salvatore-veca-un-filosofo-pubblico
Archivio Ti-Press
Veca
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
5 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
7 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
9 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
10 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
10 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
13 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
14 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
15 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
17.10.2021 - 12:43
Aggiornamento: 13:46
di Orazio Martinetti

Salvatore Veca, un filosofo pubblico

In ricordo del pensatore italiano scomparso nei giorni scorsi

Milano, Pavia, Locarno: Salvatore Veca, deceduto lo scorso 7 ottobre all’età di 77 anni, era di casa in queste città (Fondazione Feltrinelli, Università pavese, Biblioteca cantonale). Come ha ricordato Marcello Ostinelli su questo giornale, Veca varcava volentieri il confine, ospite di istituzioni come il Premio Balzan e la Fondazione del Centenario della Banca della Svizzera italiana. Anche la Rsi lo invitava spesso, e se rifiutava era perché aveva impegni inderogabili. Assidua era la sua presenza ai seminari locarnesi, che il direttore della Biblioteca Antonio Spadafora organizzava regolarmente, patrocinato in queste iniziative dal sindaco di allora, Diego Scacchi. Correvano gli anni Ottanta e Novanta, prima e dopo la caduta della cortina di ferro. C’era aria di cambiamento, i castelli ideologici che fino ad allora avevano sorretto e giustificato l’ideologia marxista-leninista cadevano a pezzi. Veca, che pure al Marx scienziato aveva dedicato studi importanti, aveva compreso che la sinistra era ormai finita su un binario morto. Era urgente abbandonarlo per esplorare vie nuove, non più legate all’esperienza del «socialismo reale». Inutile schermirsi o svicolare: anche il Pci, il maggior partito comunista d’Occidente, avrebbe dovuto fare i conti fino in fondo con il suo passato filo-sovietico e liberarsi degli antichi cascami. Risalgono al 1986 i primi accorati appelli per indirizzare il partito verso un orizzonte riformista, anzi, come si disse allora, «migliorista», in cui rimeditare e riformulare sia i princìpi-guida della modernità (libertà, uguaglianza, fratellanza), sia il retaggio della socialdemocrazia.

L’impulso decisivo per mutare rotta proveniva dall’università di Harvard, da un accademico serissimo e schivo, John Rawls, autore fin dagli anni Cinquanta di una serie di lavori incentrati sulla giustizia distributiva. Qui non si parlava di dittatura del proletariato, di piani quinquennali, di partito dell’avanguardia operaia e di altre “mirabilia” retoriche, ma di un riassetto socio-economico fondato sulla redistribuzione più equa della ricchezza prodotta. Dal corposo trattato di Rawls, ‘Una teoria della giustizia’, pubblicato in inglese nel 1971 e tradotto in italiano a cura di Sebastiano Maffettone nel 1982, Veca ricavò i lineamenti per introdurre nella cultura politica italiana una riflessione, fino ad allora trascurata o scarsamente considerata, sull’uguaglianza complessa, sull’etica pubblica, sui diritti e l’utilità collettiva dentro il quadro di una società democratica e pluralistica. “Teoria della giustizia – scrisse Veca nel 1982 in un articolo pubblicato sul settimanale del Pci Rinascita – è un libro che affronta con rigore i problemi di sostanza e non solo sofisticate questioni di metodo, e in questo senso appartiene a quel significativo slittamento nella filosofia morale di stampo analitico da un livello del metodo a quello dell’oggetto”.

Non si poteva ignorare, d’altra parte, che l’opera di Rawls aveva già suscitato negli Stati Uniti un’ampia discussione, dividendo il campo in destra e sinistra. Della destra si fece portavoce Robert Nozick, con ‘Anarchia, stato e utopia’; della sinistra Michael Walzer, con ‘Sfere di giustizia’. Tutti contributi che hanno ridato slancio e ossigeno alla filosofia politica del Novecento, i cui riflessi sono tuttora visibili nelle riviste che si propongono di riscrivere il lessico politico.

Veca non è stato un semplice resocontista in lingua italiana di questo filone americano. Convinto che la cultura di sinistra dovesse svecchiarsi e accogliere nel suo grembo la ricerca d’oltre Atlantico, si adoperò affinché il Partito democratico rinnovasse il suo corredo teorico. Lo fece attraverso una lunga serie di libri, saggi e interventi, alcuni dei quali pubblicati anche nella Svizzera italiana dall’editore Giampiero Casagrande. Veca amava considerarsi un “filosofo pubblico”, erede della tradizione lombarda che aveva come epicentro la figura di Carlo Cattaneo.

Come detto, Veca fu spesso ospite della Biblioteca di Locarno, dei seminari che avevano come tema le nuove frontiere della politica e dell’etica. Tenne anche conferenze nei licei di Locarno e di Bellinzona, in compagnia di intellettuali come Remo Bodei, Luigi Bonanate, Luciano Canfora, Danilo Zolo, Michelangelo Bovero, Alfio Mastropaolo, Maurizio Viroli. Scomparso il pensatore e l’intellettuale militante, resta la sua opera, davvero copiosa e articolata (l’ultimo saggio, pubblicato da Egea, porta il titolo ‘Il mosaico della libertà. Perché la democrazia vale’). Ma assieme alla sua infaticabile attività di ispiratore di idee e progetti, di saggista e docente, rimarrà nella memoria come persona affabile e disponibile al dialogo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
filosofia orazio martinetti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved