ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
4 ore

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
5 ore

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
5 ore

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
6 ore

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
7 ore

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
7 ore

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
8 ore

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
9 ore

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Musica
10 ore

‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’

Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
12 ore

L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta

Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
13 ore

Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi

Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
1 gior

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
1 gior

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
1 gior

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
Scienze
1 gior

Nello spazio, come uno scoiattolo ibernato

I segreti circa le funzioni vitali durante il letargo potrebbero aiutare gli astronauti nelle missioni spaziali di lunga durata
Società
1 gior

Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata

Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
recensione
1 gior

L’Osi in Auditorio per una splendida ‘Ramifications’

Il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta per l’occasione dal violoncellista Jean-Guihen Queyras ha registrato il sold out
Scienze
2 gior

Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92

Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
2 gior

A Bologna come a Pompei, anzi meglio

Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
2 gior

Diabolik, Eva Kant compie 60 anni

L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’63. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
2 gior

Cinelario. Esserci, è la parola.

A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
2 gior

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
2 gior

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Spettacoli
3 gior

È morto l’attore Sergio Solli, un pezzo di storia napoletana

Volto popolare di teatro e cinema, il parrucchiere partenopeo ha lavorato con diversi registi, da Eduardo De Filippo a Luciano De Crescenzo
Scienze
3 gior

La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b

Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Libri
22.11.2022 - 09:10
Aggiornamento: 17:40

Stefano Marelli, il calcio siamo noi (nessuno si senta escluso)

Esce ‘Il secolo breve del calcio mondiale’, una carrellata di epoche, abitudini, personaggi, vicende del gioco più popolare di sempre

di Roberto Scarcella
stefano-marelli-il-calcio-siamo-noi-nessuno-si-senta-escluso
Dal 1930 al 2018, per le Edizioni Salvioni

Lo capisci già dal titolo, ‘Il secolo breve del calcio mondiale’ (che si rifà al celebre manuale di storia di Eric J. Hobsbawm) che qui si parla di calcio per non parlare solo di calcio.

Le pagine del libro di Stefano Marelli entrano ed escono dal campo, dallo stadio e perfino dal Paese che ha ospitato questo o quel Mondiale, per raccontarci epoche, abitudini, personaggi, storie che sono uniche e allo stesso tempo replicabili all’infinito: il capitano della Francia che diventa killer per i nazisti, l’arbitro brasiliano che si mette a menare in campo come un buttafuori da discoteca, l’allenatore che sbaglia i cambi decisivi, lo sceicco che entra in campo per cambiare un risultato, il giocatore marxista e quello menefreghista. E poi – all’opposto – la Guerra Mondiale, il fascismo e le dittature sudamericane, la caduta del Muro, il calcio che da strumento politico diventa politica lui stesso. Le piccole storie e la Storia con la S maiuscola, il microscopio e il telescopio. Così Marelli adatta la propria penna allargando e restringendo il campo, restituendoci il senso del gioco più popolare tra gli esseri umani, e quello che sembrerebbe il contorno e invece è l’essenza di ogni momento storico, pallonaro e non. D’altronde, se – come dice José Mourinho – "chi sa solo di calcio, non sa niente di calcio", viceversa, chi non sa niente di calcio, soprattutto dei Mondiali, fa più fatica a capire, mettere insieme il puzzle di quello che è successo, di quel che siamo stati in questi ultimi 90 anni. Meglio dare una bella ripassata con questo libro.

Stefano, il tuo libro è fatto soprattutto di ritratti di persone che finiscono dentro a una storia più grande di loro, calcistica e non solo, e in qualche modo emergono. Perché siamo così attratti da singole storie tanto da farle diventare simbolo e riassunto di eventi planetari come il Mondiale?

Probabilmente perché le storie personali, a differenza delle grandi tematiche politiche, sono di più facile comprensione per chiunque: sono spesso fatte di episodi in apparenza minimi – dunque vicini all’esperienza e alle conoscenze del lettore – eppure riescono a mostrare e spiegare realtà e dinamiche assai complesse. Un po’ come succede per certi romanzi di guerra, che sanno in qualche caso raccontare un conflitto molto più efficacemente di un saggio storico, proprio per l’immediatezza che solo una storia personale riesce a rendere.

Quanto cambia l’approccio alla scrittura quando si racconta il Mondiale dentro il campo, con gol, espulsioni, pali, traverse e fallacci e quando invece si racconta un episodio decisivo (come, ad esempio, la rinuncia della Colombia al Mondiale ’86) dove però il calcio giocato resta sullo sfondo?

In questi casi, ci si deve documentare attingendo a fonti che spesso chi si occupa di sport non è abituato a consultare, e che dunque obbligano a verifiche più approfondite, prendendo in considerazione magari diverse versioni che sono state fornite a proposito di un dato evento storico, anche contrastanti fra loro, a dipendenza magari dell’orientamento politico dell’autore. E poi, tratte le dovute considerazioni, fornirne una propria lettura.

C’è un Mondiale che ritieni più letterario di altri? Questa edizione in Qatar, con tutte le polemiche prima e durante, pensi che potrà essere più avaro di storie da tramandare?

Credo che la prima edizione, quella disputata nel 1930 a Montevideo, sia ammantata di un fascino che davvero ben si presta alla trattazione letteraria dell’evento. Il lungo viaggio in nave che le squadre europee dovettero affrontare per raggiungere l’Uruguay, la formula abborracciata di una manifestazione poco più che amatoriale o il fatto che fra arbitri e guardalinee ci fossero alcuni allenatori delle squadre iscritte al torneo sono tutti elementi che rendono il soggetto degno di una trattazione tendente al letterario, pur non inventando nulla di quanto si va a raccontare. Le polemiche che hanno accompagnato l’edizione 2022, fin dall’assegnazione della sede, sono comunque a loro volta altrettanto interessanti, per i motivi opposti a quelli elencati prima. Le implicazioni politiche, le polemiche infinite sull’anomala collocazione del torneo nel calendario, il gigantismo finanziario, le questioni legate al mancato rispetto dei diritti umani - e l’organizzazione fin troppo professionale che rende quasi impossibili gli imprevisti e praticamente invisibili le storie personali - sono tutti elementi capaci di fornire spunti a un narratore.

Ci si meraviglia dei Mondiali assegnati al Qatar, eppure l’etica non è mai stata in cima ai criteri della Fifa. Basti pensare al Mondiale fascista del ’34, a quello dei generali in Argentina o anche solo a quello assegnato alla Russia di Putin. Siamo davvero andati oltre o, per fortuna, si è alzata la nostra soglia dell’indignazione?

Entrambe le cose: l’evolvere dei tempi e delle mentalità ha permesso di raggiungere un livello medio di attenzione e di sensibilità nei confronti di certe storture della Storia – coi loro abomini – che nei decenni scorsi era inimmaginabile. Del resto, dall’inizio dei Mondiali di calcio è passato ormai quasi un secolo, periodo durante il quale molte cose sono cambiate. Non solo a livello di mentalità, ma anche per quanto concerne i progressi tecnologici: negli anni 30 – ma in realtà fino a una trentina d’anni fa – certe cose non si conoscevano semplicemente perché chi deteneva il potere decideva che non dovessero venir raccontate, mentre oggi, grazie alla tecnologia che letteralmente ci portiamo in tasca, le notizie circolano e velocità supersonica e raggiungono in pratica ogni angolo del pianeta, benché qualcuno tenti ancora di censurarle o di truccarle. Oggi siamo più informati, più consapevoli e più sensibili, dunque ci indigniamo se Olimpiadi e Mondiali vengono disputati in Paesi dalle politiche assai discutibili, ma ciò non impedisce a priori ai padroni del vapore di assegnare queste manifestazioni a certi Stati canaglia.

Perché secondo te il calcio, che si presta così bene a farsi letteratura, non riesce a trovare una sua forma compiuta a livello cinematografico, a differenza di altri sport come ad esempio la boxe o il football americano?

Il pugilato, da questo punto di vista, non ha eguali: la sfida uno contro uno – praticamente a mani nude – affascina perché ci riporta a qualcosa di ancestrale. E poi i boxeur hanno quasi sempre storie personali strepitose, fatte di povertà, successo, cadute, riscatto: tutti ingredienti che aiutano a rendere accattivante una storia. Ma ci sono anche ragioni pratiche, tecniche: la boxe fu da subito tema privilegiato dai cineasti, già agli albori, perché si svolge in uno spazio ristretto e ben delimitato – il ring – che aiutava parecchio a girare le scene. E infatti, ancora all’epoca del muto, moltissime furono le pellicole che avevano il pugilato come tema. Lo stesso succede un po’ anche col football e col baseball, discipline che hanno ispirato una moltitudine di film perfettamente riusciti. Nel caso del baseball soprattutto, credo che il segreto del successo stia nella ripetitività di pochi gesti ben codificati: lancio, battuta e corsa. E poi c’è una ragione di tipo culturale: mentre romanzieri e registi americani non si sono mai vergognati di occuparsi di sport nelle loro opere, in Europa gli intellettuali si sono invece a lungo rifiutati di trattare certi temi, che ritenevano indegni della loro attenzione, e dunque si è perso un sacco di tempo. Dal punto di vista tecnico, infine, il calcio si gioca su una superficie troppo vasta per poterlo racchiudere in inquadrature che possano rivelarsi davvero efficaci.

Qui hai raccontato pezzi di ogni Mondiale, dal 1930 in poi, ma qual è l’edizione che ti è rimasta più nel cuore?

Per quanto eticamente assai discutibile, il torneo al quale sono più legato è quello che si svolse in Argentina nel 1978. Finivo la seconda elementare, era il primo Mondiale che seguivo con una certa attenzione e si portava appresso curiosità davvero affascinanti, come il fatto che laggiù fosse inverno mentre da noi stava per cominciare l’estate o il fatto – per via del fuso orario – che le partite si giocavano anche alla nostra mezzanotte, ed era un’avventura anche solo riuscire a stare svegli fino a quell’ora. Mio fratello si mise a tifare Olanda ed io, per spirito di contraddizione, scelsi dunque l’Argentina. Credo sia quello il motivo principale se poi, negli anni, ho sviluppato la passione per il calcio sudamericano in generale.

Puoi riscrivere con la tua penna il finale di una sola partita dei Mondiali, cambiandone il risultato. Quale sceglieresti? E come la faresti finire?

Farei vincere all’Ungheria il Mondiale del 1954, quello svoltosi in Svizzera. I magiari, a quei tempi, erano senza discussioni la squadra più forte del mondo, capace di rimanere imbattuta per quasi un lustro e di andare a sommergere di gol gli inglesi a casa loro. Nella finale di Berna vennero sconfitti 3-2 – contro ogni pronostico – dai tedeschi occidentali che nel turno preliminare avevano bastonato 8-3. Nessuno seppe spiegarsi il crollo degli ungheresi in finale, ma enormi sono i sospetti di pratiche illecite da parte tedesca, leggasi doping. Czibor, Hidegkuti, Boszik e il divino Puskas – giocatori straordinari – un Mondiale avrebbero davvero meritato di portarselo a casa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved