le-follie-del-premio-nobel-montagnier
Luc Montagnier, un Nobel e le sue bufale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
4 ore

Pro Helvetia: sostenuti oltre 4mila progetti in 105 paesi nel 2020

Nonostante la pandemia, la fondazione svizzera per la cultura ha sostenuto numerosi progetti investendo oltre l'80% del budget
Società
12 ore

Il re degli Ottomila si sposa per la terza volta

L'alpinista italiano Reinhold Messner, 77 anni, convola a nozze a maggio con la compagna di 35 anni più giovane
Video
Culture
14 ore

Ruba un'opera d'arte armato di motosega elettrica

Nessun furto spettacolare, ma una performance di Aldo Giannotti avvenuta al Museo di arte moderna di Bologna
Spettacoli
1 gior

La Nbc non trasmetterà più i Golden Globe nel 2022

La decisione è stata presa alla luce delle polemiche che hanno investito la Hollywood Foreign Press Association che ogni anno assegna le statuette
Spettacoli
1 gior

Le storie che curano di Finzi Pasca e Pablo Gershanik

Dalla città ideale di La Plata alla dittatura argentina, abbiamo assistito alle prove del nuovo spettacolo della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Giornata internazionale dei musei, in Svizzera è #museumkick

Appendice online tutta svizzera all'interno dell'evento mondiale: cittadini e musei sono invitati a usare l'hashtag per dare vita al 'movimento museale'
Archeologia
1 gior

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...
Jazz in Bess
2 gior

La 'Foresta' di Ivano Torre in solo, un'anteprima

Mercoledì 12 maggio alle 21, set unico per il suo concerto per batteria, lamofono, campane, e voce
Spettacoli
2 gior

‘Totò, Napoli e dintorni’, un viaggio tra poesia e musica

Ad Arbedo, domenica 16 maggio alle 17, con l'attore partenopeo Jano Di Gennaro e il quintetto Bonomi-Urbani-Bottelli-Cavinato-Cantoni
Cinema
2 gior

Toronto premia 'Ostrov - Lost Island', documentario svizzero

Svetlana Rodina e Laurent Stoop raccontano l'ambiente di una comunità di pescatori sul Mar Caspio. Con questa vittoria sono in gara per gli Oscar 2022.
Arte
2 gior

Christie's batte all'asta 'Testa di orso' di Leonardo

È uno dei rari disegni in mani private. È stimato fra 9 e oltre 13 milioni di euro. Quadrata, 7 centimetri per lato, reca la firma del genio rinascimentale
Cinema
2 gior

Golden Globe, Netflix e Amazon mollano Hollywood Foreign Press

L'organizzazione che assegna i premi sotto accusa dopo inchiesta giornalistica: nessun giornalista nero, regali dagli studios e 'sessismo', dice Scarlett Johansson.
Archeologia
2 gior

Dopo 80 anni, altri uomini di Neanderthal scoperti al Circeo

Sono nove, e insieme a essi vi sono resti di animali. Nel febbraio del '39, nel sito in provincia di Latina di grandissima importanza, fu rinvenuto un primo cranio.
Spettacoli
2 gior

Addio a Tawny Kitaen, da Whitesnake a Hercules

Attrice e volto del pop anni Ottanta, era apparsa nel video di ‘Here I Go Again’ e aveva recitato con Tom Hanks in ‘Bachelor Party’
Culture
2 gior

Tra le pagine di Trickster-p in Biblioteca

Incontro con Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl martedì 11 maggio alle 18.30 a Bellinzona, aspettando ‘Book is a Book is a Book’, al Sociale del 17 al 19 maggio.
Tecnologie
3 gior

Radioamatori, c'era una volta il social network

Gli unici a non essere tagliati fuori quando tutto si ferma, i primi a essere d'aiuto, dal terremoto dell'Aquila al Monte Lema. In Ticino sono in 350.
Culture
3 gior

‘L’inguaribile’ vivacità di narrazione e di stile

Un marito, una moglie, due figlie, una separazione, un club per scambisti, una morte sospetta: Tommaso Soldini si diverte e diverte con il suo romanzo
Spettacoli
3 gior

Villi Hermann, ottant’anni di arte del cinema

Il regista e produttore malcantonese si racconta in un’intervista per il suo ottantesimo compleanno (e i quarant’anni della sua Imagofilm)
Pensiero
02.05.2020 - 16:060
Aggiornamento : 19:19

Le follie del Premio Nobel Montagnier

Seguendo il filosofo Alvin Goldman, scopriamo come orientarci tra le dichiarazioni degli esperti. Che anche se con Nobel possono dire fesserie

Tutte le prove di cui disponiamo indicano che il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 è di origine naturale: così scrivevamo il 27 marzo scorso e così occorre ribadire, a poco più di un mese di distanza, dal momento che con qualche variazione la bufala sull’origine artificiale del virus continua a circolare, nonostante la comunità scientifica concordi sul salto di specie, avvenuto verosimilmente in un mercato di animali selvatici.

Variazioni nella bufala, dicevamo: non più un’arma biologica accidentalmente liberata, bensì un vaccino per l’HIV che i cinesi stavano sviluppando usando il coronavirus come vettore. La prova starebbe nella presenza, all’interno del genoma del nuovo coronavirus, di alcune sequenze del virus dell’HIV; ma il problema non sono le prove – come si vedrà, praticamente inesistenti – bensì l’autorevolezza di chi, in un’intervista, ha rilanciato questa bufala: un virologo premio Nobel per la medicina. E giustamente un non esperto in questioni di virus e genomi – cioè la maggioranza della popolazione – si chiede per quale motivo non dovrebbe credere alle parole di una persona che ha vinto quello che è considerato il massimo riconoscimento scientifico, fidandosi invece di quanto scritto da dei comuni ricercatori su una rivista scientifica.

Come cercare un centro di gravità permanente

Il caso Luc Montagnier – perché è del biologo francese, premiato nel 2008 per la scoperta proprio del virus dell’HIV, che stiamo parlando – mostra, in maniera forse drammatica, un problema ben più ampio: come può una persona comune valutare l’opinione di un esperto e, in caso di disaccordo, scegliere di quale esperto fidarsi? In soccorso, una volta tanto, viene la filosofia: a questo interrogativo ha infatti provato a rispondere Alvin Goldman, proponendo in un articolo del 2001 (“Experts: Which Ones Should You Trust?”, pubblicato in ‘Philosophy and Phenomenological Research’) alcuni criteri che, per quanto imperfetti, possono aiutare. L’epistemologo statunitense ha infatti lasciato da parte l’approccio teorico e astratto tipico della sua disciplina cercando una soluzione pratica a un problema pratico: in quanto principianti non possiamo certo discutere i dettagli delle affermazioni degli esperti.

Vediamo dunque i cinque criteri di Goldman, tenendo presente che si tratta di massime più che di norme. Il che spiega perché il primo criterio stona con quanto detto prima: “Esamina gli argomenti presentati”. Come possiamo, da non esperti, esaminare gli argomenti degli esperti? Senza entrare nei dettagli, una valutazione generale la possiamo comunque fare, risponde Goldman. La tesi di Montagnier, come accennato, si regge sul fatto che i genomi di HIV e SARS-CoV-2 hanno parti in comune; ma, ribattono i critici, si tratta di sequenze talmente brevi che non solo è normale trovarle in specie diverse, ma sono comuni a molti esseri viventi. L’idea che un testo breve ricorra in più testi non richiede di essere esperti, per cui possiamo segnalare una (parziale) sconfitta per Montagnier.

Il secondo criterio di Goldman è l’accordo di altri esperti. Anche qui, non è un criterio risolutivo: la maggioranza può certamente sbagliarsi, ma è più facile che si sbagli un singolo. Come accennato, che il nuovo coronavirus sia di origine naturale è opinione largamente condivisa dalla comunità scientifica e l’articolo scientifico di riferimento è apparso sulla prestigiosa ‘Nature Medicine’, anche se nella sezione ‘correspondence’ in genere non sottoposta a peer review. Per contro, Montagnier cita due articoli, uno mai pubblicato (gli autori l’hanno ritirato visti grossi problemi emersi nel loro lavoro) e l’altro apparso in una cosiddetta rivista predatoria, di quelle che pubblicano di tutto basta che l’autore paghi. Netta sconfitta per Montagnier.

Terzo criterio: prove che l’esperto sia effettivamente un esperto. Perché purtroppo capita che il climatologo che nega il riscaldamento globale abbia in realtà una laurea triennale in economia, o che il rappresentante della tal organizzazione internazionale abbia semplicemente collaborato con una sottocommissione. Questo criterio Montagnier lo soddisfa comunque in pieno, avendo come detto vinto un Premio Nobel per la medicina – ma lo soddisfano anche gli altri ricercatori, pur senza Nobel. Parità, quindi.

Quarto criterio: conflitti d’interesse e pregiudizi. Nulla di compromettente né per Montagnier, né per gli scienziati che sostengono l’origine naturale del nuovo coronavirus. Vale comunque la pena segnalare che Luc Montagnier ha legami professionali con la Cina, nazione che ha tutto l’interesse a far dimenticare dove e come è avvenuto il salto di specie – e certo la tesi dell’esperimento fuori controllo non è molto meglio, ma se non altro crea confusione sull’origine del virus. Diciamo che anche questa è finita in parità.

Quinto e ultimo criterio: i precedenti dell’esperto. Montagnier ha scoperto il virus dell’Hiv: cosa si vuole di più? In realtà, si può volere qualcosa di meno: purtroppo dopo quella scoperta il virologo ha sostenuto diverse tesi pseudoscientifiche, dalla papaya fermentata come cura per Parkinson e autismo a una ricerca sulla memoria dell’acqua condotta con pressappochismo (e pubblicata su una rivista di terz’ordine diretta dallo stesso Montagnier), tanto da meritarsi un capitolo nel bel volume ‘Strafalcioni da Nobel’ di Silvano Fuso (Carocci 2018). E val la pena ricordare la protesta, firmata da 45 premi Nobel, quando Montagnier è stato nominato direttore del Chantal Biya International Reference Centre.

Tirando le somme, pur non essendo esperti possiamo concludere con ragionevole sicurezza che la tesi di Montagnier non è da prendere sul serio.

Con pathos, dalla parte degli esperti

I cinque criteri Goldman, tuttavia, raccontano solo parte della storia del rapporto tra esperti e non esperti. Come argomenta, riprendendo Aristotele, un altro filosofo, Massimo Pigliucci, allo scienziato che vuole condividere quello che sa non bastano il “logos” e l’“ethos”, cioè le conoscenze e la credibilità data dai titoli di studio: serve anche il “pathos”, la capacità non solo di comprendere le preoccupazioni del pubblico ma anche di farsene carico, insomma mostrare che non è solo una questione di conoscenza.

© Regiopress, All rights reserved