fabio-concato-buongiorno-sono-ambrogino-mi-dica
8 dicembre 2019, Lugano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
18 ore

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
19 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
20 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
20 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
21 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
21 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
21 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
1 gior

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
1 gior

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
1 gior

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
1 gior

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
1 gior

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
1 gior

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
1 gior

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
1 gior

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
1 gior

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
2 gior

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
2 gior

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
2 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
2 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
2 gior

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
2 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
L'intervista
18.11.2020 - 14:56
Aggiornamento : 17:55

Fabio Concato: 'Buongiorno, sono Ambrogino, mi dica...'

È quello di sempre, che getta acqua sul fuoco anche se la sua Milano, per 'L'Umarell', gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese.

«Pronto? Buongiorno, sono Ambrogino. Mi dica». E ancora: «Non ce la faccio più: e prima il Montale, e poi l’Ambrogio...». E adesso cosa arriverà? «Ma non lo so. Io mi sono proposto come sindaco. Vediamo…». È il Fabio Concato di sempre, quello che getta acqua sul fuoco anche se Milano gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese. A qualche mese dal Premio speciale Montale fuori di casa, il suo ‘Umarell’, canzone nata durante il lockdown già premiata in luglio a nome del grande poeta, è arrivato l’Ambrogino d’Oro, attribuito dall’amministrazione meneghina al Concato più social. Nel senso di sociale, il Concato di ‘Un puntino’, di ‘051’, ‘Bella Italia’, ‘Oltre il giardino’, ‘Tutto qua’, quello empatico, critico e dolcemente spietato. Senza mai alzare la voce, ma a voce alta. Proprio come in ‘L’Umarell’, l’anziano dei cantieri che è tutti gli anziani al tempo della prima ondata pandemica, ma anche una statuetta a forma, appunto, di umarell che nell’isolamento del primo lockdown parla al musicista. E lo sprona a reagire, a creare. ‘L’umarell’ che tanto è piaciuto alla sua Milano, quella che in ‘Domenica bestiale’ dorme ancora, che sonnecchia e a guardarla ci si accorge che è bella. Bella come il suo premio.

'La sto vivendo molto peggio di prima'

«Sì, il premio è molto bello. Mi era già successo di trovarmi nella rosa dei papabili negli anni passati, in due o tre occasioni. Quest’anno sapevo che avrei potuto vincerlo. Forse il fatto che fosse cantata in dialetto probabilmente ha colpito ancora di più, anche se il cartone animato con la traduzione l’ha resa ancor più comprensibile. Ho avuto messaggi d’amore e di stima dalla Puglia, dalla povera Calabria. Questo premio ha rimesso in pista l’umarell, che mi fa piacere. Quello che non mi fa piacere è che sia ritornata la seconda ondata».

Dell’amarezza non solo per la sua Milano, ma di tutte le persone “andate via così, gratis”, il cantautore ci aveva parlato a maggio, regalandoci una versione inedita de ‘L’Umarell’ ascoltabile in ‘Generi di conforto’, il podcast de laRegione. Amarezza che è tornata tale e quale. Anzi no: «La sto vivendo molto peggio della prima. C’è un po’ di rabbia che monta tutti i giorni. Ci avevano ampiamente anticipato che sarebbe arrivata la seconda ondata e mi sembra invece che ci siamo svegliati come al solito fuori tempo massimo. Adesso siamo addirittura a caccia di bombole d’ossigeno e caschi per i pazienti. È qualcosa che mi fa un po’ disperare. Penso che non siamo protetti, che non siamo rassicurati da niente e da nessuno».

Non se la sta passando bene nemmeno l’umarell: «È un po’ sul depresso anche lui. Non che abbiamo smesso, né lui né io, di sperare che qualcosa possa cambiare, ma farci sorprendere di nuovo così impreparati, pur sapendo esattamente di cosa si tratta. Io e lui facciamo fatica a capire tante cose. Tipo queste colorazioni diverse tra regioni…».

'Professionisti sacrificabili'

Ma ci sono anche le colorazioni diverse tra lavoratori. C’è il lockdown del mondo dello spettacolo italiano, mentre altri lavorano, che non è poi così diverso da quello ticinese («Cinque posti in sala? Bello. Chissà il biglietto quanto sarebbe costato…»): «Questo secondo lockdown fa un po’ male», dice Fabio. «Sì, Franceschini (Ministro della Cultura e del Turismo del Conte II) ha cercato di recuperare, però quando ho sentito parlare di “professionisti sacrificabili” e dentro c’erano i musicisti, gli attori, i lucisti, i fonici, stiamo parlando di centinaia di persone, mi sono detto “E allora no!”. Anche perché se c’è una cosa veramente di ‘pronto soccorso’ è proprio l’arte in tutte le sue manifestazioni. Se togliamo anche quella, è come spararci nelle dita dei piedi. Che uno non possa andare al cinema a vedersi un film, a teatro a vedersi uno spettacolo di prosa o andare a un concerto in un periodo così buio… Credo che sarebbe il massimo del conforto…». Fabio, ma c’è la televisione: «Ma certo! Come dice un mio amico milanese (la voce è quella dell’Enzino, Jannacci, ndr) “C’è tutti i film qui ormai sulla televisione, e allora guardati i film sulla televisione, cosa rompi! C’è Netflix e, come si chiama lì, Amazòne…».

Prima del nuovo stop, la musica di Concato era tornata a farsi sentire dal vivo, in settembre. «Ti dirò. È andata bene. Quei duecento si sono divertiti, hanno cantato, hanno partecipato. Ma mi è sembrato tutto più triste. Il fatto di non poter scendere in platea, cosa che mi piace fare, soprattutto nei teatri. Trovo che il contatto fisico, e non solo nel momento di firmare i cd, sia una cosa importantissima per il pubblico e anche per noi che questo mestiere lo facciamo. Per carità, altro non si poteva fare e serve la massima attenzione. Di certo c’è che abbiamo lavorato in sicurezza, evidentemente, perché due mesi dopo non abbiamo avuto notizia di contagi. Ma anche tutta l’attenzione a ogni cosa, a chi ti si para davanti, a chi ti apre il camerino, a quello senza mascherina perché se l’è scordata. È un lavoro in più da fare, parte di una professione che in questo momento non è più così facile, divertente, naturale».

'Credo di averlo meritato'

Da Springsteen i fan si aspettano sempre la nuova ‘Born to run’, da Samuele Bersani la nuova ‘Giudizi universali’ e da Concato la nuova ‘Domenica bestiale’. Che non ce ne sarebbe bisogno, perché per tutti i grandi ce n’è abbastanza in carriera. Eppure ‘L’Umarell’ sembra avere in questo momento un potere identificativo non meno forte di quel sempreverde dell’82: «Credo che, musicalmente parlando, ‘L’Umarell’ non abbia la stessa forza, però sul fatto che sia identificativa non ci sono dubbi. È una canzone che mi rappresenta molto, tra l’altro molto autoterapeutica. Una volta scritta e terminata sono stato meglio. È stato un modo per me di convogliare alcuni pensieri, alcune riflessioni, e tentare di reagire a quel clima così buio. È sicuramente una creatura che amo molto e che è tornata tristemente di attualità. L’Ambrogino le sta dando una mano, ma, lo dico in totale sincerità, credo di averlo meritato e che non sia stato un regalo di nessuno».

Sembrano proprio felici, Concato che di questi tempi si coccola la nipotina Nina ("dolce amore") e l’umarell ("semper lì"). Anche perché la canzone è di quelle col valore aggiunto. Quelle ‘social’: «Sì, è la parte più sociale della mia produzione. Ogni tanto mi capita, per fortuna, ma credo che la musica debba occuparsi anche di questo, e quando capita sono sempre molto felice. Forse la canzone non è allegrissima, ma d’altra parte la nostra esistenza in questo momento non è che sia proprio una festa».

Leggi anche:

A Fabio Concato e al suo 'Umarell' il Premio Montale

Fabio Concato: io, ‘L’Umarell’ e il futuro

'L'Umarell' e dintorni, è il Fabio Concato Day (ospite: lui)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambrogino fabio concato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved