a-fabio-concato-e-al-suo-umarell-il-premio-montale
'L'umarell, semper chi, el me guarda'
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
20 min

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
1 ora

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
1 ora

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
7 ore

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
14 ore

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
22 ore

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
1 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
1 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
1 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
1 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
1 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Spettacoli
2 gior

Netflix prepara il suo ingresso nelle trasmissioni ‘live’

Diversi i progetti nel cassetto del colosso dello streaming, che dovrebbe iniziare con un reality show con comici dal vivo
Scienze
2 gior

Appuntamento con l’eclissi. Ma sarà una levataccia per vederla

Domani in cielo ci sarà la ‘Superluna’ rossa: il fenomeno inizierà alle 5.29 e raggiungerà il suo apice alle 6.14
Video
Spettacoli
2 gior

Eurovision, Kalush: ‘Ci vediamo nel 2023, nell’Ucraina libera’

All’alba, dopo la vittoria, la conferenza stampa. Oleh, il leader: ‘Pronto a tornare a combattere’. Zelensky su Telegram: ‘L’anno prossimo a Mariupol’
Spettacoli
2 gior

L’Ucraina ha vinto l’Eurovision Song Contest 2022

Straripante il televoto per la Kalush Orchestra di ‘Stefania’. Gran Bretagna al secondo posto. Poi la Spagna
Video
Spettacoli
3 gior

Madonna dell’Eurovision pensaci tu (la scaletta della finale)

C’è Sanremo, ci sarà anche una santa protettrice dell’Eurosong. Che stasera ci faccia vincere Marius (attenzione: contiene video di Cristiano Malgioglio)
Società
3 gior

Carola Rackete è tornata, ed è a Chiasso

Il dopo-Salvini, l’attivismo ambientale al nord e il ‘no’ a Frontex al centro del dibattito prima di ChiassoLetteraria
Spettacoli
3 gior

Eurovision: al Museo della Rai, aspettando la finale

Dopo giorni e giorni di canzoni, pensieri divagatori e nostalgiche visioni da un luogo (interattivo) per audiofili e nostalgici del tubo catodico
Musica
26.07.2020 - 20:39
Aggiornamento : 21:58

A Fabio Concato e al suo 'Umarell' il Premio Montale

Dal nome del Premio Nobel, il riconoscimento al cantautore milanese 'per tutta la sua produzione musicale e per la canzone composta durante la quarantena'.

La premiazione avviene nella modalità che abbiamo imparato a conoscere da febbraio in avanti. Online, con lo schermo diviso in sei riquadri affiancati. Online come i Rolling Stones o i The Vad Vuc; online come l’Osi o i settecento bimbi del ‘Nessun dorma’. Online come gli anziani dalle case o dalle case anziani. Perché è anche “dei più deboli, custodi della storia e della tradizione di ogni famiglia” che si occupa la premiazione. Il virgolettato è di Adriana Beverini, presidente del premio; con lei ci sono Barbara Sussi, vicepresidente, il giurato Arnoldo Mosca Mondadori, e Massimo Temporelli di Superstuff, azienda creatrice di una statuina chiamata ‘L’Umarell’, ovvero la riproduzione dell’anziano che sta davanti ai cantieri e dà consigli agli operai, figura che ha ispirato una canzone.

C’è anche il premiato, naturalmente, collegato dallo studiolo dove la canzone in questione è nata. La motivazione: “Il Premio Speciale Montale Fuori di Casa per la Musica viene assegnato a Fabio Concato, storico cantautore milanese, per tutta la sua produzione musicale e specificatamente per la canzone ‘L’Umarell’ che ha composto, in parte in dialetto milanese, durante la quarantena causata dal Coronavirus. Concato, con l’Umarell, ha consegnato alla storia, non solo della musica, il ricordo di un dramma che l’Italia intera, e fra i primi Milano e i milanesi, hanno vissuto senza lasciarsi abbatttere, aspettando il momento per poter ricominciare la propria vita”.

Nato nel 1996, nel centenario della nascita di Eugenio Montale, il Premio Montale Fuori di Casa per la Musica è una delle sezioni che compongono il riconoscimento che prende il nome dal Premio Nobel per la letteratura 1975. Il ‘Fuori di casa’, in particolare, è tratto dal volume del 1969 così intitolato nel quale convergevano i reportage di viaggio scritti da Montale per il Corriere della Sera, frutto del lavoro di giornalista e critico letterario svolto tra il 1946 e il 1964 tra l’Europa, gli Stati Uniti e il Medio Oriente.

Il cantautore come genere di conforto

De ‘L’Umarell’, uno dei tanti ritratti della storia non solo italiana dipinti da Fabio Concato dai tempi di ‘Storie di sempre’ (1977, il primo album), avevamo parlato col cantautore su queste pagine nel maggio di quest’anno. Un mese dopo, Fabio stesso era venuto a trovarci nel podcast de laRegione, ‘Generi di conforto’, regalandoci, di quella canzone, una versione inedita. ”C’è stato un attimo in cui mi è sembrato che (la statuina, ndr) mi chiedesse la possibilità di fare qualcosa”, raccontava in quell’occasione. “Gli ho dato retta ed è uscita questa canzone. In milanese, perché sono partito dal titolo che suona molto milanese. E perché mi sono sentito molto più milanese del solito, molto più lombardo, visto che siamo stati colpiti da questo sberlone”.

Dentro il brano, in quel “Non ce l’hanno fatta tutte le persone, sono andate via in silenzio come te, senza un bacio, una carezza, una ragione, senza un ‘mi sun chi e ta vöri ben”, l’Umarell diventa una di quelle carezze che fanno riflettere: “Io ci provo. Ma non ci sono molti calcoli dietro la mia scrittura”, ci aveva detto. Che è il concetto ribadito dal cantautore davanti alla commissione del Premio Montale, citando Hesse (“Solo chi ha necessità di un tocco delicato, sa toccare con delicatezza”). Commissione rimasta nel dubbio sino all’ultimo se assegnare a Concato il premio per la sezione poesia, o quello per il senso civico. «Perché di quello abbiamo bisogno in questo mondo – dice Beverini – il senso che Montale definiva “dignità quotidiana”». E l’artista, nella diretta streaming, quasi si giustifica: “Non sapevo di avere scritto qualcosa che sarebbe diventato di conforto”.

Estensione di memoria

Chiediamo a Concato un commento sull'assegnazione del premio e la risposta è un messaggio che recita: "Siete sicuri?". Quando avrà realizzato, Fabio si ritroverà tra Gino Paoli, Peppe Barra, Piero Nissim che recupera i canti ebraici e della memoria, il violinista Alaa Arsheed fuggito dalla Siria col solo suo strumento e, in ambiti più letterari, vicino a firme come de Bortoli, Severgnini, Quirico, Gramellini, Mancuso, Mieli, Maraini. Anche perché il premio è per ‘L’Umarell’ ma anche “per tutta la sua produzione musicale”. Bello, dunque, sentir nominare dalla presidente del ‘Montale’ titoli come ‘Oltre il giardino’ (mai degnamente celebrato ritratto di chi perde il lavoro a cinquant’anni, correva l'anno 2007) e ‘Sant’Anna di Stazzema’ dall’ultimo lavoro d’inediti ‘Tutto qua’ (era il 2011), una manciata di righe sull’eccidio nazista dell’agosto 1944 che sono palesemente poesia (“Cammino ancora su quel sentiero, dall'alto guardo il mare. E un brivido s'arrampica alla schiena. M'inchino a ricordare”). Segno che forse, piano piano, ci si accorge che il giorno della memoria in musica non è solo ‘Auschwitz’ di Guccini.

Leggi anche:

Fabio Concato: io, ‘L’Umarell’ e il futuro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabio concato montale premio nobel quarantena umarell
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved