200-anni-fa-moriva-de-maistre-filosofo-della-controrivoluzione
Ritratto di Joseph de Maistre realizzato da Félix Vallotton (La Revue blanche, 1895)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
5 ore

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
12 ore

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
20 ore

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
20 ore

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
22 ore

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
22 ore

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
23 ore

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Culture
26.02.2021 - 10:210

200 anni fa moriva de Maistre, filosofo della Controrivoluzione

Critico feroce dell’Illuminismo, si rifugiò in Svizzera dove scrisse le 'Considerazioni sulla Francia' sostenendo la necessità di fondare il governo sulla religione

Duecento anni fa, il 26 febbraio 1821, a Torino, moriva il filosofo, scrittore e diplomatico francese Joseph de Maistre, feroce critico della Rivoluzione francese e dell'Illuminismo, fu tra i più noti polemisti tra i controrivoluzionari.

De Maistre rintracciò le radici della mentalità razionalistica e individualistica dei 'philosophes' nel 'libero esame' dei protestanti e interpretò il 'Terrore' come ineluttabile conseguenza dello spirito ateo e fanatico oltre che quale castigo inviato dalla Provvidenza. Nella sua riflessione filosofica, l'uomo, creatura debole e corrotta dal peccato originale, non può autogovernarsi: un ordine politico stabile è possibile soltanto se fondato sulle verità della religione.

Nato a Chambéry il 1° aprile 1753, Joseph de Maistre fu educato dai gesuiti e si laureò in diritto all'Università di Torino; entrò nel 1774 nella magistratura e giunse nel 1788 alla dignità di senatore. A Chambéry si iscrisse prima alla loggia massonica di rito inglese dei Trois Mortiers (1774), poi passò alla loggia scozzese della Sincérité, di cui divenne uno dei capi (1778).

Il suo sogno era di giungere, attraverso la massoneria, alla riunione di tutte le chiese e confessioni religiose: affratellati nelle logge uomini di diverse religioni, eliminata ogni tradizione eterodossa, affermato il valore perenne del cristianesimo come dottrina religiosa e del cattolicesimo come organizzazione ecclesiastica, il mondo si sarebbe ritrovato cattolico senza accorgersene.

Di fronte alla Rivoluzione francese il suo atteggiamento parve dapprima favorevole, ma poi, influenzato dallo storicismo di Edmund Burke, l'avversò. Invasa dai francesi la Savoia, si rifugiò in Svizzera (1793). Tornato a Torino (1797), ma costretto a lasciare di nuovo la città, fu nominato (1799) reggente della cancelleria di Sardegna; a Cagliari entrò tuttavia in urto col viceré Carlo Felice, e allora fu da Vittorio Emanuele I inviato (1802) come ministro plenipotenziario in Russia, dove lo zar gli offrì di passare al suo servizio.

La sua teorizzazione dell'assolutismo pontificio e la sua critica accanita rivolta contro il pensiero liberale determinarono però Alessandro I, allora incline alle idee occidentali di progresso e di libertà, a chiedere il suo richiamo. De Maistre passò a Torino i suoi ultimi anni.

Nelle "Considerazioni sulla Francia" (1796), scritto in Svizzera, dopo aver criticato la dottrina e l'azione rivoluzionarie, finiva per delineare un programma di restaurazione che tenesse conto dei nuovi interessi che la Rivoluzione aveva creati. La sua polemica antirivoluzionaria divenne, dopo il suo ritorno a Torino, polemica antiprotestante: nelle "Réflexions sur le protestantisme dans son rapport avec la souveraineté" metteva infatti in relazione il libero arbitrio dei riformatori religiosi con lo spirito rivoluzionario.

Compose le sue opere maggiori in Russia: "Le serate di Pietroburgo o Colloqui sul governo temporale della Provvidenza (uscito postumo nel 1821), in cui, di fronte all'Illuminismo mistico, prende una netta posizione critica, e "Del Papa" (1819). Di nuovo a Torino, scrisse la "Lettera sullo stato del Cristianesimo in Europa" (1819), in cui riconferma la sua fede nell'avvento di un'unica Chiesa cattolica capace di riunire in sé tutte le Chiese.

Nell'Europa della Restaurazione de Maistre è massimo esponente, con Louis de Bonald, di quella corrente teocratica e ultramontanistica che speculativamente s'innesta nel grande moto del Romanticismo europeo, contribuendo a esso con il concetto della storia (in opposizione all'Illuminismo) come tradizione (nel senso della conservazione eterna dei supremi e trascendenti valori etico-religiosi).

Correlativamente, nella politica egli pone a fondamento della vita degli stati il principio di legittimità, sola forza morale capace di rigenerare l'uomo e di restaurare il diritto che la Rivoluzione francese ha calpestato. Tale principio deve realizzarsi in una struttura teocratica dello stato. La pregiudiziale reazionaria di de Maistre spiega il declino della sua fortuna nella politica e nella cultura di fronte all'affermarsi del pensiero liberale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved