ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Spettacoli
11 ore

È morto l’attore Sergio Solli, un pezzo di storia napoletana

Volto popolare di teatro e cinema, il parrucchiere partenopeo ha lavorato con diversi registi, da Eduardo De Filippo a Luciano De Crescenzo
Scienze
15 ore

La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b

Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
15 ore

Addio a Paco Rabanne

Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
conferenza
16 ore

I cambiamenti del clima fra percezione e scioperi

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita un incontro del ciclo ‘La memoria e i ghiacci’, martedì 7 febbraio, alle 18.30
Scienze
16 ore

Chi mangia in modo sano spreca meno cibo

Donne, anziani e famiglie con due componenti i più inclini a seguire le linee guida per un’alimentazione corretta
arbedo
18 ore

‘Spazio Tempo’ opere di Natalia

In mostra all’Atelier Attila di Arbedo le opere della pittrice Mengoni David, visitabile da sabato 4 a domenica 19 febbraio 2023
Musica
18 ore

‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro

La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
1 gior

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
1 gior

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
1 gior

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
Musica
1 gior

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
1 gior

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
25.12.2021 - 13:06

“Il dialetto e l’italiano fanno parte del nostro DNA”

In occasione del 21esimo compleanno del gruppo, i membri della band The Vad Vuc hanno rilasciato un’intervista all’agenzia Keystone-Ats

Ats, a cura de laRegione
il-dialetto-e-l-italiano-fanno-parte-del-nostro-dna
Ti Press

I ‘The Vad Vuc’, gruppo Irish folk del Mendrisiotto dall’energia altamente contagiosa, compiono oggi 21 anni. Molto noti in Ticino, dove le loro ballate (e pogate) folk in italiano e dialetto sono ormai impresse nella memoria e nei cuori di tutti, hanno suonato anche nella Svizzera romanda e tedesca, nonché in Italia, Francia e Germania. Più di una decina gli album parte del loro repertorio, fra CD, EP e versioni live. Nel 2004, agli albori della loro carriera, ricevono il Kleiner Prix Walo a Zurigo, importante premio per gli artisti emergenti. Keystone-ATS li ha intervistati.

Raccontateci un po’ com’è iniziata la vostra avventura nel mondo della musica.

I ‘The Vad Vuc’ sono nati il 25 dicembre del 2000 con una telefonata, una chiamata a raccolta ad alcuni amici, fatta da Cerno (cantante e autore della maggior parte dei brani della band). Il giorno seguente nella cantina di Miske (l‘ex batterista) si tenne la prima approssimativa prova ufficiale dei ’The Vad Vuc’.

In 20 anni ne avete fatta di strada, quali sono stati i momenti salienti? E i cambiamenti?

Sono tantissimi i ricordi splendidi: i concerti, le trasferte, le notti insonni a scrivere i brani... e le amicizie, gli incontri e le collaborazioni nate in questi anni con alcuni autentici mostri sacri, come, tra gli altri, The Dubliners, Mauro Pagani, Francesco De Gregori, Simone Cristicchi, Steve Wickham (The Waterboys), Sharon Shannon, Les Mellino des Négresses Vertes, Gogol Bordello, Gnu Quartet, Frankie Hi-NRG MC, Gotthard, Mercanti di Liquore, Modena City Ramblers, Yo Yo Mundi, Dubioza Kolektiv, Marki Ramone, Davide Van De Sfroos, Bandabardò, Nanni Svampa, Gang e tanti altri. Per quanto riguarda i cambiamenti, chiaramente fanno parte anche questi del normale ciclo di trasformazione e di evoluzione di qualsiasi band. Alcuni membri storici hanno deciso di intraprendere strade diverse ma fortunatamente il gruppo si è via via completato con nuovi meravigliosi musicisti e amici.

In qualità di gruppo ticinese come considerate il panorama musicale svizzero?

Il panorama musicale svizzero è di assoluto livello e, cosa molto positiva, completamente eterogeneo. In questi anni, durante i nostri tanti concerti tenuti nella Svizzera Interna, abbiamo condiviso palchi e serate con moltissime realtà locali e nazionali e lo scambio è stato sempre prezioso e assai interessante.

Avete scelto di cantare in italiano e dialetto, come mai? Questo vi ha aiutato a farvi conoscere al di fuori del Ticino?

A dire il vero non c’è stato da scegliere nulla... il dialetto e l’italiano fanno parte del nostro DNA. Sono lo strumento che salvaguarda l’identità e sono al tempo stesso un patrimonio che deve essere difeso e diffuso. Ed è questo che ci piace particolarmente, come quando, ad esempio, ci troviamo a suonare in Svizzera Interna e scopriamo ogni volta un pubblico attento e curioso, che apprezza le nostre canzoni e si confronta con il nostro dialetto, per una contaminazione che solo la musica riesce a regalare.

Quale canzone del vostro repertorio piace di più o potrebbe piacere maggiormente Oltralpe?

Fortunatamente sono molte le canzoni che apprezza il nostro pubblico, da quelle più allegre e scanzonate, a quelle più impegnate e riflessive. Piacciono sempre molto i nostri vecchi cavalli di battaglia come “In fund al tavul", "Vaya con Dios", "Caro Dottore", "Do stell hotel", ma riscuotono sempre un ottimo riscontro anche brani più recenti come "Rendez-vous", "Bud e Terence", “A volte capita” e, ultimo in ordine di tempo, "Neri o bianchi che siano”, che è stata scelta come Swiss Press Song 2021 in occasione dei Swiss Press Awards.

Dove vi piacerebbe suonare in Svizzera Interna?

Abbiamo già suonato molte volte in Svizzera Interna, sia romanda sia tedesca, e ci siamo sempre trovati magnificamente. C’è una professionalità incredibile, questo anche nei contesti più piccoli, e veniamo sempre trattati in modo splendido... quindi non vediamo l’ora di tornare. Noi ci siamo.

A proposito dei ‘The Vad Vuc’

In 20 anni di carriera e con una decina di album alle spalle, i ‘The Vad Vuc’ sono ormai diventati un’istituzione nel panorama musicale ticinese. Dai loro inizi con “Murrayfield Pub" (2003) e “Il Monastero dei Folli” (2004), fino al 2020, anno del loro ventesimo anniversario, segnato dalla pandemia e dal lockdown, ma anche dall’uscita dell’album "Vadavialcovid”, che già dal titolo invita a urlare a squarciagola.

Nonostante la pandemia, hanno potuto riunirsi sul palco con niente di meno che gli ex-membri del gruppo, tra cui Sebalter, per due serate il 25 e il 26 settembre 2020, al Teatro Sociale di Bellinzona. Da questo concerto storico è nato il doppio album live “The Vad Vuc 2000-2020”, uscito lo scorso 26 novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved