Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(3-2)
david-crosby-finche-c-e-tempo
Nel 2015 a Padova (foto: FDSFDS)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Premio Möbius Multimedia, annunciati i finalisti

La 25esima edizione si terrà i prossimi 15 e 16 ottobre allo Studio 2 della Rsi a Lugano-Besso
Casa della Letteratura
3 ore

Viaggio tra le scritture di Doris Femminis Luca Brunoni

A Lugano il 30 settembre, oltre le letture, attraverso sei oggetti, i due autori esporranno sguardi, paure, punti di atterraggio, ispirazioni e progetti futuri
Spettacoli
4 ore

Il Festival Internazionale del Teatro al via con ‘Fedra’

Parte con due prime assolute la 30esima edizione del Fit Festival. Primo atto, il nuovo lavoro di Leonardo Lidi, che torna a collaborare con il Lac
Spettacoli
7 ore

‘Vaccinatevi!’, ve lo chiedono gli Stones

In occasione della data di St. Louis, l’appello ai fan a recarsi allo stadio vaccinati, e se non vaccinati, almeno avendo fatto il tampone
Spettacoli
9 ore

Tony Awards, Broadway incorona ‘Moulin Rouge!’

Dieci premi per l’adattamento teatrale del film con Nicole KIdman ed Ewan McGregor, tra i quali Miglior Musica e Miglior Attore in un musical, Aaron Tveit. 
Società
15 ore

Abraham Yehoshua e la pace di uno Stato binazionale

Lo scrittore israeliano in esclusiva a ‘Naufraghi’: il progetto di una Federazione che sancisca finalmente la pace, ‘un sogno possibile’
Società
23 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
1 gior

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
1 gior

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
1 gior

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
1 gior

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
1 gior

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
1 gior

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
2 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Spettacoli
2 gior

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
2 gior

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
3 gior

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
3 gior

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Figli delle stelle
 
24.07.2021 - 19:020

David Crosby, finché c'è tempo

David Crosby, ‘For Free’ (Three Blind Mice, Inc.) - ★★★★★ - Dalla botta di vita al trapasso, un superbo volo a planare (con amici)

“Sto affrontando la linea della burrasca di una tempesta millenaria, non so se sto morendo o sto per nascere”. La canzone è ‘I Won’t Stay For Long’, arriva a 37 minuti dall’inizio di ‘For Free’ e cioè alla fine. Bilancio, presa di coscienza, epitaffio, una di quelle canzoni che a un certo punto della vita tutti scrivono o si fanno scrivere, come in questo caso. È che se a parlare di morte è David Crosby con tutti i suoi acciacchi, dipendenze, trapianti, tendiniti, diabeti (per rispetto dei plurali), il pensiero va da quelle parti.

“Non è una questione di quanto tempo abbiamo, perché davvero non possiamo saperlo”, diceva un mese fa ‘Croz’ a Howard Stern, che dalle star vuole il sangue, metaforicamente parlando; “Potrei avere davanti due settimane come dieci anni, ma l'importante è ciò che fai con il tempo che hai a disposizione. Io sto cercando di spenderlo al meglio”. Stern chiede: “Come stai di salute? So che hai qualche problemino…”; “Sto perfettamente – replica Crosby – niente di rotto. Sto aspettando”.

‘Ho chiesto scusa’

Settantanove anni, aspirante attore che scelse il Greenwich Village, più intrigante della scuola di arte drammatica, passato dai Byrds per fondare uno degli acronimi più importanti della musica moderna, CSN&Y (Crosby, Stills, Nash & Young), oggi David Crosby è solista perché dal 1971 è sempre stato anche quello, ma anche perché i rapporti tra i primi tre sono compromessi – “Nash crede che io sia responsabile di tutto, compresa la guerra di Corea, ma lo accetto” – e col quarto pure – “Sì, è vero, ho fatto dissing su sua moglie (l'attrice Daryl Hannah, ex moglie di Jackson Browne) e mi dispiace, ma ho chiesto scusa”. Conscio delle proprie colpe – “Ma ci siamo fatti del male a vicenda” – certo che non avremo mai più nessun déjà vu (nemmeno discograficamente), Crosby placa la sete dei nostalgici delle armonie vocali con grandi cose dal 2014 a ieri, data di uscita di ‘For Free’, ottavo capitolo in prima persona.

‘For Free’ che, in verità, finisce dove finisce ma parte da una botta di vita intitolata ‘River Rise’ uscita in maggio, scritta insieme al polistrumentista Jay Raymond, produttore, co-produttore e musicista da ‘Croz’ (2014) in poi, inclusa la parentesi CPR, Crosby Pevar & Raymond, due album live e due in studio tra il 1996 e il 2004, tra i quali lo splendido ‘Just Like Gravity’ (2001). Raymond che è il figlio biologico di Crosby, dato in adozione all’inizio degli anni Sessanta e ritrovato nei Novanta. La terza firma su ‘River Rise’ è quella del primo dei quattro amici che stanno dentro il disco, l’ex Doobie Brothers Michael McDonald, una delle voci bianche più nere di sempre (ma anche una delle voci nere più bianche). “Volevamo scrivere qualcosa di molto evocativo della California, ma con una prospettiva country, che parlasse del riscatto dell’uomo comune”, annunciava Raymond in fase di presentazione dell’opera. E ‘River Rise’ è pura, benedetta leggerezza. 

‘Woodstock’ e dintorni

In ‘Rodriguez For A Night’ il suono è marcatamente Steely Dan perché la firma Donald Fagen, realizzando un sogno di Crosby, che in ‘For Free’ può vantare la presenza del fondatore della sua band preferita. L’arrangiamento è una dichiarazione d’amore che cattura i migliori Novanta della band che fu anche di Walter Becker, morto nel 2017. I rimanenti due featuring sono Joan Baez, autrice del dipinto in copertina, e Joni Mitchell: come già fatto con la di lei ‘Woodstock’ nel precedente ‘Here If You Listen’ (2018), Croz prende in prestito dall’amica – lo dice il titolo – ‘For Free’, da ‘Ladies Of The Canyon’ (1970), album di ‘Woodstock’, ‘Big Yellow Taxi’ e ‘The Circle Game’, in un ulteriore gesto d’amore in forma di duetto affidato per metà alla voce della texana e cinque volte Grammy Sarah Jarosz. Il tutto – fedelmente, come da originale – retto dal solo pianoforte di Raymond. Il risultato è un restauro digitale di un preciso momento storico di colta scrittura, irripetibile nella sua complessa immediatezza. Poco prima e poco dopo nel disco si ascoltano impasti vocali marchio di fabbrica in ‘The Other Sight Of Midnight’, il racconto autobiografico ‘I Think’ (“È così confuso che continuo a perdere la mia strada”), e la splendida e terrestre ‘Secret Dancer’.

E poi il congedo. “L’ho ascoltata cento volte e ancora mi prende. È dolorosamente bella”, dice Crosby di ‘I Won’t Stay For Long’, scritta dal solo Raymond ispirato da ‘Orfeo Negro’ di Marcel Camus, Oscar e Palma d’Oro per la trasposizione in tempi più recenti del mito di Orfeo che vuole riportare in vita Euridice. “Sto affrontando la linea della burrasca di una tempesta millenaria, non so se sto morendo o sto per nascere”, da riscrivere per manifesta potenza, portata dal mare così presente nella discografia dell’artista (anche in ‘Ships In The Night’, poco prima).

“Sto morendo o sto per nascere”, domanda autoriferibile a un certo punto della vita, valida per tutti, credenti, supponenti, rassegnati, ottimisti. “Ma vorrei essere con te oggi”, canta Crosby, aggiunta che lenisce e, in qualche modo, ancor di più, ferisce.

© Regiopress, All rights reserved