fatti-mandare-dalla-mamma-a-vincere-sanremo
Apre tutte le porte (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
JazzAscona
9 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
9 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
10 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
11 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
13 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
13 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
13 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
15 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
20 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
23 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
2 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
3 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
3 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Sogno o son Festival
05.02.2022 - 01:47
Aggiornamento: 02:18

Fatti mandare dalla mamma a vincere Sanremo

Magari non vincerà il Festival, ma la gara delle cover è di Morandi, con Jovanotti. Classifica generale: Mahmood-Blanco primi, Elisa 2ª, Morandi 3°.

Al primo posto Gianni Morandi e Jovanotti con un medley diviso due, poi Mahmood e Blanco ne ‘Il cielo in una stanza’ di Paoli, terza Elisa versione ‘Flashdance’ in ‘What A Feeling’. Il plotone di votanti si è così espresso nella notte delle cover. Ariston in piedi al suono di ‘Occhi di ragazza’/‘Un mondo d’amore’/‘Ragazzo fortunato’/‘Penso positivo’, con l’orchestra affidata a Mousse T. La classifica generale è confermata: primi Mahmood e Blanco (‘Brividi’), seconda Elisa (‘O forse sei tu’), terzo Gianni Morandi (‘Apri tutte le porte’).

Sessanta, settanta, ottanta, novanta

Quando a Sanremo arriva il venerdì, una volta liberate nelle radio e nella Rete che diffonde invece di pescare, le 25 canzoni del Festival cominciano a diventare socievoli come uno di famiglia. I vescovi si tacciono, i critici contagiano (il virus si è preso un paio di posti a sedere in Sala stampa), gli animi si placano, le pagelle si rilassano, “le nebbie si diradano” e le certezze dilagano: vince Mahmood, vince Elisa, vince Tananai (che adesso è ultimo) e altre voci di corridoio come “ha segnato Zoff di testa da calcio d’angolo”.

Risolto il problema del fabbricatore di pass falsi per le aree off-limits, scovato dalla Polizia e reso innocuo, Sanremo può celebrare la canzone italiana e (novità) internazionale, gli evergreen della musica collocabili tra i favolosi anni sessanta e gli (in certi casi) favolosi anni novanta, dal twist al grunge, dall’hully gully al metal, da Orietta Berti a Ozzy Osbourne. È di venerdì, nella notte delle cover o dei duetti, che anche i più strenui detrattori della ‘canzonetta’, capitati ‘per caso’ sul primo canale della televisione italiana ad ascoltare ‘più che altro per curiosità’, s’accorgono della ricchezza del suo canzoniere. Detto questo…


Aretha Noemi Franklin (Keystone)

Il Tenco, Sangiovanni e Santa Mannoia

Il viaggio tra le grandi canzoni e i relativi grandi autori inizia con ‘(You Make Me Feel Like) A Natural Woman’, per l’interpretazione della vera Noemi che tende ad Aretha Franklin restando, splendidamente, Noemi. Mancando Brunori Sas, che a Sanremo non ci verrà probabilmente mai (magari da ospite, come giovedì Cremonini), Giovanni Truppi in un’altra delle sue proverbiali canottiere è quest’anno rappresentante unico del cantautorato italiano, qui con Vinicio Capossela, uno dei suoi caposcuola, e Mauro Pagani garante: parte ‘Nella mia ora di libertà’ di Fabrizio De André e il Festival di Sanremo si trasferisce al Premio Tenco, cugino snob del Festival, nel medesimo teatro in cui entrambe le manifestazioni si tengono.

‘My Way’ cantata dal giovane Yuman si fa notare più per la presenza di Rita Marcotulli, gigantessa del jazz, e ‘Live And Let Die’ degli Wings di McCartney più per l’ovazione che accoglie il Maestro Vessicchio, negativizzato e al pianoforte, con Le Vibrazioni e Sophie and The Giants un passo indietro a Peppe e a Paul. Bravo Sangiovanni, brava Fiorella Mannoia a prendersi entrambi cura di quel manifesto della coerenza chiamato ‘A muso duro’ di Pierangelo Bertoli, che l’orchestra ridisegna il giusto per essere bellissimo. “Canzoni di questa grandezza annullano qualsiasi barriera, qualsiasi differenza anagrafica”, dice Fiorella.


Sangiovanni e Fiorella Mannoia (Keystone)

Da ‘Flashdance’ a Sir Elton

Congedato l’imbarazzante tentativo di Emma e Francesca Michielin su ‘…Baby One Time’, vestiti da Mr. Torrence e Mr. Grady di ‘Shining’, Gianni Morandi e Jovanotti scrivono un po’ di storia della tv: il medley è roba da fuori concorso, e la loro è anche la vittoria di Amadeus. Poco dopo Elisa, in ‘What A Feeling’ da ‘Flashdance’, con Elena D’Amario in parte della coreografia originale, riesce là dove Emma e Michielin falliscono (con tanti saluti da Giorgio Moroder in videomessaggio da casa, con Oscar e Grammy alle spalle). A seguire, Achille Lauro e Loredana Berté, in ‘Sei bellissima’, sono quasi bellissimi.

Matteo Romano con Malika Ayane, ‘Your Song’, accarezzano Elton John (lode all’arrangiamento del maestro Valeriano Chiaravalle); Gianluca Grignani abbandona Irama sul palco e va a cantarsi ‘La mia storia tra le dita’ da solo tra il pubblico, in un duetto che trasuda di mai provato, e a rimetterci è soltanto quello in gara. A orari ancora umani, la tradizione melodica italiana si prende il palco con ‘Canzone’, Iva Zanicchi in duetto con Milva grazie al digitale, in una versione rock-blues del brano di Don Backi e Detto Mariano che tanto sarebbe piaciuta a Gary Moore: rispetto.

Sorvolando qua e là si arriva ad ‘Anna verrà’, in un arrangiamento che gioca d’attesa tutto il tempo per riprendere l’incedere originale della versione di Pino Daniele, il suo autore, solo verso la fine: Massimo Ranieri torna Massimo Ranieri, Nek limpidamente a volte lo sostiene e il pubblico si alza. Con esso, idealmente, si alza tutta Napoli.


Massimo Ranieri e Nek (Keystone)

Monoliti

C’è chi recupera monoliti come ‘La bambola’, e cioè Dargen D’Amico, che consegna "i fiori all’orchestra che ha fatto i miracoli con me”, e il miracolo è riuscito. E chi come Highsnob e Hu cantano Tenco e in ‘Mi sono innamorato di te’, nella splendida orchestrazione di Enrico Melozzi, non possono fare peggio di Achille Lauro al Tenco (Premio) quando l’uomo della ‘Domenica’ affossò ‘Lontano lontano’. Rkomi omaggia Vasco nella seminudità, Michele Bravi omaggia Battisti con tanto cuore in ‘Io vorrei... non vorrei... ma se vuoi’. Il monolite Battisti cade sopra Giusy Ferreri in ‘Io vivrò senza te’ con Andy dei Bluvertigo e anche su Mahmood e Blanco (‘Il cielo in una stanza’), ma la fan base ha apprezzato ed è quello che conta per arrivare a sabato. Altro non è successo, se non che Fabrizio Moro ha maltrattato ‘Uomini soli’ dei Pooh. E poi c’era Tananai.

Quel poco di non musicale accaduto, forzatamente ridotto, ha visto la co-conduttrice Maria Chiara Giannetta in un gradevole sketch con Maurizio Lastrico dapprima, poi accanto ai cinque ‘guardiani’ che le hanno fatto da coach nell’entrare nel personaggio della non vedente Blanca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elisa festival flashdance jovanotti mahmood sanremo tenco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved