arzo-il-festival-di-narrazione-comincia-in-nome-del-padre
Mario Perrotta (foto: Luigi Burroni)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso

Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Culture
4 ore

Online i pesci fossili del Museo di Storia naturale di Neuchâtel

Sulla piattaforma di Wikimedia Commons estratti di una collezione che prese il via negli anni Trenta del 1800 grazie al naturalista svizzero Louis Agassiz
Cinema
4 ore

Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA

La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Culture
4 ore

‘La luna nel baule’, Dell’Agnola da qui a Friburgo

Il romanzo trilingue di Daniele Dell’Agnola atteso da una rilettura scenica a opera della compagnia Il teatro degli incamminati di Milano
Rsi
7 ore

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
13 ore

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
14 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
14 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
15 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
15 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
18.08.2021 - 19:250

Arzo, il Festival di narrazione comincia ‘In nome del padre’

La 21esima al via domani, 19 agosto, alle 21.30 con lo spettacolo di Mario Perrotta nato dal confronto con Massimo Recalcati. A Meride, ore 18, incontro col pubblico.

a cura de laRegione

“Se nel 2007 con Odissea avevo chiuso i conti con l’essere figlio, da quattro anni sono padre, una parola che mette con le spalle al muro e riempie il mio quotidiano di nuove sfide e di preoccupazioni. E ho bisogno, come sempre, di ragionarci a fondo attraverso gli unici strumenti che riconosco miei – la ricerca drammaturgica, la scrittura, la messa in scena, l’interpretazione – per inchiodare al muro i padri sbagliati che potrei essere, che vorrei evitare di essere usando tutta l’ironia e il sarcasmo che posso per esorcizzare queste mie paure.
E mi vengono in mente le mie conversazioni con Massimo Recalcati sulla questione, e mi viene in mente che vorrei coinvolgerlo: lo chiamo, gli racconto tutto e Massimo mi dice di sì, che gli piace e che faremo il progetto insieme”. È per sommi capi, quelli descritti sul sito dell'attore, la genesi di ‘In nome del padre’, lo spettacolo scritto e interpretato dall'attore, drammaturgo, regista teatrale e scrittore italiano Mario Perrotta, che apre domani, giovedì 19 agosto alle 21.30, il Festival internazionale di narrazione di Arzo nella nuova formula ‘diffusa’ che lo porterà anche a Meride e Tremona, ulteriori sedi scelte per quattro giorni di spettacoli, incontri, musica e installazioni, fino al 22 agosto.

‘In nome del padre’ è un lavoro nato da un intenso confronto dell'artista con lo psicanalista Massimo Recalcati: “Il nostro – altre parole di Perrotta – è il tempo del tramonto dei padri” e ”l'arte può dare un contributo essenziale per cogliere sia l'evaporazione della figura tradizionale della paternità, sia il difficile transito verso un’altra immagine, più vulnerabile ma più umana, di padre». In scena, ad attraversare e ad affrontare la crisi, Perrotta dà vita a tre padri diversi, ognuno alle prese con i propri figli e con la propria personale ricerca.

Prima dello spettacolo, alle 18 a Meride, nell’incontro ‘Dare corpo al padre’, l’artista, insieme alla scrittrice e giornalista Laura Di Corcia, si confronterà con il pubblico sul lavoro di ricerca e studio che lo ha portato a dare voce e corpo al tema che porterà in scena di lì a poco ad Arzo. L’evento è a ingresso gratuito previa prenotazione tramite il sito del Festival (www.festivaldinarrazione.ch).

Il Festival continuerà nella giornata di venerdì 20 agosto dalle 18 a Meride con ‘A forza di essere vento. Viaggio nella musica klezmer, balcanica, rom e dintorni’ con il gruppo musicale Yatrìah e la danzatrice ticinese Camilla Stanga, per un viaggio sonoro di teatrodanza incentrato sulla cultura Roma. Lo spettacolo ‘Mario e Saleh’ con Saverio La Ruina e Chadli Aloui, inizialmente previsto per le 21.30 ad Arzo, è annullato per cause di forza maggiore, ma sostituito, sabato 21 agosto alle 10.30 a Melide, da un momento di approfondimento aperto al pubblico con Sav erio La Ruina, Abderrahim El Hadiri, l'attivista Gabriela Giuria Tasville e il presidente del Festival, Marco Mona. Tornando a venerdì 20, a prendere il posto di ‘Mario e Saleh’ sarà ‘Polvere. Dialogo tra uomo e donna’ con Saverio La Ruina e Cecilia Forti, lavoro che affronta i rapporti di potere nella coppia, la violenza di genere e il femminicidio (il programma completo su www.festivaldinarrazione.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved