CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
dall-afghanistan-al-ticino-storie-che-bisogna-raccontare
ULTIME NOTIZIE Culture
Il ricordo
1 ora

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
10 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
11 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
13 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
15 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
15 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
16 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
16 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
18 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
18 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
1 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
1 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
1 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
La recensione
1 gior

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’
Culture
 
16.09.2021 - 17:460
Aggiornamento : 18:18

Dall’Afghanistan al Ticino, storie che bisogna raccontare

Silvia Bello Molteni, autrice di ‘Non sei solo’, spiega come è nato il suo romanzo ispirato ai racconti di un profugo

La storia di Mahdi, dei suoi genitori che si sono conosciuti in una cittadina dell’Afghanistan e si sono sposati contro il volere delle loro famiglie, della vendetta che uccide i genitori e costringe il giovane a lasciare un Paese in cui non può trovare pace raggiungendo, nascosto in traghetti e camion frigoriferi, la Svizzera: una storia che Silvia Bello Molteni racconta in ‘Non sei solo’ (Edizoni Salvioni), un romanzo ispirato dal racconto di un vero viaggio dall’Afghanistan al Ticino come ci spiega l’autrice che venerdì 17 settembre alle 18.30 presenterà il suo libro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona. Insieme a lei, Sarah Rusconi di Amnesty International Svizzera.

‘Non sei solo’ è un romanzo, ma non si tratta totalmente di un’opera di finzione.

Qualsiasi cosa si scrive, la finzione c’è sempre, ma c’è anche vita. Quello che posso dire è che una parte di ‘Non sei solo’ – diciamo l’ossatura, i fatti principali – è vera, è quello che mi è stato raccontato. Ma chi mi ha raccontato questi fatti, alcune cose non le sapeva o non le ha conosciute direttamente e quindi le ho dovuto ricostruire. Diciamo che ‘Non sei solo’ è un romanzo con alla base un racconto autentico.

Per questo si è scelta la forma del romanzo che lascia maggiore libertà rispetto al saggio o la biografia?

Sì: a me è stata raccontata una storia e io ho voluto scriverla, elaborandola, aggiungendo altre storie che ho sentito. Poi, per facilitare la lettura ho dovuto lavorare sulla struttura narrativa. Così è nato il romanzo.

Come è entrata in contatto con la storia da cui il romanzo è partito?

Mi sono occupata, alla Clinica Moncucco, del progetto IntegraTI per l’inserimento scolastico e professionale di persone rifugiate. Un percorso di tre anni, con il primo anno di pre-apprendistato e due di apprendistato. Il progetto è adesso parte della normale offerta formativa della clinica e io attualmente sono responsabile della scuola interna del primo anno. È un lavoro che mi porta a incontrare molte persone, non solo i miei allievi ma anche loro amici e parenti, e ad ascoltare le loro storie. Una di queste mi ha particolarmente colpito e me la sono fatta raccontare in modo approfondito.

Nel libro sono anche confluiti altri racconti.

Questa è la storia che ho conosciuto meglio, ma non è certo l’unica. Ho quindi inserito vicende e fatti accaduti ad altre persone, piccoli episodi o aspetti culturali che ho romanzato come per esempio i matrimoni pianificati dalle famiglie.

Ha detto che sono passati alcuni anni dal primo incontro alla decisione di approfondire questa storia per scrivere un libro. Cosa ha portato a questa scelta?

A me piace ascoltare le storie delle persone, quelle che poi vanno a formare la storia del mondo. Quello che mi porta a scrivere – ho già pubblicato una raccolta di racconti – sono storie o osservazioni che mi toccano particolarmente e che mi restano dentro. La storia alla base di ‘Non sei solo’ mi aveva particolarmente colpito per quello che questo giovane ha vissuto e per come lo ha raccontato.

È una storia che è cresciuta dentro di me e che ho voluto raccontare perché in Ticino si parla spesso di migranti e di rifugiati, ma ho l’impressione che non si conoscano bene le storie che queste persone si portano dietro. Perché scappano? Che cosa vuol dire scappare dal proprio Paese? Sono cose che dovremmo conoscere, e questo indipendentemente dalle opinioni politiche, da quello che uno vuole o non vuole fare per aiutare i rifugiati.

Ricordo che quando ho chiesto a questo giovane afghano (che vuole restare anonimo) di raccontarmi bene la sua storia, quando ormai aveva trovato un lavoro stabile, la sua risposta è stata: “Io te la racconto perché adesso sto bene, e visto che sto bene comincio a dimenticarmela e io non voglio”.

Come si è svolto questo secondo racconto?

Nel 2018, tra giugno e settembre, ci siamo incontrati un paio di volte al mese e lui mi raccontava – con tutti i “buchi” che è normale ci siano in una testimonianza – la sua storia, partendo dall’incontro fra i suoi genitori e arrivando al presente, incluso il viaggio fino in Svizzera. Io registravo quello che lui diceva e all’incontro successivo avevo sempre pronta la trascrizione, parola per parola, di quello che mi aveva detto la volta precedente, senza aggiungere niente. Da lì ho iniziato la stesura del romanzo inserendo personaggi, luoghi e vicende plausibili, storicamente e geograficamente, che sostenessero narrativamente la storia di partenza. Regolarmente gli leggevo quello che avevo scritto. Alla fine della prima stesura il suo commento è stato: “Ora l’albero ha le foglie” – e poi, con un sorriso, ha aggiunto che quella non era più la sua storia. Ed è proprio così: è un romanzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved