laRegione
fabio-concato-buongiorno-sono-ambrogino-mi-dica
8 dicembre 2019, Lugano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
4 ore

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss
Spettacoli
9 ore

USA, truffava personaggi di Hollywood, ora è in manette

I raggiri, opera di un 41enne indonesiano e di suoi collaboratori, avvenivano grazie anche a imitazioni della voce.
Musica
12 ore

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.
Spettacoli
22 ore

Leonardo, un’esperienza tra storia e invenzione

Presentata a Lugano la ‘Da Vinci experience’, mostra immersiva dedicata al genio rinascimentale. Dalla realtà virtuale ai modellini, spunta anche la bicicletta (che lui mai disegnò)
Letteratura
22 ore

La casa di Tolkien in vendita: i vip si mobilitano

'Si faccia un museo!'. E una campagna internazionale di crowdfunding è partita nella speranza di preservare il luogo in cui nacque la saga di tutte le saghe.
Spettacoli
23 ore

Riapre la Royal Albert Hall, e saranno 150 anni

Ottimisticamente, Eric Clapton, Patti Smith e i Beach Boys sono i nomi già annunciati per festeggiare il secolo e mezzo di uno dei templi di Londra
Musica
1 gior

All'asta le chitarre di Van Halen (anche la Frankenstrat)

Tre esemplari usati dal chitarrista scomparso in ottobre battuti per complessivi 422mila dollari: 231 solo per l'iconica Kramer personalizzata,
Musica
1 gior

‘CuiTémpCheTira!’, il lockdown del multimediale Marco Zappa

Libro, cd, dvd, partiture. E i disegni di Adriano Crivelli. È la storia di cantautore e consorte (e un po' anche la nostra). Domenica in streaming dalla Rsi
Società
1 gior

Scarlett Johansson all'Egitto: 'Rilasciateli, sono innocenti'

'Chiedo l'immediato rilascio di Gasser, Karim, Mohamed e Zaki', dichiara l'attrice in un video. 'L'unico crimine: difendere la dignità degli egiziani'.
Spettacoli
1 gior

Montreux Jazz Festival, manifesto della speranza

Presentato oggi il cartellone della 55esima edizione, dal 2 al 17 luglio 2021. Lo ha realizzato Française Marylou Faure e mostra una donna cullata dalla musica
Scienze
1 gior

Via Lattea, censiti due miliardi di stelle

Per la precisione, 1'811'709'771. Sono i risultati del nuovo catalogo astronomico della Early Data Release 3 dell'Agenzia Spaziale Europea.
Scienze
1 gior

Ticino terra di scienza. Con un sito per raccontarla

Nasce www.ticinoscienza.ch, testata online per raccontare la ricerca scientifica basata nel nostro cantone. Ne parliamo con Silvia Misiti e Paolo Rossi Castelli
Cinema
1 gior

Dal vivo o in streaming? Il toto-Oscar è cominciato

Variety è per la prima ipotesi. Hollywood Reporter: 'Non fanno programmi per il fine settimana, figuriamoci per il 2021'
Culture
2 gior

Fondazione John Eccles, il simposio è in forma virtuale

'Acquisizione delle lingue fra corpo e facoltà di linguaggio' si terrà sabato 5 dicembre dalle 8.30 attraverso la piattaforma Teams
Cinema
2 gior

Locarno Kids HomeMade Movies, un mini-pardo per undici

Proclamati i vincitori. I cineasti in erba vedranno le proprie opere proiettate durante il Locarno 74, all'inizio di ogni film dedicato ai più piccoli.
Musica
2 gior

Gli 'Alieni' di Kaso, aspettando il vinile di 'Funziona'

Il nuovo brano anticipa la versione in vinile di 'Funziona', album uscito a maggio, atteso il 16 dicembre. Nel nuovo formato, il 2° inedito 'Come bestie'.
Spettacoli
2 gior

SOLOcon Amleto, Santoro al Teatro Foce

Il recital di Emanuele Santoro, tratto da William Shakespeare, va scena venerdì 4 dicembre alle 20.30
Spettacoli
2 gior

Jazz Cat Club, rinviati Christian Willisohn e Uli Wunner

I concerti del 4 e 5 dicembre non si terranno. Confermati, invece, quelli del 18 dicembre con Paddy Sherlock e del 19 dicembre con Elle Birath
Spettacoli
2 gior

Un 'Don Giovanni' al Teatro di Banco

Pièce teatral-musicale con attore e musicista-attore: 'Don Giovanni - L'amore è una commedia' va in scena il 5 dicembre alle 21 a Bedigliora.
Musica
2 gior

'Won 3', doppio Silvano Borzacchiello a Jazz in Bess

Domenica 6 dicembre, con il bassista Luca Lo Bianco e il pianista Lukas Gernet, il batterista italo-svizzero presenta il nuovo lavoro 'Thoughts in the fridge'
Musica
2 gior

Spazio Elle: 'Musica nel presente' con Ziegele e Theiler

Penultimo appuntamento con un duo d'innovatori, sassofonista e pianista, dal vivo domenica 6 dicembre a Locarno
Società
2 gior

Anche quest’anno, alla larga da ‘Last Christmas’

Riprende il Whamageddon: si riuscirà ad arrivare al 25 dicembre senza ascoltare la canzone natalizia cantata da George Michael (regole all’interno)?
Scienze
2 gior

Chang'e 5 ha toccato: la Cina è sulla Luna

È il terzo paese al mondo a poter raccogliere rocce lunari, dopo gli Stati Uniti e l'ex Unione Sovietica
L'intervista
18.11.2020 - 14:560
Aggiornamento : 17:55

Fabio Concato: 'Buongiorno, sono Ambrogino, mi dica...'

È quello di sempre, che getta acqua sul fuoco anche se la sua Milano, per 'L'Umarell', gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese.

«Pronto? Buongiorno, sono Ambrogino. Mi dica». E ancora: «Non ce la faccio più: e prima il Montale, e poi l’Ambrogio...». E adesso cosa arriverà? «Ma non lo so. Io mi sono proposto come sindaco. Vediamo…». È il Fabio Concato di sempre, quello che getta acqua sul fuoco anche se Milano gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese. A qualche mese dal Premio speciale Montale fuori di casa, il suo ‘Umarell’, canzone nata durante il lockdown già premiata in luglio a nome del grande poeta, è arrivato l’Ambrogino d’Oro, attribuito dall’amministrazione meneghina al Concato più social. Nel senso di sociale, il Concato di ‘Un puntino’, di ‘051’, ‘Bella Italia’, ‘Oltre il giardino’, ‘Tutto qua’, quello empatico, critico e dolcemente spietato. Senza mai alzare la voce, ma a voce alta. Proprio come in ‘L’Umarell’, l’anziano dei cantieri che è tutti gli anziani al tempo della prima ondata pandemica, ma anche una statuetta a forma, appunto, di umarell che nell’isolamento del primo lockdown parla al musicista. E lo sprona a reagire, a creare. ‘L’umarell’ che tanto è piaciuto alla sua Milano, quella che in ‘Domenica bestiale’ dorme ancora, che sonnecchia e a guardarla ci si accorge che è bella. Bella come il suo premio.

'La sto vivendo molto peggio di prima'

«Sì, il premio è molto bello. Mi era già successo di trovarmi nella rosa dei papabili negli anni passati, in due o tre occasioni. Quest’anno sapevo che avrei potuto vincerlo. Forse il fatto che fosse cantata in dialetto probabilmente ha colpito ancora di più, anche se il cartone animato con la traduzione l’ha resa ancor più comprensibile. Ho avuto messaggi d’amore e di stima dalla Puglia, dalla povera Calabria. Questo premio ha rimesso in pista l’umarell, che mi fa piacere. Quello che non mi fa piacere è che sia ritornata la seconda ondata».

Dell’amarezza non solo per la sua Milano, ma di tutte le persone “andate via così, gratis”, il cantautore ci aveva parlato a maggio, regalandoci una versione inedita de ‘L’Umarell’ ascoltabile in ‘Generi di conforto’, il podcast de laRegione. Amarezza che è tornata tale e quale. Anzi no: «La sto vivendo molto peggio della prima. C’è un po’ di rabbia che monta tutti i giorni. Ci avevano ampiamente anticipato che sarebbe arrivata la seconda ondata e mi sembra invece che ci siamo svegliati come al solito fuori tempo massimo. Adesso siamo addirittura a caccia di bombole d’ossigeno e caschi per i pazienti. È qualcosa che mi fa un po’ disperare. Penso che non siamo protetti, che non siamo rassicurati da niente e da nessuno».

Non se la sta passando bene nemmeno l’umarell: «È un po’ sul depresso anche lui. Non che abbiamo smesso, né lui né io, di sperare che qualcosa possa cambiare, ma farci sorprendere di nuovo così impreparati, pur sapendo esattamente di cosa si tratta. Io e lui facciamo fatica a capire tante cose. Tipo queste colorazioni diverse tra regioni…».

'Professionisti sacrificabili'

Ma ci sono anche le colorazioni diverse tra lavoratori. C’è il lockdown del mondo dello spettacolo italiano, mentre altri lavorano, che non è poi così diverso da quello ticinese («Cinque posti in sala? Bello. Chissà il biglietto quanto sarebbe costato…»): «Questo secondo lockdown fa un po’ male», dice Fabio. «Sì, Franceschini (Ministro della Cultura e del Turismo del Conte II) ha cercato di recuperare, però quando ho sentito parlare di “professionisti sacrificabili” e dentro c’erano i musicisti, gli attori, i lucisti, i fonici, stiamo parlando di centinaia di persone, mi sono detto “E allora no!”. Anche perché se c’è una cosa veramente di ‘pronto soccorso’ è proprio l’arte in tutte le sue manifestazioni. Se togliamo anche quella, è come spararci nelle dita dei piedi. Che uno non possa andare al cinema a vedersi un film, a teatro a vedersi uno spettacolo di prosa o andare a un concerto in un periodo così buio… Credo che sarebbe il massimo del conforto…». Fabio, ma c’è la televisione: «Ma certo! Come dice un mio amico milanese (la voce è quella dell’Enzino, Jannacci, ndr) “C’è tutti i film qui ormai sulla televisione, e allora guardati i film sulla televisione, cosa rompi! C’è Netflix e, come si chiama lì, Amazòne…».

Prima del nuovo stop, la musica di Concato era tornata a farsi sentire dal vivo, in settembre. «Ti dirò. È andata bene. Quei duecento si sono divertiti, hanno cantato, hanno partecipato. Ma mi è sembrato tutto più triste. Il fatto di non poter scendere in platea, cosa che mi piace fare, soprattutto nei teatri. Trovo che il contatto fisico, e non solo nel momento di firmare i cd, sia una cosa importantissima per il pubblico e anche per noi che questo mestiere lo facciamo. Per carità, altro non si poteva fare e serve la massima attenzione. Di certo c’è che abbiamo lavorato in sicurezza, evidentemente, perché due mesi dopo non abbiamo avuto notizia di contagi. Ma anche tutta l’attenzione a ogni cosa, a chi ti si para davanti, a chi ti apre il camerino, a quello senza mascherina perché se l’è scordata. È un lavoro in più da fare, parte di una professione che in questo momento non è più così facile, divertente, naturale».

'Credo di averlo meritato'

Da Springsteen i fan si aspettano sempre la nuova ‘Born to run’, da Samuele Bersani la nuova ‘Giudizi universali’ e da Concato la nuova ‘Domenica bestiale’. Che non ce ne sarebbe bisogno, perché per tutti i grandi ce n’è abbastanza in carriera. Eppure ‘L’Umarell’ sembra avere in questo momento un potere identificativo non meno forte di quel sempreverde dell’82: «Credo che, musicalmente parlando, ‘L’Umarell’ non abbia la stessa forza, però sul fatto che sia identificativa non ci sono dubbi. È una canzone che mi rappresenta molto, tra l’altro molto autoterapeutica. Una volta scritta e terminata sono stato meglio. È stato un modo per me di convogliare alcuni pensieri, alcune riflessioni, e tentare di reagire a quel clima così buio. È sicuramente una creatura che amo molto e che è tornata tristemente di attualità. L’Ambrogino le sta dando una mano, ma, lo dico in totale sincerità, credo di averlo meritato e che non sia stato un regalo di nessuno».

Sembrano proprio felici, Concato che di questi tempi si coccola la nipotina Nina ("dolce amore") e l’umarell ("semper lì"). Anche perché la canzone è di quelle col valore aggiunto. Quelle ‘social’: «Sì, è la parte più sociale della mia produzione. Ogni tanto mi capita, per fortuna, ma credo che la musica debba occuparsi anche di questo, e quando capita sono sempre molto felice. Forse la canzone non è allegrissima, ma d’altra parte la nostra esistenza in questo momento non è che sia proprio una festa».

© Regiopress, All rights reserved