un-pupazzo-per-esprimere-le-emozioni-e-prevenire-la-violenza
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
3 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
11 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
11 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
11 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
12 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
13 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
13 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
13 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
13 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
14 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
14 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
14 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
14 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
14 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
14 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
14 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
15 ore

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
15 ore

Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano

In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
Luganese
15 ore

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni
Ticino
15 ore

Gli industriali ripensano il futuro del Ticino

Aiti ha stilato un documento di lavoro all’indirizzo di istituzioni e politica per lanciare un dibattito a largo spettro nella società
11.01.2022 - 10:39
Aggiornamento : 26.03.2022 - 10:50

Un pupazzo per esprimere le emozioni e prevenire la violenza

Per Pierre Kahn, psicologo e psicoterapeuta, è uno strumento utile, ma è sempre necessaria la presenza di un adulto in grado di ricevere il messaggio

I momenti di tensione sono presenti in tutte le famiglie. A volte, però, "gli stati d’animo e i bisogni dei bambini non sono visti o non adeguatamente compresi", scrive la fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera che ha ideato Emmo, un pupazzo che cambia la sua espressione da felice a triste, o viceversa, quando lo si rivolta. Nelle situazioni critiche può essere usato dai più piccoli per "comunicare le loro emozioni, anche senza parole". La richiesta per il peluche è stata tale da generare tempi d’attesa e dover optare per fabbricarlo in un’altra stoffa. Abbiamo chiesto a Pierre Kahn, psicologo e psicoterapeuta Fsp, le sue valutazioni.

Cosa pensa di Emmo?

È sicuramente uno strumento utile perché permette di comunicare emozioni positive o negative. Al bambino va però spiegato che lo può utilizzare anche per esprimere i propri stati d’animo, altrimenti è probabile che lo utilizzerebbe in generale per altri giochi simbolici. Poi è comunque necessaria una seconda tappa, nella quale l’adulto chiede al bambino perché sta mostrando un Emmo triste. Dunque che ci sia una persona in grado di ricevere il messaggio, valutarlo e sapere cosa fare. Questo perché magari il piccolo mostra un Emmo triste semplicemente a causa di una cena che non gli piace.

Non c’è il rischio che non imparino a comunicare verbalmente?

Dipende dal bambino e dalla sua età. Devono essere invitati a esprimere il malessere sia attraverso strumenti non verbali sia con l’uso della parola. Dobbiamo favorire entrambi i tipi di comunicazione.

Come vive un bambino la violenza non indirizzata direttamente a lui?

Certamente può creare sofferenza. Quanto questa lo tocchi dipende da fattori come età, sensibilità, momento evolutivo che sta attraversando. Può sentirsi confuso, impotente, in colpa, pensando che la situazione avvenga per causa sua. Quando i soggetti sono i genitori sarà indirettamente portato a schierarsi con uno o con l’altro. Questo crea molta sofferenza perché anche in questi casi vive una doppia lealtà. È confuso perché non capisce come mai si stiano comportando così un papà o una mamma che gli vogliono bene.

Quali sono i campanelli d’allarme?

Possono essere una serie di manifestazioni somatiche che di solito non manifesta, come difficoltà alimentari e modifica del ciclo sonno-veglia. Ci sono poi i cambiamenti dell’umore o del comportamento. Per esempio un bambino che improvvisamente parla poco quando di solito chiacchiera ed esprime emozioni. A scuola potrebbe essere meno attento con un calo nel rendimento, più aggressivo, non tollerare più determinate regole o al contrario essere maggiormente propenso a fare la vittima. La cosa complicata è capire se il bambino sta semplicemente attraversando una diversa fase evolutiva o se invece sta buttando fuori episodi di violenza subita o sofferenza repressa. Per esempio se si trova in un momento di emancipazione potrebbe anche essere più trasgressivo. Dobbiamo sempre contestualizzare cercando di farlo in modo corretto, altrimenti si rischia di fare grossi errori in un senso o nell’altro.

Quali sono gli effetti negli anni a venire?

Trascuratezza, violenza fisica, psicologica o sessuale possono avere tutte degli effetti devastanti. Faccio alcuni esempi di situazioni dannose non legate all’incesto, atto comunemente definito devastante. Un bambino che non è desiderato e non riesce a creare un legame significativo con uno o entrambi i genitori. Quello di seconda classe, che non sarà mai all’altezza del fratello agli occhi di mamma o papà. Quello perennemente squalificato a cui viene detto di essere stupido, di non valere niente, che magari viene pure picchiato e pensa dunque di meritarselo. Ecco, questi bambini crescono sofferenti e con un grossissimo deficit di autostima, con l’idea e l’impressione di non valere niente e quindi di non poter essere amati. In materia di traiettorie di vita tutto ciò può condurre ad adolescenti traumatizzati a rischio di dipendenze dove la sostanza lenisce le sofferenze. Oppure autolesionisti, che potrebbero compiere atti suicidari. Come pure adulti antisociali, che finiscono in carcere per vari crimini o coinvolti in episodi di violenza.

Il percorso psicologico è l’unica strada?

Se parliamo di queste conseguenze pesanti legate a violenze e traumi direi assolutamente di sì. Per i bambini la psicoterapia è un buono strumento. Prima di tutto hanno bisogno di sentirsi accolti, ascoltati, capiti e creduti. Dobbiamo aiutarli a comprendere meglio cosa è successo, cosa ha portato i genitori a fare cose totalmente sbagliate. Questo per eliminare i loro sensi di colpa. Spesso ho sentito di figli che pensano di essere la causa del divorzio dei genitori: ‘Se fossi stato più bravo mamma non si sarebbe arrabbiata e quindi non avrebbe litigato sempre con papà’. Nello stesso tempo bisogna stare attenti a non far passare i genitori come dei mostri. I bambini nonostante tutto vogliono loro bene se hanno stabilito un buon legame di attaccamento.

Come si aiuta invece la persona violenta?

Si tratta di qualcuno che ha bisogno di essere ascoltato. Perché se escludiamo la categoria dei sadici, è lui stesso un sofferente non capito. Deve prendere coscienza di cosa sta facendo e perché. Il bambino è il bersaglio sbagliato della sua sofferenza e rabbia. In questo processo deve essere aiutato perché se alla fine le sue vittime sono i più piccoli vuol dire che da solo non ce l’ha fatta ad autocontrollarsi.

Il sostegno c’è anche per casi meno estremi.

Un papà è venuto in terapia spinto dalla moglie perché il nervosismo che portava in casa stava deteriorando non soltanto la coppia ma anche il rapporto con i figli. Lui ha preso coscienza dell’origine di questo stress e di come buttarlo fuori in altro modo. Da irrespirabile il clima in casa è diventato normale.

Trattate spesso situazioni molto critiche?

In uno studio privato si vedono meno situazioni di estremo disagio familiare che in un servizio pubblico, però ne arrivano. Non sono casi sporadici purtroppo. In casi gravi i bambini possono essere momentaneamente allontanati dalla famiglia.

Durante un litigio davvero i genitori non si accorgono che il bambino sta soffrendo?

Sì, ma non perché siano dei genitori non attenti o distratti. Quando si è immersi nel conflitto difficilmente si riesce a vedere altro. Ce ne si accorge dopo.

A volte si dice ‘è un bambino, non si ricorda’.

Eccome se si ricorda. Chiaro che se si tratta di un episodio unico può essere annacquato in una storia positiva. Quelli di violenza che si ripetono però non vengono dimenticati, lasciano le loro tracce. Lavorare rispetto ai traumi significa partire da una situazione dove essi rischiano di invadere, di contaminare la vita della persona. Con la terapia si vuole riuscire a mettere in un cassetto qualcosa che prima era diffuso. Il bambino sarà poi in grado di aprire e chiudere il cassetto quando deciderà lui. Da una situazione di non controllo assoluto a un controllo relativo. Non potremo mai far finta che in quel cassetto non ci sia qualcosa di brutto, però se posso mantenerlo lì vorrà dire che si sarà fatto un buon lavoro terapeutico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini pierre kahn violenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved