tra 0 e 21 per le espressioni facciali e i parametri fisiologici (battito cardiaco, ossigenazione) che attestano le sensazioni dolorose del bambino.

"Per codificare il comportamento dei neonati prematuri, abbiamo filmato ogni esame del sangue e giudicato i video senza audio, in modo da non sapere se la madre fosse presente o meno", osserva Grandjean.

Risultati ‘significativi’

I risultati vengono definiti significativi: il livello di dolore misurato è 4,5 quando la madre è assente e scende a 3 quando la madre parla con il suo bambino. Quando canta è 3,8. Gli scienziati hanno quindi esaminato cosa cambia nel bambino. "Ci siamo rapidamente indirizzati sull'ossitocina", dice Filippa.

Il team di ricerca ha scoperto che i livelli di ossitocina erano aumentati da 0,8 picogrammi per millilitro a 1,4 quando la madre parlava. "Si tratta di un aumento significativo", afferma l'esperta. È importante, conclude, "unire genitori e figlio, soprattutto nel delicato contesto della terapia intensiva".

Mamma e papà "svolgono qui un ruolo protettivo e possono agire e sentirsi coinvolti nell'aiutare il loro bambino a stare il meglio possibile, il che rafforza i legami di attaccamento essenziali che sono dati per scontati in un parto a termine", chiosa Grandjean.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved