Inter
1
Venezia
1
2. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
2
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-1)
Visp
3
Ticino Rockets
2
3. tempo
(0-0 : 2-1 : 1-1)
La Chaux de Fonds
2
Zugo Academy
0
1. tempo
(2-0)
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
2
PHI Flyers
2
1. tempo
(2-2)
tra-le-righe-di-kill-venus
Lina Bertola
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
21 ore

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
21 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
22 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
23 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
1 gior

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
1 gior

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
1 gior

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
1 gior

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
1 gior

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
1 gior

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
1 gior

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
1 gior

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
1 gior

Addio a Elza Soares, la cantante brasiliana del millennio

Così la definì Bbc Radio. Per il Rolling Stone, tra le cento più grandi voci della musica brasiliana. Si è spenta a 91 anni a Rio de Janeiro
Festival di Sanremo
1 gior

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
Culture
1 gior

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio
Culture
2 gior

Referendum Lex Netflix, ‘una pugnalata alle spalle’

Lo sostiene cinésuisse, secondo cui combattere la revisione della legge sul cinema è un attacco alla cultura e all’economia della Svizzera
Cinema
2 gior

Addio Camillo Milli, presidente della Longobarda e Megadirettore

Formatosi con Strehler, poi a fianco di Fo, è stato uno dei protagonisti della commedia italiana. Recitò ne ‘Il marchese del Grillo’ di Monicelli
Culture
2 gior

La cultura ticinese nel cinema svizzero ha un nuovo alleato

Presentato alle Giornate di Soletta un fondo nazionale per sostenere i film legati al Sud delle Alpi. Ne abbiamo parlato col regista Niccolò Castelli.
Locarno Film Festival
2 gior

Locarno75, la Retrospettiva è dedicata a Douglas Sirk

Una rilettura del regista tedesco a 35 anni dalla sua scomparsa avvenuta in Ticino. A colloquio con Roberto Turigliatto, co-curatore della retrospettiva
Scienze
2 gior

La resistenza agli antibiotici uccide 1,2 mln di persone l’anno

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet
Libri
07.11.2021 - 15:310

Tra le righe di ‘Kill Venus!’

Liberare il femminile tradito negli uomini e nelle donne nel libro di Lina Bertola

“Il momento più felice della mia vita”: chi può mai dire di averlo raggiunto e quando mai lo si può dire?

Una donna che da bambina guardava il padre con tutto l’affetto e l’ammirazione che possiamo ben immaginare, laddove l’infanzia è accolta da chi deve prendersene cura come il dono più grande, osserva ora l’anziano genitore: il corpo impedito, i movimenti limitati dal suo progressivo e inesorabile declino. E ricorda, con infinita gratitudine, l’esuberanza di un corpo allora imponente che la faceva giocare, la faceva giostrare, le insegnava ad amare e a guardare il mondo. Ne ricorda la fisicità, la forza con la quale veniva presa in braccio, posata sulle spalle; la sicurezza con la quale le veniva trasmessa l’ebbrezza della felicità. Ma ricorda, soprattutto, come questa fisicità fosse capace di una strepitosa accoglienza: vigore e dolcezza al contempo.

E proprio qui sta il punto. Perché la capacità di accogliere, cioè di prendersi cura – questa straordinaria disponibilità a donare spazio e tempo, cioè a donarsi all’altro – è un carattere tipico del femminile. Un femminile, stando a questa esperienza, per così dire, fondativa, che trascende però le differenze di genere.

L’autrice osserva suo padre, e nella estrema fragilità del corpo può infine scorgere il non detto di un vigore che, per quanto sia ormai solo un ricordo, proprio in quel momento, libera la sua lezione più preziosa: il coraggio del femminile, come presenza sottesa e lasciata sbocciare in sé, senza timore. Lezione impareggiabile che il padre ha incarnato nei suoi gesti, nella sua relazione con la figlia, con gli altri, con se stesso. E grazie alla quale nel momento della massima vulnerabilità, a 94 anni, costretto su una sedia a rotelle, può infine affermare che proprio questo è il momento più bello della sua vita: ora che la fragilità è all’apice, ora che di sé non resta se non ciò che si è stati, se l’essere stati coincide, come scrive Pindaro, con l’essere diventati ciò che si è.

Al padre

La lettera indirizzata al padre, con la quale si chiude il libro, dà conto di questa estrema saggezza, che è possibile conquistare quando si ha il coraggio di spezzare gli stereotipi e i pregiudizi che ci schermano a noi stessi. Nel Faust Goethe scrive: tutto ciò che passa non è che un simbolo, l’imperfetto che si completa, l’ineffabile è qui realtà: è l’eterno femminino che ci attira in alto accanto a sé. E proprio commentando questo passo, Simone Weil osserva che il principio femminile simbolizza la potenza e la materia, misteriosa passività ed essenziale veicolo di palingenesi: il femminile sveglia lo spirito sopito e gli indica la sua più autentica natura e dignità.

Dunque, solo una esistenza capace di accogliere in sé la forza e la fragilità della vita è un’esistenza capace di autenticità. Un’esistenza che riconosce e fa propria la natura stessa dell’anima, che è al contempo maschile e femminile. Del femminile, Lina Bertola scrive appunto che è “un volto dell’anima” e che è proprio questo volto che ha iniziato ad apprendere fin da bambina, tra le braccia del padre. Il primo passo per cercare di spezzare, come si legge, all’inizio del libro “le potenti gabbie simboliche in cui gli uomini e le donne sono stati pensati nel corso della storia”.

All’allieva

Nell’altra lettera presente nel libro (il libro si apre e si chiude con una lettera), scritta questa volta a un’allieva interessata alla sua storia di donna, l’autrice chiarisce subito che il femminile è un attributo della vita, che solo arbitrariamente è stato assegnato all’“essere delle donne”. Un nutrimento che, là dove viene lasciato agire, permette alla vita un dispiegamento più pieno delle sue potenzialità, come dice Goethe: l’imperfetto che si completa.

Ma come lasciarlo agire, se apparteniamo a una cultura che confrontata con la dirompenza del femminile ne ha avuto paura. E quindi lo ha inibito quando non violato, facendone un principio contrario alla Ragione – in una perversa identificazione della sua minaccia, della sua vitalità, della sua alterità con la natura della donna?

Perché ciò sia accaduto e come sia accaduto, il saggio di Lina lo spiega attraverso una costruzione che mette in gioco la storia del Logos, di una Ragione cioè che identifica con orrore la forza del caos. Anzi che si pensa come potenza stessa capace di neutralizzarla. La storia di questa neutralizzazione è anche la storia della contenzione del femminile, oltre che la storia di una violenza che ha fatto della donna e del suo corpo un terreno tanto di predazione quanto di misconoscimento e di limitazione. Nel femminile vi è un’alterità negativa, uno straniero che si è voluto ascrivere alla donna, e che nella donna si è voluto punire.

Un modo di sentire la vita

Il libro offre argomenti puntuali per una operazione di emendazione intesa a liberare il femminile: non, ripetiamolo, come carattere specifico della donna, ma come risorsa della vita, come promessa di una pienezza dell’esistere che è anche un emendamento della stessa Ragione, della sua unilateralità, della sua cieca fede in se stessa. Ogni qual volta questa risorsa viene negata, il mondo diventa più povero. E noi sappiamo di quanta povertà sia gravato il mondo oggi, quando proprio la forza che avrebbe dovuto signoreggiarlo si rileva come ciò che lo sta facendo perdere a chi avrebbe dovuto imparare ad abitarlo altrimenti. Se è vero, come è vero, che quello che ci tocca in sorte oggi è un mondo sempre più inospitale.

Lina Bertola scrive che è dal modo in cui suo padre sapeva nutrire il suo mondo di bambina che le si è poi chiarita la natura del femminile, il suo essere prima di tutto un attributo della vita. Di più, scrive che è stato tra le braccia del padre che questa consapevolezza si è fatta strada.

Il corpo che sa accogliere, quando per chi viene accolto tutto è ancora aperto al possibile, inscrive il mondo in un altro ordine del senso, nello spazio di un poter essere altrimenti. È questa esperienza infantile ad insegnare come il femminile sia un modo di sentire la vita. Un modo che, se perseguito come una risposta all’impasse delle nostre società contemporanee (più accelerazione per andare dove, più razionalizzazione per raggiungere cosa?), può definire una nuova comunità, dove uomini e donne imparino a riconoscersi in modo diverso, rispetto alle proprie rappresentazioni e autorappresentazioni. Vi è nel saggio di Lina Bertola una non dichiarata prospettiva politica, che utilizza il femminile come leva per ridisegnare i legami sociali.

L’esperienza conoscitiva di cui ci parla il libro ha nel “sentire” – la presenza, la forza, la tenerezza del padre – la sua primaria condizione di possibilità: ed è stupefacente che questo libro sia stato scritto proprio quando questa presenza, questa forza, questa tenerezza stavano per varcare la soglia della vita. Proprio come scrive l’immenso Attilio Bertolucci: “Assenza, più acuta presenza”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved