ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
Illustrazione
6 ore

Cesare Lombroso e la fissa per il cranio

La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
16 ore

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
20 ore

Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online

Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
20 ore

Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)

Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
la recensione
21 ore

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.
Libri
21 ore

‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali

Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
1 gior

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
1 gior

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
2 gior

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
2 gior

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
2 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
2 gior

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
2 gior

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
2 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
2 gior

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
2 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
2 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
3 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
3 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
3 gior

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
3 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
3 gior

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
L'intervista
18.11.2020 - 14:56
Aggiornamento: 17:55

Fabio Concato: 'Buongiorno, sono Ambrogino, mi dica...'

È quello di sempre, che getta acqua sul fuoco anche se la sua Milano, per 'L'Umarell', gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese.

fabio-concato-buongiorno-sono-ambrogino-mi-dica
8 dicembre 2019, Lugano (Ti-Press)

«Pronto? Buongiorno, sono Ambrogino. Mi dica». E ancora: «Non ce la faccio più: e prima il Montale, e poi l’Ambrogio...». E adesso cosa arriverà? «Ma non lo so. Io mi sono proposto come sindaco. Vediamo…». È il Fabio Concato di sempre, quello che getta acqua sul fuoco anche se Milano gli ha appena tributato il riconoscimento più alto per un milanese. A qualche mese dal Premio speciale Montale fuori di casa, il suo ‘Umarell’, canzone nata durante il lockdown già premiata in luglio a nome del grande poeta, è arrivato l’Ambrogino d’Oro, attribuito dall’amministrazione meneghina al Concato più social. Nel senso di sociale, il Concato di ‘Un puntino’, di ‘051’, ‘Bella Italia’, ‘Oltre il giardino’, ‘Tutto qua’, quello empatico, critico e dolcemente spietato. Senza mai alzare la voce, ma a voce alta. Proprio come in ‘L’Umarell’, l’anziano dei cantieri che è tutti gli anziani al tempo della prima ondata pandemica, ma anche una statuetta a forma, appunto, di umarell che nell’isolamento del primo lockdown parla al musicista. E lo sprona a reagire, a creare. ‘L’umarell’ che tanto è piaciuto alla sua Milano, quella che in ‘Domenica bestiale’ dorme ancora, che sonnecchia e a guardarla ci si accorge che è bella. Bella come il suo premio.

'La sto vivendo molto peggio di prima'

«Sì, il premio è molto bello. Mi era già successo di trovarmi nella rosa dei papabili negli anni passati, in due o tre occasioni. Quest’anno sapevo che avrei potuto vincerlo. Forse il fatto che fosse cantata in dialetto probabilmente ha colpito ancora di più, anche se il cartone animato con la traduzione l’ha resa ancor più comprensibile. Ho avuto messaggi d’amore e di stima dalla Puglia, dalla povera Calabria. Questo premio ha rimesso in pista l’umarell, che mi fa piacere. Quello che non mi fa piacere è che sia ritornata la seconda ondata».

Dell’amarezza non solo per la sua Milano, ma di tutte le persone “andate via così, gratis”, il cantautore ci aveva parlato a maggio, regalandoci una versione inedita de ‘L’Umarell’ ascoltabile in ‘Generi di conforto’, il podcast de laRegione. Amarezza che è tornata tale e quale. Anzi no: «La sto vivendo molto peggio della prima. C’è un po’ di rabbia che monta tutti i giorni. Ci avevano ampiamente anticipato che sarebbe arrivata la seconda ondata e mi sembra invece che ci siamo svegliati come al solito fuori tempo massimo. Adesso siamo addirittura a caccia di bombole d’ossigeno e caschi per i pazienti. È qualcosa che mi fa un po’ disperare. Penso che non siamo protetti, che non siamo rassicurati da niente e da nessuno».

Non se la sta passando bene nemmeno l’umarell: «È un po’ sul depresso anche lui. Non che abbiamo smesso, né lui né io, di sperare che qualcosa possa cambiare, ma farci sorprendere di nuovo così impreparati, pur sapendo esattamente di cosa si tratta. Io e lui facciamo fatica a capire tante cose. Tipo queste colorazioni diverse tra regioni…».

'Professionisti sacrificabili'

Ma ci sono anche le colorazioni diverse tra lavoratori. C’è il lockdown del mondo dello spettacolo italiano, mentre altri lavorano, che non è poi così diverso da quello ticinese («Cinque posti in sala? Bello. Chissà il biglietto quanto sarebbe costato…»): «Questo secondo lockdown fa un po’ male», dice Fabio. «Sì, Franceschini (Ministro della Cultura e del Turismo del Conte II) ha cercato di recuperare, però quando ho sentito parlare di “professionisti sacrificabili” e dentro c’erano i musicisti, gli attori, i lucisti, i fonici, stiamo parlando di centinaia di persone, mi sono detto “E allora no!”. Anche perché se c’è una cosa veramente di ‘pronto soccorso’ è proprio l’arte in tutte le sue manifestazioni. Se togliamo anche quella, è come spararci nelle dita dei piedi. Che uno non possa andare al cinema a vedersi un film, a teatro a vedersi uno spettacolo di prosa o andare a un concerto in un periodo così buio… Credo che sarebbe il massimo del conforto…». Fabio, ma c’è la televisione: «Ma certo! Come dice un mio amico milanese (la voce è quella dell’Enzino, Jannacci, ndr) “C’è tutti i film qui ormai sulla televisione, e allora guardati i film sulla televisione, cosa rompi! C’è Netflix e, come si chiama lì, Amazòne…».

Prima del nuovo stop, la musica di Concato era tornata a farsi sentire dal vivo, in settembre. «Ti dirò. È andata bene. Quei duecento si sono divertiti, hanno cantato, hanno partecipato. Ma mi è sembrato tutto più triste. Il fatto di non poter scendere in platea, cosa che mi piace fare, soprattutto nei teatri. Trovo che il contatto fisico, e non solo nel momento di firmare i cd, sia una cosa importantissima per il pubblico e anche per noi che questo mestiere lo facciamo. Per carità, altro non si poteva fare e serve la massima attenzione. Di certo c’è che abbiamo lavorato in sicurezza, evidentemente, perché due mesi dopo non abbiamo avuto notizia di contagi. Ma anche tutta l’attenzione a ogni cosa, a chi ti si para davanti, a chi ti apre il camerino, a quello senza mascherina perché se l’è scordata. È un lavoro in più da fare, parte di una professione che in questo momento non è più così facile, divertente, naturale».

'Credo di averlo meritato'

Da Springsteen i fan si aspettano sempre la nuova ‘Born to run’, da Samuele Bersani la nuova ‘Giudizi universali’ e da Concato la nuova ‘Domenica bestiale’. Che non ce ne sarebbe bisogno, perché per tutti i grandi ce n’è abbastanza in carriera. Eppure ‘L’Umarell’ sembra avere in questo momento un potere identificativo non meno forte di quel sempreverde dell’82: «Credo che, musicalmente parlando, ‘L’Umarell’ non abbia la stessa forza, però sul fatto che sia identificativa non ci sono dubbi. È una canzone che mi rappresenta molto, tra l’altro molto autoterapeutica. Una volta scritta e terminata sono stato meglio. È stato un modo per me di convogliare alcuni pensieri, alcune riflessioni, e tentare di reagire a quel clima così buio. È sicuramente una creatura che amo molto e che è tornata tristemente di attualità. L’Ambrogino le sta dando una mano, ma, lo dico in totale sincerità, credo di averlo meritato e che non sia stato un regalo di nessuno».

Sembrano proprio felici, Concato che di questi tempi si coccola la nipotina Nina ("dolce amore") e l’umarell ("semper lì"). Anche perché la canzone è di quelle col valore aggiunto. Quelle ‘social’: «Sì, è la parte più sociale della mia produzione. Ogni tanto mi capita, per fortuna, ma credo che la musica debba occuparsi anche di questo, e quando capita sono sempre molto felice. Forse la canzone non è allegrissima, ma d’altra parte la nostra esistenza in questo momento non è che sia proprio una festa».

Leggi anche:

A Fabio Concato e al suo 'Umarell' il Premio Montale

Fabio Concato: io, ‘L’Umarell’ e il futuro

'L'Umarell' e dintorni, è il Fabio Concato Day (ospite: lui)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved