giovani-e-telefonini-come-superare-l-eterno-conflitto
© Shutterstock
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
6 ore

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
5 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
5 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
6 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
6 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
1 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
1 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
2 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
2 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
3 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
3 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Bilancia

Ok, per natura dovreste essere persone con un certo senso della giustizia, dicono... Ma dov’è finita? Vi hanno rubato anche quella? Buon Santo Stefano
Ticino7
4 sett

Sergio Piccaluga e l’eterna fanciullezza dell’artista

"Non osservo i fenomeni per dar conto delle mie emozioni (...). Il vero sforzo è vivere volta per volta attimi di eternità che poi vengono fatti cadere”
Ticino7
4 sett

Parole sull’acqua. Quei sentimenti mai detti

La vera storia di una bottiglia, di un amore, di un lago (quello di Locarno). Perché anche nell’era di TikTok certe cose si posso lasciare solo al destino
Ticino7
4 sett

I videogiochi sono il nuovo ‘oppio del popolo’?

Che passare intere giornate davanti a un video-games non faccia bene è plausibile. Che sia una droga capace di minare uno stato, pure (a quanto pare)
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - La Vergine

Buon Natale! Oggi è un giorno meraviglioso. Per tutti. Cioè, dovrebbe esserlo perché è nato il Salvatore (e se sarete buoni salverà anche voi)
Ticino7
4 sett

Babbo Natale: identikit di un uomo generoso

Ma insomma, chi li porta questi regali: un anziano supereroe vestito di rosso, Santa Claus o un bambinello? Una questione mica di poco conto, eh
Ticino7
4 sett

I bambini, i miti, le bugie e i rituali del Natale

Il manuale del ‘buon genitore’ non esiste, anche se molti lo vorrebbero. Un ruolo spesso messo in discussione da dubbi e domande, pure sotto l’albero
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Leone

"Questo animale è considerato il Re della foresta...." (di solito ai bambini si racconta questo, ma di “regale” ahinoi, nei prossimi mesi ci sarà pochino)
Ticino7
4 sett

Pacchi ludici e consigli per l’uso

Va tutto bene, basta non esagerare. Anche perché lì fuori ci sarebbe un mondo che ha bisogno di noi
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Cancro

Cosa vi aspetta per l’anno nuovo? Non fateci caso, guardate oltre. In fondo dopo il 2022 arriverà il 2023 (e non è detto che sarà peggio del 2021)
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Gemelli

E siamo arrivati ai Gemelli. Che qualcosa di giusto nel prossimo anno combineranno... è il resto che andrà così così (che ci volete fare)
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotà (parte 2)

Eccoci. Questo è il capolinea. Per davvero. Tutti giù, ma con calma... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà, ma ci rivedremo. Contateci
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Toro

Dopo l’Ariete arriva il Toro, si sa. Sarà colpa del solito Covid, ma anche per lui le cose non andranno “benissimo”. Meditate toretti, meditate...
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Ariete

Volete sapere come andranno le cose il prossimo anno? Mmh... no, meglio di no. Ma se proprio proprio, iniziamo con gli ‘amici’ dell’Ariete, dai
Ticino7
1 mese

Un giorno nella vita di una ghiandaia

Vivace e rumorosa, tra i rami si muove con grande agilità compiendo brevi voli e anche grandi salti. E grazie alla sua dieta, i faggeti prosperano
Ticino7
1 mese

Christina Otth: ‘Impara l’arte (del restauro) e applicala!’

"In un negozio una volta comprai del materiale per il cantiere: della sabbia. Mi chiesero se mi serviva per far giocare mio figlio in giardino"
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine 9. Fuga da Bogotá (parte 1)

Ok, questo è il capolinea. “Scendere prego”, ma con calma che qui c’è poco da scherzare... Anzi, quasi quasi ripartiamo subito. Per dove? Chissà...
Ticino7
1 mese

Zone temporaneamente ‘autonome’ (ma virtuali)

Oggi sono qui, domani non si sa. Perché sono ragazzi e cercano le novità: il resto è già vecchio
Ticino7
1 mese

Mercedesz Kantor schiaccia forte, fortissimo

Con due genitori cresciuti a pane e sport professionistico, la probabilità che a casa nasca una fuoriclasse è molto alta. E infatti...
Ticino7
1 mese

Per un pugno di piume (d’edredone)

Quanto sareste disposti a spendere per dormire come dei re? Materasso e albergo “10 stelle” a parte, qui parliamo di piumini e cuscini. Ma molto speciali
Ticino7
1 mese

Corpi vergognosi: vestirsi per nascondersi

Da chi fa il bagno coi jeans, a quelli che non fanno la doccia in palestra per paura di mostrarsi. È il ʻbody-shamingʼ e potrebbe riguardare anche voi
Ticino7
1 mese

Mangiare meno, per sentirsi in forma

Digiunare serve per davvero? È vero che “allunga” la vita? Cosa ha scoperto la ricerca medica in questo ambito? E poi, lo possono fare tutti?
Ticino7
1 mese

Questioni di peso, questioni di mente

Quelle legate all’eccesso di zuccheri e grassi sono le malattie di chi sta benone. O male, e cerca aiuto nel piatto
Ticino7
1 mese

Ricorrenze storiche. Era il 25 dicembre...

Secondo la tradizione è il giorno della nascita di Gesù. Una data, però, legata anche ad altri eventi che hanno fatto storia. Scopriamone alcuni
Ticino7
1 mese

Mastro Geppetto e Matteo Oliva

Non è San Giuseppe e nemmeno il personaggio uscito da un classico della letteratura per ragazzi. Ma i segreti del legno, lui, li conosce benone...
Ticino7
1 mese

‘Canto di Natale’. Un racconto di Giorgio Genetelli

‘E mi addormento come in un letargo, Dicembre, alle tue porte, / lungo i tuoi giorni con la mente spargo tristi semi di morte’ (Francesco Guccini)
18.12.2021 - 17:420
Aggiornamento : 20.12.2021 - 10:20

Giovani e telefonini. Come superare l’eterno conflitto?

Da strumento per comunicare, in pochi anni è diventato il centro di tutto, anche delle nostre vite. Creando non pochi problemi, negli adulti e nei ragazzi

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione

È il dilemma di tutti i genitori. O almeno di quelli che rispetto alla ‘tecnologia ricreativa’ qualche domanda se la pongono: esiste un’età ideale per permettere ai propri figli di avere uno smartphone? E che utilizzo ne dovrebbero fare? Quando è necessario preoccuparsi e quali patologie possono manifestarsi senza un controllo parentale? Una mamma, un docente e alcuni specialisti manifestano il loro punto di vista.


© Ti-Press

1. I GENITORI

Come molti, anche Chiara – una madre il cui vero nome è noto alla Redazione – si è trovata presto confrontata con la richiesta di ricevere il telefonino da parte della figlia preadolescente. Ed ecco che si sono palesate le paure e le domande: è il momento giusto? Come le spiego che lo smartphone può essere uno strumento anche ‘pericoloso’? Dopo alcuni anni di resistenza alle suppliche della figlia (“Mamma, ma tutti i miei amici ce l’hanno!”) ha trovato una soluzione intermedia: farle usare il proprio.
Quanti anni aveva sua figlia quando avete cominciato a condividerlo?
“Aveva dodici anni. Ho optato per questa soluzione perché non la ritenevo ancora pronta per averne uno proprio, ma c’erano comunque delle esigenze legate allo studio e allo sport. Infatti, alcune comunicazioni venivano date per messaggio”.
Come ha vissuto il fatto di averlo in comune con la mamma?
“Sicuramente le mancava il telefono quando io non c’ero, ma ho preso questa decisione anche per controllarne meglio l’uso. Ovviamente lo utilizzava anche per sentirsi con gli amici. A me andava bene, anche se avevo il timore che si trasformassero in relazioni sempre più virtuali e meno reali. Questo tema è stato oggetto di molte discussioni. Inoltre spesso litigavamo perché lei lo voleva usare per più tempo”.
Alla fine però ha ceduto e gliel’ha comprato...
“Ho deciso di regalarglielo quest’anno, a 14 anni. Ogni tanto devo ancora richiamarla per ricordarle le regole che le ho dato. Soprattutto quella di non utilizzarlo dopo le 21.30”.
Personalmente, cosa la spaventa del telefonino?
“Direi l’abuso degli altri. Persone, di cui lei ovviamente si fida, che potrebbero utilizzare le sue foto per danneggiare la sua immagine, per crearle delle sofferenze psicologiche. Inoltre c’è la possibilità di incappare nel pedofilo di turno o che vengano pubblicate immagini sue su qualche sito. Per questi motivi le ho dato anche delle regole riguardo al tipo di fotografie da pubblicare sui social”.
Ci sono indizi che provano una scarsa prudenza da parte di sua figlia?
“Ricordo di una sera in cui eravamo in macchina ed era contenta per il fatto che avesse 200 follower. Quando le ho chiesto se conosceva tutte queste persone mi ha risposto di no e questo mi ha fatta arrabbiare. Nonostante le avessi spiegato i pericoli della rete ho notato che non è in grado di gestirsi”.
Le chat non la preoccupano?
“In quel caso sono più tranquilla, anche se purtroppo provocano un uso continuo del telefonino. Più chat hai, più sei sollecitata, più ti viene da guardare di cosa si tratta. Per questo motivo quando fa i compiti non le permetto di usarlo. In buona parte i messaggi sono degli scambi ludici, ma sottraggono comunque tempo allo studio”.
Se non avesse regole, sua figlia sarebbe in grado di gestire il telefono?
“No, perderebbe il controllo. Noto infatti che nonostante le siano state date delle regole, ha comunque la tendenza ad abusarne. Questo anche a causa di come sono fatti gli smartphone, che rende dipendenti gli adulti stessi”.
Cosa pensa dei genitori che danno prima il cellulare?
“Penso che sbaglino. A mio parere una buona parte dei genitori concede il telefonino ai figli perché teme di creare delle sofferenze psicologiche o delle frustrazioni nel non averlo, come farlo sentire diverso, più ‘out’. In alcuni casi cedono alle continue richieste o pensano che sia uno strumento in più per controllarli e proteggerli, cosa non vera. Se viene dato a un ragazzo, la motivazione che deve primeggiare è l’utilità. Mi piacerebbe che ci fosse da parte dei genitori maggiore presenza e coinvolgimento nell’educazione dei figli all’uso del telefonino o di altri dispositivi. E che si riescano a fare delle cose insieme ai ragazzi che non siano strettamente legate alla tecnologia”.


© Istituto Pediatrico della Svizzera italiana

2. I MEDICI

“In Svizzera i giovani dai 10 ai 15 anni utilizzano in media le piattaforme elettroniche per 4 ore e mezza al giorno. Nei weekend il consumo arriva anche a otto ore”, spiega il dottor Valdo Pezzoli, primario all’Istituto pediatrico della Svizzera italiana, il quale ricorda che in generale il tempo trascorso davanti agli schermi è in aumento. “Non sono solo le ore di utilizzo a essere preoccupanti – prosegue –, bensì la combinazione di esse con contenuti problematici come i giochi violenti”.
La parola d’ordine per i creatori di applicazioni e contenuti digitali è ‘attrattività’, questo per far sì che le persone rimangano connesse il più tempo possibile: “Gli stimoli che si ricevono sono molto forti e motivanti”, afferma Nadia Zanda, psicologa all’Istituto pediatrico. “Un esempio sono i giochi costruiti a livello. Nei casi di abuso possiamo osservare un peggioramento delle capacità di attenzione e concentrazione nella vita e a scuola. Questo perché le stimolazioni nella vita reale non sono così interessanti e forti come nel gioco”. Spesso i giovani consacrano agli schermi tempo che andrebbe utilizzato per il sonno portando così a “stanchezza e scarsa organizzazione della giornata. Inoltre, durante le ore diurne vi è un riverbero di pensieri legati alle chat o al gioco, che rende tanti ragazzi distratti a scuola”, precisa Pezzoli. Inoltre “la luce del telefono e del tablet interferisce con la produzione di melatonina, ingannando il cervello che di sera non capisce che è il momento di prepararsi a dormire”, ricorda la psicologa.

L’importanza di tutti i sensi

Oltre alla diminuzione della concentrazione e una scarsa igiene del sonno, gli schermi stimolano in maniera molto alta i canali visivo e uditivo a discapito di altri sensi: “Per i bambini molto piccoli è dunque un mezzo limitato – dice Zanda –, poiché per loro è importante conoscere e sperimentare il mondo tramite tutti i sensi: toccando, manipolando, mettendo in bocca, ascoltando il rumore, sentendo la consistenza e la resistenza delle cose. Giocare per troppo tempo col telefono fa perdere al bambino occasioni per interagire con gli oggetti, con il mondo che lo circonda e le persone che gli stanno attorno. Per questo motivo è possibile riscontrare problemi nello sviluppo della comunicazione, del linguaggio, dell’ambito motorio e visuo-spaziale”.
Vi è dunque proprio un aspetto fisico che impone una limitazione degli schermi nei primi anni d’età. “Quando si nasce il cervello non è ancora totalmente formato. Le connessioni neuronali maturano nei primi anni di vita e questo è un processo che è molto sensibile agli stimoli esterni”, afferma il professor Gian Paolo Ramelli, primario sempre all’Istituto pediatrico. Oltre alla questione legata agli stimoli è stato dimostrato da alcuni studi che “la diffusione delle onde elettromagnetiche nel cervello di un bambino è molto più importante rispetto a quella di un adulto. Consiglio dunque che il cellulare venga tenuto il più lontano possibile dall’orecchio di un bambino”.
L’uso dei mezzi tecnologici tocca dunque due aspetti importanti nel bambino e nell’adolescente, afferma Ramelli: “Può cambiare la psiche in quella che è la sua fascia di maturazione e causare possibili alterazioni di tipo organico con conseguenti problemi come la sterilità, se per esempio si tiene per lunghi periodi il laptop in grembo. Come pure adiposi e problemi cardiocircolatori, dovuti al fatto che non si sollecita sufficientemente l’apparato muscoloscheletrico”. Sotto i due anni, il pediatra consiglia di evitare gli schermi: “Bisogna lasciare il tempo ai genitori di interagire con il bambino. Spesso viene dato il telefonino per tranquillizzare i piccoli, ma è una cosa che va assolutamente evitata”. In seguito, fino ai cinque o sei anni, l’uso dei dispositivi tecnologici non dovrebbe superare i 30 minuti al giorno: “Ci sono degli aspetti positivi in questi oggetti, fanno parte delle esperienze ma vanno limitati”. In sostanza, riassume il pediatra, nella prima parte della vita si tratta di una questione quantitativa, cioè di quanto tempo si trascorre davanti agli schermi. Col passare degli anni diventa gradualmente una questione qualitativa, quindi è più rilevante cosa si guarda e a che giochi si prende parte.


© Istituto Pediatrico della Svizzera italiana

Non proibire ma regolare

Quando si cresce il telefonino, soprattutto in pre-adolescenza e adolescenza, ha un fortissimo richiamo sociale: “Questo perché permette di essere in contatto con gli amici, i coetanei, in qualsiasi momento. È un’attrazione potente che crea dipendenza”, spiega Nadia Zanda. “Un esempio tra tanti sono le chat di classe, che si formano sempre prima a livello d’età, dove se non partecipi resti tagliato fuori dal gruppo. Anche i social hanno un richiamo sui ragazzi a età sempre più precoci”.
Ma dunque qual è la soluzione? “Evitare gli estremi. I mezzi informatici hanno comunque dei lati positivi, delle utilità anche didattiche. Togliendoli totalmente si rischia di isolare il ragazzo dal suo gruppo di riferimento, col pericolo di conflitti estremi in famiglia. Nemmeno concedere senza una minima regola va bene. I problemi sono legati all’abuso, non a un utilizzo regolato”. Ruolo importante è dunque quello dei genitori che “devono porre delle regole adatte all’età e alla situazione, come pure dare l’esempio – ricorda la neuropsicologa –. Infatti se un bambino vede la mamma e il papà utilizzare molto il telefonino, esso diventa un oggetto molto interessante per il piccolo, che a sua volta lo vorrà usare più spesso”.
Altro punto da non sottovalutare è, secondo Zanda, l’importanza che i genitori si informino sul funzionamento dei dispositivi e dei loro contenuti. “Alcuni non distinguono la differenza fra un social e un gioco, ma vedono la stessa cosa: una faccia dietro a uno schermo”, le fa eco Pezzoli. “I mezzi elettronici vanno differenziati e ognuno ha una sua caratteristica. Le tecnologie moderne offrono opportunità incredibili che bisogna far conoscere ai ragazzi. Alcune funzioni legate allo svago vanno invece regolamentate, in maniera molto rigorosa per quelle che contengono violenza e pornografia”, dice il pediatra. Regole che però vanno poste sin dall’inizio: “In questo caso generalmente i giovani le accettano. È sbagliato metterle in un secondo momento in maniera proibitiva e correttiva”. Riguardo all’idea di condividere il telefono con il proprio figlio, Pezzoli è scettico: “Bisogna tenere conto dell’individualità e del desiderio di autonomia degli adolescenti. Potrebbe anche funzionare, ma fondamentalmente non è quello che cercano i ragazzi”.


© Shutterstock

3. I DOCENTI

“Tutto deve essere pronto e rapido, non vogliono far fatica”. Ci dice questo Sandro Maglio, insegnante di italiano e latino alla scuola media, riferendosi a molti dei suoi allievi. “Rispetto a dieci anni fa sono più distratti”. Molto è probabilmente dovuto alla tecnologia che ha reso le informazioni più veloci, brevi, fruibili. A scuola, e non solo, è però necessario analizzare, restare concentrati per più dei 30 secondi di un video su TikTok. Cosa può fare dunque un insegnante? “Avere pazienza e dimostrare la validità del metodo di lavoro che propone. Non è facile, in quanto docente non si vedono subito i frutti. Si semina, sperando che qualcosa germogli”. Internet non è certo da demonizzare: “È uno strumento potentissimo, una miniera di sapere. Purtroppo, però, gli smartphone hanno aumentato la richiesta di informazioni – le persone vogliono in continuazione contenuti nuovi –, ma diminuito l’attenzione e la capacità di analisi. Ho notato che i giovani che usano poco questi strumenti sono i più svegli, reattivi, curiosi”.

ʻSono visto, quindi esisto’

A essere toccate dalle nuove tecnologie non sono solo le capacità cognitive, ma anche quelle relazionali: “Manca sempre di più l’aspetto della corporeità”, osserva Maglio. “I ragazzi comunicano maggiormente attraverso i social. Per esempio, su Instagram è possibile far partire una diretta e i tuoi amici vedono cosa stai facendo. Diventi una piccola star planetaria, perché potenzialmente ti possono vedere in ogni parte del mondo. Attraverso queste piattaforme sei dunque qualcuno. ‘Sono visto quindi esisto’”. Comunicare attraverso gli smartphone rende tutto un po’ meno vero: “È uno schermo in tutti i sensi, anche delle emozioni. Ho l’impressione che i ragazzi non riescano a imparare a relazionarsi in modo sano con l’altro. Per esempio, un litigio è un momento importante nella crescita di una persona, ma farlo per messaggio non è la stessa cosa. Comunicando così vengono a mancare i segnali del corpo, che poi non si imparano. Sono stati sostituiti dalle emoticon, che possono essere ancor più fraintese. I messaggi non verbali sono importanti. Nei momenti di bisogno possono mandare un messaggio rassicurante, sono in grado di far sentire le persone capite, prese in considerazione. Per esempio, alcuni miei ex allievi quando mi vedono nei corridoi alzano il pugnetto, mi cercano per un gesto di saluto, è una dimostrazione di affetto che sarebbe davvero brutto se scomparisse. Non dobbiamo lasciare che questi strumenti ci rubino la nostra umanità. Sono importanti ma non possiamo diventarne schiavi. A volte mi chiedo: e se un giorno dovesse mancare l’elettricità o la rete? Saranno capaci di comunicare l’uno con l’altro?”. La scuola sta introducendo alcuni strumenti digitali e spesso, invece che con carta e penna, i giovani redigono i testi al computer: “Ci sono certamente dei vantaggi, ma al tempo stesso si perde in manualità. Molti hanno una calligrafia illeggibile o non sanno più tenere in ordine un classificatore”.

Come dei baby-sitter

Anche la questione stanchezza in classe non è da sottovalutare: “A volte arrivano a lezione stravolti perché sono rimasti davanti allo schermo fino a ora tarda, senza un controllo da parte dei genitori”. Ovviamente non bisogna generalizzare, ma a volte “questi strumenti diventano come dei baby-sitter: mio figlio è lì tranquillo e non mi dà problemi”. C’è anche da dire che “viviamo in un momento storico in cui noi adulti siamo molto sotto pressione dal punto di vista professionale. Il tempo da dedicare ai figli per aiutarli a crescere quasi non si trova. Il lavoro succhia ogni energia fisica e morale. Se già in condizioni normali educare richiede molto impegno e fatica, pensa a quando non hai il tempo e le forze per farlo...”.


© Shutterstock


© Ti-Press

© Ti-Press
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved