laRegione
cercando-l-anima-dello-stato
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
15 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
16 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
3 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
3 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
3 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
4 gior

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Pensiero
13.03.2019 - 06:000

Cercando l'anima dello Stato

Dal Medioevo al sovranismo, intervista al filosofo Gianluca Briguglia sulla metafora dello Stato come corpo vivente

Uno Stato sano, snello o, al contrario, obeso: espressioni comuni, nel linguaggio politico – quasi non ci accorgiamo che sotto c’è la metafora dello Stato come corpo. Una metafora che – ci racconta Gianluca Briguglia, professore all’Università di Strasburgo – «non è un abbellimento retorico, un orpello estetico, ma una vera e propria ipotesi conoscitiva». Domani alle 18, Briguglia terrà una conferenza al Liceo di Bellinzona dedicata appunto a questa metafora, in particolare nel Medioevo «anche se nel mio libro – ‘Il corpo vivente dello Stato’, Bruno Mondadori 2006, ndr – in realtà mi spingo un po’ oltre parlando anche di Hobbes».

Questa metafora dello Stato come essere vivente attraversa la storia, dall’Antichità ai giorni nostri. Che cosa c’è di interessante nel Medioevo?

È interessante andare a vedere la metafora dello Stato come corpo nei secoli in cui si costruisce un’idea nuova di comunità politica. Metafora che non viene utilizzata solo per arricchire retoricamente un discorso ideologico o politico, ma anche per vedere quali sono le leggi che regolano la costruzione della comunità politica – leggi che, si scopre attraverso questa metafora, sono le stesse che regolano la costruzione dell’essere vivente.
La cosa interessante è che questo tipo di metafore producono anche dibattito politico: non sono metafore chiuse, ma sono metafore che consentono posizioni contrastanti.

Cosa caratterizza queste metafore?

Il punto fondamentale è che in ogni corpo vivente esiste una differenziazione di funzioni: parti diverse svolgono compiti diversi – come nello Stato. E vi è anche una gerarchia interna che però cambia a seconda delle concezioni del corpo vivente.

Secondo alcune teorie mediche gli organi principali sono il cuore, il fegato, il cervello. Altre invece si polarizzano sul dualismo tra corpo e anima. Capire poi, all’interno dello Stato, quali funzioni siano del corpo o dell’anima, o quelle del cuore e del cervello, può cambiare in maniera anche molto radicale la visione della politica. Perché con questa metafora di questo tipo si mettono in relazione due cose molto distanti e se cambia la concezione di una, del corpo vivente, cambia anche la concezione dell’altra, dello Stato.

Lo vediamo chiaramente con Hobbes che considera il corpo vivente come un meccanismo, e a questo punto non si ha più una visione naturalistica, ma della possibilità di costruire lo Stato con tutti i pezzettini che servono. Una metafora che sembra la stessa, ma che ha conseguenze politiche radicalmente diverse.

Quindi è la metafora che guida la concezione dello Stato di una persona oppure è la concezione che guida nell’interpretazione della metafora?

Ci sono entrambi gli aspetti, ma quello che ho cercato di esplorare nel mio libro è il primo: la metafora è un’ipotesi di lavoro e non è detto che la metafora ti porti dove vuoi.
Marsilio da Padova, il principale pensatore politico dell’epoca, era un medico di formazione – e lo stesso Machiavelli, anche lui un utilizzatore di questa metafora, era molto consapevole dei discorsi medici del Cinquecento. Questi pensatori sono davvero convinti che se gli esseri umani si mettono insieme ci devono essere delle leggi naturali che guidano questo mettersi insieme. E la medicina, lo studio del corpo vivente, potrebbe essere una guida per capire la politica – perché lo Stato è un essere vivente, non è il frutto di un contratto come sarà poi per la filosofia moderna.
Poi è vero che la maggior parte dei testi medievali è ideologica: ho bisogno di dire che il re sta sopra il contadino e per essere il più convincente possibile tiro fuori metafore di ogni tipo, ma sono metafore retoriche, non conoscitive. Quelle che interessano a me sono le metafore come fenomeno cognitivo che ci aiuta a vedere delle cose che altrimenti non vedremmo e ci impedisce di vedere altre cose che non dobbiamo vedere.

La metafora del corpo dello Stato che cosa ci impedisce di vedere?

Se uno dice che lo Stato è un corpo sta dicendo che deve avere una gerarchia interna, perché è questo l’aspetto più evidente: ci vuole una testa, o un’anima, capace di dirigere, di integrare, di armonizzare. È una metafora che piacerebbe molto ai sovranisti: se il tuo Stato è un corpo, non può “cedere anima” a un altro corpo, non può cedere sovranità. E se non sbaglio Matteo Salvini ha proprio utilizzato questa metafora… E se la metafora del corpo nasconde la connessione con altre fonti di sovranità, la metafora della rete ci dice che se non si diventa il punto di una rete più ampia si scompare. Non tutto è compatibile con una certa metafora. Ed è per questo che assistiamo a grandi passaggi di metafora.

Il rapporto tra potere temporale e potere spirituale, come viene pensato all’interno di questa metafora?

Dipende da come uno intende la metafora. Si può dire che la cosa più importante del corpo vivente sia l’anima, anima che è il potere spirituale attribuito al papa o ai vescovi, ponendosi poi il problema del rapporto tra la testa, il re, e l’anima.
Oppure si può pensare che il principio più importante del corpo vivente non sia la testa, ma il cuore, perché secondo alcuni la prima cosa che si forma è il cuore, dotato di una sorta di potere di costruzione del corpo. Il re poteva quindi essere considerato il cuore e o si ignorava la questione dell’anima – non di pertinenza di costruzione naturale dell’organismo – oppure si poteva sostenere che fosse l’anima ad attribuire al cuore questo potere costruttivo, oltre il quale il cuore non può andare. Metafora che, applicata a certe comunità politiche come i comuni, porta a pensare l’anima come la volontà dei cittadini che decidono di mettersi insieme: l’anima della città sono i cittadini, il legislativo, mentre il cuore è il potere esecutivo – tagliando completamente fuori l’anima in senso religioso: abbiamo bisogno del clero, perché siamo credenti, ma come se ne aveva bisogno nell’Antichità, una classe di persone dedicate al culto che non può uscire dal suo seminato, non ha alcun potere legislativo o esecutivo.

© Regiopress, All rights reserved