a-chiassoletteraria-le-transizioni-poetiche-di-giovanna-vivinetto
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso

Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Culture
4 ore

Online i pesci fossili del Museo di Storia naturale di Neuchâtel

Sulla piattaforma di Wikimedia Commons estratti di una collezione che prese il via negli anni Trenta del 1800 grazie al naturalista svizzero Louis Agassiz
Cinema
4 ore

Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA

La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Culture
5 ore

‘La luna nel baule’, Dell’Agnola da qui a Friburgo

Il romanzo trilingue di Daniele Dell’Agnola atteso da una rilettura scenica a opera della compagnia Il teatro degli incamminati di Milano
Rsi
7 ore

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
13 ore

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
14 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
15 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
15 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
15 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
17 ore

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
18 ore

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
18 ore

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Culture
1 gior

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
Culture
1 gior

Frammenti di memoria

Le cose, anche le più minute, risvegliano sentimenti, avvicinano un mondo da scoprire nuovamente.
L'intervista
1 gior

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
1 gior

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
1 gior

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
1 gior

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
2 gior

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
2 gior

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
04.09.2021 - 10:560

A ChiassoLetteraria le transizioni poetiche di Giovanna Vivinetto

Intervista alla poetessa italiana, ospite del festival per presentare ‘Dolore minimo’, racconto in versi del proprio cambio di identità

Un ‘pianeta proibito’ quello al centro di ChiassoLetteraria, un mondo inospitale sotto molteplici aspetti, dal clima alla società, e una generazione indicata come quella che lo potrà salvare. Tra gli ospiti, oggi una poetessa che in maniera dirompente ha saputo delicatamente raccontare la sua ricerca di identità: Giovanna Cristina Vivinetto. Nata a Siracusa e cresciuta a Floridia, la Vivinetto ha pubblicato per interlinea nel 2018 ‘Dolore minimo’, raccolta di poesie premiata al Premio Viareggio del 2019. Il libro, che narra la sua transizione transessuale, è stato definito opera rivelazione (Alberto Bertoni) e caso letterario dell’anno (Dacia Maraini e Alessandro Fo), sia per la compattezza del verso poetico, potente e delicato al contempo, sia per aver saputo infrangere un tabù culturale con estrema naturalezza. La natura stessa, fatta di alberi verdi, foglie secche, terra che sporca e fiume che lava, prende inizialmente largo spazio in questi versi a tratti mistici a tratti estremamente affrancati alla realtà, sempre potentemente sinceri. Poi con l’andare delle poesie la scrittura diventa quasi anatomica, sul corpo, in un corpo che non basta più a spiegare quanto accade nell’anima. E capiamo più da vicino cosa significa transessualità.

Giovanna Vivinetto, con questo libro ha preso parola su un tema fino a ora in poesia non ancora affrontato, dando in fondo anche voce, con le sue parole, alle storie di molte altre persone. Crede anche lei – come suggerisce il festival – che siamo l’ultima generazione a poter dire e fare qualcosa per migliorare il mondo in cui viviamo? E che questo a volte ci dà quel coraggio che è mancato prima?

Non lo so: è caratteristica dell’uomo quella di commettere gli stessi errori dei padri! Considerarsi diversi da chi ci ha preceduti è un azzardo ma anche una speranza.

Ogni anno ci sono catastrofi sempre più ingenti, posso parlare con cognizione di causa perché proprio a Floridia quest’estate è stata registrata la temperatura più alta mai calcolata in Europa. Cambiare il mondo è un’urgenza che non si può rimandare.

Per quanto riguarda il mio caso specifico, io ho infranto un tabù, ma non ho avuto particolare coraggio. Ho messo in versi una storia che è la mia, ma anche quella di molti altri. La contemporaneità è caratterizzata anche dalla storia delle minoranze: c’è sempre qualcuno che ne parla ma mai i diretti interessati. Così per la transessualità. In questo caso dai medici, anche perché fino al 2018 la transessualità era considerata una malattia mentale, da curare. Qui ne parlo io in prima persona.

Cosa ha voluto dire per lei scrivere ‘Dolore minimo’? Quanto ha significato in senso civile?

È stata un’operazione dirompente, importante. Se oggi torno a rileggere quello che ho scritto mi chiedo come ho fatto, non ne sarei più capace. È difficile scrivere senza l’urgenza, io non scrivo versi da più di un anno perché non ho qualcosa di nuovo, vero e onesto, da dire.

L’altro giorno mi è capitato tra le mani il manoscritto e mi sono sorpresa constatando che tante poesie erano scritte di getto: c’era un movimento interiore che ha portato questa nitidezza. L’atto di scrivere non è dettato dalle scadenze e merita il rispetto che la poesia comporta. Ci vuole onestà intellettuale.

Per quanto riguarda il valore civile, nel caso di ‘Dolore minimo’ è stato dirompente perché in poesia un discorso tale non era ancora stato affrontato. Molte persone e associazioni Lgbt si sono avvicinate all’opera e l’hanno considerata un bel messaggio, riconoscendone anche il valore letterario. Ma la poesia tutta ha una dimensione sociale, si muove tra gli uomini e per gli uomini. Veicola messaggi, li rende universali.

Che valore ha per lei la parola poetica e perché l’ha scelta per raccontare la sua storia?

Oggi direi che non c’era altro modo per esprimere un’esperienza così particolare se non attraverso la capacità di condensare propria della poesia. La prosa disperde i significati, i contenuti, mentre la poesia permette di raggiungere un grado di comprensione superiore proprio attraverso la ristrettezza di parole, funziona a sottrazione, è più efficace. In realtà mi sono messa a scrivere naturalmente in versi, senza averlo progettato.

Trovo che il suo libro possa parlare a molti, perché in questa trasformazione c’è anche l’incontro con l’altro sé che sta dentro di noi, che può far paura, che osserviamo prima da lontano, poi più da vicino, che aneliamo e nel quale poi ci possiamo fondere… è corretto?

Sì, questo è un concetto sul quale ho riflettuto spesso. Il libro affronta la transizione tra un’identità e l’altra. Ma in fondo tutti noi andiamo incontro a delle trasformazioni, perdiamo qualcosa e acquisiamo altro. È il bello dell’esistenza, del potersi evolvere. La poesia ha diversi piani di lettura, oltre a quello letterario troviamo quello simbolico, che parla a molti.

Nella prefazione a ‘Dolore minimo’, Dacia Maraini scrive della difficoltà di essere madri di sé stesse, di diventare adulti due volte. Lei stessa utilizza la parola madre in maniera potente, simbolica, in molte poesie.

È come se con la poesia io avessi messo in chiaro quello che stavo compiendo nella vita, è stato necessario, a livello psicologico. Me ne sono accorta dopo. Essere genitore e figlio, quello che mi è accaduto, è un’esperienza bellissima che mitiga tutta la difficoltà di rimettersi al mondo in modo completamente nuovo. Aver trovato il coraggio di affermarsi in quanto persona nuova implica non solo il coraggio di tutta la situazione ma anche una grandissima cura, quasi materna sì.

Non bisogna avere fretta, per quello che accade dentro di sé. Quello che mi importava era diventare Giovanna nel modo più sereno possibile.

In ‘Dolore minimo’ vi sono alcune intense poesie scritte per non dimenticare Giovanni. Che rapporto ha con il passato?

Il rapporto oggi è totalmente pacifico. Se mi capita di vedere vecchi album di foto dove incontro il ragazzino che ero, alla luce di quella che sono oggi leggo con affetto tanti meccanismi di difesa che avevo messo in atto ma di cui non ero cosciente. Alle superiori per esempio io ero chiuso in me stesso, più concentrato sullo studio che sulla vita sociale, era il mio modo per proteggermi. Il bello della transizione è contenere in sé anche le contraddizioni e riconoscerle come parte di me stessa.

La poesia

L’altra nascita portò con sé
la distanza degli alberi
– la verde solitudine dei tronchi.
A noi parve – per così tanto tempo –
di non toccarci mai, mai raggiungerci
– per quanto ci protendessimo l’uno fra i rami dell’altra –,
mai poterci dolere con foglie
solamente nostre – e che la tempesta
non rendesse indistinguibili.

Ci vollero diciannove anni
per prepararsi alla rinascita,
per trasformare la distanza tra noi
in spazio vitale, il vuoto in pieno,
il dolore in malinconia – che altro
non è che amore imperfetto. Aspettammo
i nostri corpi come si aspetta
la primavera: chiusi nell’ansia
della corteccia. (…)

da ‘Dolore minimo’, interlinea 2018, pagine 34-35

 

© Regiopress, All rights reserved