le-follie-del-premio-nobel-montagnier
Luc Montagnier, un Nobel e le sue bufale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre.
Spettacoli
18 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
18 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
19 ore

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
20 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
21 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
2 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
2 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
2 gior

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
2 gior

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Pensiero
02.05.2020 - 16:060
Aggiornamento : 19:19

Le follie del Premio Nobel Montagnier

Seguendo il filosofo Alvin Goldman, scopriamo come orientarci tra le dichiarazioni degli esperti. Che anche se con Nobel possono dire fesserie

Tutte le prove di cui disponiamo indicano che il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 è di origine naturale: così scrivevamo il 27 marzo scorso e così occorre ribadire, a poco più di un mese di distanza, dal momento che con qualche variazione la bufala sull’origine artificiale del virus continua a circolare, nonostante la comunità scientifica concordi sul salto di specie, avvenuto verosimilmente in un mercato di animali selvatici.

Variazioni nella bufala, dicevamo: non più un’arma biologica accidentalmente liberata, bensì un vaccino per l’HIV che i cinesi stavano sviluppando usando il coronavirus come vettore. La prova starebbe nella presenza, all’interno del genoma del nuovo coronavirus, di alcune sequenze del virus dell’HIV; ma il problema non sono le prove – come si vedrà, praticamente inesistenti – bensì l’autorevolezza di chi, in un’intervista, ha rilanciato questa bufala: un virologo premio Nobel per la medicina. E giustamente un non esperto in questioni di virus e genomi – cioè la maggioranza della popolazione – si chiede per quale motivo non dovrebbe credere alle parole di una persona che ha vinto quello che è considerato il massimo riconoscimento scientifico, fidandosi invece di quanto scritto da dei comuni ricercatori su una rivista scientifica.

Come cercare un centro di gravità permanente

Il caso Luc Montagnier – perché è del biologo francese, premiato nel 2008 per la scoperta proprio del virus dell’HIV, che stiamo parlando – mostra, in maniera forse drammatica, un problema ben più ampio: come può una persona comune valutare l’opinione di un esperto e, in caso di disaccordo, scegliere di quale esperto fidarsi? In soccorso, una volta tanto, viene la filosofia: a questo interrogativo ha infatti provato a rispondere Alvin Goldman, proponendo in un articolo del 2001 (“Experts: Which Ones Should You Trust?”, pubblicato in ‘Philosophy and Phenomenological Research’) alcuni criteri che, per quanto imperfetti, possono aiutare. L’epistemologo statunitense ha infatti lasciato da parte l’approccio teorico e astratto tipico della sua disciplina cercando una soluzione pratica a un problema pratico: in quanto principianti non possiamo certo discutere i dettagli delle affermazioni degli esperti.

Vediamo dunque i cinque criteri di Goldman, tenendo presente che si tratta di massime più che di norme. Il che spiega perché il primo criterio stona con quanto detto prima: “Esamina gli argomenti presentati”. Come possiamo, da non esperti, esaminare gli argomenti degli esperti? Senza entrare nei dettagli, una valutazione generale la possiamo comunque fare, risponde Goldman. La tesi di Montagnier, come accennato, si regge sul fatto che i genomi di HIV e SARS-CoV-2 hanno parti in comune; ma, ribattono i critici, si tratta di sequenze talmente brevi che non solo è normale trovarle in specie diverse, ma sono comuni a molti esseri viventi. L’idea che un testo breve ricorra in più testi non richiede di essere esperti, per cui possiamo segnalare una (parziale) sconfitta per Montagnier.

Il secondo criterio di Goldman è l’accordo di altri esperti. Anche qui, non è un criterio risolutivo: la maggioranza può certamente sbagliarsi, ma è più facile che si sbagli un singolo. Come accennato, che il nuovo coronavirus sia di origine naturale è opinione largamente condivisa dalla comunità scientifica e l’articolo scientifico di riferimento è apparso sulla prestigiosa ‘Nature Medicine’, anche se nella sezione ‘correspondence’ in genere non sottoposta a peer review. Per contro, Montagnier cita due articoli, uno mai pubblicato (gli autori l’hanno ritirato visti grossi problemi emersi nel loro lavoro) e l’altro apparso in una cosiddetta rivista predatoria, di quelle che pubblicano di tutto basta che l’autore paghi. Netta sconfitta per Montagnier.

Terzo criterio: prove che l’esperto sia effettivamente un esperto. Perché purtroppo capita che il climatologo che nega il riscaldamento globale abbia in realtà una laurea triennale in economia, o che il rappresentante della tal organizzazione internazionale abbia semplicemente collaborato con una sottocommissione. Questo criterio Montagnier lo soddisfa comunque in pieno, avendo come detto vinto un Premio Nobel per la medicina – ma lo soddisfano anche gli altri ricercatori, pur senza Nobel. Parità, quindi.

Quarto criterio: conflitti d’interesse e pregiudizi. Nulla di compromettente né per Montagnier, né per gli scienziati che sostengono l’origine naturale del nuovo coronavirus. Vale comunque la pena segnalare che Luc Montagnier ha legami professionali con la Cina, nazione che ha tutto l’interesse a far dimenticare dove e come è avvenuto il salto di specie – e certo la tesi dell’esperimento fuori controllo non è molto meglio, ma se non altro crea confusione sull’origine del virus. Diciamo che anche questa è finita in parità.

Quinto e ultimo criterio: i precedenti dell’esperto. Montagnier ha scoperto il virus dell’Hiv: cosa si vuole di più? In realtà, si può volere qualcosa di meno: purtroppo dopo quella scoperta il virologo ha sostenuto diverse tesi pseudoscientifiche, dalla papaya fermentata come cura per Parkinson e autismo a una ricerca sulla memoria dell’acqua condotta con pressappochismo (e pubblicata su una rivista di terz’ordine diretta dallo stesso Montagnier), tanto da meritarsi un capitolo nel bel volume ‘Strafalcioni da Nobel’ di Silvano Fuso (Carocci 2018). E val la pena ricordare la protesta, firmata da 45 premi Nobel, quando Montagnier è stato nominato direttore del Chantal Biya International Reference Centre.

Tirando le somme, pur non essendo esperti possiamo concludere con ragionevole sicurezza che la tesi di Montagnier non è da prendere sul serio.

Con pathos, dalla parte degli esperti

I cinque criteri Goldman, tuttavia, raccontano solo parte della storia del rapporto tra esperti e non esperti. Come argomenta, riprendendo Aristotele, un altro filosofo, Massimo Pigliucci, allo scienziato che vuole condividere quello che sa non bastano il “logos” e l’“ethos”, cioè le conoscenze e la credibilità data dai titoli di studio: serve anche il “pathos”, la capacità non solo di comprendere le preoccupazioni del pubblico ma anche di farsene carico, insomma mostrare che non è solo una questione di conoscenza.

© Regiopress, All rights reserved