la-necessita-dell-incontro-intime-simmetrie-a-monte-carasso
A sinistra, Raissa Avilés; a destra, Ledwina Costantini
ULTIME NOTIZIE Culture
Letteratura
12 ore

È morto Marcio Veloz Maggiolo, scrittore dominicano

Considerato il più importante nella storia letteraria del suo Paese, è morto ieri in un ospedale di Santo Domingo dopo essere risultato positivo al coronavirus
Spettacoli
14 ore

Due grafic designer svizzere 'aprono' i Simpson

Katrin von Niederhäusern e Janine Wiget hanno disegnato la sequenza di apertura della celebre serie tv, nota come 'gag del divano', in onda stasera negli Usa
Scienze
16 ore

Rinviato il volo di Ingenuity, mini-elicottero Nasa su Marte

Atteso per oggi, il primo viaggio di un velivolo motorizzato su di un altro pianeta è sospeso fino al 14 aprile per problemi tecnici
Libri
22 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
23 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
1 gior

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
1 gior

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
2 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
2 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
2 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
2 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
2 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Culture
23.07.2020 - 08:150

La necessità dell'incontro: 'Intime Simmetrie' a Monte Carasso

Performance site-specific in occasione dell'inaugurazione della Residenza Pozzo d’Orenno, raccontata dalla co-regista e co-ideatrice Raissa Avilés

Uno spettacolo sulla natura duplice dell’essere umano, sulla necessità dell’incontro con l’altro, il diverso, l’opposto. «Il rapporto con l’altro che vive fuori e dentro di noi, e il rapporto con la natura, il rapporto con noi che ne facciamo parte e allo stesso tempo ne siamo privati», spiega Raissa Avilés, che insieme a Ledwina Costantini ha ideato e dirige ‘Intime Simmetrie’, spettacolo in scena il 24, 25 e 26 luglio alle 18.45 negli spazi interni ed esterni della Residenza Pozzo d’Orenno (Monte Carasso, via Puzz d’Uren 9), in occasione della sua inaugurazione ufficiale. Quella di Avilés e Costantini è performance site-specific sviluppata a partire dalla proposta architettonica di Martino Avilés dell’omonimo studio. «Con mio fratello – continua Raissa – abbiamo sempre avuto un piacevole scambio a livello teatrale. È stato lui ad aiutarmi a realizzare la scenografia del mio progetto di master all’Accademia Dimitri, una tesi di site-specific, di teatro costruito a partire dallo spazio. Ho sempre avuto questo interesse per le proposte sceniche legate a progetti architettonici».

Ambiguità

Un corpo unico, ma diviso in due. O anche «due corpi per un volume unico». È la tipologia di edificio progettato dall’architetto, «due strutture in relazione tra di esse, dall’una vedi l’altra, ma non per forza, trovandosi nell’una, si capisce di essere parte dell’altra. Quest’ambiguità ha dato lo spunto per il tema dello spettacolo, quando ancora il progetto era su carta. Con Ledwina abbiamo sviluppato il concetto a partire da qui». Uno spettacolo previsto per maggio, rallentato – così come il cantiere della Residenza – dalla sopravvenuta emergenza sanitaria: «La situazione di separazione, di lontananza, anche di perdita di contatto con la natura, non tanto in Svizzera ma sicuramente in Spagna, terra nella quale risiedo buona parte dell’anno, hanno contribuito alla riflessione».  

‘Intime Simmetrie’ è spettacolo itinerante nel quale il pubblico viene diviso in cinque gruppi per gran parte dello spettacolo, prima di un breve epilogo all’esterno dell’edificio. «Cinque postazioni – continua Avilés – con il tema affrontato da cinque punti di vista diversi e in modalità diverse». Un’installazione con un figurante e una traccia sonora, un video realizzato da Raissa insieme a Massimiliano Rossetto, videoartista di Riva San Vitale che vive a Berlino e adattato allo spazio nel quale viene proiettato; e poi una scena teatrale e due scene di danza. Sette, complessivamente, i protagonisti: Costantini per le scenografie, Avilés per le tracce sonore e il suddetto video, Nunzia Tirelli, danzatrice, Arno Ferrera e Lena Bagutti, danzatori, Stefano Chiassai, il figurante, e Sirio Bizzarri Avilés (un bimbo, nipote di Raissa). Lo spettacolo include una partecipazione vocale di Margherita Saltamacchia.

Trasformare la difficoltà in scelta

Nell’accogliere con entusiamo quello che è un ritorno alla direzione di una performance per chi come lei viene dal teatro, e dopo un paio di concerti che nelle scorse settimane sono significati la vera e propria rinascita artistica, ‘Intime Simmetrie’ è un ricominciare ma anche «un’occasione di riflessione sulla condizione che abbiamo vissuto, condivisa con Ledwina. A livello emotivo mi sono resa conto di quanto mi sia mancato il palco il 6 giugno scorso, quando il Teatro Sociale ha riaperto con ‘Il fondo del sacco’. Ho pianto per l’emozione». Quanto all’esperienza del lockdown, «ogni situazione di difficoltà porta con sé ostacoli. Io non posso fare a meno di includere la difficoltà e trasformarla in scelta. Il limite ti consegna sempre un’occasione di libertà. ‘Intime Simmetrie’, alla fine, nasce proprio da lì». L’aver dovuto correggere il disegno originario dello spettacolo, così come le accortezze di cui tener conto (mascherine per tutto il pubblico), non spaventano: «Un disegno di produzione complesso, che abbiamo dovuto rivedere. Ma le incognite, anche quelle tecniche e pratiche, sono di stimolo». Un riadattare che non modifica l’entusiasmo di tornare in scena: «Sono felice di incontrare nuovamente il pubblico e di condividere questo lavoro con i colleghi. Siamo un bel gruppo». 

‘Intime Simmetrie’, spettacolo gratuito, è sold-out per la data di venerdì. Non per quelle di sabato e domenica. È indispensabile, così come la mascherina, la riservazione. Informazioni: info@produzionimatrioska.ch / 091 605 10 42 / 076 679 54 06 (posteggi disponibili presso il Centro Sportivo El Busc'del Ram 1, Monte Carasso. Fermata bus: Monte Carasso, Urenn/Funivia).

© Regiopress, All rights reserved