ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
10 ore

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
27.03.2020 - 06:00

Colpe e bufale del nuovo coronavirus

La pandemia è di origine naturale: quella di un esperimento fuori controllo è una fake news che rivela poco del virus e molto di noi stessi

di Ivo Silvestro
colpe-e-bufale-del-nuovo-coronavirus
Un virus naturale (©Keystone)

Tutte le prove di cui disponiamo indicano che il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 è di origine naturale: nessun esperimento di laboratorio sfuggito di controllo, nessuna arma biologica diffusa volontariamente o accidentalmente ma un caso di ‘spillover’, di salto di specie del virus che dagli animali (verosimilmente pipistrelli e pangolini) ha iniziato a contagiare anche gli esseri umani, come già avvenuto in passato e come, purtroppo, potrà capitare ancora in futuro.
Allora perché la bufala dell’origine artificiale del virus, già circolata all’inizio dell’epidemia e più volte smentita, è recentemente tornata a trovare spazio sui social media e su alcune testate? Come mai si è tornati a citare una ricerca del 2015 pubblicata su ‘Nature Medicine’ – perché i progetti di guerra biologica notoriamente sono condotti alla luce del sole e coinvolgendo team di ricerca internazionali – e un servizio giornalistico della Rai a essa dedicato, nonostante il coronavirus oggetto di quella ricerca sia molto diverso da quello dell’attuale pandemia (e qui ci possiamo aggiungere un purtroppo: in caso di maggior somiglianza avremmo forse potuto usare quella ricerca come punto di partenza per un vaccino)?

Ad aver contribuito alla diffusione di questa bufala paiono esserci anche alcuni politici italiani, il che apre due scenari entrambi inquietanti: che non si siano resi conto dell’implausibilità della notizia, muovendo accuse gravi senza neanche documentarsi, oppure che abbiano volontariamente diffuso la bufala per tornaconto politico. In genere si dice di non attribuire mai a malafede quel che si può ragionevolmente spiegare con la stupidità, ma in questo caso meglio sospendere il giudizio, anche perché non basta il tweet di un politico, per quanto molto seguito sui social media, a spiegare la popolarità che sta raggiungendo questa bufala che, nonostante le continue smentite, con varie gradazioni di complottismo ho trovato condivisa da molti – comprese persone che stupide non son di certo.
Il fatto è che pensare a un’origine artificiale, umana, del nuovo coronavirus è paradossalmente rassicurante: non solo dà un senso alla pandemia, inserendo qualcosa che ci disorienta in una storia (la famosa “narrazione”) facile da comprendere, ma ci dà anche qualcuno da incolpare. E quello di identificare un colpevole, sia esso almeno in parte responsabile o un semplice capro espiatorio, è uno dei bisogni insopprimibili dell’umanità – un meccanismo che vediamo all’opera, in questi giorni, anche con chi va semplicemente a farsi una passeggiata solitaria o, peraltro rispettando le raccomandazioni ufficiali, va a fare la spesa senza mascherina.

Se l’epidemia fosse il risultato di un esperimento finito male, basterebbe introdurre nuove regole, nuovi protocolli di sicurezza, magari qualche sanzione verso gli “Stati canaglia”. Ma così non è e dovremmo riflettere sulle condizioni che hanno favorito il salto di specie e la diffusione, dovremmo discutere di ecologia e globalizzazione, di come ci muoviamo intorno al pianeta e di come ci rapportiamo con l’ambiente. Ma scovare colpevoli è più semplice.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved