la-nobile-arte-dell-arrangiarsi-sanremo-prima-serata
Baci e abbracci, e l'accappatoio di Achille (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
6 ore

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Settimane Musicali
7 ore

Il weekend di ‘Piemontesi & Friends’, un anno dopo

La formula che nel 2020 consentì di dare continuità al Festival torna dal 24 al 26 settembre nella chiesa del Collegio Papio di Ascona con sei concerti
Spettacoli
16 ore

Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’

Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
1 gior

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
1 gior

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
1 gior

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
1 gior

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
1 gior

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
1 gior

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Musica
2 gior

Esce ‘Outsider’, l’album solista di Roger Taylor dei Queen

Nato durante il lockdown, è dedicato ‘a tutti gli outsider, quelli che si sentono lasciati in disparte’
Cinema
2 gior

A ‘Belfast’ di Kenneth Branagh il Toronto Film Festival

Scritto nelle prime settimane di lockdown, è ‘un ritorno a casa’. Premio del pubblico sezione Midnight Madness alla Palma d’oro di Cannes Titane di Julia Ducournau
Culture
2 gior

Premio Chiara alla carriera a Mario Botta

L’architetto ticinese riceverà il riconoscimento il 10 ottobre al Teatro Sociale di Luino
Spettacoli
2 gior

Stefano Knuchel sulle tracce di Hugo Pratt

‘Hugo in Argentina’ del regista locarnese, un inaspettato ritratto del creatore di Corto Maltese
Spettacoli
2 gior

Miglior canzone di sempre, Aretha supera Dylan e Beatles

La bibbia del rock, Rolling Stone, aggiorna la sua storica classifica dei 500 brani migliori dopo 17 anni e cambia le carte in tavola
Società
2 gior

Moro e Faranda, la giustizia che riconosce l’umanità

Incontro dedicato alla giustizia riparativa, al Festival Endorfine, con la figlia di Aldo Moro e gli ex Br Adriana Faranda e Franco Bonisoli
Libri
3 gior

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
3 gior

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
4 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Sogno o son Festival
03.03.2021 - 10:420
Aggiornamento : 14:58

La nobile arte dell'arrangiarsi (Sanremo, prima serata)

Fatelo voi il Festival senza nessuno in sala. Chapeau a Fiorello, l'improvvisazione jazzistica che fu di Arbore, Vianello e pochi grandi. E Amadeus degna spalla

Anno 2020, poco dopo la metà di aprile; in Italia sono i giorni della musica dai balconi, dell’andrà tutto bene, dell’esercito convertito in onoranze funebri e dei dippicciemme, scritto alla Conte. Lady Gaga annuncia ‘One World together at Home’, il Live Aid del modem, la Woodstock della fibra ottica, il più grande open air al chiuso che la storia ricordi. Con intento benefico, ci sono tutti, chi dal salotto di casa, chi dalla stanza d’albergo, chi dallo studio di registrazione: Sir Paul McCartney canuto, Elton John paffuto, Luis Fonsi despacito; ci sono anche Zucchero imbolsito, Stevie Wonder intonato e i Rolling Stones invecchiato (è per fare la rima, son giorni di canzoni, l’abbiamo già scritto). In tutta la solidarietà di questo mondo unico, insieme come fosse una cosa sola, nello smarrimento del restare appesi a un filo, anche telefonico, e nella convinzione che soltanto Dio sapesse cosa stava succedendo (‘God only knows’, Bublé con Bocelli, Céline Dion, la Germanotta e Lang Lang al pianoforte, in un capolavoro dei Beach Boys a chiudere l’evento), quella sera la musica ferita provava a dare forza, nell’amara constatazione che tutto era pre-confezionato per l’impossibilità di andare a tempo gli uni con gli altri. E così è stato per i giorni a seguire.

È trascorso un anno da quel Lady Gaga & Friends, e il Festival di Sanremo è forse il primo grande evento musicale ad avvicinarsi a quella che è stata la realtà. Sembrano esserne consci tutti. Nelle conferenze stampa regna la buona educazione: nessuno ha chiesto i cachet di nessuno, nessuno ha storto il naso se ce ne sarà ogni notte sino all’una e di sabato fino alle tre. Tanto che fare le pagelle, come ogni anno, questa volta ci quasi ci fa sentire degli infami. Ma solo chi ieri chiedeva ad Amadeus di render conto della moglie impiegata al Primafestival ha smentito quella sensazione che la pandemia ci avrebbe davvero resi migliori.

Jazz

L’assurdità del tutto, e l’esigenza di applicare lo spettacolo al contingente, dove il contingente è il vuoto assoluto in sala, eleva il tasso comico: prima dell’inizio, sul balconcino che affaccia su via Matteotti c’è l’ologramma di Vincenzo Mollica («La principessa Leila dei giornalisti»); e quando tutto inizia, in teatro c’è Fiorello con «l’accappatoio di Achille Lauro» che canta ‘Grazie dei fior’ tra i Metallica e i Negramaro; Fiorello che parla alle poltrone («Vi siete sempre beccate la parte peggiore di noi»); Fiorello che fa tutto. Anche l’elogio del ‘culo’ è il frutto dell’arte dell’arrangiarsi, come il “su i braccioli, giù i braccioli!’ rivolti alle poltrone, che prima di essere trovata da mattatore è creatività da animatore villaggio vacanze, esercizio fondamentale per l'intrattenitore come il giro di blues per il musicista.

Il Festival della Canzone Italiana è iniziato nel nome della migliore improvvisazione jazzistica che fu di Arbore, Vianello e dei grandi tutti, intesa come arte e non come casualità. Con un paio di punti fermi: 1. Mina che canta la canzone della Tim; 2. La barba del maestro Peppe Vessicchio che dirige; 3. L’orchestra, il valore aggiunto di una manifestazione popolare dove a suonare è la macchina umana; un’orchestra che, in assenza degli incravattati e delle sciure delle prime file, fa anche da pubblico, con battimani e battiarchetti. 4. ‘Fai rumore’, Diodato di nuovo sul palco a ricordarci che a febbraio di anno fa non ce la passavamo poi così male. 5. Si farà sempre tardi, ma il chissenefrega, o il ‘Così è, se vi pare’ del direttore artistico sono un documento di coerenza e la risposta al “siamo tutti allenatori” e anche “siamo tutti direttori artistici del Festival di Sanremo” anche se a stento riusciamo a organizzare la riunione condominiale.

Matilda, Zlatan, Madame Bertè

Per quelle che sono la sua formazione musicale – «Sono cresciuta con i Tre Allegri Ragazzi Morti» – e la sua playlist-tipo – «Un disco di Bon Iver, per rilassarmi, uno di Lucio Dalla per ricordarmi di Bologna, e uno di Henry Belafonte per ricordarmi del mio nome e della mia famiglia», come raccontava in conferenza stampa spostando l'attenzione da Zlatan Ibrahimović su di sé – Matilda De Angelis forse avrebbe preferito ‘Don't give up’ a ‘Ti lascerò’ per un duetto lui-con-lei, ma il Sanremo del belcanto la ringrazia per l'interpretazione personale, precisa e intonata (‘Intonazione’, vocabolo caduto in disuso con il quale s'intende “preparazione o attitudine all'esecuzione musicale”. Chiedere a Fasma). Chi ha scritto i testi a Ibra, invece, è più bravo di Ibra. Che però ci risarcisce con autoironia (nemmeno troppa, lui quello è) da tutti i “l'importante è farsi trovare pronti dal Mister”, lessico aziendale del pallone, sonno di tutte le menti rotonde e rimbalzanti.

L'abbiamo scritto altrove. C'è una sola Madame al Festival, ed è stata Loredana Berté, venuta a ricordare che la canzone italiana è, oltre a De André, anche e soprattutto Ivano Fossati. Con scarpe rosse anti-femminicidio a fianco di quelle di scena, Loredana dice che “al primo schiaffo bisogna denunciare”. E ‘Il mare d'inverno’, ‘Non sono una signora’, ‘Dedicato’ e ‘Sei bellissima’ sono schiaffi di bellezza, e sono belle da denuncia. Detto tra noi, l'inedito ‘Figlia di’, la Bertè-Santana della rinascita, dal playback perdonabile – venderà più di tutti.

Achille Lauro con piume e lacrime di sangue, nella sua posa standard, è un altro schiaffo. Ma abbiamo dormito poco e dopo la colazione capiremo.

Riepilogando

A ogni inquadratura, le poltrone rosse rese umane dal racconto fanno simpatia e un po' di commozione. Chiudiamo con un virgolettato: “Mai avrei pensato che tutto questo fosse possibile, rispettando ogni norma di sicurezza, pensando a chi vive di musica, di televisione e di spettacolo. Questo festival è stato fatto pensando al paese reale che sta lottando per ritrovarsi. Abbiamo scoperto che la normalità è una cosa straordinaria, e per averla abbiamo lavorato in maniera straordinaria. Non ho spettatori in sala – diceva Amadeus, prima di lasciare spazio alla musica – avrò applausi registrati, ma mi rincuora pensare che siamo i vostri applausi da casa».

© Regiopress, All rights reserved