laRegione
Nuovo abbonamento
pietro-bianchi-dimitri-trasformava-tutto-in-poesia
Pietro Bianchi e Roberto Maggini (www.teatrodimitri.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
3 ore

Pandemia vs Disney: saltano 'Black Widow' e 'West Side Story'

Al momento sembrano essere stati invece risparmiati 'Soul' e 'The Empty Man'.
Musica
3 ore

'What's Going On' di Marvin Gaye più in alto dei Beatles

Guida la classifica dei 500 migliori album di ogni tempo pubblicata dal Rolling Stone davanti a 'Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band'
Libri
5 ore

'Il lavoro, la fabbrica, la città' di Agustoni a LaFilanda

Domenica 27 settembre alle 16 a Mendrisio, promossa dalla Fondazione Sergio Agustoni, la presentazione del volume edito da Casagrande
Cinema
5 ore

Eugène Green senza mascherina: San Sebastian lo espelle

Il Festival, che ha in concorso il suo ultimo film 'Atarrabi et Mikelats', gli ha sospeso l'accredito per il rifiuto plurimo a indossarla.
Arte
6 ore

Premio Artista Bally 2019: 'Coeurs sacrés' a Palazzo Reali

Il MASI ospita l'opera della vincitrice Gabriela Maria Müller insieme a una selezione dei suoi lavori. Dal 25 settembre a Lugano fino al primo novembre.
Spettacoli
6 ore

Teatro e musica nel Locarnese: al via l'autunno di OSA!

In scena la 19esima edizione di 'La donna crea' (diretta da Santuzza Oberholzer) e la 17esima rassegna internazionale 'Voci audaci' di Oskar Boldre.
Teatro
7 ore

'Si riparte, si rinasce': riapre il sipario del Paravento

A Locarno 'la creatività non è andata in letargo'. Il 1° ottobre il palco del teatro locarnese torna a popolarsi di artisti dopo sette lunghi mesi di stop.
Culture
8 ore

Locarno Festival: le possibili cause del divorzio da Lili Hinstin

Bocche cucite al Festival, ma dietro le quinte si parla di allergia al glamour da parte della direttrice artistica e del suo scarso contatto con la città.
Società
8 ore

La coperta giusta per un sonno migliore

Una ricerca del'Università di Stoccolma spiega come coprirsi per dormire bene
Società
9 ore

Da homo sapiens a homo sedens

La ricerca di un etnologo francese paragona gli open space alle carceri
Culture
13 ore

Lili Hinstin e il Locarno Film Festival si separano

La decisione è consensuale. Il comunicato parla di 'divergenze strategiche'. Il Festival esprime 'gratitudine' e discuterà presto la successione
Spettacoli
1 gior

La chanson française piange Juliette Gréco

L'icona transalpina si è spenta oggi all'età di 93 anni. Era nata il 7 febbraio 1927 a Montpellier
Musica
1 gior

Daria Zappa e Jane Berthe, Duo Zéphyr a Minusio

Un viaggio nel repertorio francese per violino e arpa al teatro dell'oratorio S. Bosco, sabato 26 settembre alle 19
Musica
1 gior

Renaud Capucon, Artista dell'Unesco per la pace

L'Unesco sta lavorando con altri Artisti per la Pace come Valery Gergiev, Kudsi Erguner e N. Scott Momaday per favorire il suo lavoro per la cultura nel mondo.
Musica
1 gior

Cifre da capogiro per Georges Brassens all'asta

Ventidue manoscritti originali del gigante della canzone francese battuti da Arturial a cinque volte la cifra stimata
Musica
1 gior

Sophia Tomelleri- Roberto Pianca Quartet al LongLake Festival

Sabato 26 settembre in Piazza Manzoni a Lugano, insieme al chitarrista, la giovanissima sassofonista vincitrice del prestigioso Premio Massimo Urbani 2020.
Culture
1 gior

Chiasso: a proposito di confine, un convegno

'Il confine italo-svizzero in epoca globale. Spunti per una riflessione sul futuro delle aree di confine', venerdì 25 settembre dalle 15.30 alle 18 allo Spazio Officina.
Scienze
1 gior

Iss costretta a una manovra per evitare i rifiuti spaziali

Il rottame di un razzo giapponese del 2018, andato in pezzi l'anno scorso, sfiora la Stazione Spaziale Internazionale
Musica
1 gior

Vent'anni di The Vad Vuc due volte al Sociale

Ancora pochi biglietti per venerdì 25 e sabato 26 settembre, live che riassume 'un pezzo di strada vadvucchiana'. E ci saranno davvero tutti...
Spettacoli
1 gior

Jazz in Bess: tira aria di jam session

Sabato 26 settembre dalle 21.15, l'appuntamento fisso per professionisti e appassionati. Formazione di base è il Luca Marini Trio
Musica
1 gior

'Versi in jazz', la musica incontra la poesia slam

Il quartetto jazz dei Note Noire condivide il palco di Piazza Riforma con Alessandro Burbank e Gianmarco Tricarico. Accadrà il 30 settembre a Lugano.
Culture
1 gior

Tre volte belcanto: Festival della lirica alla Bibliomedia

L'11, 18 e 24 ottobre a Biasca, tre concerti con la partecipazione di alcuni finalisti del concorso internazionale 'Maria Amadini' di Bellinzona
Arte
2 gior

Falsi Modigliani, processo rinviato a gennaio

Iniziato, e subito rinviato, il processo per i 20 dipinti sequestrati mentre era in corso una mostra, curata da Rudy Chiappini, a Palazzo Ducale a Genova
Arte
2 gior

Immersi nella Vienna di Gustav Klimt

Apre al Palacinema di Locarno Klimt Experience, mostra multimediale e immersiva dedicata all'artista viennese. Ma con qualche limite
Musica
11.08.2020 - 20:270

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.

Doveva essere un’intervista per lanciare l’annuale Omaggio a Dimitri, atteso giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio. E invece è diventata una lezione di musica tenuta dal professor Pietro Bianchi, musicologo, musicista, produttore Rsi per oltre trent’anni ma anche cercatore d’oro, dove il metallo prezioso è la tradizione musicale ticinese recuperata negli anni e confluita nei libri, oltre che nei concerti. L’ultimo, che fa seguito a ‘Ticino punto e a capo’, s’intitola ‘Ticino punto e virgola’, segno che c’è altro da raccontare: «Mi sembra incredibile – spiega a laRegione Bianchi – in era digitale trovare elementi tramandati oralmente. Non ci avrei mai scommesso. Pensavo di aver concluso il mio lavoro e invece...». Il libro sarà presentato proprio giovedì, in occasione dell’omaggio a Dimitri in cui si ricompone un duo mai divisosi, quello con Roberto Maggini, che a Verscio diventa trio grazie a Duilio Galfetti. E se Dimitri non se ne fosse andato con eccessivo anticipo, magari oggi sarebbe un quartetto.

«Nei miei dieci anni trascorsi a Parigi per studiare musicologia – racconta Bianchi – Roberto già cantava con Dimitri. Era il 1972, li incontrai per la prima volta nel mio quartiere, al teatro Silvia Monfort», posto molto legato al mondo del circo dove i due alternavano serate di clown a serate di canto popolare. Una volta tornato in Svizzera, assunto dalla Rsi con la nascita di Rete Due, Maggini gli chiederà di prendere il posto di Dimitri, troppo preso con l’attività di clown per garantire presenza in musica. Con Bianchi ancora con un piede a Parigi e uno a Bellinzona, la collaborazione prende il via per continuare anche quando il musicista suonerà in altri contesti, dai Lyonesse a Nanni Svampa e in tutte le altre esperienze alternative al duo. «Quarant’anni d’attività senza mai uno screzio tra me e Roberto. Una cosa che nel mondo dell’arte è abbastanza inusuale».


Nell'atelier di Cadanza (Ti-Press)

'Ticino terra d'artisti'

Questioni cromatiche a parte, volendo trasporre il duo nel mondo circense, Bianchi si definisce il clown bianco: «Io vengo dal mondo colto della musica, mentre le origini popolari di Roberto sono state la sua università. È lui il vero rappresentante di questi canti». Il Duo ha negli anni Ottanta il suo momento magico. C’entra Marco Solari, oggi presidente del Locarno Film Festival, allora direttore dell’Ente Ticinese per il Turismo, strenuo sostenitore – nel progetto ‘Ticino terra d’artisti’ – di una necessità di cambiamento, perché il Cantone potesse una volta per tutte affrancarsi dal binonio zoccoletti-boccalino: «Marco era conscio di come i tempi fossero cambiati e ha creduto in noi come rappresentanti seri della cultura popolare, senza pon-pon alla camicia e altre ‘kitscherie’ varie, per intenderci. Grazie a lui abbiamo potuto suonare nei cinque continenti: un mese intero in America latina, tre settimane in Australia, nei paesi arabi, in ogni paese in cui il Ticino coltivava una politica di rilancio turistico. Quelle lunghe settimane food & beverage nei grandi alberghi della città accompagnati dai grandi chef, lo confesso, mi sono piaciute molto». Bianchi ha parole di stima anche per l’allora suo capo in Rsi Carlo Piccardi, «che mi lasciava fare queste cose, anche perché sapeva che per l’azienda era un ritorno d’immagine non indifferente». Sia nel ‘punto e a capo’ che nel ‘punto e virgola’ degli ultimi due libri, molte pagine contengono estratti da quei giorni di food & beverage: «Sono libri di canti e ricette. Ho chiesto ai grandi chef, raccolte anche con l’aiuto di mia moglie, che alle ricette si è quasi più appassionata di me».

Tutta questa musica recuperata e suonata ha sempre avuto un senso. In primis perché «su questo argomento è stato costruito il mio dottorato, la raccolta di circa seicento canti nero su bianco, registrati con materiale professionale proveniente dagli studi della radio, tutti catalogati, oggi potenziale oggetto di studio per le future generazioni»; e poi perché «all’inizio degli anni Ottanta in Ticino si percepiva l’urgenza di ascoltare la generazione nata alla fine dell’Ottocento, che allora esisteva ancora, e sapere cosa cantassero. In quanto tradizione orale, era urgente che qualcuno si rimboccasse le maniche e si mettesse a registrare e trascrivere. Anche se mi accorgo di trascrivere più ora che in passato, vuoi anche per il tempo che mi mette a disposizione il mio essere in pensione». La proposta del duo Maggini-Bianchi che ha girato il mondo è ‘Canti e danze popolari nel Ticino’. «Scelsi nel Ticino invece che del Ticino. Quel ‘del’ suonava un po’ supponente. Il ‘nel’ ci dava più libertà di introdurre nel repertorio cose lombarde o piemontesi. Nella cultura popolare ticinese c’è molto in comune con il resto del sud delle Alpi, sia nelle danze che nei canti. Quello che nel nostro cantone è particolarmente interessante è che qui può capitare di trovare versioni arcaiche. Se sai scavare bene, trovi cose vecchie anche di mille anni. Il titolo, da quanta gente ci ha sempre seguiti, ha funzionato».

Quella proposta, così come il rapporto con Maggini, non si è mai interrotta anche quando il lavoro di Bianchi sul canto popolare si è esteso a tutto il mondo. «Ma come interprete – specifica – mi sono sempre limitato a quello che conosco, e cioè la lingua del nostro popolo. È un principio generale. Non ho mai sentito europei cantare canzoni hawaiane, ed è bene che gli hawaiani cantino le loro canzoni e i ticinesi le proprie». E questo in nome dell’Antropologia di sinistra, scuola nata negli anni di studio diventata, per Bianchi, la regola: «Nell’Ottocento, i ricercatori erano figli di famiglie benestanti che si chinavano sulla poesia popolare quasi si trattasse di una stranezza. Mentre noi, a partire dal Sessantotto, con un idea più di sinistra, abbiamo preso a considerare il canto popolare come la voce delle classi meno agiate, dei contadini, degli operai. Con intento serio, non più con quell’aura di folklorismo quasi nostalgico, un quasi “era meglio prima”. Altroché! Questi canti sono spesso espressione di disagi sociali, non solo amorosi». È anche per questo che a Bianchi, quando suona in Svizzera tedesca, chiedono spesso come mai le nostre canzoni sono tristi: «Perché in realtà tutta la poesia popolare è tutt’altro che una festa. È una poesia di sofferenza, dalla quale ci si vuole sempre e comunque affrancare». 

'How musical is man?'

Concludiamo col suo ruolo di ricercatore: «Il mio compito è stato quello di trovare le antiche scintille di questa cultura, completarle con la rilettura di testi apparsi alla fine dell’Ottocento riguardanti la Lombardia e il Piemonte, testi non disponibili in Ticino, per capire di quale ballata, per esempio, si trattasse, per poi tornare dall’informatore e aggiornarlo sul proseguimento della mia ricerca. Quasi un collaborare tra il pescatore e il pesce, non sapendo mai bene chi fosse l’uno e chi fosse l’altro». Il tutto all’insegna del “Quanto musicale è l’uomo”, linea guida del suo maestro John Blacking, etnomusicologo e antropologo sociale britannico: «Diceva “How musical is man?”, e quale stupore crea ancora oggi l’eseguire queste cose, anche se ad alcuni possono apparire anacronistici!». E invece «capisci ancora quanta forza hanno, quanto possono stupire». Anche quando c’era Dimitri, che al duo con Maggini portava valore aggiunto: «Diceva sempre “Bisogna far ridere e far piangere il pubblico, bisogna essere capaci di rendere la tristezza ma anche la gaiezza, la felicità di un canto. Concetto bellissimo per uno come lui che trasformava in poesia tutto quel che toccava».

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved