ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Nick Carter accusato di stupro da fan autistica

La donna che accusa il componente dei Backstreet Boys, all’epoca dei fatti era minorenne
classica
3 ore

Barenboim torna a dirigere e lo farà con l’Inno alla gioia

Il direttore d’orchestra, dopo una pausa forzata per malattia, ripartirà dirigendo la Nona sinfonia di Beethoven
Culture
3 ore

‘Nel lago del cor’, letture dantesche in Biblioteca

In quella di Lugano, nella Sala Tami, giovedì 15 dicembre alle 18, con Stefano Prandi, Johannes Bartuschat e Mira Mocan
Culture
4 ore

Tetraktys, la Terra in musica e letteratura

Il ciclo curato dall’associazione Amuleti torna con una serie di incontri: giovedì 15 dicembre si svolgerà quello d’esordio
Spettacoli
5 ore

‘Ho l’artrite all’alluce, ma a 40 anni sono più potente e sexy’

L’attrice Kate Winslet parla d’età e d’invecchiamento: ‘L’inizio del declino? Abbiamo opportunità di dire ciò che pensiamo’
Spettacoli
5 ore

Ibrahimovic sul set con Verdone: ‘Zlatan? Ho un nuovo amico’

Il regista romano sta girando nella capitale italiana un nuovo capitolo della serie tv in cui interpreta sé stesso
cinema
5 ore

Kristen Stewart sarà presidente della giuria della Berlinale

L’attrice statunitense sarà la persona più giovane di sempre a capo della commissione internazionale della 73esima edizione del festival
Spettacoli
6 ore

Kety Fusco e Blue 2147 in concerto al Sociale

Il teatro bellinzonese ospita l’esibizione della giovane arpista e del collettivo di musicisti venerdì 16 dicembre, alle 20.45
Società
6 ore

Un miliardo e mezzo di account Twitter da cancellare

Il patron della piattaforma Elon Musk: ‘Queste sono evidenti cancellazioni di account con nessun cinguettio e accesso per anni’
Spettacoli
7 ore

‘Mi ha rubato l’innocenza. Sarò sempre una sopravvissuta’

Una donna ha denunciato Nick Carter, il cantante dei Backstreet Boys, per averle usato violenza nel 2001 quando aveva 17 anni
Spettacoli
7 ore

I Santi Francesi vincono X Factor: ‘Semplicemente grati’

Al secondo posto Beatrice Quinta, terza Linda, in ultima posizione i Tropea. A portarli alla vittoria è stato l’inedito ‘Non è così male’
Cinema
8 ore

I cinque favoriti degli European Film Awards

I film in pole position sono tutti candidati dalle rispettive nazioni all’Oscar. Sabato 10 dicembre a Reykjavik, in Islanda, l’assegnazione dei premi
Musica
9 ore

Sweet Soul & Gospel, la prima volta a Bellinzona

È un esordio quello dell’ensemble femminile nella rassegna Gospel & Spirituals: appuntamento domenica 11 dicembre alle 17 nella Chiesa di San Giovanni
Cinema Teatro Chiasso
9 ore

‘Tutti contro tutti’, Maurizio Battista al posto di Panariello

Persiste l’indisposizione del comico toscano. Al suo posto, l’analisi sociale a metà tra ilarità e riflessione dell’artista romano, sempre il 14 dicembre
L’intervista
15 ore

Dietro le sbarre di ‘Ariaferma’

Silvio Orlando e Tony Servillo, carcerato e carceriere nel film di Leonardo Di Costanzo, a Venezia prima e a Castellinaria 2021 poi, ora in sala
Teatro Sociale
1 gior

‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte

Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
laR
 
02.04.2022 - 05:25

Renzo Piano raccontato dal figlio Carlo, tra mari, porti e ponti

Oggi lo scrittore sarà ospite di ChiassoLetteraria per presentare il suo viaggio alla ricerca di Atlantide

di Ivo Silvestro
renzo-piano-raccontato-dal-figlio-carlo-tra-mari-porti-e-ponti

Carlo Piano è, per restare nelle metafore nautiche, una burrasca di parole, ma non di quelle che ti spingono a cercare riparo in porto bensì che ti spingono a lasciarti andare a quella mareggiata di parole, pronunciate con forte accento genovese, sui viaggi che ha fatto con suo padre.
Scrittore, giornalista e skipper, Carlo è figlio di Renzo Piano, il celebre architetto autore di opere in tutto il mondo – «anche in Svizzera, ma visto che nel libro ci muoviamo per mare era un po’ difficile raggiungerle» – e proprio un viaggio fatto col padre sulle tracce della mitica città sommersa di Atlantide sarà uno dei temi dell’incontro che Carlo terrà oggi alle 17.30 al Teatro dell’Architettura di Mendrisio nell’ambito dell’assemblea di ChiassoLetteraria. «Ma sono due i libri di cui parleremo, prima ‘Atlantide’ e poi quest’altro, ‘Il cantiere di Berto’, un romanzo che parla del ponte di Genova con tutto quello che ha significato, per i genovesi e non solo, il crollo e poi la ricostruzione di quel ponte».

Iniziamo tuttavia da ‘Atlantide’ e dal viaggio. «L’idea di un viaggio con mio padre nasce da un sentimento che non è molto bello: la vendetta. Quando io, mio fratello e mia sorella eravamo bambini nostro padre ci portava un mese in barca a vela. Naturalmente era bello, però in questo mese non ci faceva mai toccare terra, diciamo che ci deportava e se sei ragazzino magari vuoi mangiare una pizza o guardare la televisione… mi ricordo che all’epoca c’era Furia cavallo del west! Ma lui niente, ci faceva vivere il mare e con questo viaggio ho avuto l’occasione di sequestrarlo io, di averlo a disposizione per interrogarlo, per fargli ammettere anche i rimorsi e gli errori… perché dalla barca non si può scappare, soprattutto se come mio padre hai una certa età e non puoi nuotare fino a terra».

Il viaggio di cui parliamo è avvenuto su una nave oceanografica della marina italiana. La partenza è ovviamente la città di Genova. «Ovviamente perché è lì che mio padre è nato. E soprattutto il porto, dove andava fin da bambino: suo padre, cioè mio nonno che si chiamava Carlo come me, alla domenica lo portava a fare il giro del porto a vedere le navi… un mondo che si muova, una città che si muove e cambia in continuazione perché le navi sono dei palazzi. I carichi galleggiavano e, con le gru, volavano e io credo che da quei giri in porto sia venuta la cifra della leggerezza che c’è nella sua architettura, la sfida alla forza di gravità. Del resto tutti gli psicologi dicono che è nei primi anni di vita che uno crea la personalità…». Ma – chiediamo – perché la ricerca di Atlantide, città mitica e impossibile da trovare? «Non la si può trovare ma per un architetto rappresenta la città perfetta, quella che cerca tutta la vita come uno scrittore cerca il libro perfetto… non esiste, è irraggiungibile come è irraggiungibile la bellezza. Ma lui ha cercare questa bellezza in tante parti del mondo». E come inizia un lungo elenco di opere di Renzo Piano, dall’aeroporto di Osaka in Giappone al centro culturale Kanak in Nuova Caledonia. «Una cosa di cui si parla, in questo tour, è che l’architettura non cambia il mondo perché sono altre le cose che cambiano il mondo però inevitabilmente l’architettura riflette i cambiamenti nel mondo e dà una forma costruita a questi cambiamenti». E qui Carlo Piano cita il Centre Pompidou di Parigi, il celebre Beaubourg che il giovani Renzo Piano progettò con Richard Rogers. «Il Sessantotto e i movimenti studenteschi hanno portato a ripensare il museo, non più luogo polveroso frequentato da un’élite. E il Beaubourg infatti è una fabbrica della cultura e infatti ne hanno dette di tutti i colori, che era una raffineria… e infatti quando nelle conferenze si metteva male per loro andavano di "je comprend pas" per uscirne». O ancora Potsdamer Platz a Berlino, con la città da ricucire dopo la caduta del muro. «In quel cantiere c’erano cinquemila operai di 25 nazionalità diverse e l’epicentro dell’intolleranza del Novecento è stato ricostruito da una società multietnica. Costruire è un gesto di pace, il cantiere crea tolleranza, stempera le differenze perché si fanno le cose insieme».

Chiediamo se Renzo Piano, oltre che in barca vela, portava i figli anche nei cantieri. «Certo. Fin da piccolo sono stato trascinato nei cantieri: per il Beaubourg ci siamo trasferiti lì e io ero un bambino, infatti ho fatto una parte delle scuole lì. Questo non scriverlo ma non ho un bel ricordo: come sai tra italiani e francesi non siamo mai andati tanto d’accordo… in Svizzera vale la stessa cosa tra i cantoni?».

Dopo aver abbozzato una risposta diplomatica, approfittiamo del discorso sul cantiere per passare al secondo libro, ‘Il cantiere di Berto’. Un romanzo, perché «ho voluto farlo raccontare a un personaggio di fantasia, un geometra, uno dei mille che ha lavorato al cantiere del ponte, una persona ordinaria che diventa straordinaria nella coralità del cantiere». Di nuovo un luogo di incontro: «Si sono ritrovati lì da tutta Italia e anche da tutta Europa e lo sentivi: la colonna sonora in cantiere è fatta di solito di imprecazioni e quindi avevi i "belin" dei genovesi, i "pota" dei bergamaschi, i "minchia" dei siciliani… è un romanzo, ma la storia della costruzione del ponte è vera, è andata esattamente così».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved