sanremo-commedia-dell-arte-all-italiana-e-opera-buffa
Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
11 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
14 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
14 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
19 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
22 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
23 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
1 gior

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
1 gior

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Sogno o son Festival
04.03.2021 - 06:000

Sanremo: 'Commedia dell’arte, all’italiana e opera buffa'

Pillole di colta ironia musicale da Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Festival interrogato su altra kermesse

«Sanremo non è solo Sanremo. È commedia dell’arte, commedia all’italiana e opera buffa tutto mixato insieme a misura di pubblico televisivo. Per tastare il polso al paese, Sanremo è attendibile come Porta a Porta. Ci sono cose bellissime e altre tremende. Il decadente charme transgender di Achille Lauro dal fascino “gloriaswansoniano” alitato sul paese dal suo cuore nazionalpopolare è un frisson impagabile. Lo psicodramma Morgan-Bugo – con una canzone perfetta come ‘Sincero’ – diventa subito sigillo di un’epoca. E Diodato lo canticchio, male, ogni volta che passa alla radio».

Ci avremmo scommesso una Paillard Bolex degli anni '50 (che non possediamo) che Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival – in gioventù fan di Led Zeppelin, Kiss, Deep Purple, Nazareth, amante del jazz, del soul, della new wave “nelle declinazioni più no wave” – ci avrebbe dato una degna definizione del Festival di Sanremo. Quindi, ne approfittiamo:

Giona Nazzaro: perché, a suo parere, Sanremo dura da settant’anni? Dove sta il segreto?

Come tutti i segreti, è un segreto aperto, visibile, alla portata di tutti, è pertanto impenetrabile. Di Sanremo, fateci caso, si parla sempre male, ma poi tutti davanti alla tv. Il segreto di Sanremo è il segreto dell’evidenza. Che per definizione è misteriosa. Quindi accessibile a tutti.

I suoi primi ricordi televisivi, anche non sanremesi, e le cose di valore che ricorda di avere visto?

In tv la prima cosa che ricordo, è un vecchio film con effetti speciali di Ray Harryhausen. In bianco e nero. Emozione indelebile. Quando Vivevo a Dübendorf, aspettavo il sabato sera per vedere Scacciapensieri sulla Rsi, cui seguiva il film. ‘Il ritorno di Ringo’ di Duccio Tessari, con il magnifico tema di Morricone cantato da Maurizio Graf, che porto inciso nella memoria.

Se invece di Marco Solari qualche mese fa l’avesse chiamata il direttore di Rai 1, Giona Nazzaro libero da vincoli storici e di mercato che tipo di manifestazione avrebbe creato?

Prima di tutto avrei chiamato a coadiuvarmi nella missione Rossano Lo Mele, direttore di Rumore e batterista dei Perturbazione, Alessandro Marenga, compositore tecno, Tommaso Colliva responsabile del successo di Diodato, James Senese, Nino D’Angelo, Speranza, i Fratelli Malibu, Il quadro di Troisi e Steve Sylvester. Avrei provato a fare di Sanremo un Be-In intrecciato con una Canzone per l’estate e il Festival di Fuorigrotta. E un po’ di Festivalbar. 

Si è mai immaginato su quel palco? Quale canzone avrebbe voluto cantare?

Non canto nemmeno sotto la doccia, figuriamoci sul palco di Sanremo. Se dovessi cantare una canzone, mi piacerebbe essere autentico come Nino D’Angelo con ‘Senza giacca e cravatta’, Battiato con ‘La cura’, Alberto Camerini con ‘Alberto’, Alan Sorrenti con ‘Vorrei incontrati’, Ivan Graziani con ‘Lugano addio’. E se proprio mi devo vedere sul palco dell’Ariston, allora vorrei essere Antonella Ruggiero che canta ‘Elettrochoc’.

 

© Regiopress, All rights reserved