sanremo-mahmood-blanco-e-tutti-gli-altri-brividi
ULTIME NOTIZIE Culture
JazzAscona
8 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
9 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
10 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
10 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
12 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
13 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
13 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
15 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
19 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
22 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
2 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
3 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
3 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
3 gior

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
3 gior

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
3 gior

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
3 gior

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
3 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
4 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
4 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
4 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
4 gior

Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo

Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
4 gior

Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi

Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Scienze
4 gior

Sensore biodegradabile sottopelle rileverà efficacia farmaci

Più sottile di un francobollo, biocompatibile e bioriassorbibile. Aprirà la strada a nuove procedure cliniche e diagnostiche
Musica
4 gior

Johnny Depp in Europa con gli Hollywood Vampires

Lo scorso marzo la band era stata costretta a cancellare le date già programmate a causa della pandemia da Covid-19
Culture
4 gior

Oliviero Toscani in mostra a Milano per i suoi 80 anni

Esposti a Palazzo Reale 800 scatti del maestro, che incorona Chiara Ferragni: ‘Usa la fotografia nel modo più moderno, non sa fotografare ma non importa’
Musica
4 gior

Domenica ‘tambureggiante’ con Le Percussioni di Strasburgo

Con ritmo nella Hall del Lac per il 60esimo dell’ensemble, per LuganoMusica domenica 3 luglio alle 11
Sogno o son Festival
laR
 
07.02.2022 - 10:28
Aggiornamento: 09.02.2022 - 14:24

Sanremo: Mahmood, Blanco e tutti gli altri ‘Brividi’

Lasciamo la Riviera con molta buona musica nelle orecchie, ivi riassunta. E con questo è tutto: con le mani, con le mani, ciao ciao

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Matteo Salvini questa volta non avrà nulla di cui lagnarsi: insieme a Mahmood, Sanremo l’ha vinto un ragazzo di Calvagese della Riviera, un posto grazioso che sta sul Lago di Garda, sponda bresciana. Si chiama Blanco, di cognome fa Fabbriconi, il padre è originario di Roma ma la madre è lombarda. Dovrebbe essere sufficientemente autoctono per il senatore che all’occorrenza cita De André e che nel 2019 riuscì a fare campagna politica sulla pelle di Alessandro Mahmoud da Milano, voce unica e fior d’autore, senz’altro più italiano di lui. Di ‘Brividi’, tempesta perfetta tra modernità e quattro quarti classico, si può soltanto provare l’effetto nel titolo.

Addio Sanremo bella (chi ha vinto)

Non c’erano i cartonati, riproduzioni in scala 1:1 dei cantanti in gara di fianco ai quali, ogni anno, il popolo delle canzoni si fa le foto e solo alla fine disegna i baffi. Mai come quest’anno di cartonati c’era bisogno, visto che le stelle erano uccelli di bosco per il timore (terrore) che il Covid mandasse in vacca il lavoro di un anno o di una vita. Lasciamo Sanremo e le signore impaillettate tornate a occupare camere d’albergo insieme ai rispettivi infraccati mariti, o con le amiche di una vita, col posto in prima fila all’Ariston, ma anche la balconata “populista” (Checco Zalone) val bene un Armani (vestito).

Il 72esimo Festival della canzone italiana l’ha vinto Amadeus, santo subito, e con lui ha vinto Sanremo, entrambi non più imprescindibili da Fiorello, che il miracolo lo ha fatto lo scorso anno ma che stavolta ha avuto comunque il merito di spingere la nave in acqua: “Se fai un gol nei primi minuti sei avvantaggiato per il resto della partita”, dice il presentatore nella conferenza stampa conclusiva. E nella serata d’apertura, il medley di canzoni tristi cantate come fossero allegre, con il presentatore di spalla a declamar tristezza come fosse giubilo, è stato un capolavoro di nonsense. Sempre di martedì, hanno vinto le lacrime di Damiano dei Måneskin, resosi forse conto di tutta la strada fatta undici mesi dopo ‘Zitti e buoni’.

Ha vinto Cesare Cremonini, ospite dai contenuti altissimi, ha vinto Iva Zanicchi cui il berlusconismo, musicalmente parlando, non ha mai giovato, ma che andava giudicata così come si giudicherebbe il no-vax Van Morrison o la non-filosofica Orietta Berti, ovvero per l’interpretazione, impeccabile. Perché la canzone popolare non è solo quella ‘del territorio’. Ha vinto la voce di Veronica Lucchesi, metà della Rappresentante di Lista, e un ‘Ciao ciao’ da ascoltarsi al mattino con i gipfel e il latte macchiato; ha vinto Michele Bravi, tra gli interpreti più intensi, poco aiutato da ‘Inverno dei fiori’; hanno vinto Ditonellapiaga e Rettore perché girando la manopola della radio (concetto vintage) si finisce prima o poi per ascoltare ‘Chimica’. Quanto ai rapper messi di fronte a Tenco, e a questa non necessaria fregola (di chi li produce) di cantare invece di rappare, la lezione di Anastasio su come fare proprio un classico della canzone italiana è sempre valida.

Ritenta, sarai più fortunato

Un appunto alla regia, alle telecamere impallate dal cameraman davanti, agli obiettivi non puliti, alle voci dell’uno sulla faccia dell’altro, alla perdita di gesti televisivamente importanti, ora che una linguaccia dei Måneskin vale quanto una dei Kiss: il Cisa di Locarno si rivolga altrove se mai volesse imparare a raccontare con le immagini la musica che non sia un’orchestra sinfonica alle prese con Brahms, o un chitarrista che suoni Segovia. È un appunto che viene da prima della pandemia.

Tra chi non ha vinto, sebbene unica per talento, rassicurante al cospetto di Aretha Franklin nella notte delle cover, con ‘Ti amo non lo so dire’ c’era Noemi, sospesa nel limbo degli autori ‘un tanto al chilo’ di proprietà delle major, scelta che pare una rinuncia di partenza al volersi prendere qualche rischio (non basta il Mahmood coautore). In questo senso, vince Massimo Ranieri che si è fatto scrivere ‘Lettera di là dal mare’ da un tizio con la barba folta che non possiede un telefono cellulare e fa vita da eremita, ma trova il tempo e l’ispirazione per scrivere ‘Occidentali’s Karma’, ‘Amen’ e altro di suo anche per Mina. Si chiama Fabio Ilacqua, i tromboni della critica hanno scritto che ‘Lettera di là dal mare’ sarebbe una cosa vecchio stile, ma anche ‘Let It Be’ è una canzone vecchia ed è dal 1970 che il mondo tenta di scriverne un’altra e probabilmente non ci riuscirà mai più. A questo proposito…

Fili di perle

“La notte non finisce mai, l’America lontana di là dal mare”. Giacca scura con profilo paillettato blu-argento, quando Massimo Ranieri, la sera della finale, finisce di cantare, riceve il grazie di Amadeus per avere accettato l’invito e per l’essere stato lì, poco dopo le 21, a cantare la cosa più bella ascoltata quest’anno, l’anno scorso, quello prima e quello prima ancora. Ranieri è in voce, la performance è quella definitiva. “Qualcuno grida terra, terra, terra”, canta Massimo, e noi siamo tratti in salvo. Il Premio della critica Mia Martini non è il risarcimento per una voce che per due sere è naufragata, ma l’omaggio di chi dovrebbe capirci di musica al De Filippo della canzone, che quando tutto è concluso ed è quasi l’alba, in sala stampa dice: “Sono emozionato, teso, perché nel mio filo di perle che mi porto idealmente appresso ci sono tutti coloro che mi hanno voluto bene, amato e fatto crescere come uomo, da quel genio di Strehler a Luchino (Visconti, ndr), da Vittorio (De Sica, ndr) a Steno, a Lelouche. In questo filo di preziosissime perle oggi ne aggiungo una particolare, inimmaginabile, meravigliosa”.

Riferendosi alla canzone: “Vi sono riconoscente perché avete capito il problema che viviamo ancora oggi. E io, migrante, lo sono stato”. La storia è quella che abbiamo riportato venerdì, il Ranieri ragazzino sulla Cristoforo Colombo nell’oceano con Sergio Bruni, monumento della musica napoletana che l’aveva voluto con sé. “Grazie per questo premio, la canzone ha bisogno di essere difesa”.

Singole perle

“Se Elisa avesse cantato nuda ci saremmo concentrati comunque sulla canzone” (Valerio Scanu), che non è un’offesa alla femminilità ma un affondo dell’ex vincitore di Sanremo (“In tutti i luoghi in tutti i laghi”) sul nude look di Irama e Rkomi, arrivato prima delle canzoni. Elisa, seconda e di bianco vestita – “Come ventun anni fa, sì, voleva essere un gioco”, dice nella notte – ha cantato ‘O forse sei tu’, brano tecnicamente detto ‘sei ottavi’ ma che a tutti gli effetti è o si può ballare come un valzer. Per la qualità della composizione, ‘O forse sei tu’ ha vinto il Premio Giancarlo Bigazzi assegnato dall’Orchestra del Festival. Risuonano qui parole udite prima che Sanremo cominciasse: “Quando si smetterà di parlare di cantautorato femminile e si dirà soltanto cantautorato?” (Ditonellapiaga).

La perla di Gianni Morandi, terzo classificato, è: “C’è una motivazione per questo premio o è solo perché ero amico di Lucio Dalla?”. A Gianni Morandi, nello stesso posto a ritirare il Premio della sala stampa Lucio Dalla, spiegano che il riconoscimento gli arriva in quanto ‘Apri tutte le porte’ è il brano più votato dalle radio e dalle tv. Chiarito questo: “Non posso dimenticare Lucio che dieci anni fa è mancato, e che quell’anno fu a Sanremo quasi costretto da me. Se ne andò soltanto quindici giorni dopo”.

Felice per un terzo posto inaspettato – “Ci sono tre generazioni su questo podio, gli anziani, le vie di mezzo e i giovani”, aveva detto poco prima sul palco – riflette: “Sono nato quando sono nati i Beatles, i nostri primi dischi sono usciti forse a dieci giorni di distanza. Ma la mia fortuna più grande è stata il lungo stop dal 1973 al 1981, quando mi sono messo a studiare il contrabbasso”. Negli anni dell’oblio, le teche Rai annoverano il momento: un Morandi in borghese a ‘Domenica In’ all’interno di un’orchestra per suonare il suo strumento, nell’anonimato tipico di un musicista di fila e non sotto i riflettori dell’eterno ragazzo, il più ufficiale dei soprannomi, sul quale, prima di salutare, Gianni cita Fiorello: “Tra l’eterno ragazzo e l’eterno riposo è un attimo”.

Evasa per l’ennesima volta la pratica “Ma la presenza di Jovanotti ha condizionato il voto?” (chiunque si presenti con Jovanotti su un palco condiziona il voto), gli chiedono se lui si sia Jovanottizzato: “Semmai è Lorenzo che si è Ammorandato”, risponde.

Non fatelo a casa

Come gli amici che s’installano in casa tua e ti svuotano il frigo e ti penti di averli invitati, Gianluca Grignani, un tempo bello come il sole, è venuto a prendersi lo spazio di Irama per provare la botta di vita del Festival come ai bei tempi di ‘La mia storia tra le dita’, mollando il collega da solo sul palco per farsi un bagno di folla in platea alla faccia sua. Tra chi loda il momento ‘felliniano’ e chi denuncia l’accanimento mediatico su di una persona che ha dei problemi, spostiamo l’attenzione sulle canottiere di Giovanni Truppi, unica bruttura di una bella canzone (‘Tuo padre, mia madre, Lucia’).

E poi c’è Tananai: premio all’autoironia quando sui social ride di gusto di sé per non essere proprio il massimo dell’intonazione – “Oh raga, pensavo di avere fatto una figata, torno a casa e mi rivedo: tiravo le stecche” – ma anche premio alla scortesia, la stessa di occupare un posto a sedere sul bus quando c’è una donna incinta in piedi. Perché a volte è meglio ‘Tali e quali’: sono le copie degli originali, è vero, ma almeno cantano da dio.

Bla bla bla

Nota finale di biasimo a tutti quelli che – anche se in nome della critica musicale e dell’intrattenimento – fanno le pagelle, criticano la scelta delle canzoni, delle canottiere, i nude look, i vestiti fatti coi vetri rotti (Noemi di sabato). Tutti coloro i quali, più in generale, si sono fatti per una settimana intera gli affari degli altri. Compresi noi, certamente, che a furia di parlare dei cantanti ci sono venute in mente le parole di Elio di Elio e le Storie Tese, uno dopo il quale Sanremo non è più stato lo stesso: “Ma saranno anche affari loro...”. E con questo è tutto: con le mani, con le mani, ciao ciao.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blanco mahmood sanremo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved