pietro-bianchi-dimitri-trasformava-tutto-in-poesia
Pietro Bianchi e Roberto Maggini (www.teatrodimitri.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
1 ora

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito.
Culture
4 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
13 ore

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
13 ore

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
18 ore

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
2 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
2 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
2 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
2 gior

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
2 gior

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
2 gior

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
2 gior

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
2 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
3 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
3 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
3 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
3 gior

Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo

Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
3 gior

Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi

Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Scienze
3 gior

Sensore biodegradabile sottopelle rileverà efficacia farmaci

Più sottile di un francobollo, biocompatibile e bioriassorbibile. Aprirà la strada a nuove procedure cliniche e diagnostiche
Musica
3 gior

Johnny Depp in Europa con gli Hollywood Vampires

Lo scorso marzo la band era stata costretta a cancellare le date già programmate a causa della pandemia da Covid-19
Musica
11.08.2020 - 20:27

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.

Doveva essere un’intervista per lanciare l’annuale Omaggio a Dimitri, atteso giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio. E invece è diventata una lezione di musica tenuta dal professor Pietro Bianchi, musicologo, musicista, produttore Rsi per oltre trent’anni ma anche cercatore d’oro, dove il metallo prezioso è la tradizione musicale ticinese recuperata negli anni e confluita nei libri, oltre che nei concerti. L’ultimo, che fa seguito a ‘Ticino punto e a capo’, s’intitola ‘Ticino punto e virgola’, segno che c’è altro da raccontare: «Mi sembra incredibile – spiega a laRegione Bianchi – in era digitale trovare elementi tramandati oralmente. Non ci avrei mai scommesso. Pensavo di aver concluso il mio lavoro e invece...». Il libro sarà presentato proprio giovedì, in occasione dell’omaggio a Dimitri in cui si ricompone un duo mai divisosi, quello con Roberto Maggini, che a Verscio diventa trio grazie a Duilio Galfetti. E se Dimitri non se ne fosse andato con eccessivo anticipo, magari oggi sarebbe un quartetto.

«Nei miei dieci anni trascorsi a Parigi per studiare musicologia – racconta Bianchi – Roberto già cantava con Dimitri. Era il 1972, li incontrai per la prima volta nel mio quartiere, al teatro Silvia Monfort», posto molto legato al mondo del circo dove i due alternavano serate di clown a serate di canto popolare. Una volta tornato in Svizzera, assunto dalla Rsi con la nascita di Rete Due, Maggini gli chiederà di prendere il posto di Dimitri, troppo preso con l’attività di clown per garantire presenza in musica. Con Bianchi ancora con un piede a Parigi e uno a Bellinzona, la collaborazione prende il via per continuare anche quando il musicista suonerà in altri contesti, dai Lyonesse a Nanni Svampa e in tutte le altre esperienze alternative al duo. «Quarant’anni d’attività senza mai uno screzio tra me e Roberto. Una cosa che nel mondo dell’arte è abbastanza inusuale».


Nell'atelier di Cadanza (Ti-Press)

'Ticino terra d'artisti'

Questioni cromatiche a parte, volendo trasporre il duo nel mondo circense, Bianchi si definisce il clown bianco: «Io vengo dal mondo colto della musica, mentre le origini popolari di Roberto sono state la sua università. È lui il vero rappresentante di questi canti». Il Duo ha negli anni Ottanta il suo momento magico. C’entra Marco Solari, oggi presidente del Locarno Film Festival, allora direttore dell’Ente Ticinese per il Turismo, strenuo sostenitore – nel progetto ‘Ticino terra d’artisti’ – di una necessità di cambiamento, perché il Cantone potesse una volta per tutte affrancarsi dal binonio zoccoletti-boccalino: «Marco era conscio di come i tempi fossero cambiati e ha creduto in noi come rappresentanti seri della cultura popolare, senza pon-pon alla camicia e altre ‘kitscherie’ varie, per intenderci. Grazie a lui abbiamo potuto suonare nei cinque continenti: un mese intero in America latina, tre settimane in Australia, nei paesi arabi, in ogni paese in cui il Ticino coltivava una politica di rilancio turistico. Quelle lunghe settimane food & beverage nei grandi alberghi della città accompagnati dai grandi chef, lo confesso, mi sono piaciute molto». Bianchi ha parole di stima anche per l’allora suo capo in Rsi Carlo Piccardi, «che mi lasciava fare queste cose, anche perché sapeva che per l’azienda era un ritorno d’immagine non indifferente». Sia nel ‘punto e a capo’ che nel ‘punto e virgola’ degli ultimi due libri, molte pagine contengono estratti da quei giorni di food & beverage: «Sono libri di canti e ricette. Ho chiesto ai grandi chef, raccolte anche con l’aiuto di mia moglie, che alle ricette si è quasi più appassionata di me».

Tutta questa musica recuperata e suonata ha sempre avuto un senso. In primis perché «su questo argomento è stato costruito il mio dottorato, la raccolta di circa seicento canti nero su bianco, registrati con materiale professionale proveniente dagli studi della radio, tutti catalogati, oggi potenziale oggetto di studio per le future generazioni»; e poi perché «all’inizio degli anni Ottanta in Ticino si percepiva l’urgenza di ascoltare la generazione nata alla fine dell’Ottocento, che allora esisteva ancora, e sapere cosa cantassero. In quanto tradizione orale, era urgente che qualcuno si rimboccasse le maniche e si mettesse a registrare e trascrivere. Anche se mi accorgo di trascrivere più ora che in passato, vuoi anche per il tempo che mi mette a disposizione il mio essere in pensione». La proposta del duo Maggini-Bianchi che ha girato il mondo è ‘Canti e danze popolari nel Ticino’. «Scelsi nel Ticino invece che del Ticino. Quel ‘del’ suonava un po’ supponente. Il ‘nel’ ci dava più libertà di introdurre nel repertorio cose lombarde o piemontesi. Nella cultura popolare ticinese c’è molto in comune con il resto del sud delle Alpi, sia nelle danze che nei canti. Quello che nel nostro cantone è particolarmente interessante è che qui può capitare di trovare versioni arcaiche. Se sai scavare bene, trovi cose vecchie anche di mille anni. Il titolo, da quanta gente ci ha sempre seguiti, ha funzionato».

Quella proposta, così come il rapporto con Maggini, non si è mai interrotta anche quando il lavoro di Bianchi sul canto popolare si è esteso a tutto il mondo. «Ma come interprete – specifica – mi sono sempre limitato a quello che conosco, e cioè la lingua del nostro popolo. È un principio generale. Non ho mai sentito europei cantare canzoni hawaiane, ed è bene che gli hawaiani cantino le loro canzoni e i ticinesi le proprie». E questo in nome dell’Antropologia di sinistra, scuola nata negli anni di studio diventata, per Bianchi, la regola: «Nell’Ottocento, i ricercatori erano figli di famiglie benestanti che si chinavano sulla poesia popolare quasi si trattasse di una stranezza. Mentre noi, a partire dal Sessantotto, con un idea più di sinistra, abbiamo preso a considerare il canto popolare come la voce delle classi meno agiate, dei contadini, degli operai. Con intento serio, non più con quell’aura di folklorismo quasi nostalgico, un quasi “era meglio prima”. Altroché! Questi canti sono spesso espressione di disagi sociali, non solo amorosi». È anche per questo che a Bianchi, quando suona in Svizzera tedesca, chiedono spesso come mai le nostre canzoni sono tristi: «Perché in realtà tutta la poesia popolare è tutt’altro che una festa. È una poesia di sofferenza, dalla quale ci si vuole sempre e comunque affrancare». 

'How musical is man?'

Concludiamo col suo ruolo di ricercatore: «Il mio compito è stato quello di trovare le antiche scintille di questa cultura, completarle con la rilettura di testi apparsi alla fine dell’Ottocento riguardanti la Lombardia e il Piemonte, testi non disponibili in Ticino, per capire di quale ballata, per esempio, si trattasse, per poi tornare dall’informatore e aggiornarlo sul proseguimento della mia ricerca. Quasi un collaborare tra il pescatore e il pesce, non sapendo mai bene chi fosse l’uno e chi fosse l’altro». Il tutto all’insegna del “Quanto musicale è l’uomo”, linea guida del suo maestro John Blacking, etnomusicologo e antropologo sociale britannico: «Diceva “How musical is man?”, e quale stupore crea ancora oggi l’eseguire queste cose, anche se ad alcuni possono apparire anacronistici!». E invece «capisci ancora quanta forza hanno, quanto possono stupire». Anche quando c’era Dimitri, che al duo con Maggini portava valore aggiunto: «Diceva sempre “Bisogna far ridere e far piangere il pubblico, bisogna essere capaci di rendere la tristezza ma anche la gaiezza, la felicità di un canto. Concetto bellissimo per uno come lui che trasformava in poesia tutto quel che toccava».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved