ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Nick Carter accusato di stupro da fan autistica

La donna che accusa il componente dei Backstreet Boys, all’epoca dei fatti era minorenne
classica
3 ore

Barenboim torna a dirigere e lo farà con l’Inno alla gioia

Il direttore d’orchestra, dopo una pausa forzata per malattia, ripartirà dirigendo la Nona sinfonia di Beethoven
Culture
3 ore

‘Nel lago del cor’, letture dantesche in Biblioteca

In quella di Lugano, nella Sala Tami, giovedì 15 dicembre alle 18, con Stefano Prandi, Johannes Bartuschat e Mira Mocan
Culture
4 ore

Tetraktys, la Terra in musica e letteratura

Il ciclo curato dall’associazione Amuleti torna con una serie di incontri: giovedì 15 dicembre si svolgerà quello d’esordio
Spettacoli
4 ore

‘Ho l’artrite all’alluce, ma a 40 anni sono più potente e sexy’

L’attrice Kate Winslet parla d’età e d’invecchiamento: ‘L’inizio del declino? Abbiamo opportunità di dire ciò che pensiamo’
Spettacoli
5 ore

Ibrahimovic sul set con Verdone: ‘Zlatan? Ho un nuovo amico’

Il regista romano sta girando nella capitale italiana un nuovo capitolo della serie tv in cui interpreta sé stesso
cinema
5 ore

Kristen Stewart sarà presidente della giuria della Berlinale

L’attrice statunitense sarà la persona più giovane di sempre a capo della commissione internazionale della 73esima edizione del festival
Spettacoli
6 ore

Kety Fusco e Blue 2147 in concerto al Sociale

Il teatro bellinzonese ospita l’esibizione della giovane arpista e del collettivo di musicisti venerdì 16 dicembre, alle 20.45
Società
6 ore

Un miliardo e mezzo di account Twitter da cancellare

Il patron della piattaforma Elon Musk: ‘Queste sono evidenti cancellazioni di account con nessun cinguettio e accesso per anni’
Spettacoli
6 ore

‘Mi ha rubato l’innocenza. Sarò sempre una sopravvissuta’

Una donna ha denunciato Nick Carter, il cantante dei Backstreet Boys, per averle usato violenza nel 2001 quando aveva 17 anni
Spettacoli
7 ore

I Santi Francesi vincono X Factor: ‘Semplicemente grati’

Al secondo posto Beatrice Quinta, terza Linda, in ultima posizione i Tropea. A portarli alla vittoria è stato l’inedito ‘Non è così male’
Cinema
7 ore

I cinque favoriti degli European Film Awards

I film in pole position sono tutti candidati dalle rispettive nazioni all’Oscar. Sabato 10 dicembre a Reykjavik, in Islanda, l’assegnazione dei premi
Musica
8 ore

Sweet Soul & Gospel, la prima volta a Bellinzona

È un esordio quello dell’ensemble femminile nella rassegna Gospel & Spirituals: appuntamento domenica 11 dicembre alle 17 nella Chiesa di San Giovanni
Cinema Teatro Chiasso
9 ore

‘Tutti contro tutti’, Maurizio Battista al posto di Panariello

Persiste l’indisposizione del comico toscano. Al suo posto, l’analisi sociale a metà tra ilarità e riflessione dell’artista romano, sempre il 14 dicembre
L’intervista
15 ore

Dietro le sbarre di ‘Ariaferma’

Silvio Orlando e Tony Servillo, carcerato e carceriere nel film di Leonardo Di Costanzo, a Venezia prima e a Castellinaria 2021 poi, ora in sala
Teatro Sociale
1 gior

‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte

Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Società
1 gior

È uscita la docuserie di Harry e Meghan, silenzio da Londra

Nei primi tre episodi il duca di Sussex afferma di ‘aver sacrificato tutto’ per la moglie, riferendosi allo strappo con i Windsor
Spettacoli
1 gior

Annullato il concerto di Céline Dion al Paléo

L’appuntamento inizialmente previsto nel 2020, ma rinviato a causa del coronavirus, è ora stato annullato per motivi di salute
Spettacoli
1 gior

Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’

Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
L'intervista
laR
 
19.07.2022 - 18:26

Fabio Genovesi: ‘Dobbiamo non abituarci alla meraviglia’

Già Premio Strega nel 2015, ama il mare, la natura e l’ambiente: l’ultimo suo libro è ‘Il calamaro gigante’

di Elena Spoerl
fabio-genovesi-dobbiamo-non-abituarci-alla-meraviglia
Sara Lando
‘Non diamo lezioni ai figli, lezioni di vita o altre cose saccenti, non ce lo meritiamo; dobbiamo solo chiedere loro scusa e sperare che facciano meglio di noi’

Fabio Genovesi è autore affermato: nel 2015 ha vinto il Premio Strega Giovani con ‘Chi manda le onde’ e nel 2018 il Premio Viareggio con ‘Il mare dove non si tocca’. Recentemente, lo scrittore ha raccontato le bellezze artistiche e naturali, le storie e le leggende del Belpaese seguendo in diretta le tappe del Giro d’Italia, ogni giorno su Rai 2 e su Rai Sport. Uno dei temi che sta molto a cuore a Genovesi è il mare e più in generale la natura, l’ambiente. Ne scrive anche nel suo ultimo libro, ‘Il calamaro gigante’ (Feltrinelli 2021).

Fabio Genovesi, ne ‘Il calamaro gigante’ lei scrive che "noi per fortuna siamo molto più della Storia: noi siamo le storie". Cosa intende con questo plurale e con la ‘s’ che diventa minuscola?

Di solito la Storia con la S maiuscola è una serie di cose fatte – bene o male – da re o regine, papi, o altre persone ricche e potenti. Le cause della seconda guerra mondiale, ad esempio, saranno sì importanti, ma ecco che lì non ci sono mai le storie che più mi interessano: il modo in cui mio nonno e mia nonna sono sopravvissuti, hanno fatto l’amore facendo nascere i miei genitori, e quindi poi sono nato io. È quella storia che m’interessa di più. Noi siamo figli di quelle storie, ognuno di noi è figlio delle storie che hanno portato a lui.

"La Terra su cui viviamo non l’abbiamo ereditata dai nostri padri, l’abbiamo presa in prestito dai nostri figli" (la frase fu pronunciata a metà del 19esimo secolo da Capo Seattle alle truppe americane in risposta alla richiesta del Governo degli Stati Uniti di acquistare territori indiani, poi sottratti loro con la forza). Come valuta questo pensiero?

Concordo in pieno con Capo Seattle e in genere con tutto il pensiero degli indiani d’America e di altri popoli indigeni che gli occidentali hanno incontrato e sottomesso. È quell’atteggiamento, sempre occidentale, del prendere invece che del comprendere, quel considerare tutto come un bene che se non lo prendo io, c’è il rischio che se lo prenda qualcun altro e allora ecco, me lo prendo tutto. Il risultato è che trattando la natura non come qualcosa di vivo ma come un bene inerte da prendere e da accumulare, beh, ecco che questo accumulo muore. E con lui, anche noi moriamo.

Sul piano ambientale, quale eredità lasciamo alle giovani generazioni? Lei ha dedicato alla questione ecologica l’ultimo capitolo de ‘Il calamaro gigante’: tra l’altro vi narra di un’‘isola’ di plastica grande tre volte la Francia scoperta alla fine del secolo scorso tra il Giappone e le Hawaii.

Lasciamo alle nuove generazioni una situazione tragica, che continuiamo a rendere ancora più tragica. Il problema è che oggi si parla moltissimo di plastica e d’inquinamento e questo dà l’illusione che si stia facendo qualcosa. In realtà l’unica cosa che si fa è parlarne, il resto è davvero così piccolo che sfiora il simbolico. Quindi per favore: non diamo lezioni ai figli, lezioni di vita o altre cose saccenti, non ce lo meritiamo; dobbiamo solo chiedere loro scusa e sperare che facciano meglio di noi: peggio, d’altronde, è difficile fare!

Ma non è convinto della necessità di opporsi con determinazione e urgenza ai cambiamenti climatici in atto?

È necessario opporsi, ma non aspettando che esistano leggi o altre decisioni dei governi, perché tanto ai governi non importerà mai davvero. Le loro decisioni sono prese a livello politico ed economico, ai governi è l’economia e non l’ecologia che interessa. E allora dobbiamo capire che la rivoluzione viene da noi, da ogni singolo gesto che facciamo quotidianamente. La grande differenza politica non verrà mai… oppure sì, verrà, ma solo adattandosi a una grande differenza creata da noi, che per ognuno di noi è piccola. E questo è scomodo perché vuol dire che tocca a noi fare qualcosa, invece che lamentarci, tocca a noi cambiare qualcosa nella nostra vita quotidiana. È inutile andare a manifestare e poi andarsi a mangiare un hamburger da McDonald’s, tanto per fare un esempio. A quel punto si protesta solo per farsi dei selfie e il mondo non ha bisogno di selfie.

Il suo libro, a mio parere, è un invito ad appassionarsi, a lasciarsi stupire, a conoscere le evidenze scientifiche dotandole però di aperture, insomma: a sapersi incantare di fronte alla sorprendente varietà della vita.

Grazie, sono proprio le parole che speravo di ascoltare, Vede, io credo nell’incanto che ci possono dare non solo le meraviglie che ci sono a migliaia di metri di profondità marina, ma l’incanto del mondo intorno a noi, e anche di noi stessi. È miracoloso il calamaro gigante, ma lo è anche una rondine, e lo sono anche le nostre mani: macchine stranissime create dalla natura, queste mani che sanno fare cose incredibili. Siamo miracoli noi stessi: il cuore batte anche quando dormiamo, respiriamo anche quando dormiamo. Tutto per me è prodigioso. Dobbiamo non abituarci alla meraviglia. Ecco: il mondo è pieno di meraviglie, solo che non le sappiamo più guardare, e allora rischiamo di appiattirci. Se ci rendiamo conto di tutta la meraviglia che quotidianamente è nel mondo attorno a noi, addosso a noi e in noi, allora diventa più difficile offenderla e avvelenarla come facciamo.

Quindi c’è speranza? Eppure la pandemia prima e la guerra ora non portano certo ottimismo…

Ci deve essere speranza e c’è speranza. La risposta non è mai opporre alle brutture altra bruttura, non è incattivirsi perché c’è il Covid od odiare qualcuno nella guerra: la risposta secondo me è opporre bellezza a tutta questa bruttezza: è l’unica cosa che sappiamo e possiamo fare – anche perché queste persone in quanto a bruttezza non le batti! – e allora devi opporre il fatto che sappiamo creare cose belle. Opporre bellezza e lasciarla così, solo per ricordare cosa si può fare di bello nel mondo.

Cosa si sente di dire ai giovani?

Ai giovani mi sentirei di dire per prima cosa di non dare ascolto a noi e di non fare quello che abbiamo fatto noi. E soprattutto di non credere mai, quando non capiscono le brutture e le ingiustizie del mondo, ai grandi che danno loro questa risposta orribile: "Quando sarai grande capirai". Il che non vuol dire che quando sarai grande sarai più intelligente o arriverai a più cose, no, quando sarai grande sarai più arreso alla bruttezza delle cose che succedono e sarai più cinico. Non è vero che le persone sono più intelligenti se capiscono: ci sono cose che è bene non capire e non accettare. E quindi più sei intelligente e più non le capisci. Consiglio ai giovani di non capire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved