ULTIME NOTIZIE Culture
Società
1 ora

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
6 ore

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
8 ore

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
12 ore

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
14 ore

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
18 ore

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Sogno o son Festival
04.03.2021 - 06:00

Sanremo: 'Commedia dell’arte, all’italiana e opera buffa'

Pillole di colta ironia musicale da Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Festival interrogato su altra kermesse

sanremo-commedia-dell-arte-all-italiana-e-opera-buffa
Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival (Ti-Press)

«Sanremo non è solo Sanremo. È commedia dell’arte, commedia all’italiana e opera buffa tutto mixato insieme a misura di pubblico televisivo. Per tastare il polso al paese, Sanremo è attendibile come Porta a Porta. Ci sono cose bellissime e altre tremende. Il decadente charme transgender di Achille Lauro dal fascino “gloriaswansoniano” alitato sul paese dal suo cuore nazionalpopolare è un frisson impagabile. Lo psicodramma Morgan-Bugo – con una canzone perfetta come ‘Sincero’ – diventa subito sigillo di un’epoca. E Diodato lo canticchio, male, ogni volta che passa alla radio».

Ci avremmo scommesso una Paillard Bolex degli anni '50 (che non possediamo) che Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival – in gioventù fan di Led Zeppelin, Kiss, Deep Purple, Nazareth, amante del jazz, del soul, della new wave “nelle declinazioni più no wave” – ci avrebbe dato una degna definizione del Festival di Sanremo. Quindi, ne approfittiamo:

Giona Nazzaro: perché, a suo parere, Sanremo dura da settant’anni? Dove sta il segreto?

Come tutti i segreti, è un segreto aperto, visibile, alla portata di tutti, è pertanto impenetrabile. Di Sanremo, fateci caso, si parla sempre male, ma poi tutti davanti alla tv. Il segreto di Sanremo è il segreto dell’evidenza. Che per definizione è misteriosa. Quindi accessibile a tutti.

I suoi primi ricordi televisivi, anche non sanremesi, e le cose di valore che ricorda di avere visto?

In tv la prima cosa che ricordo, è un vecchio film con effetti speciali di Ray Harryhausen. In bianco e nero. Emozione indelebile. Quando Vivevo a Dübendorf, aspettavo il sabato sera per vedere Scacciapensieri sulla Rsi, cui seguiva il film. ‘Il ritorno di Ringo’ di Duccio Tessari, con il magnifico tema di Morricone cantato da Maurizio Graf, che porto inciso nella memoria.

Se invece di Marco Solari qualche mese fa l’avesse chiamata il direttore di Rai 1, Giona Nazzaro libero da vincoli storici e di mercato che tipo di manifestazione avrebbe creato?

Prima di tutto avrei chiamato a coadiuvarmi nella missione Rossano Lo Mele, direttore di Rumore e batterista dei Perturbazione, Alessandro Marenga, compositore tecno, Tommaso Colliva responsabile del successo di Diodato, James Senese, Nino D’Angelo, Speranza, i Fratelli Malibu, Il quadro di Troisi e Steve Sylvester. Avrei provato a fare di Sanremo un Be-In intrecciato con una Canzone per l’estate e il Festival di Fuorigrotta. E un po’ di Festivalbar. 

Si è mai immaginato su quel palco? Quale canzone avrebbe voluto cantare?

Non canto nemmeno sotto la doccia, figuriamoci sul palco di Sanremo. Se dovessi cantare una canzone, mi piacerebbe essere autentico come Nino D’Angelo con ‘Senza giacca e cravatta’, Battiato con ‘La cura’, Alberto Camerini con ‘Alberto’, Alan Sorrenti con ‘Vorrei incontrati’, Ivan Graziani con ‘Lugano addio’. E se proprio mi devo vedere sul palco dell’Ariston, allora vorrei essere Antonella Ruggiero che canta ‘Elettrochoc’.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved