Losanna
1
Young Boys
6
fine
(0-2)
S.Gallo
Basilea
20:30
 
SC Kriens
0
Yverdon-sport Fc
2
fine
(0-1)
Xamax
FC Stade Ls Ouchy
20:30
 
Salernitana
2
Verona
2
2. tempo
(1-2)
Spezia
2
Juventus
3
2. tempo
(1-1)
Cagliari
Empoli
20:45
 
Milan
Venezia
20:45
 
JANVIER M. (FRA)
0
STRICKER D. (SUI)
1
2 set
(4-6 : 3-2)
downhill-from-everywhere-le-umane-storie-di-jackson-browne
Jackson Browne, 72 anni (Craig Oneal)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Culture
3 ore

‘Tutt’orecchi’, il podcast di letteratura per ragazzi

Prodotto dall’Istituto Svizzero Media e Ragazzi, ogni primo del mese offre il meglio della letteratura per l’infanzia su tutte le maggiori piattaforme
Culture
3 ore

Fiabe al museo, un podcast da 12 racconti naturalistici

Tre per stagione, ogni puntata della durata massima di 7 minuti, per i giovanissimi ma anche per le famiglie
Spettacoli
7 ore

Addio a Willie Garson, lo Stanford di ‘Sex and the City’

La svolta a Hollywood nelle sitcom statunitensi, fino alla leggendaria serie. Secondo diversi media, il 57enne attore era da tempo gravemente malato
Video
Spettacoli
7 ore

Gli Stones live senza Watts: ‘Questo show è dedicato a Charlie’

Lunedì notte in un concerto a Foxborough, nel Massachusetts, per la prima volta senza il batterista scomparso lo scorso 24 agosto.
Gallery
Culture
7 ore

Un murale per celebrare Ascona e New Orleans, ‘Sister cities’

L’opera di 180 metri quadrati sulla facciata dell’autosilo comunale è stata commissionata alle valmaggesi Kler e SoFreeSo: sabato 25 settembre l’inaugurazione
La recensione
23 ore

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Settimane Musicali
23 ore

Il weekend di ‘Piemontesi & Friends’, un anno dopo

La formula che nel 2020 consentì di dare continuità al Festival torna dal 24 al 26 settembre nella chiesa del Collegio Papio di Ascona con sei concerti
Spettacoli
1 gior

Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’

Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
2 gior

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
2 gior

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
2 gior

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
2 gior

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
2 gior

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
2 gior

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Musica
2 gior

Esce ‘Outsider’, l’album solista di Roger Taylor dei Queen

Nato durante il lockdown, è dedicato ‘a tutti gli outsider, quelli che si sentono lasciati in disparte’
Cinema
2 gior

A ‘Belfast’ di Kenneth Branagh il Toronto Film Festival

Scritto nelle prime settimane di lockdown, è ‘un ritorno a casa’. Premio del pubblico sezione Midnight Madness alla Palma d’oro di Cannes Titane di Julia Ducournau
Culture
2 gior

Premio Chiara alla carriera a Mario Botta

L’architetto ticinese riceverà il riconoscimento il 10 ottobre al Teatro Sociale di Luino
Spettacoli
2 gior

Stefano Knuchel sulle tracce di Hugo Pratt

‘Hugo in Argentina’ del regista locarnese, un inaspettato ritratto del creatore di Corto Maltese
Spettacoli
3 gior

Miglior canzone di sempre, Aretha supera Dylan e Beatles

La bibbia del rock, Rolling Stone, aggiorna la sua storica classifica dei 500 brani migliori dopo 17 anni e cambia le carte in tavola
Società
3 gior

Moro e Faranda, la giustizia che riconosce l’umanità

Incontro dedicato alla giustizia riparativa, al Festival Endorfine, con la figlia di Aldo Moro e gli ex Br Adriana Faranda e Franco Bonisoli
Libri
4 gior

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
4 gior

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
5 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Spettacoli
5 gior

Concerto per l’infanzia, al Fevi c’è Loredana Bertè

Si aggiunge ai grandi nomi del tradizionale appuntamento locarnese. Sabato 18 settembre alle 21, tappa ticinese del ‘Figlia di... Summer Tour’
Figli delle stelle
 
31.07.2021 - 19:420

'Downhill From Everywhere', le umane storie di Jackson Browne

Jackson Browne, ‘Downhill From Everywhere’ (Inside Recordings) - ★★★★✩ - Il quindicesimo album d'inediti dal 1972. Pochi ma buoni (buonissimi)

Qualcuno se l’è ricordato e in questi giorni il verso di Randy Newman “No one gives a s*** but Jackson Browne” – ovvero “a nessuno frega un bel niente a parte Jackson Browne” (edulcorato), da ‘The Piece Of The Pie’ sull’album di Newman ‘Harps And Angels’, 2008 – torna a riassumere l’onesta, coerente, anticonvenzionale, antieconomica e mai populista attitudine di Jackson Browne a cantare di tematiche sociali. “Nella nazione, sin dagli anni Settanta – disse un giorno Newman, un altro che all’America puritana non le ha mai mandate a dire – c’è sempre stata la volontà di base di aiutare, ma poi chi voleva farlo ha voltato le spalle a tutte le questioni che contavano. E invece Jackson ha continuato a lottare, per esempio, contro il nucleare per tutti gli anni Novanta. Non è che soltanto Jackson abbia lottato per queste tematiche, è che lui, al contrario di noi, non ha mai smesso di farlo».

Settantatré anni a ottobre, la faccia da eterno ragazzino di Jackson Browne se n’è andata da un po’, coperta da una barba bianca mai troppo profetica in copertina per la prima volta su ‘Time The Conqueror’ (2008) per estendersi dal pizzetto a tutto il resto; nemmeno la voce è senza età com’era stata per decenni, ma più grossa, profonda e più dolente del solito, lasciata così alla fine di ‘Standing In The Breach’, ultima traccia e title track di un album di sette anni fa, l’ultimo d’inediti, chiuso da un ennesimo auspicio: “Tu lo sai che il mondo che stai aspettando potrebbe non arrivare mai, ma sai anche che il cambiamento di cui il mondo ha bisogno ora è qui, in ognuno di noi”.

Parafrasando Randy Newman, mettici pure la pandemia che ne ha ritardato l’uscita, non è che il mondo sia migliorato granché dal 2014 di quel disco a ‘Downhill From Everywhere’ (Inside Recordings), il nuovo album di Jackson Browne, fresco di stampa; ma almeno il cantautore non ha smesso di cantare le cose come stanno. Compresi – o a partire da, s’inizi da dove si vuole – i trumpiani muri narrati in ‘The Dreamer’, quelli che “abbiamo costruito tra di noi” e che “ci faranno prigionieri delle nostre paure”. O la lunga lista dell’umana discesa (downhill) stilata nel brano che dà il titolo all’album, ispirato da una constatazione dell’oceanografo Charles Moore (“The ocean is downhill from everywhere”) e sintetizzata nel verso “Ogni respiro che prendi viene dal mare”, diretto a chi si crede che l’oceano sia cosa di sua proprietà.

Prima di Greta Thunberg

Chi ai suoi concerti sempre grida “Stay! Stay!” e pretende ‘The Road’, magistralmente diventata ‘Una città per cantare’ per bravura di Ron con parole di Dalla, magari dimentica che nel 1979 Jackson Browne era la Greta Thunberg del rock, punto di riferimento di un secondo e meno caotico Woodstock svoltosi tra il Madison Square Garden e collaterali open-air chiamato ‘No Nukes’, mobilitazione nata dopo la Chernobyl della Pennsylvania, il disastro nucleare di Three Mile Island. Da quel concerto, l’impegno ecologista anticipato in ‘Before The Deluge’, dal capolavoro ‘Late For The Sky’ (1974) e il più generale impegno in difesa dei diritti civili, non si è mai fermato in Jackson Browne, amplificato da ‘Lives In The Balance’, album e canzone, svolta critica datata 1986, oggi acustico manifesto antimiltarista. Da lì, e dalla disperata ‘For America’, ogni altro suo capitolo discografico ha parlato di umanità. Dall’altrettanto politico ‘World In Motion’ (1989), con dentro ‘My Personal Revenge’, versione in lingua inglese di un brano nicaraguegno, alla ‘Down To Cuba’ su ‘Time The Conqueror’, piccolo, ironico affondo sulla gestione statunitense delle catastrofi naturali: “Forse (a Cuba, ndr) non sanno tutte le cose che sappiamo noi, ma almeno sanno come comportarsi durante un uragano”. Fino a ‘Walls And Doors’, 2014, presa in prestito dal cubano Carlos Varela (“Ci può essere libertà soltanto quando nessuno la possiede”).

Tra cuori artificiali e ‘Human Touch’

Registrato con il nucleo più recente, visti a turno durante la pandemie nei live da casa Browne (dov’è appeso l’artwork di ‘Late For The Sky’, dichiaratamente “forse la cosa migliore che ho fatto”), in ‘Downhill From Everywhere’ suonano le chitarre Greg Leisz e Val McCallum, il basso lo storico Bob Glaub, le tastiere Jeff Young e la batteria Mauricio Lewak, con apparizioni di Russ Kunkel e Waddy Watchel. ‘Downhill From Everywhere’ è casa. A volte fin troppo, ma se a casa uno ci sta bene, perché cercarne un’altra. Ci sono piccoli mantra personali come ‘Minutes To Downtown’ e ‘A Little Soon To Say’, e ci sono divertissement soft-rock intitolati ‘My Cleveland Heart’, con video nel quale la giovane star Phoebe Bridgers sostituisce al cantante il cuore vero con uno artificiale (Cleveland, ora lo sappiamo, oltre che sede della Rock And Roll Hall Of Fame è anche sede di fabbriche di cuori artificiali). Ma ci sono anche ricordi di Haiti, cara all’artista quanto Cuba, terra alla quale nel 2016 Browne il solidale donò uno studio di registrazione per istruire giovani tecnici del suono locali, e lo studio di registrazione sfornò l’album intitolato ‘Let The Rhythm Lead: Hait Song Summit, Vol.1’, dal quale arriva ‘Love Is Love’, qui contenuta.

Alla traccia 4, anch’essa già edita, c’è la splendida ‘Human Touch’, scritta nel 2019 insieme a Leslie Mendelson, che con Browne il solidale la canta, e Steve McEwen. ‘Human Touch’ accompagna i titoli di coda del documentario ‘5B’, storia di medici e infermieri del primo reparto aperto dal San Francisco General Hospital negli anni Ottanta di un altro virus, l’Aids: “Quando mi hanno offerto di scrivere una canzone per il film – ha raccontato l’artista all’emittente di Santa Monica KCRW – non pensavo che ne sarei stato capace. Ma quando ho sentito quello che Steve (McEwen, ndr) e Leslie (Mendelson, ndr) avevano abbozzato, ho pensato che fosse una grande canzone. Ho abbandonato così tante offerte di scrivere canzoni per il cinema perché sempre convinto che le mie non fossero all’altezza”. Non questa, forse il punto più alto dell’album, tanto vicina al Browne pianista che a metà anni Settanta minava il sonno dei coinquilini Eagles cercando la versione definitiva di ‘The Pretender’ (lo raccontano gli inquilini in un docufilm che passa dalle parti di ‘Take It Easy’, che porta anche la firma di Browne).

A chiudere questo 15esimo episodio in studio – 15 album in studio in 49 anni di carriera, quanto basta perché non esista nulla su cui storcere il naso – la riconoscente ‘A Song For Barcelona’, un latino grazie alla città inclusiva “dell’architettura e del fútbol” e “alle strade che mi hanno dato rifugio nella mia fuga dal rock and roll”. Rock and Roll musica delle stelle. E le stelle da noi sono cinque. Quattro per la musica e una per l’uomo.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved