ULTIME NOTIZIE Culture
Mostra
14 ore

Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno

La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
15 ore

È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’

L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
16 ore

Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro

Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
16 ore

‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’

L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Scienze
16 ore

Sta nascendo il gemello digitale del pianeta Terra

Messo in campo il budget più importante mai avuto nel settore: con i supercomputer, lo studio dei cambiamenti, a partire da quelli climatici
Cinema
1 gior

‘Il sergente dell’Altopiano’ sbarca a Venezia

Per l’edizione invernale del Cinema svizzero a Venezia, il 29 novembre doppia proposta Imagofilm Lugano
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Christian Bobin

Le sue opere, tradotte in numerose lingue, annullano i confini tra prosa e poesia, narrazione e contemplazione
Culture
1 gior

I musei pubblicano la ‘Lista rossa d’emergenza’ per l’Ucraina

Per il Consiglio internazionale dei musei, uno strumento essenziale per la lotta contro il traffico illecito e per la protezione del patrimonio culturale
Culture
1 gior

Addio a Hans Magnus Enzensberger, faro del dopoguerra tedesco

La Germania piange l’intellettuale onnivoro che “impersonava libertà d’espressione”
Castellinaria
1 gior

Il sabato di Castellinaria (vademecum)

Aspettando il palmarès, gli appuntamenti conclusivi. Chiude ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli
Pagine scelte
28.09.2022 - 12:02
Aggiornamento: 14:29

Céline, un inedito che parla di ‘Guerre’

Ritrovato tra le sue carte e pubblicato, è stato un caso letterario in Francia, forte delle sue duecentomila copie vendute

di Maurizio Cucchi
celine-un-inedito-che-parla-di-guerre
Céline (pseudonimo di Louis Ferdinand Auguste Destouches, 1894-1961)

Una novità importante che viene da lontano e cioè un romanzo inedito di Céline (1894-1961) ritrovato tra le sue carte e pubblicato quest’anno in Francia dall’editore Gallimard. Si intitola ‘Guerre’, e dunque ‘Guerra’, e l’autore racconta in prima persona della sua esperienza nella Grande Guerra, dove era stato ferito con conseguente periodo di degenza nel territorio delle Fiandre occidentali. Curatore dell’edizione (p.188, € 19) è Pascal Fouché e prefatore François Gibault. Come ci informa Paolo Di Stefano sul Corriere della sera, il libro ha venduto in Francia ben duecentomila copie.

Il personaggio narrante, Ferdinand (Louis-Ferdinand-Auguste Destouches era il vero nome di Céline) ci dice delle sue sofferenze, essendo stato colpito duramente a un braccio e avendo ripercussioni e un fastidiosissimo rimbombare nella testa. Nell’ospedale militare conosce infermiere e altri ricoverati e si intreccia così il racconto molto articolato e ricco di dettagli e vicende nel tempo di una degenza non certo rilassante. Un racconto, peraltro, insieme autobiografico e d’invenzione.

Il romanzo risulta scritto nel 1934 e ci offre caratteri tipici dello stile e della scrittura dell’autore, in pagine densissime e spesso davvero ostiche come nelle opere maggiori e già ben note di Céline, alle quali, dunque, si ricollega in piena naturalezza in questo romanzo poi da lui abbandonato. Ritrovato è una fortuna per i lettori in genere, oltre che per gli appassionati dell’autore, ammiratori di capolavori ben noti (basterebbe citare ‘Viaggio al termine della notte’, che è del 1932, e ‘Morte a credito’, del 1936), opere di una libera originalità intensa che hanno stupito alla loro apparizione e che continuano a risultare dei classici innovativi del Novecento.

Con piccolo dizionario annesso

In ‘Guerre’ (che ci auguriamo possa presto circolare anche in italiano), l’estrema energia espressiva dell’autore si ritrova praticamente a ogni passaggio, e diciamo subito che se i dettagli in cui si svolge sono proposti nei termini di un lessico impervio, spessissimo gergale, per fortuna il curatore ci aiuta con un piccolo dizionario, in appendice, per i termini della lingua "popolare, argotica, medica e militare".

Ma le difficoltà che incontriamo di fronte a un testo così felicemente ruvido e originale (mano d’autore comunque inconfondibile) non diminuiscono certo l’interesse, meglio ancora: il coinvolgimento, che Céline riesce a suscitare e che ci riconduce a un’idea di ricerca, anche sperimentale, ma fortemente motivata al proprio interno, oggi perduta a vantaggio di un proliferare di narrazioni dal minimo o inesistente impegno sul piano della scrittura. Una sorta di qualunquismo dilagante dello stile che appiattisce romanzi di troppo facile (ma sa non sempre davvero realizzato) consumo. Céline è talmente particolare – diciamo pure: unico – nelle sue opere, da essere del tutto inimitabile, il che si conferma anche nella sorpresa di questo testo rimasto così a lungo inedito e meritoriamente riportato alla luce. Il fatto è che la prosa di Céline continua a parlarci, con una forza problematica e una violenza espressiva tali da indurre comunque a riflettere: non solo il lettore, ma chi pratica in genere la prosa narrativa.

© Regiopress, All rights reserved