fare-musica-da-giovani-mantiene-il-cervello-piu-connesso
Connessioni (Keystone)
26.01.2021 - 13:01
Aggiornamento : 16:24

Fare musica da giovani mantiene il cervello più 'connesso'

I ricercatori di Zurigo sulla rivista ‘JNeurosci’ dicono anche che i musicisti sono meno a rischio demenza. Ma l'orecchio assoluto rimane un mistero...

Ats, a cura de laRegione

Fare musica si riflette nella struttura del cervello, riportano ricercatori di Zurigo sulla rivista specializzata ‘JNeurosci’, secondo i quali le connessioni neurali tra gli emisferi destro e sinistro del cervello sono più pronunciate nei professionisti della musica che nei laici. Il team di ricerca guidato dal neuroscienziato Lutz Jäncke dell'Università di Zurigo ha utilizzato metodi di imaging per analizzare le reti neurali nel cervello di 50 non musicisti e 103 musicisti professionisti, studenti di musica o musicisti dilettanti ben addestrati. Dallo studio è emerso che le aree uditive degli emisferi cerebrali destro e sinistro dei musicisti funzionavano in modo molto più sincrono ed erano più strettamente collegate tramite i tratti nervosi rispetto ai laici. Avevano anche un "sistema di cavi" molto più pronunciato tra i centri dell'udito e vari lobi del cervello che elaborano informazioni complesse.

"Sospettiamo che anni di formazione abbiano sincronizzato le regioni del cervello dei musicisti professionisti", spiega Jäncke. La coordinazione appresa tra l'udito e le attività motorie – come far scorrere le dita sui tasti del pianoforte – lascia tracce gradite nel cervello. Secondo Jäncke, i musicisti riescono bene anche negli esercizi di memoria e, secondo studi osservazionali precedenti, hanno meno probabilità di sviluppare la demenza. È stato anche dimostrato che i musicisti che hanno iniziato la loro formazione in giovane età avevano connessioni migliori rispetto agli ultimi bloomers: “Lo studio mostra che il talento e l'attitudine possono essere presi in considerazione attraverso la formazione precoce”, dice Jäncke. Musicisti classici particolarmente eccezionali avrebbero iniziato a fare musica quasi senza eccezioni durante l'infanzia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cervello jneurosci musica zurigo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved