cinque-giovani-svizzeri-tra-le-vene-aperte-dell-argentina
Campo Abierto
Foto di gruppo. Quattro dei cinque membri fondatori: Manuel, Alessio, Emanuel, Matthias
+2
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
5 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
5 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
18 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
19 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
22 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
1 gior

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
1 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
2 gior

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
2 gior

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
2 gior

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
2 gior

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
2 gior

Matt Elliott a Chiasso, un ritorno

Visto e ascoltato in passato allo Spazio Lampo, mercoledì 1° giugno all’ex bar Mascetti
Spettacoli
3 gior

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
24.10.2021 - 21:02

Cinque giovani svizzeri tra le vene aperte dell’Argentina

Partiti alla volta del Sudamerica, hanno fondato il gruppo Campo Abierto per promuovere la diversità culturale. Parola al ticinese Alessio De Gottardi

Un’antica lingua modellata dal vento, dalla pampa, dall’altipiano e dalla sierra che attraverso vecchie storie di avi risorge e torna protagonista; l’identità plurale di un popolo in via di estinzione che si ricompone e si fa visibile. È con simili parole che in un video di presentazione Daniel Huircapan, membro della comunità indigena Gununa Kena, descrive il senso della mostra in corso a Buenos Aires (Sala La Rueca, 8 settembre - 4 novembre) dal titolo “Meseta de Somuncurá / Chüüyü Wülach”, organizzata dal collettivo Campo Abierto creato da cinque giovani svizzeri. Situato nel nord della Patagonia argentina, l’Altipiano Somuncurá – che nella lingua del posto significa ‘pietre sonore’ – è un territorio solcato da ferite aperte create da annosi conflitti territoriali e controversie sociali ancora in corso. Alessio De Gottardi, cresciuto a Lumino e da nove anni residente tra il Ticino e Zurigo, è uno dei fondatori del gruppo di artisti, architetti, documentaristi nato con lo scopo di promuovere la diversità culturale e creare spazi di riflessione su comunità e i loro luoghi.

Indagare le trasformazione dei territori

«Durante gli studi al Politecnico di Zurigo in Architettura ho organizzato uno scambio con l’università di Buenos Aires – racconta Alessio –. Nel corso della mia residenza in Argentina ho conosciuto un avvocato con dei terreni in Patagonia che mi ha offerto di soggiornare nella sua casa. Due anni dopo, nel 2018, finiti gli studi io e un amico svizzero tedesco abbiamo pianificato un viaggio nell’Altopiano Somuncurá con l’idea di fare un documentario senza però avere in testa un tema ben preciso. Per coincidenza abbiamo scoperto che in questa zona intorno al 1860 un naturalista svizzero, Jorge Claraz – che ha vissuto i suoi ultimi anni a Lugano –, ha seguito il cammino nomade al centro dello stile di vita della tribù locale tenendone traccia su un libro. Oggi quest’opera è una delle poche fonti di informazione sulla cultura dei Gununa Kena». Da allora molto è cambiato. «Con la conquista del deserto è iniziato un processo di colonizzazione dei terreni della Patagonia – spiega Alessio –. Spagnoli, turchi, italiani, arabi e cittadini di altre zone si sono appropriati di pezzi di terra privatizzandoli e recintandoli, dividendo fino all’orizzonte il vasto e bellissimo paesaggio». Così la comunità del posto da nomade è stata costretta a diventare sedentaria, vedendo stravolto il suo modo di esistere. Proprio per sensibilizzare su analoghe questioni è stato costituito il collettivo: «Ci interessa indagare i processi di trasformazione dei territori contemporanei dovuti ai meccanismi di colonizzazione e globalizzazione. Abbiamo scelto il nome Campo Abierto che è il modo in cui i membri della cultura Gununa Kena chiamano quanto c’era prima, ovvero la terra senza confini in cui si potevano muovere liberamente. Questo ha anche a che fare con il nostro atteggiamento: aperto, senza pregiudizi, come un foglio bianco da riempire man mano. Per conoscere la comunità di cui ci stiamo occupando abbiamo vissuto sul posto e osservato il modo in cui i suoi membri lavorano, che materiali impiegano, come prendono decisioni in armonia con il territorio, e ci siamo messi in ascolto delle loro storie».

Una mostra contro l’oblio

Il collettivo conta cinque membri fondatori ed è caratterizzato da un approccio multidisciplinare. «Siamo io; Matthias Müller Klug che come me è architetto; Emanuel Hohl, regista; Milo Schwager, scenografo e Manuel Jäggi, sociologo-geografo. Molto diversi tra noi ma complementari, ci piace tessere relazioni tra i nostri vari ambiti di specializzazione. In Patagonia ad esempio abbiamo progettato e realizzato una fermata del bus coperta di pelli di animali lavorate secondo la tradizione del luogo, girando anche un video: un piccolo intervento volto a rispondere alle necessità degli abitanti e incentivare le loro capacità di avviare nuove reti di microeconomia». L’articolata mostra in corso di svolgimento è la sintesi dei vari interventi e indagini compiuti sul posto. Suddivisa in quattro stanze, chiamate camere «come quelle per sviluppare le fotografie», si avvale di diversi registri. «La prima camera contiene i nostri lavori di cartografia sul vecchio cammino dei nomadi Gununa Kena: abbiamo letto il libro di Claraz e seguito le sue orme con un Gps per marcare questa via mai esistita sulle mappe. La seconda stanza presenta un’installazione audio dove si ascoltano dei suoni dell’Altopiano: vento, persone che parlano, macchinari; l’intento è far sentire ai visitatori l’atmosfera del territorio. La terza parte è costituita da una parete con fotografie di diversa natura, mentre l’ultima è un’installazione audiovisiva fatta di interviste con la popolazione locale e situazioni che mostrano la vita ordinaria di fronte allo stesso sfondo, la collina chiamata Cerro Negro».

Una domanda che è stata sempre al centro dello sviluppo del progetto è “Come possiamo noi svizzeri andare in Argentina e parlare di una terra altrui e di conflitti che non ci toccano direttamente?”. La risposta del collettivo alla sensibile tematica è stata la creazione di una piattaforma dove comunità, artisti, attivisti, storici, visitatori si potessero incontrare e condividere le proprie esperienze. «L’esposizione non è nostra ma vive grazie alla gente che vi partecipa. Abbiamo voluto allestire uno spazio di incontro per riflettere sul passato e la memoria collettiva e sui conflitti che tutt’ora esistono, in modo da creare una consapevolezza sulla storia e il destino di queste comunità e questi territori». Quanto all’accoglienza, dice con orgoglio Alessio, «abbiamo ricevuto molti riscontri positivi, in particolare da Daniel – citato in apertura – che ha speso la sua intera vita impegnandosi affinché la cultura dei Gununa Kena potesse essere riconosciuta ufficialmente in Argentina. Siamo onorati con il nostro progetto di poter contribuire a sostenere questa loro lotta per l’autodeterminazione». Alessio e i suoi compagni stanno seguendo il fermento intorno alla mostra in prima persona. «Abbiamo stilato un ricco programma di eventi a cui prendiamo parte. Si tratta di conferenze, performance, visite guidate, concerti con strumenti autoctoni e molto altro ancora». Il progetto è sostenuto dall’Ambasciata svizzera in Argentina e da Pro Helvetia nell’ambito degli scambi culturali tra Sudamerica e Svizzera. A proposito del ritorno in Europa, previsto per novembre, che cosa di questa esperienza i cinque amici porteranno a casa? «Personalmente – risponde Alessio –, oltre ad aver meglio imparato a entrare in relazione con persone di lingua e cultura diverse e ad aver acquisito competenze nel fare film ed esposizioni, ciò che di più prezioso metterò in valigia è l’esempio della determinazione con cui gli attivisti che abbiamo conosciuto nel nostro percorso portano avanti i loro ideali nonostante le tantissime porte in faccia ricevute. Mi ha sempre molto toccato come continuano a resistere senza perdere la fiducia, e questo mi dà una grande forza per fare altri progetti». Le idee per il futuro non mancano: «Una è legata a un’esperienza che ho fatto qualche anno fa su una nave container dove ho trascorso 40 giorni in mezzo all’oceano vivendo con i marinai e filmandone la quotidianità. Si tratta di un progetto che ho messo in pausa ma che con Campo Abierto ci piacerebbe riprendere. Un altro tema che ci interessa sono le relazioni a distanza: da quando è scoppiata la pandemia è venuta alla ribalta la problematica dell’impossibilità di incontrarsi che ha coinvolto molti e si è assistito all’emergere di nuove forme di conflitti nella società». Anche in questo caso è questione di territori che si trasformano. E di un’arte socialmente impegnata che ne tematizza i processi contribuendo a decolonizzare in primo luogo le nostre menti.

Maggiori informazioni su www.campoabierto.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessio de gottardi argentina campo abierto comunità indigena gununa kena
Campo Abierto
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved