ULTIME NOTIZIE Culture
Pagine scelte
12 min

Céline, un inedito che parla di ‘Guerre’

Ritrovato tra le sue carte e pubblicato, è stato un caso letterario in Francia, forte delle sue duecentomila copie vendute
L'intervista
1 ora

Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre

La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 ora

È morto Bruno Arena de I Fichi d’India

Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma celebrale
Netflix
6 ore

Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?

Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicato a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
17 ore

Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa

Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
cinema
17 ore

Ruggini per l’attore Alec Baldwin a rischio incriminazione

Possibili guai giudiziari per l’attore statunitense che sul set di ‘Rust’ esplose un colpo vero di pistola che uccise Halyna Hutchins
Spettacoli
17 ore

Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno

Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
18 ore

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: ‘È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo’
Spettacoli
19 ore

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
20 ore

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
23 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
1 gior

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
1 gior

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
1 gior

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
1 gior

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
1 gior

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
1 gior

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
1 gior

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
1 gior

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
1 gior

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
1 gior

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
04.09.2021 - 10:56

A ChiassoLetteraria le transizioni poetiche di Giovanna Vivinetto

Intervista alla poetessa italiana, ospite del festival per presentare ‘Dolore minimo’, racconto in versi del proprio cambio di identità

di Valentina Grignoli
a-chiassoletteraria-le-transizioni-poetiche-di-giovanna-vivinetto

Un ‘pianeta proibito’ quello al centro di ChiassoLetteraria, un mondo inospitale sotto molteplici aspetti, dal clima alla società, e una generazione indicata come quella che lo potrà salvare. Tra gli ospiti, oggi una poetessa che in maniera dirompente ha saputo delicatamente raccontare la sua ricerca di identità: Giovanna Cristina Vivinetto. Nata a Siracusa e cresciuta a Floridia, la Vivinetto ha pubblicato per interlinea nel 2018 ‘Dolore minimo’, raccolta di poesie premiata al Premio Viareggio del 2019. Il libro, che narra la sua transizione transessuale, è stato definito opera rivelazione (Alberto Bertoni) e caso letterario dell’anno (Dacia Maraini e Alessandro Fo), sia per la compattezza del verso poetico, potente e delicato al contempo, sia per aver saputo infrangere un tabù culturale con estrema naturalezza. La natura stessa, fatta di alberi verdi, foglie secche, terra che sporca e fiume che lava, prende inizialmente largo spazio in questi versi a tratti mistici a tratti estremamente affrancati alla realtà, sempre potentemente sinceri. Poi con l’andare delle poesie la scrittura diventa quasi anatomica, sul corpo, in un corpo che non basta più a spiegare quanto accade nell’anima. E capiamo più da vicino cosa significa transessualità.

Giovanna Vivinetto, con questo libro ha preso parola su un tema fino a ora in poesia non ancora affrontato, dando in fondo anche voce, con le sue parole, alle storie di molte altre persone. Crede anche lei – come suggerisce il festival – che siamo l’ultima generazione a poter dire e fare qualcosa per migliorare il mondo in cui viviamo? E che questo a volte ci dà quel coraggio che è mancato prima?

Non lo so: è caratteristica dell’uomo quella di commettere gli stessi errori dei padri! Considerarsi diversi da chi ci ha preceduti è un azzardo ma anche una speranza.

Ogni anno ci sono catastrofi sempre più ingenti, posso parlare con cognizione di causa perché proprio a Floridia quest’estate è stata registrata la temperatura più alta mai calcolata in Europa. Cambiare il mondo è un’urgenza che non si può rimandare.

Per quanto riguarda il mio caso specifico, io ho infranto un tabù, ma non ho avuto particolare coraggio. Ho messo in versi una storia che è la mia, ma anche quella di molti altri. La contemporaneità è caratterizzata anche dalla storia delle minoranze: c’è sempre qualcuno che ne parla ma mai i diretti interessati. Così per la transessualità. In questo caso dai medici, anche perché fino al 2018 la transessualità era considerata una malattia mentale, da curare. Qui ne parlo io in prima persona.

Cosa ha voluto dire per lei scrivere ‘Dolore minimo’? Quanto ha significato in senso civile?

È stata un’operazione dirompente, importante. Se oggi torno a rileggere quello che ho scritto mi chiedo come ho fatto, non ne sarei più capace. È difficile scrivere senza l’urgenza, io non scrivo versi da più di un anno perché non ho qualcosa di nuovo, vero e onesto, da dire.

L’altro giorno mi è capitato tra le mani il manoscritto e mi sono sorpresa constatando che tante poesie erano scritte di getto: c’era un movimento interiore che ha portato questa nitidezza. L’atto di scrivere non è dettato dalle scadenze e merita il rispetto che la poesia comporta. Ci vuole onestà intellettuale.

Per quanto riguarda il valore civile, nel caso di ‘Dolore minimo’ è stato dirompente perché in poesia un discorso tale non era ancora stato affrontato. Molte persone e associazioni Lgbt si sono avvicinate all’opera e l’hanno considerata un bel messaggio, riconoscendone anche il valore letterario. Ma la poesia tutta ha una dimensione sociale, si muove tra gli uomini e per gli uomini. Veicola messaggi, li rende universali.

Che valore ha per lei la parola poetica e perché l’ha scelta per raccontare la sua storia?

Oggi direi che non c’era altro modo per esprimere un’esperienza così particolare se non attraverso la capacità di condensare propria della poesia. La prosa disperde i significati, i contenuti, mentre la poesia permette di raggiungere un grado di comprensione superiore proprio attraverso la ristrettezza di parole, funziona a sottrazione, è più efficace. In realtà mi sono messa a scrivere naturalmente in versi, senza averlo progettato.

Trovo che il suo libro possa parlare a molti, perché in questa trasformazione c’è anche l’incontro con l’altro sé che sta dentro di noi, che può far paura, che osserviamo prima da lontano, poi più da vicino, che aneliamo e nel quale poi ci possiamo fondere… è corretto?

Sì, questo è un concetto sul quale ho riflettuto spesso. Il libro affronta la transizione tra un’identità e l’altra. Ma in fondo tutti noi andiamo incontro a delle trasformazioni, perdiamo qualcosa e acquisiamo altro. È il bello dell’esistenza, del potersi evolvere. La poesia ha diversi piani di lettura, oltre a quello letterario troviamo quello simbolico, che parla a molti.

Nella prefazione a ‘Dolore minimo’, Dacia Maraini scrive della difficoltà di essere madri di sé stesse, di diventare adulti due volte. Lei stessa utilizza la parola madre in maniera potente, simbolica, in molte poesie.

È come se con la poesia io avessi messo in chiaro quello che stavo compiendo nella vita, è stato necessario, a livello psicologico. Me ne sono accorta dopo. Essere genitore e figlio, quello che mi è accaduto, è un’esperienza bellissima che mitiga tutta la difficoltà di rimettersi al mondo in modo completamente nuovo. Aver trovato il coraggio di affermarsi in quanto persona nuova implica non solo il coraggio di tutta la situazione ma anche una grandissima cura, quasi materna sì.

Non bisogna avere fretta, per quello che accade dentro di sé. Quello che mi importava era diventare Giovanna nel modo più sereno possibile.

In ‘Dolore minimo’ vi sono alcune intense poesie scritte per non dimenticare Giovanni. Che rapporto ha con il passato?

Il rapporto oggi è totalmente pacifico. Se mi capita di vedere vecchi album di foto dove incontro il ragazzino che ero, alla luce di quella che sono oggi leggo con affetto tanti meccanismi di difesa che avevo messo in atto ma di cui non ero cosciente. Alle superiori per esempio io ero chiuso in me stesso, più concentrato sullo studio che sulla vita sociale, era il mio modo per proteggermi. Il bello della transizione è contenere in sé anche le contraddizioni e riconoscerle come parte di me stessa.

La poesia

L’altra nascita portò con sé
la distanza degli alberi
– la verde solitudine dei tronchi.
A noi parve – per così tanto tempo –
di non toccarci mai, mai raggiungerci
– per quanto ci protendessimo l’uno fra i rami dell’altra –,
mai poterci dolere con foglie
solamente nostre – e che la tempesta
non rendesse indistinguibili.

Ci vollero diciannove anni
per prepararsi alla rinascita,
per trasformare la distanza tra noi
in spazio vitale, il vuoto in pieno,
il dolore in malinconia – che altro
non è che amore imperfetto. Aspettammo
i nostri corpi come si aspetta
la primavera: chiusi nell’ansia
della corteccia. (…)

da ‘Dolore minimo’, interlinea 2018, pagine 34-35

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved