dalla-rotonda-allo-spazio
ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
7 ore

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Settimane Musicali
8 ore

Il weekend di ‘Piemontesi & Friends’, un anno dopo

La formula che nel 2020 consentì di dare continuità al Festival torna dal 24 al 26 settembre nella chiesa del Collegio Papio di Ascona con sei concerti
Spettacoli
17 ore

Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’

Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
1 gior

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
1 gior

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
1 gior

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
1 gior

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
1 gior

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
1 gior

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Locarno 74
01.08.2021 - 19:520

Dalla Rotonda allo Spazio

Scopriamo ‘ Space Explorers: The Iss Experience’, il progetto in realtà aumentata nella vecchia cabina di proiezione del Festival di Locarno

Una passeggiata di una ventina di minuti e si possono vedere le tre cabine di proiezione del Festival di Locarno, dal parco Robinson dove troviamo la prima, ideata da Livio Vaccini, alla Piazza Grande dove l’attuale cabina attende l’appuntamento con il prefestival previsto martedì. In mezzo al percorso, c’è la Rotonda che da alcuni giorno ospita la cabina numero due per il progetto in realtà virtuale ‘Space Explorers: The Iss Experience’.
Dalla Rotonda alla Stazione spaziale internazionale con “la più grande produzione documentaristica mai girata nello spazio” come recita la presentazione di questo film realizzato da Félix Lajeunesse e Paul Raphaël inviando sulla Iss alcune videocamere ad alta risoluzione appositamente realizzate per funzionare in contesti di micro-gravità.
“Realtà virtuale” significa banalmente che si indossano gli appositi occhiali – più una maschera, a dire il vero – e le cuffie e, impugnati eventuali controller, ci si ritrova immersi in un mondo altro. Si potrebbe pensare che, durante l’esperienza, dove ci si trovi fisicamente sia perlopiù ininfluente: basta un luogo relativamente tranquillo, che poi questo sia un’aula scolastica, la propria camera o altro ancora non cambia nulla. Eppure non è così: arrivare nella Stazione spaziale internazionale dopo essere entrati nella cabina di proiezione di Piazza Grande, quell’oggetto misterioso e un po’ alieno che si vede nei giorni del festival, è un’altra cosa, un’anticipazione del viaggio verso l’Iss che mette nel giusto stato mentale.
Poi, appunto, ci si siede sulle poltroncine, si indossano gli occhiali da realtà virtuale e si è nella Stazione spaziale internazionale. Come non la si è mai vista prima. Innanzitutto perché è tutta intorno noi: le telecamere di Félix Lajeunesse e Paul Raphaël sono a 360 gradi e trovarsi moduli e apparecchiature davanti dietro sopra e sotto è ben diverso dalle solite immagini piatte che si è soliti vedere. Senza dimenticare che siamo in una situazione di microgravità, un sopra e un sotto non ci sono e niente di meglio che poter muovere liberamente la testa per rendersi conto che non ci sono un soffitto e un pavimento ma semplicemente pareti. Ma soprattutto perché i due registi hanno voluto raccontare la quotidianità della Stazione spaziale internazionale, dall’ambientarsi dei nuovi arrivati alla necessità di fare esercizio fisico per sopperire alla mancanza di gravità fino ai momenti conviviali. E vedere un astronauta mangiare un dolcetto fluttuante non è emozionante come una fantascientifica sparatoria a raggi laser, ma è reale.

Fino al 14 agosto

‘Space Explorers: The Iss Experience’ è un progetto realizzato in collaborazione con il Geneva international film festival ed è disponibile, gratuitamente, alla Rotonda fino al 14 agosto, con oltre cento proiezioni in programma dalle 10.30 del mattino alla mezzanotte. Il documentario è diviso in quattro parti; alla Rotonda sono disponibili le prime due, ‘Adapt’ (29’) e ‘Advance’ (33’). Ad ogni proiezione potranno accedere sei persone, con certificato Covid.
Prenotazione sul sito www.locarnofestival.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved