laRegione
la-via-open-access-dell-universita-della-svizzera-italiana
Il campus Usi con, sulla sinistra, la biblioteca (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
5 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
8 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
23 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
1 gior

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
2 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
2 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
2 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
3 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
3 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
4 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Scienze
12.12.2020 - 17:150

La via open access dell’Università della Svizzera italiana

L’Usi si è dotata di linee guida per le pubblicazioni scientifiche ad accesso libero. Intanto la biblioteca universitaria esce dal sistema cantonale

Una ricerca sempre più aperta: cresce l’interesse verso l’open access, l’accesso libero agli articoli scientifici, con università e altri enti di ricerca che si dotano di regolamenti per favorire questo tipo di pubblicazioni. E anche riviste “ad accesso chiuso”, come la prestigiosa ‘Nature’ i cui articoli sono normalmente accessibili solo a pagamento, si dotano di sezioni open access.

In concreto, pubblicare in open access significa che l’articolo è liberamente accessibile fin dall’inizio a chiunque attraverso il web: ai cittadini comuni e alle università stesse che non devono pagare costosi abbonamenti, il cui peso economico è aumentato nel tempo assorbendo una parte importante del budget delle biblioteche universitarie. Il sistema tradizionale, “chiuso”, prevede invece che i risultati della ricerca siano pubblicati in riviste a pagamento; negli ultimi anni si è sviluppata anche una terza via, ibrida, che permette la pubblicazione ad accesso aperto di singoli articoli, previo ulteriore pagamento, di norma da parte dell’autore. La novità dell’accesso aperto consiste nel fatto che la pubblicazione dei risultati della ricerca richiede ancora un versamento, che va però a favore dell’intera comunità.

L’Usi, l’Università della Svizzera italiana, si è recentemente dotata di linee guida per l’open access. «Più che un cambiamento è un adattamento alle posizioni assunte dalle università svizzere» ci spiega Davide Dosi, direttore della Biblioteca universitaria Lugano. Le linee guida, infatti, «rientrano nella strategia di swissuniversities sull’accesso aperto alla ricerca: è seguendo le indicazioni elaborate all’interno dell’associazione mantello delle università svizzere che siamo arrivati alle nostre linee guida, che costituiscono una buona “via di mezzo” tra i vari approcci, dai più rigidi a quelli più leggeri».

Qual è quindi il contenuto di queste linee guida? «L’obiettivo è fornire un quadro di riferimento a chi lavora all’Università della Svizzera italiana: il tema è complesso ma un primo punto è che gli autori di studi o ricerche dell’università devono depositare in un archivio istituzionale una copia delle loro pubblicazioni». L’archivio è accessibile anche dall’esterno e si tratta di un obbligo che riguarda tutte le pubblicazioni, anche quelle nelle riviste ad accesso chiuso: «Per fare questo bisogna tenere in considerazione i vincoli contrattuali con le case editrici: se l’editore stabilisce un periodo di embargo, ad esempio sei mesi o un anno dopo la pubblicazione, allora nell’archivio si potranno reperire solo i metadati dell’articolo, come il titolo e il nome dell’autore e della rivista, ma il testo completo non sarà accessibile fino allo scadere dell’embargo».

Le linee guida prevedono poi la raccomandazione di preferire riviste ad accesso libero. «È un invito a scegliere quelle riviste che pubblicano direttamente in open access: per fare questo l’Università, come anche il Fondo nazionale per la ricerca scientifica, sostiene le spese di pubblicazione». Percorrendo questa strada – chiamata ‘gold road’ – «si paga la rivista che mette a disposizione le infrastrutture e la revisione, ma la pubblicazione è immediatamente disponibile senza embarghi o limitazioni» conclude Dosi.

Via che al momento all’Usi rimane facoltativa. Il numero di riviste open access è in aumento e alcune di esse hanno un alto Impact factor, un valore che ne indica l’importanza accademica; tuttavia per la carriera di un ricercatore può essere preferibile inviare il proprio lavoro a una rivista “tradizionale”, a pagamento. «Cambia molto a seconda delle discipline: ognuna ha le sue riviste di riferimento e chiaramente si cerca di pubblicare prima su quelle, perché le alternative open access non sono ancora allo stesso livello». La via scelta dall’Usi «lascia quindi al ricercatore la libertà di scegliere dove pubblicare il proprio lavoro, con l’obbligo di deposito in un repository istituzionale che salvaguardia l’istituzione che finanzia la ricerca». I due sistemi dovranno insomma convivere e per le università occorrerà continuare ad abbonarsi alle riviste a pagamento. Anche su questo fronte, aggiunge Dosi, ci sono delle novità. «swissuniversities sta contrattando degli accordi nazionali con le principali case editrici scientifiche, accordi che coprono sia l’accesso alle riviste, sia la pubblicazione da parte dei propri affiliati». Accordi del genere sono già stati conclusi con Elsevier e Springer Nature, mentre con Wiley non si è ancora giunti a una soluzione accettabile per entrambe le parti.

Dal Sistema bibliotecario ticinese a swisscovery

Nei giorni scorsi è stato ultimato il trasferimento dei cataloghi della Biblioteca universitaria di Lugano e della Biblioteca dell’Accademia di architettura di Mendrisio su swisscovery, la nuova piattaforma nazionale che riunisce 470 biblioteche universitarie e scientifiche in tutta la Svizzera.

Con questo passaggio le biblioteche dell’Usi escono dal catalogo del Sistema bibliotecario ticinese (Sbt), con cui comunque si continuerà a collaborare. In poche parole, da adesso consultando il catalogo Sbt non sarà dunque più possibile trovare le risorse disponibili nelle biblioteche universitarie e viceversa. “È una decisione sofferta, che abbiamo dovuto prendere per poter fare parte di una piattaforma che riunisce la gran parte delle biblioteche universitarie e scientifiche svizzere” ha affermato Davide Dosi.

Questo trasloco virtuale si sovrappone, per la Biblioteca dell’Accademia, con un trasloco fisico nella nuova sede a Palazzo Turconi, sempre all’interno del campus di Mendrisio. La biblioteca rimarrà temporaneamente chiusa e i servizi saranno sospesi fino al 31 gennaio 2021. Come spiega Angela Windholz, responsabile della Biblioteca, “il Palazzo Turconi rinnovato sarà di nuovo un luogo per tutta la comunità non solo accademica ospitando una Bibliothèque d'Art et d'Archéologie per il Ticino. La nuova sistemazione consentirà in particolare di dispiegare a scaffale aperto il nostro intero repertorio di volumi". 

© Regiopress, All rights reserved