ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
3 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
4 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
15 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
20 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
20 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
21 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
21 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
22 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
23 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
2 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
2 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
2 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
Teatro San Materno
laR
 
24.07.2022 - 10:05
Aggiornamento: 14:51

Octotrip, otto fiati e una voce soltanto

Sei tromboni, una tuba e un euphonium, formazione francese in residenza: martedì 26 luglio negli spazi esterni del Teatro, qualcosa di più che un concerto

octotrip-otto-fiati-e-una-voce-soltanto
Ti-Press
In prova ad Ascona (aspettando François...)

Sono stati nella Valletta del Silenzio a riempire lo spazio col suono, laddove quello spazio è di norma riempito dai corpi. Tanto in quella cattedrale naturale quanto negli altri spazi del Teatro San Materno di Ascona e del Monte Verità tutto. Si fanno chiamare Octotrip, per la non consueta unione tra sei tromboni, una tuba e un euphonium. Francesi, già compagni di conservatorio, al San Materno sono in residenza ma anche ‘in esplorazione’, alla ricerca del rapporto tra suono e spazio negli ambienti esterni dello stesso. È in quelli interni che li incontriamo, lì dove alla fine di tutto ci regaleranno un’esecuzione de ‘Las Cataratas’. Questa:

I tromboni: Jules Bottin, François Chapuis, Robinson Khoury, Alexis Lahens, Charlie Maussion, Nicolas Vasquez. All’euphonium Victor Auffray, alla tuba Lucas Dessaint. Quello di martedì 26 luglio alle 20.45 negli ambienti esterni del teatro (all’interno in caso di pioggia) è il primo concerto svizzero degli Octotrip; presi uno a uno, in Svizzera ci sono già stati per progetti racchiusi in lunghe biografie in cui appaiono gli ensemble e i teatri più importanti di Francia e non solo. Nicolas: «Tutto è cominciato a Lione nel 2015. Eravamo studenti al Conservatorio Nazionale Superiore. Octotrip ci ha consentito di continuare a vederci anche dopo la fine degli studi. Ci unisce la voglia di creare, di lavorare a un repertorio su misura per questo strumento». Alexis: «Al conservatorio si suonavano sempre le stesse cose; noi volevamo comporre per i nostri strumenti e per le nostre personalità».

Estetiche

Eccezion fatta per ‘Sophisticated Lady’, che è farina di Duke Ellington, l’eponimo degli Octotrip uscito nel 2019 è un album d’inediti a tutti gli effetti, che ha in Robinson Khouri – compositivamente calato in un misto di jazz tradizionale, world music e musica ripetitiva minimalista – uno dei due autori originali. L’altro è François Chapuis, che compone ispirato alla musica moderna, a quella francese d’inizio XX secolo e alla musica seriale e dodecafonica in particolare. Chapuis giunto ad Ascona per altri tragitti, facendo scendere temporaneamente a sette il numero degli intervistabili e fotografabili.

«Otto è quasi un’orchestra – dice Khouri – ma non è nemmeno musica da camera. Otto è al limite tra qualcosa di ‘supermassivo’ e l’effettivo cameristico». Jules: «Ognuno di noi ha un proprio percorso, personale, di studi, di modalità d’apprendimento. Ognuno porta una propria estetica personale: c’è del jazz, della classica, c’è la world music. Si tratta di creare un repertorio, ma anche uno spettacolo, di studiare i piazzamenti scenici, le luci, di dare una forma teatrale al tutto». Charlie: «Lo scopo è quello di trovare una sonorità comune. Ognuno ha le proprie qualità e i suoi punti deboli, differenti per tutti. Ognuno porta un’estetica differente, come dice Jules, anche quando suona, quando ascolta, tra di noi ma anche al di fuori di Octotrip. Cerchiamo di farne materia comune».


Ti-Press
Octotrip

Egotrip

A proposito: come si mettono d’accordo sei trombonisti? Jules: «Non è molto diverso dalla società civile: tante discussioni, tanto rispetto e l’intelligenza collettiva indispensabile per la convivenza». Charlie: «Abbiamo un nostro ego, sicuramente, ma il rispetto arriva dalla proposta e dal confronto». Victor: «All’inizio, per il nome del gruppo avevo pensato proprio a Egotrip…».

Risata d’ensemble e riflessione: questo dev’essere (al netto delle antiche teorie sui matrimoni) il motivo per il quale gli Octotrip sono insieme da sette anni. Soprattutto, sono gli stessi da quando l’ensemble è nato. Nicolas: «Siamo ancora in piena evoluzione nella ricerca del nostro suono, mutiamo in funzione del repertorio»; Robinson: «Sono cicli. C’è la composizione, c’è la registrazione, c’è il concerto e nel concerto si suona diversamente dalla registrazione, cosa che apre un nuovo ciclo». E in tema di ciclo, Jules: «Una residenza come questa è di stimolo».

Suggestioni

‘Las cataratas’ (Le cascate) dura cinque minuti; genera il brivido anche se gli Octotrip la suonano in sette; il range di sensazioni è vastissimo, ancor più che su disco; e quando i tromboni entrano in risonanza, gli Octotrip paiono un sintetizzatore: saranno le suggestioni del Monte Verità, da dietro le quinte potrebbe pure uscire Pete Townshend degli Who con un vecchio Moog a girare le manopole come in ‘Baba O’Riley’. Robinson: «L’ensemble è una versione estesa di noi stessi, sono otto voci che lavorano insieme e sanno come risultare un’unica voce. Sì, l’idea di un sintetizzatore ci può stare».

Un’unica voce, un’estensione di sé. «All’inizio le nostre partiture si chiamavano ‘Trombone 1’, ‘Trombone 2’, ‘Tuba’, ‘Euphonium’; ora si chiamano ‘Robinson’, ‘Jules’, ‘Nicolas’, ‘Victor’. Le partiture sono per persone e non più per strumenti». Non ricordiamo esattamente chi l’abbia detto, ma se la voce è una sola allora poco importa.


Al completo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved