sanremo-yuman-ora-e-qui-e-sinatra-a-modo-mio
Yuman, ‘Ora e qui’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
8 min

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
10 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
10 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
11 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
11 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
13 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
14 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
14 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
16 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
20 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
1 gior

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
2 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
3 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Sogno o son Festival
01.02.2022 - 18:42
Aggiornamento: 03.02.2022 - 10:33

Sanremo: Yuman, ‘Ora e qui’ e Sinatra a modo mio

Voce duttile per un gran bel brano soul in gara. Di venerdì, con la signora del jazz Rita Marcotulli al pianoforte, omaggio a The Voice

«La mia giornata tipo è svegliarmi, farmi un caffettino, prendermi un po’ di sole, ascoltarmi un po’ di musica, rilassarmi e ballare nel salone dell’hotel». Altro non si può fare nel Sanremo delle mascherine, dove un giovane all’esordio al Festival si perde i bagni di folla riservati ai coetanei nelle passate edizioni. «Sì, un po’ assurdo. Qui c’è relax, anche troppo». Per un classe ’95, decisamente troppo. «Sanremo è una responsabilità grande e a maggior ragione me la voglio vivere tranquillo. Mi trovo lì in mezzo, c’è tanta tensione, tanto nervosismo, ma io sono una persona ‘chill’, come si dice oggi. Sono rilassato, mi voglio godere il momento, non mi voglio far prendere dall’emozione e perdermelo».

Premessa autoriferita. Noi, coi Giovani, ci abbiamo sempre preso. Mirkoeilcane, Tecla Insolia, Davide Shorty. Ok, sono arrivati secondi e magari adesso ce l’hanno con noi, ma a parte Ultimo che nel 2018 è arrivato primo (il solito stupido gioco di sempre), i primi chi se li ricorda più? Yuman, più brevemente detto Yu, di padre capoverdiano e mamma de Roma, è il vincitore di Sanremo Giovani 2022, trampolino di lancio per il Sanremo 72 che Amadeus ha voluto senza distinzione tra Little e Big. Se ‘Mille notti’, il brano vincente, gli stava addosso bene, ‘Ora e qui’ è tagliata su misura, per evidenziare di Yuman, oltre il pacioso dell’uomo, la stoffa del cantante e, del cantante, una delle voci più mature ascoltate quest’anno. I suoi maestri ispiratori hanno una certa età: Genesis, Pearl Jam, Kiss, Paolo Nutini, Dire Straits: «I Dire Straits me li hanno fatti ascoltare i miei genitori da piccolo. La prima che ho sentito è stata ‘Romeo & Juliet’ e me ne sono innamorato. Insieme al Greatest Hits dei Queen sono una religione. Mia zia, invece, mi ha aperto a cose più moderne, Busta Rhymes, il Pharrell Williams degli inizi. Anche i Genesis me li ha fatti conoscere lei». Quando uno dice l’importanza della famiglia nella crescita di un figlio…

Percorso inverso

Se a Sanremo si passa anche per andare oltre i confini italiani, Yuman – Yuri Santos Tavares Carloia, fusione tra il nome di battesimo e la parola ‘human’ – arriva in Riviera col percorso opposto. «Ho iniziato prima scrivendo in inglese. L’italiano è stato l’ultimo scalino. La scelta è nata in vista di Sanremo, propostami prima dal mio producer, Francesco Cataldo, e poi dalla mia etichetta. All’inizio ero un po’ scettico, poi mi sono detto di provare per questa particolare circostanza. Col primo pezzo ho trovato un modo di far suonare le parole come volevo io, non macchinose. E quando l’ho trovato ci ho preso pure gusto».

Yuman va a Londra a vent’anni, poi a Berlino, a vivere l’Europa a nord di Roma, dove torna un anno dopo per finire nelle braccia della Leave Music, che crede in lui e gli affianca Francesco Cataldo come produttore artistico; nel 2018 esce ‘Twelve’, primo singolo mixato da Chris Lord Alge (Green Day, Muse, Joe Cocker), nel 2019 ‘Naked Thoughts’, album d’esordio; su di lui scommettono a vario titolo Vevo, Il Venerdì di Repubblica, YouTube e il festival South By Southwest (SXSW), appuntamento annuale di Austin, in Texas, ma il viaggio si ferma in aeroporto: «Stavamo partendo il 20 marzo del 2020, due giorni dopo è scoppiato il Covid e il festival è stato annullato dopo una petizione della cittadinanza, spaventata da quanta gente porti ogni anno la manifestazione. Anche se non mi ha fatto piacere, siamo ‘riusciti’ a non partire, perché se l’avessimo fatto saremmo restati bloccati in Texas, visto che di lì a poco hanno chiuso tutto, anche i voli». Pensieri? «Un segno divino», ma quando il Divino ha altri piani per te, o quando «hai tutto contro». Austin è attesa di rescheduling, e resta per ora il riconoscimento dal mondo musicale americano.

I did it my way

‘Ora e qui’, quando Sanremo goes soul (e non capita spesso), scritta insieme a Tommaso Di Giulio e Francesco Cataldo, sta su ‘Qui’, album con tutti i vecchi e sacri crismi, con tanto di sezione fiati e archi, sette brani in uscita l’11 febbraio per Leave Music/Polydor. «Adoro gli strumenti veri, ti danno una pasta diversa. Abbiamo strumentisti fantastici, c’è Carmine Iuvone (polistrumentista, ndr), c’è l’aiuto di Valeriano Chiaravalle», al quale è affidata l’orchestra di Sanremo per ‘Ora e qui’ ma pure per la cover del venerdì. ‘My Way’ nella versione di Sid Vicious?: «No, è ‘My Way’ nella versione di Yuman. Io lo so che staranno tutti dicendo che porto la canzone di un vecchio. Ragazzi, ‘My Way’ è la canzone». Con lui sul palco a cantare Sinatra, Rita Marcotulli al pianoforte, signora del jazz italiano e internazionale, già ospite a Sanremo con Pat Metheny (era il 1996, già ospite di Max Gazzè per ‘La leggenda di Cristaldo e Pizzomunno’ (era il 2018), prima donna a ricevere il David di Donatello (2011), da sempre vicina al mondo della canzone: su tutti, Pino Daniele. «Rita è un angelo, è una persona d’oro, una musicista fenomenale, con un cuore pazzesco. È un maestro, faremo un vero show».

Per finire: come t’immagini stasera? «Me l’immagino esplosivo, molto esplosivo». Più o meno undici ore dopo: com’è stato, Yuman? «È stata una grande emozione e non vedo l’ora di risalire su quel palco. È la sublimazione del lavoro fatto in questi mesi. La musica è la mia vita e sul palco mi sento a casa».


© Claudia Pajewski
Yuman, ‘Ora e qui’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
frank sinatra my way ora e qui rita marcotulli sanremo yuman
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved