laRegione
la-necessita-dell-incontro-intime-simmetrie-a-monte-carasso
A sinistra, Raissa Avilés; a destra, Ledwina Costantini
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
19 min

Ora solare: il benessere sessuale è a rischio

Sfasamento tra ritmo sonno-veglia e ‘orologio’ biologico, come il jet lag dei ritmi circadiani, che può favorire la disfunzione erettile
Arte
16 ore

Vincenzo Vela: 200 anni dopo è sempre 'Poesia del reale'

Con Gianna A. Mina in 'visita guidata' alla monografica che si apre domenica 25 ottobre, aperta sino al 5 dicembre 2021.
Spettacoli
20 ore

Il mio nome è Greta Thunberg

In sala 'I am Greta', ritratto di un'eroina suo malgrado, film che non cambierà il mondo ma fondamentale (per tutto il resto c'è 'Unposted' di Chiara Ferragni).
Figli delle stelle
23 ore

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine
Spettacoli
1 gior

Teatro Sociale, annullato il concerto di Nadia Gabi

Il rimborso dei biglietti possibile entro il 31 ottobre al punto di acquisto. Il concerto sarà riprogrammato in una data successiva
Società
1 gior

Coronavirus, accordo Oms-Wikipedia per informazioni affidabili

Un passo nella lotta alla disinformazione: un accesso equo a informazioni sanitarie affidabili è fondamentale per mantenere le persone al sicuro
Culture
1 gior

Microcosmi. Di ruderi, natura e ponti

Sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone: dagli ‘scarti di territorio’ alla natura riletta dall’artista Al Fadhil
Spettacoli
1 gior

Frankenstein, una storia d’amore al Sociale

Applausi per il nuovo spettacolo di Margherita Saltamacchia dedicato a Mary Shelley e alla sua creatura
Società
1 gior

A Lugo di Romagna c'è Casa Rossini

Da domani, cinque sale nella dimora dei nonni del compositore, nella cittadina in cui l'autore del 'Barbiere di Siviglia' visse da adolescente
Società
1 gior

I millennial hanno perso fiducia nella democrazia

Più disillusi della generazione X (1965-1981), dei baby boomer (1944-1964) e dei figli delle guerre. C'entra la disuguaglianza di reddito.
Spettacoli
1 gior

Addio a Marge Champion, 'muoveva' Biancaneve e Fata Turchina

Dietro ai movimenti dei classici Disney c'era lei, attrice, ballerina e coreografa scomparsa all'età di 101 anni a Los Angeles
Società
1 gior

Tonnellate di rifiuti al giorno: allarme Mediterraneo

Perdita di biodiversità, degrado ambientale, impatto dei cambiamenti climatici, pressione sulle risorse naturali. Il rischio danni irreversibili è altissimo.
Culture
1 gior

Giornata mondiale dell'audiovisivo: 'Ti ricordi?'

Visite, incontri, proiezioni. Si festeggia martedì 27 ottobre. A Lugano, città di Vincenzo Vicari (le sue foto sono in mostra in questi giorni), un convegno.
Culture
23.07.2020 - 08:150

La necessità dell'incontro: 'Intime Simmetrie' a Monte Carasso

Performance site-specific in occasione dell'inaugurazione della Residenza Pozzo d’Orenno, raccontata dalla co-regista e co-ideatrice Raissa Avilés

Uno spettacolo sulla natura duplice dell’essere umano, sulla necessità dell’incontro con l’altro, il diverso, l’opposto. «Il rapporto con l’altro che vive fuori e dentro di noi, e il rapporto con la natura, il rapporto con noi che ne facciamo parte e allo stesso tempo ne siamo privati», spiega Raissa Avilés, che insieme a Ledwina Costantini ha ideato e dirige ‘Intime Simmetrie’, spettacolo in scena il 24, 25 e 26 luglio alle 18.45 negli spazi interni ed esterni della Residenza Pozzo d’Orenno (Monte Carasso, via Puzz d’Uren 9), in occasione della sua inaugurazione ufficiale. Quella di Avilés e Costantini è performance site-specific sviluppata a partire dalla proposta architettonica di Martino Avilés dell’omonimo studio. «Con mio fratello – continua Raissa – abbiamo sempre avuto un piacevole scambio a livello teatrale. È stato lui ad aiutarmi a realizzare la scenografia del mio progetto di master all’Accademia Dimitri, una tesi di site-specific, di teatro costruito a partire dallo spazio. Ho sempre avuto questo interesse per le proposte sceniche legate a progetti architettonici».

Ambiguità

Un corpo unico, ma diviso in due. O anche «due corpi per un volume unico». È la tipologia di edificio progettato dall’architetto, «due strutture in relazione tra di esse, dall’una vedi l’altra, ma non per forza, trovandosi nell’una, si capisce di essere parte dell’altra. Quest’ambiguità ha dato lo spunto per il tema dello spettacolo, quando ancora il progetto era su carta. Con Ledwina abbiamo sviluppato il concetto a partire da qui». Uno spettacolo previsto per maggio, rallentato – così come il cantiere della Residenza – dalla sopravvenuta emergenza sanitaria: «La situazione di separazione, di lontananza, anche di perdita di contatto con la natura, non tanto in Svizzera ma sicuramente in Spagna, terra nella quale risiedo buona parte dell’anno, hanno contribuito alla riflessione».  

‘Intime Simmetrie’ è spettacolo itinerante nel quale il pubblico viene diviso in cinque gruppi per gran parte dello spettacolo, prima di un breve epilogo all’esterno dell’edificio. «Cinque postazioni – continua Avilés – con il tema affrontato da cinque punti di vista diversi e in modalità diverse». Un’installazione con un figurante e una traccia sonora, un video realizzato da Raissa insieme a Massimiliano Rossetto, videoartista di Riva San Vitale che vive a Berlino e adattato allo spazio nel quale viene proiettato; e poi una scena teatrale e due scene di danza. Sette, complessivamente, i protagonisti: Costantini per le scenografie, Avilés per le tracce sonore e il suddetto video, Nunzia Tirelli, danzatrice, Arno Ferrera e Lena Bagutti, danzatori, Stefano Chiassai, il figurante, e Sirio Bizzarri Avilés (un bimbo, nipote di Raissa). Lo spettacolo include una partecipazione vocale di Margherita Saltamacchia.

Trasformare la difficoltà in scelta

Nell’accogliere con entusiamo quello che è un ritorno alla direzione di una performance per chi come lei viene dal teatro, e dopo un paio di concerti che nelle scorse settimane sono significati la vera e propria rinascita artistica, ‘Intime Simmetrie’ è un ricominciare ma anche «un’occasione di riflessione sulla condizione che abbiamo vissuto, condivisa con Ledwina. A livello emotivo mi sono resa conto di quanto mi sia mancato il palco il 6 giugno scorso, quando il Teatro Sociale ha riaperto con ‘Il fondo del sacco’. Ho pianto per l’emozione». Quanto all’esperienza del lockdown, «ogni situazione di difficoltà porta con sé ostacoli. Io non posso fare a meno di includere la difficoltà e trasformarla in scelta. Il limite ti consegna sempre un’occasione di libertà. ‘Intime Simmetrie’, alla fine, nasce proprio da lì». L’aver dovuto correggere il disegno originario dello spettacolo, così come le accortezze di cui tener conto (mascherine per tutto il pubblico), non spaventano: «Un disegno di produzione complesso, che abbiamo dovuto rivedere. Ma le incognite, anche quelle tecniche e pratiche, sono di stimolo». Un riadattare che non modifica l’entusiasmo di tornare in scena: «Sono felice di incontrare nuovamente il pubblico e di condividere questo lavoro con i colleghi. Siamo un bel gruppo». 

‘Intime Simmetrie’, spettacolo gratuito, è sold-out per la data di venerdì. Non per quelle di sabato e domenica. È indispensabile, così come la mascherina, la riservazione. Informazioni: info@produzionimatrioska.ch / 091 605 10 42 / 076 679 54 06 (posteggi disponibili presso il Centro Sportivo El Busc'del Ram 1, Monte Carasso. Fermata bus: Monte Carasso, Urenn/Funivia).

© Regiopress, All rights reserved