Ajoie
Lugano
19:45
 
Zugo
Bienne
19:45
 
Ginevra
Losanna
19:45
 
Friborgo
Berna
19:45
 
Langnau
Lakers
19:45
 
Zurigo
Davos
19:45
 
Langenthal
Olten
19:46
 
parigi-josephine-baker-prima-afroamericana-nel-pantheon
Josephine Baker (Keystone)
28.11.2021 - 10:030
Aggiornamento : 19:47

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre

a cura de laRegione

Josephine Baker, la ballerina, cantante e attrice franco-americana che ha ipnotizzato la Francia con spettacoli che deridevano il colonialismo e in seguito si è unita alla Resistenza francese, martedì prossimo diventerà la prima donna afroamericana a essere immortalata nel mausoleo francese del Pantheon. Baker sarà anche la sesta donna a unirsi alle circa 80 grandi figure nazionali della storia francese nel tempio laico sulla Rive Gauche di Parigi. Sarà anche la prima figura dello spettacolo a essere onorata con un posto simbolico nel santuario secolare, luogo di riposo finale di una lunga lista di luminari del mondo della politica, della cultura e della scienza, tra cui Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie.

La ‘panteonizzazione’ della prima superstar nera al mondo, che fu protagonista di una campagna per i diritti civili al fianco di Martin Luther King, corona anni di campagne della sua famiglia e di un gruppo d’intellettuali affinché le venga conferito il raro onore postumo. Il presidente francese Emmanuel Macron, ad agosto, aveva finalmente accolto la richiesta “perché è una donna nata nera e americana in una società chiusa... che è diventata l’incarnazione dei valori illuministi della Repubblica francese per tutta la vita”, ha spiegato il suo ufficio questa settimana.

Nata Freda Josephine McDonald in estrema povertà nel Missouri nel 1906, Baker lasciò la scuola a 13 anni. Dopo due matrimoni falliti – prese il nome di Baker dal suo secondo marito – riuscì a ottenere un posto in uno dei primi musical composto completamente di afroamericani a Broadway nel 1921. Il trasferimento in Francia fu, come per molti altri artisti, la fuga dalla segregazione razziale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved