morricone-le-conversazioni-con-de-rosa-aspettando-ennio
‘Una volta sentitosi rispettato, bisognava soltanto aprire la porta‘ (il Maestro con Alessandro De Rosa)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
18 ore

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
19 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
20 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
20 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
21 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
21 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
21 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
1 gior

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
1 gior

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
1 gior

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
1 gior

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
1 gior

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
1 gior

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
1 gior

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
1 gior

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
1 gior

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
2 gior

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
2 gior

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
2 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
2 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
2 gior

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
2 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
2 gior

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
2 gior

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
2 gior

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
3 gior

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
3 gior

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
3 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
3 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
3 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
4 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
4 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
4 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
4 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
5 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
L'intervista
29.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 07:19

Morricone, le conversazioni con De Rosa aspettando ‘Ennio’

Prima del documentario di Tornatore ci fu l’amata autobiografia: con Alessandro De Rosa rileggiamo ‘Inseguendo quel suono’, storia di musica e di vita.

“Quando sono nato io, molte delle sue composizioni già abitavano il pianeta da tempo”. Gli incipit dei libri sono decisivi per andare avanti. Basta una nota fuori posto, fuori tempo, e pagina due s’allontana. E invece a pagina due di un libro da lui scritto qualche anno più tardi, un giovane Alessandro De Rosa scopre che allo Spazio Oberdan di Milano c’è il Maestro; così masterizza su di un cd una manciata di musiche composte con il computer. Sulla busta: ‘Per Ennio Morricone’. Allo Spazio Oberdan di Milano, durante la conferenza, qualcuno chiede al Maestro: “Cosa pensa dei nuovi compositori?”. Morricone: “Dipende, spesso mi mandano a casa dei cd, solitamente ascolto qualche secondo e cestino tutto!”. Quanto bello dev’essere stato scoprire che il Maestro, tornato a casa con il cd in mano, aveva ascoltato quella traccia n. 11 che profumava di Stravinskij, tanto caro anche a lui; ancor più bello ritrovarsi in segreteria un suo messaggio. «Lo dovetti salvare perché anni fa i messaggi sulle segreterie dei cellulari venivano cancellati», dice oggi Alessandro De Rosa, al quale quel messaggio breve «aprì un’altra porta della mia vita, dandomi l’opportunità di capire meglio chi sono».

Incontriamo De Rosa nelle stanze della Rsi, a qualche ora da un’anteprima italiana di ‘Ennio’, il documentario voluto da Giuseppe Tornatore – per il Maestro, da sempre, ‘Peppuccio’ – che tra Morandi, Paoli, Springsteen, Bertolucci, Bellocchio, i Taviani, Barry Levinson, Oliver Stone, Quentin Tarantino e altri ancora, include anche l’autore del “miglior libro che mi riguarda, il più autentico, il più dettagliato e curato. Il più vero”. Parole di Morricone che insieme a De Rosa, nel 2016, produsse un documento imprescindibile per musicisti e non, chiamato ‘Inseguendo quel suono” (Mondadori), punto di arrivo di un’amicizia e di una stima professionale.

L’apertura di un grande

Il sottotitolo del libro, giunto alla terza edizione e pubblicato nelle più disparate lingue del pianeta (arabo, persiano, cinese, russo, coreano, giapponese), è ‘La mia musica, la mia vita’, che è un po’ anche il sottotitolo della biografia di Alessandro De Rosa, non in forma di libro perché non esiste (ancora) ma che amabilmente s’intravede nei dialoghi con l’amico e Maestro. Degli studi con Porena dirà lui qui, più avanti; del suo diploma in Composizione al Conservatorio Reale dell’Aja, della collaborazione con Jon Anderson degli Yes (da cui ‘L’Alchimista’ di Paulo Coelho messo in musica) diciamo noi. Anche del suo essere autore e speaker radiofonico Rsi in ‘Ascoltare il cinema’, per esempio. Quanto al suo disco, ‘Flesh and Soul (Pele e Alma)’ con la cantautrice brasiliana due volte disco di platino Fantine Tho, diremo presto.

«Quell’evento l’ho tenuto segreto a tutti. Ne erano a conoscenza soltanto mio fratello, i miei genitori e pochi altri. In prima istanza perché sarebbe parso come un racconto inventato, basato su chissà quale credibilità, e poi perché a furia di raccontare una cosa se ne perde il valore. Nella prefazione, però, era necessario vi fosse, perché è la radice del mio incontro con Ennio e di tutto quel che poi è avvenuto. E perché l’aneddoto parla non solo dell’intraprendenza di un giovane che si fa avanti coraggiosamente con un compositore di tale grandezza e così critico verso i giovani, ma anche dell’apertura di un grande che trova il tempo di dedicarsi all’altro. Per intenderci: io di cd ne ho dati tanti, ma non è che tutti abbiano richiamato…».

C’è un segno distintivo di questo libro, ne scrivi nella prefazione: è un libro che nasce dalla fiducia, e la fiducia, musicalmente parlando, si ottiene comprovando una certa competenza musicale…

Sì, la fiducia è qualcosa che possiamo avere, inizialmente, ma va confermata passo dopo passo. La fiducia è qualcosa per la quale, in ogni relazione, una goccia può crepare il vaso o tenerlo unito. La fiducia appartiene al divenire più che all’essere, e tutti i facenti parte della relazione devono contribuire a questa cosa che sta lì, a nostra disposizione, ma va sempre costruita. Certamente, Ennio pretendeva competenza. Bisogna mettersi nei panni di una persona così frequentemente intervistata. Non tutti erano a conoscenza dell’intera sua opera, per avere lui vissuto una vita molto particolare, per l’aver sognato di essere compositore d’altro tipo.

A volte arrivava un po’ infastidito a certi incontri, con qualche giornalista per esempio, ma non solo, e sempre per quel frequente restringersi dell’imbuto a poche cose fatte. Mentre lui, come ognuno di noi, voleva sentirsi capito. Un terreno comune sono stati i miei studi di composizione: mi riconobbe delle capacità invitandomi a studiare, cosa che io ho fatto con un grande maestro che si chiama Boris Porena, compagno di classe di Morricone, come lui allievo di Goffredo Petrassi, rispettatissimo da entrambi. Di Porena, Ennio mi disse: ‘Prendi tutto quello che puoi da lui perché è un grande’. Tutto questo è confluito nel sentirsi capito, anche musicalmente, per la possibilità di toccare insieme certi temi.

C’è poi il rapporto umano, extra musicale…

Quando il libro è nato, io ero un ragazzo e lui si trovava quasi alla fine della sua vita. Il nostro lavoro è iniziato anni prima della pubblicazione, conoscendoci, anche quando informalmente gli consegnavo i miei lavori musicali e lui mi diceva cosa ne pensasse. Ma anche più tardi, a libro finito, per continuare fino a quando, purtroppo, è scomparso. L’ultima volta in cui ci siamo sentiti risale al maggio dell 2020, all’arrivo della bella notizia che il libro sarebbe stato tradotto anche in arabo. E quell’ultima telefonata la ricordo bene perché era contentissimo, incredulo: “Ma come in arabo, addirittura?’, mi disse. ‘Sì Ennio, in arabo!”. Il Covid non ci ha più permesso d’incontrarci: ci siamo visti un’ultima volta l’8 febbraio del 2020, poi è arrivata la pandemia. Un’ultima telefonata e poi lui è caduto, è entrato in ospedale ed è successo quel che è successo.

‘Inseguendo quel suono’ non risparmia nulla di tecnico, né di aneddotico, restando leggibile per tutti, magari sorvolando i pentagrammi...

La leggibilità è stata la nostra speranza, a partire dalla domanda che mi sono posto nel momento di presa di coscienza della possibilità datami, nel chiedermi in quale modo avrei potuto narrare, se in prima persona, in terza, a conversazione. Ho pensato che nel caso di Ennio la conversazione fosse estremamente importante perché non era uno che parlava di sé; in prima persona non sarebbe stato credibile, in terza persona si sarebbe creato del distacco e non era quel che volevo raccontare. Uno dei miei modelli, che è stato anche tra i suoi, è Stravinskij, e il libro con Robert Kraft (‘Ricordi e commenti’, ndr) fu molto importante per entrambi. Dunque si è deciso di parlare così.

Quello che facciamo nel libro è cercare di stare in conversazione, in un equilibrio in cui Ennio dev’essere sempre al centro e io funzionale a quel che lui racconta. Non è solo domanda e risposta, è dialogo proattivo, che autogenera situazioni, che non esclude la complessità. Morricone è celebre anche per chi fa un lavoro completamente diverso dal musicista, ma rispettatissimo dai musicisti, è un compositore che si pone un problema nei confronti della musica del nostro tempo. Quindi come cercare di arrivare a tutti? Ci ho pensato in continuazione durante la scrittura.

In ‘Ennio’, di Tornatore, Morandi parla di contrappunto, ricordando l’arrangiamento di ‘In ginocchio da te’, e viene alla mente la vostra lunga conversazione sulla musica leggera…

Premettendo che Gianni Morandi è diplomato in contrabbasso, Ennio aveva un certo pudore nel parlare di questi percorsi, tenuti segreti a tutti, ai suoi compagni di classe, al maestro Petrassi. Quasi voleva non essere accreditato come Ennio Morricone e, addirittura, arrivò ai primi film western usando pseudonimi, vergognandosi di chi all’epoca, con la musica, faceva ‘commercio’, una bestemmia soprattutto in Italia e nelle regioni affini. Quando però si entrava insieme nel discorso, e lui capiva che nel mio caso c’era interesse, si ricordava di cose fatte con Mario Lanza, da ragazzino, nel 1958, improvvisamente riscoperte. E a ricordo iniziato, forte della straordinaria memoria, riportava alla luce composizioni degli anni 40 specificandone addirittura la tonalità. Una volta sentitosi rispettato, bisognava solo aprire la porta, per poi rendersi conto che i suoi arrangiamenti non erano per niente banali, che di leggero c’è poco. C’è, invece, molto pensiero. Basti pensare a quell’arrangiamento semplicissimo del 1961 di cui parlo spesso, ‘Il barattolo’ di Gianni Meccia, un brano che risollevò la Rca Italia che stava per fallire.

La Rca salvata dai rumori...

I rumori del barattolo. Lì dentro c’è talmente tanto in così poco: c’è il percorso di un compositore che si è reso conto che nel Novecento non ci sono solo i suoni e i silenzi ma pure i rumori, la musica concreta, e arriva a una sintesi in cui gli strumenti ti collocano inequivocabilmente negli anni Sessanta, ma con la presenza di questo ‘ufo’, il barattolo fisico, che ha un senso col testo. È uno shock informativo, sono quelli che nel libro chiamiamo ‘cortocircuiti culturali’, è la sua ricerca di connessioni, anche destinate a mettere a posto parti di sé. Un compositore totale.

“Tratta il mio cuore così / Come fosse un barattolo / Lo fa girare qua e là / Senza nessuna pietà”, di cui si canticchia più spesso “Rotola, rotola, rotola / Strada facendo rotola”…

Sì, il malcapitato preso a calci da un amore che lo ha abbandonato, e il suo cuore preso a pedate da un destino di sofferenze. Ennio pensò che questo stato d’animo potesse essere reso proprio dal suono di un barattolo che rotolasse in terra. Col digitale sarebbe stato un attimo mettere tutto a tempo; i rumoristi alla Rca, invece, così come si faceva nei radiodrammi, dovettero trovare l’artificio, inizialmente costruendo una rampa coi chiodi, che non funzionò; alla fine, Ennio prese il barattolo cercando di riprodurre l’effetto della gravità su di esso. E si riuscì a catturare il suono desiderato, che diventò ‘Il barattolo’ da un milione e mezzo di copie.

In ‘Ennio’ si vede e si ascolta anche Alessandro De Rosa.

Ci sono anche io, mi dicono anche in maniera massiccia. Lo ha voluto Ennio, lo ha voluto Tornatore e sì, è così. Era il 2015 e Giuseppe ancora doveva iniziare. Ricordo che Ennio mi raccontava del dover fare le riprese in casa, con tutta la paura che gli combinassero qualche guaio, a lui che non amava apparire. Ma era l’amico Tornatore a fargli questa cosa e si sentiva onorato. Mi raccontò delle idee di partenza, poi l’opera si prese tanto tempo. La pandemia, a un certo punto, si è messa di mezzo. Le interviste a Ennio sono durate 10-11 giorni, poi ci sono stati gli ospiti, quelli in America, un parterre pazzesco.

Vorrei chiudere chiedendoti di poter ascoltare il messaggio sulla segreteria, citerò invece il passaggio del libro in cui riassumi la vostra lunga conversazione come “la punta dell’iceberg di ciò che ho trovato”: cosa, e quanto c’era al di sotto?

Tanto, di materiale se n’è raccolto tanto. Ho promesso a Ennio che finché avrò la possibilità di respirare, una parte della mia vita sarà comunque dedicata alla ricerca di ciò che lui ha fatto, per provare a far sapere chi è stato, secondo me. Questo lavoro non si è mai fermato. ‘Inseguendo quel suono’ credo sia un ottimo risultato, ma come ogni punto di arrivo, lo dice Ennio nel libro, è anche un punto di ripartenza. Spero che tramite le sue parole le persone s’interessino alle sue opere, e così potrà fare questo documentario che parlerà a un pubblico diverso da quello della letteratura e dei podcast. Speriamo che in tanti possano innamorarsi non solo della vita di Morricone, ma anche della musica, ponendosi domande. Tutto ciò che apre la porta, in questo senso, è di grande importanza. Non so cosa arriverà, ma io nel frattempo continuerò a cercare (www.alessandroderosa.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved