won-t-get-fooled-again-la-musica-contro-boris-johnson
Anche la rockstar, nel suo piccolo...
ULTIME NOTIZIE Culture
Aspettando Sanremo
8 ore

Nina, Sara e gli invisibili: Ermal Meta nella ‘Tribù urbana’

Al Festival con una ballad, ‘Un milione di cose da dirti’, e dal 12 marzo l'album: ‘È il movimento dell’umanità, importante come il sangue che circola’
Musica
9 ore

'The Lyrics: 1965 to the Present', autoritratto di McCartney

Curato e introdotto dal Premio Pulitzer Paul Muldoon, è il diario musicale in cui Sir Paul racconta la sua vita dai Beatles ai Wings agli album solisti.
Spettacoli
9 ore

Woody Allen è ancora nel catalogo di Hbo

In piena docuserie sulle accuse di molestie, lo stesso canale che la manda in onda ha deciso di non rimuovere i film del regista dalla sua piattaforma
Culture
10 ore

Addio al poeta e traduttore Philippe Jaccottet

Considerato uno dei maggiori poeti europei, ha anche pubblicato numerosi volumi in prosa, diari, riflessioni sulla poesia, in particolare quella francese, e sulla traduzione
Archeologia
10 ore

Tra Zugo e Walchwil scoperto l'Instagram dell'antichità

Sono monete romane e celtiche, mostrano galee, aquile, divinità e un coccodrillo incatenato a una palma, simbolo della conquista dell'Egitto da parte dei romani.
Culture
11 ore

Chiara Valerio, la matematica e la democrazia

Intervista all'autrice, ospite con Gustavo Zagrebelsky del primo appuntamento del nuovo ciclo di Arti liberali del Lac
Società
14 ore

Il Rapporto sulla Trasparenza di TikTok

Il social si è confrontato con le richieste di rimozione di contenuti: temi caldi dei clip rimossi, pandemia e disinformazione
Culture
17 ore

'To Fabio Andina, Peace and Love, Lawrence Ferlinghetti'

Gli incontri del romanziere ticinese con l''ultimo esponente della Beat Generation. Era il 1998, gli anni degli studi in California. Ecco come andò...
Culture
1 gior

Di matematica al Lac con Gustavo Zagrebelsky e Chiara Valerio

Nuovo appuntamento con Arti liberali, venerdì 26 febbraio alle ore 20.30, in diretta streaming sul sito www.luganolac.ch e sui canali social del centro culturale
Aspettando Sanremo
1 gior

Tutti in pista con gli Extraliscio (una storia d'amore)

‘L'Ariston sarà la nostra sala da ballo’, dice Mirco Mariani, creatore del 'punk da balera' con Moreno Il Biondo e La voce di Romagna Mauro Ferrara
Culture
1 gior

Alla Casa della letteratura le parole tra cura e pandemia

Intervista a Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities e ospite del primo incontro online ‘Fratture e frammenti’
Cinema Teatro Chiasso
1 gior

'Tre', alti e bassi delle famiglie ai tempi dei social

Riservato agli istituti scolastici, è lo spettacolo per ragazzi tra gli 11 e i 18 anni fruibile in streaming su www.cinemateatrochiasso.ch il prossimo 4 marzo alle 14
Spettacoli
1 gior

Stevie Wonder lascia gli Stati Uniti: 'Me ne vado in Ghana'

In intervista con Oprah Winfrey: “Non voglio che i figli dei figli dei miei figli dicano: 'Oh, ti prego, apprezzami. Per favore rispettami...”.
Streaming
1 gior

Tutto o niente, la Juventus su Amazon

‘All or Nothing: Juventus’ è il primo capitolo italiano di un format che entra nei dietro le quinte dello sport.
Culture
2 gior

È morto Lawrence Ferlinghetti, icona della Beat Generation

Il poeta e narratore statunitense, scopritore di Ginsberg, Kerouac, Burroughs, aveva 101 anni
Pensiero
2 gior

I tempi dell’anima con il filosofo Luca Vanzago

Giovedì conferenza online organizzata dall’associazione Athena con l’autore di ‘Breve storia dell’anima’
Spettacoli
2 gior

Le resistenze del festival diritti umani di Ginevra

Il Fifdh, che si terrà online dal 5 al 14 marzo, sarà dedicato alle nuove forme di resistenza
Scienze
2 gior

Le lune di Marte nate da un unico satellite

Sarebbero i resti di un corpo celeste più grande colpito oltre un miliardo di anni fa. Lo sostengono ricercatori zurighesi su Nature Astronomy
Spettacoli
2 gior

Covid, l’attesa dei professionisti dello spettacolo

Delusi dalla mancata riapertura dei teatri a marzo, l’associazione t.punto attende fiduciosa aprile e ribadisce che in sala il rischio d’infezione è molto basso
Archeologia
2 gior

Australia, scoperta arte rupestre di 17mila anni fa

Echidna, goanna, pesci, impronte di mani, boomerang e canguri: identificati e datati per la prima volta i dipinti rupestri più antichi del continente.
Spotify
2 gior

Barack Obama e Bruce Spingsteen debuttano nel podcast

Insieme al Boss, l'ex presidente degli Stati Uniti sarà presentatore della serie di Spotify 'Renegades: Born in the Usa'
Spettacoli
3 gior

Naomi Campbell non parteciperà al Festival di Sanremo

La Venere Nera avrebbe dovuto co-condurre la serata di apertura di martedì 2 marzo, ma ha dato forfait a causa di nuove restrizioni dovute alla pandemia
Streaming
3 gior

Zanforlin-Pellegrini, una stanza dell'arte per due

Un duo violino-pianoforte per l'appuntamento di martedì 23 febbraio al Cinema Teatro Chiasso con i giovani talenti della Svizzera italiana.
Spettacoli
3 gior

Si separano i Daft Punk dopo 28 anni

Il duo francese composto da Thomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo ha annunciato oggi la fine della collaborazione con un video messo in rete
Spettacoli
3 gior

Muppet Show, avvertenze Disney per episodi 'razzisti'

'Presenza di stereotipi sbagliati allora e con gli occhi di oggi'. In tutto 18 gli episodi, incluso Johnny Cash che canta davanti alla bandiera confederata
Video
Spettacoli
4 gior

Parole, musica e insalate di matematica: era Luigi Albertelli

Scrisse 'Zingara', e da 'Ufo robot' in poi cambiò il linguaggio della musica per bambini: 'Volevo che si smettesse di rivolgersi a loro come a degli idioti'.
Società
4 gior

Riconoscersi nella Chiesa senza credere in Dio

I risultati dell’Indagine sulle lingue, la religione e la cultura raccontano una Chiesa sempre più fatto ideologico. Il vescovo: evitare nostalgici ritorni al passato
Culture
4 gior

Suisseculture: 'Tagli cultura imprevedibili a lungo termine'

'Ancor più ora, col settore fermo per pandemia – si legge in una lettera aperta alla Ssr – si deve investire per un servizio pubblico forte'.
Arte
4 gior

È morto Arturo di Modica, padre del ‘Toro di Wall Street’

L'opera, abusiva, avrebbe dovuto essere rimossa, ma dopo alcuni tentativi andati a vuoto è diventata una delle icone di New York.
Teatro
4 gior

Addio a Jurgen Muller, tra i fondatori de 'La Fura dels baus'

Fu l'attore di una delle più antiche compagnie teatrali, con 42 anni di storia e mezzo migliaio di progetti artistici
Culture
4 gior

Swiss Architectural Award 2020, in aprile consegna e mostra

Il 1° aprile la Fondazione Teatro dell’architettura di Mendrisio premia lo studio parigino Bruther. Dal 2 aprile, nell'Auditorio, i lavori dei 33 candidati
Cinema
4 gior

Quarant'anni di 'Bianco, rosso e Verdone'

Il pedante Furio, l'ingenuo Mimmo e lo sventurato Pasquale raccontavano un po' dell'Italia di allora. Era il febbraio del 1981
Musica
5 gior

'Ave Maria', Marco Santilli tra sacro e pop

Un testo negativo che gira in testa e un desiderio 'sacro' portatore di un testo in latino: la commistione è fatta. E pure l'intervista.
Spettacoli
5 gior

Linguaggio, corpo e rito per il teatro digitale del Lac

Carmelo Rifici e Paola Tripoli presentano il progetto ‘Lingua madre’, un modo per riflettere sul senso del teatro e della società
Libri
5 gior

Paolo Di Stefano: 'Noi, capriccioso mélange di tante vite'

La Sicilia, la Svizzera, il Canton Ticino dell'emigrazione, Milano: frammenti di storia del Novecento in un romanzo che scava nel senso delle proprie origini.
Rock e Brexit
21.01.2021 - 06:050
Aggiornamento : 11:21

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.

Il rock è fermo in Ticino, che non è la patria del rock. Ma il rock non se la passa molto meglio nemmeno in patria. Questione di punti di vista. Punto di vista inglese n.1: “Sono nauseato dalla Brexit. Io sono un europeo, non sono uno stupido colonialista, imperialista, idiota inglese qualsiasi. Mi vergogno per quanto ha fatto la mia nazione. Ne ho abbastanza dei politici, soprattutto dei politici britannici”. Punto di vista inglese n.2: “Ma cos’avrebbe a che fare la Brexit con il business della musica rock? Come se prima non avessimo mai viaggiato in tour nella f****** Europa. L’Europa è la mafia, è come essere governati dalla FIFA”. Gli eventi cambiano così rapidamente che l’europeo e pressoché londinese Elton John, che da Verona (anno 2019) s’indignava per quanto deciso in patria, e il pienamente londinese Roger Daltrey, voce e asterischi degli Who, che ai microfoni di Sky News, nello stesso anno, si proclamava orgogliosamente a favore della Brexit, si ritrovano uniti in una stessa lettera aperta in difesa della categoria, pubblicata dal Times.

Il documento, pubblicato dal ‘Times ’, è firmato da un centinaio di artisti, tra cui alcuni Cavalieri della Regina come Sir Elton Hercules John o come Sir Bob Geldof (quest’ultimo più per meriti umanitari che musicali) e altri meno titolati come Sting, Ed Sheeran, Judith Weir, Midge Ure, Robert Plant, Peter Gabriel, vari Bryan (Adams, Eno, May), Dave Stewart, Gary Newman, Jim Kerr dei Simple Minds, gli Iron Maiden e i Radiohead tutti, Liam Gallagher senza Oasis, Mark King senza Level 42, Mick Hucknell dei Simply Red, altri Queen viventi come Roger Taylor, e poi Joss Stone, Rag’n’Bone Man, Roger Waters senza Pink Floyd, il cofondatore degli stessi Nick Mason. L’oggetto del contendere: tra i molti problemi già causati a più categorie professionali, la fine della libera circolazione tra il continente e il Regno Unito obbligherebbe i musicisti britannici a procurarsi visti individuali (visa) prima di mettere piede in uno qualsiasi degli Stati dell’Unione Europea. Il non poter viaggiare più liberamente per portare il proprio lavoro oltre i confini del Regno Unito è una scelta “vergognosa”, si legge nel documento pubblicato dal ‘Times ’.

Scartoffie

A inizio settimana, Caroline Dineage, Minister of State for Digital and Culture in the Department for Digital, Culture, Media and Sport (per dirla in breve, il ministro della cultura inglese), comunicava che l’offerta “assai ampia” dell’Unione Europea non sarebbe stata compatibile – si cita testualmente dalla Bbc – “con l’impegno del manifesto del governo”, e cioè il “riprendere il controllo dei nostri confini”. Dineage rassicurava comunque che l’Unione Europea era disposta “a prendere in considerazione la proposte del Regno Unito al fine di raggiungere un accordo per i musicisti”. Risposta dei musicisti, via Incorporated Society of Musicians, l’ente professionale di musicisti del Regno Unito: “La realtà è che musicisti, ballerini, attori e il relativo staff di supporto britannici sono stati vergognosamente traditi dal loro governo”; “L’accordo concluso con l’UE ha una falla laddove dovrebbe stare la promessa di libera circolazione per i musicisti”; “Tutti coloro che vorranno andare in tour in Europa avranno d’ora in poi bisogno di costosi permessi di lavoro e una montagna di documenti per l’attrezzatura”. L’associazione chiede al governo di “negoziare viaggi senza scartoffie in Europa per gli artisti britannici e le loro attrezzature”. La richiesta è, naturalmente, quella di un accordo reciproco: per il bene di chi da Londra va a suonare a Roma, citando a caso tra capitali, e “per il bene dei fan britannici che desiderano vedere artisti europei nel Regno Unito e nei luoghi britannici che desiderano ospitarli”.

Non siamo noi che siamo inglesi, sono loro che sono europei (e viceversa)

Inserendo la categoria dei musicisti in una più generale regolamentazione dei viaggi d’affari temporanei, il governo britannico giura di avere avanzato proposte anche “ambiziose” all’Unione Europea, che si sarebbe defilata. L’Unione Europea risponde che se mai qualcuno s’è defilato, quella è la Gran Bretagna. E che se qualcuno ha avanzato proposte di mobilità ambiziose, quella è l’Unione Europea. Nel batti e ribatti tipicamente italiano, ‘The Independent’ accusa Downing Street di avere rifiutato la proposta; Downing Street accusa il quotidiano di dire ‘bullshits ’ (stupidate, edulcorando). Mentre le responsabilità si chiariscono e un mercato da billions of pounds è fermo per altri ben noti motivi e difficilmente manderà giù ulteriori restrizioni, la petizione che chiede l’esenzione dai visa per artisti e professionisti della musica (senza i secondi, i primi suonerebbero in streaming per il resto della propria vita) viaggia verso le 300mila firme.

L'organizzatrice

Angela Curiello: ‘Nessuno è in chiaro, nemmeno le ambasciate’


Angela Curiello

«Ho iniziato come tramite di compagnie italiane, portando artisti internazionali in Italia e artisti italiani all’estero». Ora, a Londra, Angela Curiello lavora per artisti di qualsiasi calibro all’interno di una delle due big internazionali, la Aeg Presents, colosso dell’intrattenimento live che produce e promuove concerti, eventi musicali, festival anche jazz, dal nord dell’America all’Europa, all’Asia. I suoi uffici supportano gli spostamenti di Taylor Swift, dello Zio Elton, di Paul McCartney, degli Stones, di Ed Sheeran e anche quelli di Katy Perry e Justin Bieber, l’ultimo dei grandi eventi curati prima che il virus se la prendesse anche con il pop. Tra un tour e l’altro, Angela gestisce anche una venue a Londra, l’Indigo, «la sorellina dell’O2», dove l’O2 è l’O2 Arena, attuale tempio dei concerti indoor (e anche dei Masters di tennis).

La Brexit, per Angela, è l’ultimo dei problemi. Nel senso che arriva dopo il Covid. «Ho visto migliaia di concerti cancellati, rinviati più volte», racconta. «Si riponeva qualche speranza nella primavera 2021, ma sappiamo che nulla accadrà». E per una nazione in cui la musica muove miliardi di sterline, che sia l’O2 o l’ultimo dei pub in cui si suona l’ennesima versione di ‘Wonderwall ’, lo stop è uno shock: «L’unica misura seria sono stati i fondi andati a sostenere aziende, artisti e strutture che hanno fatto la differenza in Gran Bretagna. Ma si parla di mesi fa. Qualcosa ha fatto il furlough (cassa integrazione, ndr), ma anche in questo caso l’ultimo stipendio arriverà ad aprile e poi non si sa cosa succederà». Alle prese con problemi che sono (o sono stati) anche ticinesi – «Ridurre, per garantire il distanziamento sociale, un locale di 2’800 persone come l’Indigo a 400 persone rende impossibile solo aprirlo» – il futuro, quando arriverà, dovrà anche fare i conti con gli impicci della Brexit: «Le cose non sono chiare. Se l’accordo è stato rifiutato dalla Gran Bretagna, temo si tratti di orgoglio. Ma è solo una mia idea. Si dice che prenderemo accordi con le singole nazioni, ma preoccupano i costi aggiuntivi. Non tanto per i più grandi, ma per gli artisti più piccoli da portare in Europa per farli conoscere». Tanto per girare il dito nella piaga: «Ieri in parlamento si doveva decidere di questo». E il parlamento era vuoto

Parafrasando il luogo comune, tutto il mondo è Ticino: «Purtroppo sì, è come se si fossero dimenticati che l’uomo è anche musica, scrittura, dialogo. Fa specie vedere un settore che porta così tanti soldi a livello di Pil completamente ignorato». Premesso che Sting potrebbe pure restarsene a Figline Val d’Arno a produrre vino, conforta il muoversi dei grandi nomi in modo compatto. Incluso il pro-Brexit Roger Daltrey, che ripropone il classico degli Who ‘Won’t Get Fooled Again’, non ci fregherete di nuovo, che sa di dietrofront: «Io credo che molti pro-Brexit di settori diversi si stiano rendendo conto di come questa sia un’enorme cavolata, di quanti problemi una decisione come questa porterà. Un accordo approssimativo, non discusso nei dettagli. Tutti hanno problemi, anche i pescatori che non possono portare il pescato in Europa». E il Covid, scegliendo un apparecchio a caso dal palco, fa da amplificatore: «Nemmeno le ambasciate sanno cosa dire. Non c’è chiarezza per noi e nemmeno per l’artista, che soffre il non potersi esibire».

Il musicista

Luca Fiore: ‘Spero non sia solo orgoglio politico’


Luca Fiore

Gli artisti, a proposito. Primo italiano a vincere il Mayor of London’s ‘Gigs ’, la competizione di musica più grande del Regno Unito, ‘Miglior musicista di strada dell’anno’ per il London Evening Standard e altre cose – dalla Bbc alla Rai, fino al singolo ‘Ithaca’ con docu-video sul lockdown della capitale inglese –, Luca Fiore è un singer songwriter italiano naturalizzato britannico che di casa sta proprio a Londra, metropoli che ha – dice Luca – «sempre orgogliosamente difeso il suo titolo di città dinamica, sia nei concerti più grossi che in quelli ‘comuni ’, per chi come me fa il musicista di professione qui da otto anni e ha sempre vissuto in un’abbondanza di posti in cui suonare». Almeno prima del virus. «Se vogliamo riferirci alla domanda vecchia come il mondo “Ma a parte il musicista, cosa fai di lavoro? ”, nel Regno Unito esistono istituzioni consolidatissime di tutela dei musicisti per cui già a inizio pandemia si è subito potuto attingere a un fondo come Help Musicians, un’associazione che si avvicina molto all’idea di sindacato. In generale, l’aiuto per i liberi professionisti del Regno Unito è sempre stato molto chiaro, tecnicamente parlando»

Venendo alla Brexit, però, le cose cambiano: «I firmatari sono nomi enormi, band che adoro come Iron Maiden e Who, lo stesso Ed Sheeran. Aspettando di vedere l’evoluzione, il fatto che artisti così grossi abbiano deciso di metterci la faccia, in questo rimbalzarsi di responsabilità, fa pensare che a complicare le cose sia stato il Regno Unito». Mettici anche Tommy (Roger Daltrey, protagonista dell’omonima opera rock): «Se un pro-Brexit come lui si espone così, prendendosi anche le accuse di essere un ipocrita, vuol dire che forse abbiamo sparato un po’ troppo in alto». In questa «gara a pestarsi i piedi tra Unione Europea e Regno Unito», come negli ultimi mesi di trattative, in questo contendere in cui «la musica viene strumentalizzata, ingigantendo per questioni di schieramento un problema che così grande non sembra», una speranza c’è. Ed è che il fatturato annuo nel mondo della musica nel Regno Unito, secondo Luca, è così grande che una soluzione si troverà per forza. Anche se «rimane questo amaro in bocca per una transition senza problemi, e invece ci si trova a dover battagliare per preservare le condizioni di base per poter fare il nostro lavoro». Perché la musica «non è solo Ed Sheeran, ma anche dell’autista del tir che porta l’attrezzatura per il suo concerto. Sarebbe un vero peccato se questa diatriba diventasse irrisolvibile per mere questioni di orgoglio politico».

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved