dagli-atelier-ticinesi-al-festival-del-cinema-giovane-svizzero
Sul set #1
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
5 ore

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
11 ore

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
19 ore

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
20 ore

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
21 ore

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
21 ore

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
22 ore

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
23 ore

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Gallery
Culture
1 gior

‘Queer’, la diversità di genere è in mostra a Berna

Sono molti gli esempi di fluidità di genere e il Museo di storia naturale vi dedica una eposizione lunga un anno
Video
Culture
1 gior

Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter

L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
1 gior

Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo

Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
Culture
1 gior

Orizzonti filosofici online con Massimo Reichlin

La coscienza, tra senso morale e ragion pratica nel secondo appuntamento di martedì 13 aprile alle 20 in Zoom
Covid e Cultura
1 gior

Taskforce Cultura: 'Miglioramenti, ma permangono problemi'

Modifiche all'Ordinanza Covid Cultura soddisfano per semplificazioni e retroattività, ma scudo protettivo senza risposte e timori per i tempi di attribuzione Ipg.
Società
1 gior

Pandemia? E torna di moda... l'Hula Hoop

Il popolare attrezzo-giocattolo è tornato alla ribalta negli ultimi mesi: combatte lo stress, fa bene all'umore ed è adatto per fare attività fisica
Culture
1 gior

Charles Baudelaire, duecento anni più tardi

I ‘Fiori del male’ da scandalo a perno su cui ruota la poesia per divenire moderna. Il poeta francese nasceva il 9 aprile del 1821
Musica
1 gior

‘London's 93 Feet East’, Radiohead ancora gratis su YouTube

Dal 9 aprile, una nuova serie di performance storiche dal vivo. Si comincia con uno show londinese assai raro, ora disponibile al grande pubblico.
Scienze
2 gior

Perseverance fa le previsioni del tempo su Marte

Giunto il primo rapporto meteo marziano realizzato dal rover della Nasa nel suo sito di sbarco, il cratere Jezero. I dati saranno utili per programmare le attività giornaliere.
Culture
16.03.2021 - 18:230
Aggiornamento : 18:46

Dagli atelier ticinesi al Festival del cinema giovane svizzero

In concorso alla 45esima edizione online gratuita, due film usciti dai corsi dell'Associazione REC. A colloquio con il responsabile degli atelier Adriano Schrade

Schweizer Jugend Film Tage, Festival Ciné Suisse oppure Festival del cinema giovane svizzero. Si terrà, manco a dirlo, in versione online (gratuita) dal 18 al 21 marzo. Una bella e buona cosa comunque, anche perché premierà – al di là della classifica finale – il lavoro di giovani aspiranti cineasti/e, attori/attrici e maestranze ticinesi usciti dall'atelier REC-VillaSanQuirico. I due cortometraggi si intitolano ‘Oltre la porta’ – in concorso nella categoria A del Festival, quella dei progetti realizzati da giovani sino all'età di 12 anni – e ‘Andrà tutto BEN·issimo’ – categoria B, ‘Film tematici’ realizzati da giovani fino ai 16 anni, categoria sostenuta da Srg Ssr – entrambi realizzati nel corso dell’estate 2020. Il 45esimo Festival del cinema giovane svizzero si completa con la categoria C (limite di 19 anni), la D (tra i 20 e i 25) e la E, con limite di 30, dedicata ai frequentatori di scuole superiori di cinema, sostenuta dal Percento Culturale Migros. La giuria del Festival designerà i tre migliori film per ciascuna delle cinque categorie della competizione, che si contenderanno la Panthère bondissante, il felino “saltante”, e premi in denaro da mille franchi a scendere (600 e 400, rispettivamente al secondo e terzo classificato). Anche il Festival del cinema giovane svizzero ha un suo Premio del pubblico (altri mille franchi offerti dalla Zürcher Kantonalbank) e riconoscimenti minori. 

Un segno diverso e nuovo

Prima di entrare nel merito dei film, l'ambito ticinese dal quale arrivano. «Le nostre sono occasioni di sensibilizzazione al linguaggio cinematografico», spiega alla ‘Regione’ Adriano Schrade, referente e responsabile degli Atelier dell'Associazione REC. «Li frequentano persone giovani e meno giovani, sulla base di un modulo creato anni fa con bambini di scuola elementare, medie e medie superiori, anziani, degenti di cliniche psichiatriche e persone con problematiche varie. L'aspetto interessante – continua Schrade – è dar loro uno spazio per testare l'audiovisivo che normalmente consumano, per ritrovarsi con la responsabilità di diventare autori, di creare un contenuto, di motivarlo e giustificarlo». Una condizione del tutto nuova che dopo una settimana di lavoro porta al «piccolo miracolo che è il montaggio, che dà forma alla storia che hanno scritto, qualcosa che a noi pare naturale ma che di fatto, per chi non si è mai confrontato con tutto questo, è una sorpresa vera». Schrade assegna i ruoli, fornisce un'infarinatura su come utilizzare una videocamera, un microfono, il ciack, i fogli di uno script e guidati da lui, aspiranti registi, attori e maestranze varie acquistano autonomia e girano per conto proprio. E se l'avvicinarsi agli atelier fuori dal ciclo scolastico è per qualcuno dei giovani «una sorta di posteggio che i genitori trovano interessante», spiega il responsabile, succede anche che il posteggio diventa così interessante che «ci sono persone che li frequentano da nove anni e alcuni di essi oggi studiano al Cisa per diventare tecnici dell'audiovisivo. L'altra via è quella dell'istituzione scolastica: «Alcuni docenti particolarmente sensibili si sono resi conto che quella del cinema è una scrittura che bene s'integra con parte del percorso didattico. Non avendo competenze specifiche delegano a noi. Ora che la neve latita, optano per un atelier di cinema che lascia un segno diverso e nuovo rispetto a una settimana bianca».

Per Schrade l'Atelier è un percorso; il prodotto finale è «un effetto collaterale, l'importante è che chi vi si avvicina comprenda il funzionamento dell'intera macchina». Se poi il prodotto riesce, il passo successivo è di norma l'iscrizione al Festival del cinema giovane svizzero o a Castellinaria. «È particolare il fatto di essere selezionati per la qualità del prodotto e, insieme, perché gli italofoni non sono rappresentati dal cinema giovane svizzero. Le Schweizer Jugend Film Tage ci hanno chiesto quest'anno se fossimo riusciti a girare qualcosa la scorsa estate, durante la quale sono stati completati due atelier in presenza. Ci hanno chiesto entrambi i film, pur con tutte le difficoltà tecniche dovute alle misure di sicurezza. La scelta di entrambi i lavori ci piace molto, anche a livello linguistico».

Due generazioni

‘Oltre la porta’ e ‘Andrà tutto BEN·issimo’, come si è scritto, viaggiano in due categorie distinte, arrivando da due atelier diversi per fasce d'età diverse. Perché «tra 12enni e 15enni esiste già un salto generazionale, gli interessi e la voglia di raccontarsi è diversa». Andando in ordine di realizzazione, ‘Andrà tutto BEN·issimo’ nasce da un piccolo e comprensibile rifiuto: «Sono ragazzi dai 13 ai 16 anni e il lockdown, le lezioni a distanza, l'isolamento sono stati una specie di trauma. Pur con tutto lo spazio di Villa Quirico a Minusio a disposizione, piuttosto di lavorare distanziati hanno deciso di girare una storia ognun per sé col proprio smartphone, mettendosi nella situazione del lockdown senza mai nominarlo, pur rispecchiando quello che avevano vissuto». Una volta montata, la storia risulta come uscita da una chat (il thriller ‘Searching’, tanto per fare nomi, è un fulgido esempio di questa tecnica). «La particolarità è stata quella di girare in casa, aiutati da un'app che permette di leggere il copione sullo schermo mentre si è filmati, per poi scoprire il senso e il ritmo del racconto soltanto con il montaggio». Ivo, Zoe, Mia e Ben recitano insieme soltanto nell'ultima scena di ‘Andrà tutto BEN·issimo’, «capendo – nella realtà – per le mille attenzioni dovute, che la soluzione smartphone era quella perfetta».

‘Oltre la porta’ – sezione A, fino a 12 anni – è stato girato la settimana successiva. «Quando è stato detto ai ragazzi quali e quante difficoltà avrebbe portato il distanziamento, e una volta constatato il loro entusiasmo per il poter raccontare una storia ambientata in una villa vuota, che a ogni età porta sempre a galla maghi, fantasmi e presenze, non si è potuto non dare seguito alle loro volontà». Volontà più grande del reggere un'asta microfonica per catturare il sonoro, «perché con la telecamera, per rispettare le distanze, basta zoomare e invece quando l'asta s'allunga diventa pesante da reggere, stando attenti a mantenerla sopra le teste degli attori affinché non compaia nell'inquadratura. Ma hanno deciso di girare ugualmente, e abbiamo portato a casa una storia che funziona, pur con tutti i problemi tecnici che, per assurdo, a Zurigo risolveranno grazie ai sottotitoli». E l'effetto speciale conclusivo – «I ragazzi sono rimasti sorpresi di come sia facile duplicare un attore, posizionarlo in due punti diversi dello schermo nello stesso momento» – è parte di quella “storia che funziona”. 

Festival del cinema giovane svizzero su www.livestream.jugendfilmtage.ch/coming-soon e Instagram (@jugendfilmtage).

 

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved